[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Aprilia, "colpito" Sergio Gangemi

Sequestro milionario al 45enne già in carcere per tentato omicidio e usura

È stato eseguito il sequestro preventivo dell’ingente patrimonio - costituito da imprese commerciali, beni immobili e disponibilità finanziarie - riconducibile a Sergio Gangemi, 45 anni di Reggio Calabria, operante principalmente nel settore dell’edilizia, immobiliare e del commercio di prodotti elettronici. Il provvedimento, emesso dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Roma ed eseguito dalla Guardia di Finanza in collaborazione con il Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di Roma.

I beni sottoposti a vincolo (53 immobili, tra appartamenti e terreni, un edificio industriale, cinque auto e una imbarcazione, conti correnti, quote societarie e l’intero patrimonio aziendale di 10 società) nelle province di Roma, Milano, Reggio Calabria e Latina, sono risultati, a vario titolo, nella disponibilità del 45enne, da anni residente ad Aprilia e gravato, a partire dagli anni ‘90, da numerosi precedenti penali e sentenze definitive di condanna per reati contro il patrimonio, di bancarotta fraudolenta ed evasione fiscale.

“Le attività investigative condotte dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Latina hanno consentito di accertare il rilevante spessore criminale del soggetto – si legge in una nota della Guardia di Finanza – identificandolo quale appartenente a una famiglia vicina a note cosche malavitose facenti parte dell'organizzazione criminale calabrese della 'ndrangheta, nonché la sua raffinata e pervicace capacità delinquenziale, testimoniata dalle attività di riciclaggio dei capitali illeciti dallo stesso poste in essere mediante la creazione di numerose società, anche all’estero, intestate a prestanomi”.

Gli approfondimenti patrimoniali, condotti con il continuo supporto operativo del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, hanno permesso, mediante l’interrogazione massiva delle banche dati in uso al Corpo, l’esame di copiosa documentazione bancaria e lo sviluppo di segnalazioni per operazioni sospette di elaborare schede globali molecola afferenti l’accumulazione illecita di un ingente patrimonio. Il 45enne, infatti, poteva disporre, direttamente o indirettamente, di un compendio di beni il cui valore è risultato decisamente sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati.

Le tesi investigative avrebbero trovato pieno riscontro nelle dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia “i quali confermavano che Sergio Gangemi, al fine di tenere sotto traccia i propri affari, si avvaleva di prestanomi incensurati apparentemente operanti nella legalità”.

Sergio Gangemi nel 2018 è stato tratto in arresto, insieme al fratello e ad altri due soggetti, in quanto ritenuto responsabile di tentato omicidio (commesso ai danni di due imprenditori romani con l’utilizzo di bombe a mano e fucili automatici tipo kalashnikov), estorsione e usura, reati commessi con l’aggravante del metodo mafioso.

I finanzieri parlano di “qualificata e permanente pericolosità sociale”, riferita a Gangemi, “che si è manifestata con gravi episodi delittuosi commessi anche nel periodo in cui il medesimo era sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:50 1579794600 Maxi "succhio" di carburante dal distributore, ma qualcosa va storto
16:06 1579791960 Velletri, il report della Polizia locale: 12mila verbali nell'ultimo anno
15:51 1579791060 Lancio di sassi sulla 148 e roghi: a Pomezia la Lega vuole un Consiglio urgente
15:12 1579788720 Ariccia, autovelox. Le dichiarazioni della Polizia Locale:"Al momento box vuoti"
15:07 1579788420 Roncigliano, colpo di scena sulla riapertura della discarica: da Tmb a 'bio'gas?
14:15 1579785300 Ardea, ciclista investito da un'auto che entrava nel parcheggio del supermercato
13:22 1579782120 Nemi, lavori per la sicurezza stradale: taglio degli alberi in via Nemorese
13:11 1579781460 Ariccia, parco Chigi perde uno dei suoi alberi più belli e affascinanti
11:08 1579774080 Rifiuti, Sindaci chiamati a individuare siti per la frazione secca
10:29 1579771740 Stipendi più bassi, lavoratori Csc sul piede di guerra: accordi non rispettati
10:17 1579771020 Ecco la Latina dei centri commerciali: quattro gli interventi in programma
10:15 1579770900 Albano, i candidati sindaci ufficiali sono 3. Si attende il quarto nome
10:00 1579770000 Genzano, anche Luca Lommi in corsa da Sindaco: la presentazione ufficiale
09:32 1579768320 Vasco Rossi regala al centro diurno l'uso gratuito del brano "Un mondo migliore"
09:28 1579768080 Effrazione e furto all’asilo Nido comunale di Nettuno, indagano i carabinieri
09:25 1579767900 Tir si ribalta facendo inversione di marcia: conducente positivo all'alcol test
09:22 1579767720 Minacce e ritorsioni per imporre slot e videopoker del "clan", dieci arresti
09:17 1579767420 Ariccia, 8 nuovi autovelox 'invadono' la città della porchetta
08:50 1579765800 Distrutte dal fuoco due auto parcheggiate in un garage di Latina
08:30 1579764600 64 chiamate in un giorno alla ex: 40enne a processo per stalking
08:28 1579764480 Giovane morto per una buca sulla strada, l'ex dirigente risarcirà il Comune
22/01 1579709880 Buche, la gita fuori porta a Nettuno finisce con un piede fuori uso
22/01 1579705560 Discarica di Montello: un Consiglio comunale per votare la chiusura permanente
22/01 1579703940 Vertice in Regione sulla bretella Cisterna-Valmontone. L'annuncio: "Si farà"
22/01 1579703340 Sbarco di Anzio, il Sindaco: “Trasciniamo i giovani nel viaggio della memoria”

Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli