[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

I 5 stelle: "Si deve fare di più"

Pua e sicurezza delle coste, il Sindaco De Angelis sollecita la Regione

Le coste di Anzio
Le coste di Anzio

“Nei mesi scorsi avevo sollecitato la Regione Lazio a completare la realizzazione dei cosiddetti pennelli a protezione della costa, delle spiagge e delle aree di pregio del nostro litorale. Si tratta di un’opera fondamentale, ferma da tempo al primo lotto dei lavori, attesa da tutti gli operatori e dalla popolazione”. Lo dice il Sindaco di Anzio, Candido De Angelis, in riferimento alla messa in sicurezza della costa anziate ed all’ultimo incontro di Villa Corsini Sarsina, convocato per affrontare le criticità rispetto all’adozione del PUA. “Anche rispetto all’adozione del PUA, redatto in bozza – aggiunge il Sindaco – siamo in attesa, dalla Regione, dell’approvazione definitiva del piano degli arenili, strumento fondamentale che dovrebbe fornire nuove indicazioni alle quali, necessariamente, dovremo adeguarci. A breve, inoltre, partiranno i lavori, coordinati dal nostro Ufficio Tecnico, per la messa in sicurezza della falesia, in un tratto di costa ad Anzio Colonia”.

Immediata la replica del consigliere comunale del Moviumento 5 stelle maria teresa Russo.

“Apprendo da organi di stampa che per la “difesa della costa” ci siano diverse azioni in campo da parte dell’amministrazione…”. Lo scrive in una nota stampa il consigliere comunale del Movimento 5 stelle di Anzio Maria Teresa Russo.

“La prima è quella di chiedere alla Regione Lazio la ripresa delle installazione dei pennelli a completamento del progetto originario. In effetti i soldi per continuare questa mastodontica opera che ormai si trascina stanca attraverso i secoli (durante i quali pare che qualche altra soluzione più performante e meno invasiva sia stata adottata in qualche altra parte del mondo, e pare pure che funzioni) sono stati previsti nel “Programma generale per la difesa e la ricostruzione dei litorali e del quadro degli interventi prioritari per il 2019-2021” della Regione Lazio.
Precisamente 2.300.000 euro. Con cui difficilmente si chiuderà tutto il sistema di pennelli (scogliere) e non si sa nemmeno quando da qui al 2021 verranno erogati.
Opera fortemente criticata da diverse associazioni cittadine, da Goletta Verde, dal WWF e anche da noi del M5S. In campagna elettorale, quando noi esprimevano dubbi sia sull’annuncio della subitanea ripresa dei lavori (non completamento) i cittadini hanno storto il naso…preferendo le promesse elettorali dei Regionali…facili facili…e come si può notare sono passati due anni e dei lavori nemmeno l’ombra. Ma…. Questa opera non mette in sicurezza un bel niente. Al limite è un vano tentativo di fermare il consumo di arenile. Per sicurezza della costa occorre rivolgersi a terra. Non a mare. E a terra c’è il progetto di Acqua del Turco. E vedremo le opere che ne scaturiranno, partendo dai progetti presentati e approvati in Regione, come e cosa verrà realizzato con particolare attenzione vista la zona estremamente delicata…Estremamente delicata e con edifici fruiti da popolazione sensibile. Ma quel progetto è relativo ad una piccola porzione di litorale. E’ un intervento spot che se pur importante è una goccia nel mare (è il caso di dire). Occorre…come più volte il M5S ha chiesto una mappatura aggiornata delle acque sotterranee. Occorre comprendere se ci sono captazioni (ogni tanto se ne sente parlare…ma poi tutto magicamente sparisce.. ) e come sono state modificate le falde. Occorre conoscere lo stato di salute (diciamo cosi) delle falesie… defaticarle dal carico di manufatti che insistono su di esse e cercare di attuare lavori di ingegneria naturale che possano sostenerle. (I muri e le “dighe” spostano il problema. Lo peggiorano, persino, ma non lo risolvono di certo). Occorrono studi idrogeologici seri… affiancati ecco anche dal progetto di supervisione aerea di droni. Ma soprattutto considerare la zona R4 non come una formalità della Regione. Ma come uno stato effettivo della Costa con cui fare i conti.
Dal quale non si esce con qualche trucchetto o sostegno qua e là, anche perché passando ad R3 non si migliora certo la situazione.

Le concessioni sono un problema. Come le autorizzazioni a locali pubblici insistenti proprio in quei tratti di costa. Come le case private e gli edifici pubblici. Il lavoro da fare è immenso. Ancora più immenso perchè non si è fatto quasi nulla in passato trascurando la cura del territorio, il monitoraggio, il drenaggio delle acque piovane, la pulizia dei fossi, dei canali, delle cunette… E servono molte risorse. Invece di concentrarsi sui pennelli si chieda alla Regione aiuto per porre le basi di una cura del territorio seria. Che non c’è mai stata e di cui Anzio ha terribilmente bisogno. E’ una vergogna che in tutta la programmazione 2019-2021 per Anzio ci siano solo i soldi a completamento di un progetto stravecchio… con tutti i tratti di costa a rischio dissesto idrogeologico che abbiamo… Si pretenda di più. E si presentino progetti organici e a tutela di tutto il litorale”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:13 1580062380 Stipendio più alto per i Sindaci dei piccoli comuni: i dubbi in Parlamento
19:13 1580062380 Auto si schianta contro le vetture in sosta in via Gramsci a Nettuno, 4 feriti
19:11 1580062260 Appello sui social per Rex, abbandonato in una casa posta sotto sequestro
19:10 1580062200 Flash mob in difesa della biodiversità nel fiume Amaseno
16:24 1580052240 Serie A2, Girone B. Mirafin travolta in casa dall’Italpol
15:42 1580049720 Serie C Gold. Anzio Basket, con la Stella Azurra secondo ko di fila
15:32 1580049120 L'Anzio Waterpolis riconosciuto come scuola nuoto federale
15:01 1580047260 Sul treno Roma-Napoli con droga di ogni tipo: li scopre un carabiniere a bordo
13:20 1580041200 22mila euro di multe ai locali di intrattenimento della provincia di Latina
13:13 1580040780 Auto presa di mira, il conducente accelera e investe due giovani
13:00 1580040000 Sabaudia, conto alla rovescia per la coppa del mondo di canottaggio
12:58 1580039880 La droga del sabato sera: sette giovani trovati con cocaina, eroina e hashish
12:40 1580038800 Continua con le minacce alla ex moglie: dai domiciliari al carcere
12:31 1580038260 Si butta in mare per sfuggire all'arresto: con sé aveva dosi di cocaina e eroina
12:18 1580037480 Troppo ubriaco sviene davanti casa e passa la notte al freddo: è grave
11:03 1580032980 Blocco auto a Roma: ecco chi non può circolare e in che zone
10:25 1580030700 Parcheggi blu, nuovo regolamento: ecco chi sarà esentato dal pagamento
09:58 1580029080 Sit-in di protesta davanti al Parco del Circeo contro l'abbattimento dei daini
09:54 1580028840 Quattro anni senza Giulio Regeni: Latina scende in piazza con una fiaccolata
08:30 1580023800 Conto alla rovescia per le elezioni, spuntano i primi candidati Sindaco
07:34 1580020440 Coletta: «Con la rigenerazione rilanciamo la città di Latina»
25/01 1579974480 I Rievocatori ricordano lo sbarco di Anzio e Nettuno, la base è a Villa Borghese
25/01 1579974180 Il Sindaco Coppola incontra Ferrovie e chiede l’uso dell’area di sosta a Nettuno
25/01 1579973520 Al Karama, trasferimento in vista per gli ospiti per consentire la bonifica
25/01 1579973340 Ancora danneggiamenti alle auto in sosta sul litorale: nuovo caso ad Anzio

Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli