[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Aprilia, "colpito" Sergio Gangemi

Sequestro milionario al 45enne già in carcere per tentato omicidio e usura

È stato eseguito il sequestro preventivo dell’ingente patrimonio - costituito da imprese commerciali, beni immobili e disponibilità finanziarie - riconducibile a Sergio Gangemi, 45 anni di Reggio Calabria, operante principalmente nel settore dell’edilizia, immobiliare e del commercio di prodotti elettronici. Il provvedimento, emesso dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Roma ed eseguito dalla Guardia di Finanza in collaborazione con il Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di Roma.

I beni sottoposti a vincolo (53 immobili, tra appartamenti e terreni, un edificio industriale, cinque auto e una imbarcazione, conti correnti, quote societarie e l’intero patrimonio aziendale di 10 società) nelle province di Roma, Milano, Reggio Calabria e Latina, sono risultati, a vario titolo, nella disponibilità del 45enne, da anni residente ad Aprilia e gravato, a partire dagli anni ‘90, da numerosi precedenti penali e sentenze definitive di condanna per reati contro il patrimonio, di bancarotta fraudolenta ed evasione fiscale.

“Le attività investigative condotte dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Latina hanno consentito di accertare il rilevante spessore criminale del soggetto – si legge in una nota della Guardia di Finanza – identificandolo quale appartenente a una famiglia vicina a note cosche malavitose facenti parte dell'organizzazione criminale calabrese della 'ndrangheta, nonché la sua raffinata e pervicace capacità delinquenziale, testimoniata dalle attività di riciclaggio dei capitali illeciti dallo stesso poste in essere mediante la creazione di numerose società, anche all’estero, intestate a prestanomi”.

Gli approfondimenti patrimoniali, condotti con il continuo supporto operativo del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, hanno permesso, mediante l’interrogazione massiva delle banche dati in uso al Corpo, l’esame di copiosa documentazione bancaria e lo sviluppo di segnalazioni per operazioni sospette di elaborare schede globali molecola afferenti l’accumulazione illecita di un ingente patrimonio. Il 45enne, infatti, poteva disporre, direttamente o indirettamente, di un compendio di beni il cui valore è risultato decisamente sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati.

Le tesi investigative avrebbero trovato pieno riscontro nelle dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia “i quali confermavano che Sergio Gangemi, al fine di tenere sotto traccia i propri affari, si avvaleva di prestanomi incensurati apparentemente operanti nella legalità”.

Sergio Gangemi nel 2018 è stato tratto in arresto, insieme al fratello e ad altri due soggetti, in quanto ritenuto responsabile di tentato omicidio (commesso ai danni di due imprenditori romani con l’utilizzo di bombe a mano e fucili automatici tipo kalashnikov), estorsione e usura, reati commessi con l’aggravante del metodo mafioso.

I finanzieri parlano di “qualificata e permanente pericolosità sociale”, riferita a Gangemi, “che si è manifestata con gravi episodi delittuosi commessi anche nel periodo in cui il medesimo era sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
14/12 1576345020 Le sardine riempiono piazza San Giovanni. Presenze record anche per la Questura
14/12 1576340220 Il discendente dei Kennedy a Latina: "La politica dovrebbe unire, non dividere"
14/12 1576337160 Genzano, anziano colto da un malore in piazza Frasconi. Ora in buone condizioni
14/12 1576336740 Rissa tra detenuti: stranieri contro italiani al carcere di Velletri
14/12 1576336140 Contro la discarica a Falcognana, cittadini del IX Municipio e di Marino
14/12 1576335240 Maltempo, a Latina strage di alberi. Decina di interventi
14/12 1576331460 Inaugurato il Monumento all'inclusione dedicato a Eunice Kennedy Shriver
14/12 1576330440 Donato "Il Pianeta in una Stanza", dispositivo che illustra il sistema solare
14/12 1576322760 Incassavano la pensione dei genitori morti, denunce ad Anzio e Nettuno
14/12 1576322280 Maltempo: alberi caduti, assenza di corrente elettrica e incidenti stradali
14/12 1576321740 Secondo Wikipedia, Latina fa parte dello Stato Pontificio
14/12 1576320720 Edifici pericolanti sulla linea ferroviaria, il Sindaco ordina il ripristino
14/12 1576320600 L'assessore Ludovisi e il consigliere Biccari donano albero di Natale a Nettuno
14/12 1576320480 Forte vento, due grossi pini cadono al parco dell’ospedale di Villa Albani
14/12 1576312980 Cade un albero su una vettura: distrutto anche il muro di cinta di un'abitazione
14/12 1576310160 Carcere di Velletri, via al primo concorso letterario in favore dei detenuti
14/12 1576308960 Raccolta differenziata da record, Pomezia festeggia i risultati
14/12 1576306860 Scontro frontale tra due auto: due codici gialli al S. Anna di Pomezia
13/12 1576268340 Successo al Forte Sangallo di Nettuno per l’apertura della casa di Babbo Natale
13/12 1576268100 Crolla un pino in strada su via Visca in centro a Nettuno, traffico deviato
13/12 1576268040 Pino caduto in via di Valle Schioia ad Anzio, ‘salta’ un pezzo di strada
13/12 1576256280 Crolla un albero sul marciapiede in pieno centro a Pomezia: colpita un'auto
13/12 1576255920 Frana il terreno al lato della Pontina: albero piomba su un'auto in transito
13/12 1576254780 Sabaudia, prosegue la decontaminazione delle scuole Cencelli e Giulio Cesare
13/12 1576247400 Acqua e fogne a Monachelle, il Comune di Pomezia: «Lavori al via in primavera»

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli