[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

‘in privato’ gli accordi ci sono

Rifiuti, va in scena il teatrino di Raggi e Zingaretti

A Roma tutte le decisioni che contano, almeno nel settore rifiuti, vengono prese nelle stanze del potere, in Campidoglio e Regione Lazio, senza passare per i luoghi istituzionali deputati ad affrontare pubblicamente discussioni che riguardano la salute dei cittadini e il rispetto dell’ambiente, ossia in aula Giulio Cesare e in Consiglio regionale. Prova ne è il commissariamento della gestione del ciclo dei rifiuti romani, proposto dalla Giunta regionale Zingaretti con una ordinanza del 27 novembre, per evitare che la Capitale venga sommersa di spazzatura. Commissarimento proposto senza che sia stato ancora discusso in Consiglio il nuovo Piano rifiuti regionale, documento destinato a disciplinare l’intero settore. La Giunta Raggi, per tutta risposta, non ha messo ai voti la decisione di ricorrere al Tar del Lazio contro tale ordinanza nel corso del consiglio comunale del 6 dicembre dedicato proprio al rischio di commissarimento e l’11 dicembre ha annunciato a mezzo stampa una presunta opposizione giudiziaria.

I SITI SONO GIÀ DECISI ‘IN SEGRETO’

Tutto ciò sembra poco più che un teatrino messo in scena dalle Giunte Raggi e Zingaretti, ad uso e consumo delle rispettive ‘tifoserie politiche’. Difatti, dietro le quinte, il 3 dicembre scorso i siti destinati a ricevere i rifiuti di Roma e dei romani sono stati individuati e inseriti in un documento redatto e sottoscritto da tre fedelissime dirigenti del Campidoglio e della Pisana: Laura D’Aprile, dirigente dell’Area rifiuti di Roma; Flaminia Tosini, responsabile dell’Area Rifiuti regionale; e Paola Camuccio, responsabile dell’Area Rifiuti della Città Metropolitana. Senza che i cittadini siano stati adeguatamente informati o chiamati in causa. Ma le brutte notizie, per Roma e i romani, purtroppo non finiscono qui.

MALE IL PORTA A PORTA

Il Porta a porta, la modalità di raccolta domiciliare della spazzatura urbana - ma soprattutto l’unica vera alternativa al business mortale delle discariche e degli inceneritori - a Roma resta una chimera irragiungibile, mortificata dalla Giunta Raggi da 3 anni e mezzo a questa parte. Lo certifica l’Ispra, l’Istituto Superiore di Protezione e Ricerca Ambientale, costola del Ministero dell’Ambiente, secondo cui la raccolta differenziata nel Lazio è salita dal 35,9% del 2016 al 53,2% del 2018, con la sola eccezione negativa del Comune di Roma fermo al 42,9%. È quanto riporta l’ultimo report ministeriale pubblicato il 10 dicembre scorso e relativo ai dati aggiornati al 31 dicembre 2018.

COSTA STRONCA LA RAGGI

I dati del Ministero - guidato tra l’altro da un grande supporter della sindaca, il generale grillino  Sergio Costa -  parlano chiaro. Nel 2016, anno di arrivo della Raggi in Campidoglio, il Porta a porta toccava la percentuale del 42%. Oggi, dopo la ‘cura grillina’, è cresciuto solo dello 0,9%. Al contrario, dopo anni di decrescita, i rifiuti indifferenziati prodotti dalla città eterna hanno raggiunto la ragguardevole cifra di 1 milione e 728mila tonnellate annui, in costante e preoccupante aumento. Non è forse un caso che nel corso del Consiglio comunale di Roma del 6 dicembre, interamente dedicato all’emergenza rifiuti della Capitale, la sindaca e il nuovo Amministratore Unico di Ama, Stefano Zaghis, non hanno mai nemmeno nominato il Porta a porta. Differenziare, evidentemente, non rappresenta più una priorità per la maggioranza grillina alla guida dell’Urbe, nonostante rappresenti uno dei punti qualificanti degli obiettivi programmatici del M5S. Il primo a nominare il Porta a porta, in aula Giulio Cesare, è stato Giulio Pelonzi, capogruppo Pd: “La cosa più triste – ha attaccato Pelonzi - è sentire il sindaco di Roma inveire contro tutto e tutti, ma senza parlare mai di quelle che possono essere le azioni e gli obiettivi per far entrare la Capitale nell’economia circolare dei rifiuti. Le fa paura parlare, sindaca, di riciclo o nominare il Porta a porta?”

ZAGHIS VUOLE DISCARICA E INCENERITORE

Inoltre, il nuovo Piano industriale dell’Ama, ossia il documento che contiene gli obiettivi che la società conta di raggiungere nei prossimi 5 anni, non è stato annunciato da Zaghis in Commissione capitolina ‘Controllo e Trasparenza’, che lo aveva convocato proprio con questo scopo il 21 novembre. “Il nuovo Piano industriale di Ama – attacca Simona Ficcardi, consigliera comunale grillina, nonché vice presidente della Commissione Ambiente sul suo profilo social il 9 dicembre  – non è stato visionato  nemmeno dalla Commissione Ambiente”, che pure attendeva di conoscerlo. Ma rivelato da Zaghis su un articolo pubblicato dal Fatto Quotidiano il 9 dicembre, sul quale si preannuncia la necessità di una discarica di servizio per la Capitale che dovrebbe sorgere – il condizionale è d’obbligo, in località Tragliatella, a nord di Roma, a due passi dalla Casaccia, che ospita rifiuti radioattivi.

UN ALTRO INCENERITORE

Zaghis – sempre tramite stampa – ha annunciato anche la necessità di costruire un inceneritore da realizzare presumibilmente in zona Roma sud, in una ex area militare situata a Pomezia. Da far costruire a Manlio Cerroni, l’ex monopolista del settore rifiuti di Roma nonché proprietario della discarica di Malagrotta, la più grande e vecchia d’Europa. Discarica dentro cui si trova un inceneritore del Gruppo Cerroni nuovo di zecca avviato nel 2009, ma immediatamente posto sotto sequestro dai Carabinieri del Nucleo Ecologico di Roma, su mandato della Procura di Roma. Inceneritore che non è “mai stato in grado di funzionare (…) ed è a rischio esplosione”, cosi scriveva Stefano Vignaroli, dal 2013 deputato M5S e poi dal 2018 Presidente della Commissione parlamentare bicamerale sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, in una interrogazione del 12 maggio 2014. Da 2014, il parlamentare grillino ha smesso di occuparsi di tale vicenda.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
07/04 1586289300 Appello di Amici di Birillo al Comune: "Aiutateci ad aiutare gli animali"
07/04 1586280600 Commercianti indiani e i Ragazzi portodanzesi donano la spesa per le famiglie
07/04 1586279880 Tre nuovi casi di coronavirus ad Anzio, Nettuno resta ferma da due giorni
07/04 1586279700 Intervista all’Assessore Noce: “E’ venuto fuori il cuore grande dei nettunesi”
07/04 1586275140 Due mini appartamenti per il personale del Goretti che viene da fuori Latina
07/04 1586271540 Pantelleria e coronavirus: come mettere a repentaglio chi ha zero casi
07/04 1586267580 Oggi 33 nuovi casi di coronavirus. Al NOC due pazienti in terapia intensiva
07/04 1586266680 Coronavirus, visita della Ministra Bellanova al banco alimentare ad Aprilia
07/04 1586266260 Coronavirus, si registrano cinque nuovi positivi in provincia di Latina
07/04 1586263380 Il Comune approva il progetto definitivo per l'ampliamento di via Valle Caia
07/04 1586261100 Gel igienizzante e mascherine chirurgiche donate alla Polizia Locale di Albano
07/04 1586260200 454 controlli della Polizia Locale su persone e attività commerciali
07/04 1586259900 Infermieri di Latina: «Disposti a pagare i tamponi, ma assumeteci»
07/04 1586259600 Cisterna: chiuse tutte le attività commerciali a Pasqua e Pasquetta
07/04 1586259300 Entrano dentro casa e pretendono soldi per un rapporto sessuale: denunciati
07/04 1586258580 La Regione proroga il bando da 10 milioni di euro per i Comuni del litorale
07/04 1586252040 Spacciatore di Nettuno condannato a 2,8 anni e a pagare 14mila euro di multa
07/04 1586251260 150 controlli di auto e moto a Genzano: 5 automobilisti sanzionati
07/04 1586249640 Pomezia, abiti usati: Humana sospende il servizio. «Non riempite i contenitori»
07/04 1586249280 Epidemia: e se il virus viaggia sulle autostrade? L'ipotesi dei ricercatori
07/04 1586244480 L'Inps avvisa gli utenti: attenzione alla truffa dei falsi sms Inps
07/04 1586244300 Nessuna traccia di Salvatore, scomparso da Cisterna da un mese
07/04 1586243880 L'Asp di Ciampino attiva lo sportello virtuale all'utenza via Skype
07/04 1586243820 Aeroporto Ciampino, 175mila mascherine requisite: le avrà la Protezione civile
07/04 1586241060 In macchina con 1015 euro in contanti, a casa 6 grammi di cocaina: arrestato

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli