[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

I 5 stelle: "Si deve fare di più"

Pua e sicurezza delle coste, il Sindaco De Angelis sollecita la Regione

Le coste di Anzio
Le coste di Anzio

“Nei mesi scorsi avevo sollecitato la Regione Lazio a completare la realizzazione dei cosiddetti pennelli a protezione della costa, delle spiagge e delle aree di pregio del nostro litorale. Si tratta di un’opera fondamentale, ferma da tempo al primo lotto dei lavori, attesa da tutti gli operatori e dalla popolazione”. Lo dice il Sindaco di Anzio, Candido De Angelis, in riferimento alla messa in sicurezza della costa anziate ed all’ultimo incontro di Villa Corsini Sarsina, convocato per affrontare le criticità rispetto all’adozione del PUA. “Anche rispetto all’adozione del PUA, redatto in bozza – aggiunge il Sindaco – siamo in attesa, dalla Regione, dell’approvazione definitiva del piano degli arenili, strumento fondamentale che dovrebbe fornire nuove indicazioni alle quali, necessariamente, dovremo adeguarci. A breve, inoltre, partiranno i lavori, coordinati dal nostro Ufficio Tecnico, per la messa in sicurezza della falesia, in un tratto di costa ad Anzio Colonia”.

Immediata la replica del consigliere comunale del Moviumento 5 stelle maria teresa Russo.

“Apprendo da organi di stampa che per la “difesa della costa” ci siano diverse azioni in campo da parte dell’amministrazione…”. Lo scrive in una nota stampa il consigliere comunale del Movimento 5 stelle di Anzio Maria Teresa Russo.

“La prima è quella di chiedere alla Regione Lazio la ripresa delle installazione dei pennelli a completamento del progetto originario. In effetti i soldi per continuare questa mastodontica opera che ormai si trascina stanca attraverso i secoli (durante i quali pare che qualche altra soluzione più performante e meno invasiva sia stata adottata in qualche altra parte del mondo, e pare pure che funzioni) sono stati previsti nel “Programma generale per la difesa e la ricostruzione dei litorali e del quadro degli interventi prioritari per il 2019-2021” della Regione Lazio.
Precisamente 2.300.000 euro. Con cui difficilmente si chiuderà tutto il sistema di pennelli (scogliere) e non si sa nemmeno quando da qui al 2021 verranno erogati.
Opera fortemente criticata da diverse associazioni cittadine, da Goletta Verde, dal WWF e anche da noi del M5S. In campagna elettorale, quando noi esprimevano dubbi sia sull’annuncio della subitanea ripresa dei lavori (non completamento) i cittadini hanno storto il naso…preferendo le promesse elettorali dei Regionali…facili facili…e come si può notare sono passati due anni e dei lavori nemmeno l’ombra. Ma…. Questa opera non mette in sicurezza un bel niente. Al limite è un vano tentativo di fermare il consumo di arenile. Per sicurezza della costa occorre rivolgersi a terra. Non a mare. E a terra c’è il progetto di Acqua del Turco. E vedremo le opere che ne scaturiranno, partendo dai progetti presentati e approvati in Regione, come e cosa verrà realizzato con particolare attenzione vista la zona estremamente delicata…Estremamente delicata e con edifici fruiti da popolazione sensibile. Ma quel progetto è relativo ad una piccola porzione di litorale. E’ un intervento spot che se pur importante è una goccia nel mare (è il caso di dire). Occorre…come più volte il M5S ha chiesto una mappatura aggiornata delle acque sotterranee. Occorre comprendere se ci sono captazioni (ogni tanto se ne sente parlare…ma poi tutto magicamente sparisce.. ) e come sono state modificate le falde. Occorre conoscere lo stato di salute (diciamo cosi) delle falesie… defaticarle dal carico di manufatti che insistono su di esse e cercare di attuare lavori di ingegneria naturale che possano sostenerle. (I muri e le “dighe” spostano il problema. Lo peggiorano, persino, ma non lo risolvono di certo). Occorrono studi idrogeologici seri… affiancati ecco anche dal progetto di supervisione aerea di droni. Ma soprattutto considerare la zona R4 non come una formalità della Regione. Ma come uno stato effettivo della Costa con cui fare i conti.
Dal quale non si esce con qualche trucchetto o sostegno qua e là, anche perché passando ad R3 non si migliora certo la situazione.

Le concessioni sono un problema. Come le autorizzazioni a locali pubblici insistenti proprio in quei tratti di costa. Come le case private e gli edifici pubblici. Il lavoro da fare è immenso. Ancora più immenso perchè non si è fatto quasi nulla in passato trascurando la cura del territorio, il monitoraggio, il drenaggio delle acque piovane, la pulizia dei fossi, dei canali, delle cunette… E servono molte risorse. Invece di concentrarsi sui pennelli si chieda alla Regione aiuto per porre le basi di una cura del territorio seria. Che non c’è mai stata e di cui Anzio ha terribilmente bisogno. E’ una vergogna che in tutta la programmazione 2019-2021 per Anzio ci siano solo i soldi a completamento di un progetto stravecchio… con tutti i tratti di costa a rischio dissesto idrogeologico che abbiamo… Si pretenda di più. E si presentino progetti organici e a tutela di tutto il litorale”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:19 1576167540 La Guardia di Finanza di Nettuno dona in beneficenza 1200 vestiti sequestrati
16:43 1576165380 Valorizzazione dei luoghi della cultura: 6,3 milioni di euro per 32 progetti
16:26 1576164360 Elfi e trampolieri natalizi, oggi apre la Casa di Babbo Natale a Nettuno
16:25 1576164300 Beatrice Scolletta Prima Miss dell’anno tra le finaliste per Miss Italia
16:25 1576164300 La Asl Roma 6 firma il Manifesto Interreligioso dei Diritti di fine vita
16:23 1576164180 Disagi continui per i Pendolari, Capolei propone lo sconto sui biglietti
16:22 1576164120 Pomezia rischia di beccarsi l'inceneritore di Roma: individuata ex area militare
16:09 1576163340 Rocca di Papa, i rifiuti di Roma nel bunker e sull'eliporto dell'Aeronautica
15:57 1576162620 Incidente sul GRA, motociclista grave: strada chiusa all'uscita della Pontina
14:24 1576157040 Cittadinanza alla Segre: Carturan lascia al Consiglio la decisione
13:41 1576154460 19enne arrestato per l'omicidio dell'anziana suocera del padre: ha confessato
11:53 1576147980 Fotomaratona dei Castelli Romani: la tappa conclusiva a Palazzo Sforza Cesarini
11:49 1576147740 L'atleta di Sermoneta Gaia Stella è campionessa italiana di judo
11:05 1576145100 Ad Ariccia stasera il viaggio tecnologico "Pianeta in una Stanza"
10:42 1576143720 Arriva “World of Dinosaurs", esposizione itinerante, dal 15 dicembre al 29 marzo
10:24 1576142640 Albano: posizionati box per il sistema di rilevazione di velocità: ecco dove
10:13 1576141980 “Questo Piatto di Grano”, il libro sui coloni pontini a Borgo Montenero
10:11 1576141860 Rimosso tir con 31 mila litri di carburante che aveva provocato una frana
09:44 1576140240 Poetry Slam al Caffè Culturale: sfida a colpi di versi aperta a tutti
09:43 1576140180 Age & Scarpelli Suite, le musiche dei film degli sceneggiatori a Palazzo Chigi
09:36 1576139760 La Fibra a Sermoneta ora è realtà: coperta quasi tutta la pianura
09:32 1576139520 Approvato il SalvaCastelli: 3 milioni di euro in arrivo per la viabilità locale
09:24 1576139040 Il Capodanno di Latina sarà con Lillo&Greg
09:00 1576137600 Falsi certificati per avere pensioni e porto d’armi. L'appello: autodenunciatevi
08:39 1576136340 Grave incidente a Norma tra un motorino e un mezzo pesante: 15enne grave

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli