[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Condanne totali scese da 17 a 10 anni

Ci fu estorsione, ma non fu mafia: pena ridotta ai fratelli Di Silvio

Quella dei Di Silvio non è mafia. Dopo che il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Roma, Annalisa Marzano, ha confermato l’ipotesi della Dda capitolina sulla costituzione di un’associazione per delinquere di stampo mafioso da parte della famiglia di origine nomade stabilitasi da tempo a Latina, formulata nell’inchiesta “Alba Pontina”, e condannato anche con tale accusa a 16 anni e 8 mesi di reclusione Samuele Di Silvio e a 16 anni e mezzo il fratello Ferdinando “Pupetto” Di Silvio, la Corte d’Appello di Roma ha ora ritenuto che nell’estorsione compiuta dagli stessi due imputati a carico di un ristoratore, una vicenda richiamata nella stessa “Alba Pontina”, non vi fossero tracce di mafia. Caduta l’aggravante, Samuele e Ferdinando “Pupetto” Di Silvio, che per l’estorsione appunto erano stati condannati in primo grado rispettivamente a 9 e 8 anni di reclusione, si sono visti ridurre la pena a 5 anni a testa. I due fratelli, difesi dall’avvocato Oreste Palmieri, secondo i giudici d’appello avrebbero insomma costretto la vittima a consegnare loro denaro, ma senza farlo con modalità mafiose. Un episodio inquadrato nell’ambito di alcuni problemi relativi all’affitto di un locale a Monticchio, nel Comune di Sermoneta, avuti dallo stesso ristoratore. I proprietari del locale, Valentina Riccio, 35enne di Sermoneta, e Victor Marcovecchio, 34enne di Ardea, secondo gli inquirenti si sarebbero rivolti ai nomadi. Il 48enne che aveva preso in locazione il locale si sarebbe così visto chiedere, il 19 settembre 2016, 15mila euro da Agostino Riccardo, 34 anni, pregiudicato del capoluogo pontino, poi diventato collaboratore di giustizia, per evitare di essere aggredito dai fratelli Ferdinando “Pupetto” e Samuele Di Silvio. Una richiesta scesa successivamente a cinquemila euro e che alla fine avrebbe visto il gruppo, di cui avrebbe fatto parte anche Renato Pugliese, a sua volta diventato collaboratore di giustizia, accontentarsi di duemila euro, non avendo il ristoratore altro denaro in quel momento. I pm Luigia Spinelli e Claudio De Lazzaro avevano ottenuto il giudizio per i fratelli Di Silvio e, con la sola accusa di tentata violenza privata, anche per i presunti mandanti, Riccio e Marcovecchio, ipotizzando che avrebbero anche tentato di far ritirare al ristoratore la denuncia per diffamazione presentata per Riccio, alla luce di alcuni post su Facebook scritti dalla donna. Con “Pupetto” che avrebbe detto alla presunta vittima: “Ma lo sai chi sono io? Io sono quello che ha sparato a Zof. E me la sto rischiando a parlare con te perché non potrei nemmeno uscire di casa”. Riccio e Marcovecchio, come chiesto alla fine dagli stessi pm, erano stati però poi assolti dal Tribunale di Latina, mentre Pupetto e Samuele Di Silvio erano stati condannati a un totale di 17 anni di reclusione, ora ridotti in appello a 10 cancellando l’accusa di mafia. Una sentenza che potrebbe incidere non poco sul processo “Alba Pontina”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
01/06 1591030080 A Pomezia e Torvaianica due punti di distribuzione di mascherine agli over 65
01/06 1591029960 Il cuore grande del Lions Club Velletri Host per l'emergenza coronavirus
01/06 1591028460 Donna investita in centro a Velletri, elisoccorso in azione: è grave
01/06 1591027560 Lariano, il sindaco fa il punto sui casi di covid e ricorda i deceduti
01/06 1591023360 Due nuovi casi positivi registrati in provincia di Latina nelle ultime 24 ore
01/06 1591021800 Il Sindaco di Nettuno ritira le deleghe e avvia la verifica di maggioranza
01/06 1591016580 Urla e tensione in riunione di maggioranza a Nettuno: la Polizia entra in Comune
01/06 1591012560 Fattorini per consegne a domicilio: indagini in corso sui rapporti di lavoro
01/06 1591012440 44enne di Terracina arrestato per furto di energia elettrica dalla centralina
01/06 1591009020 Pavona, torna il Torneo di Calcio A5: i calciatori fanno beneficenza
01/06 1591008840 Castelgandolfo, primo giorno di sole in spiaggia dopo la riapertura
01/06 1591008780 Ariccia, raccolta contenitori abiti usati ripresa, ma ancora incivili all'opera
01/06 1591005660 Ciampino, rintracciata costosa auto rubata e operati numerosi controlli
01/06 1591003620 Coltellate per uno sguardo di troppo: tre minorenni fermati a Torvaianica
01/06 1591002420 Guanti buttati a terra dopo la spesa al supermarket: incivili all'opera ad Ardea
01/06 1591000140 Albano: cade un grosso albero su via dei Cappuccini, strada chiusa da ieri sera
01/06 1590999060 Il Sindaco di Nettuno: “Gli assessori li decido io, difendiamo l’occupazione”
01/06 1590994020 Coletta si scaglia contro i gilet arancioni: «Mi vergogno di questa gente»
01/06 1590993660 A Piana delle Orme torna la mostra per appassionati di radio e elettronica
01/06 1590993300 Una domenica a Torvaianica per l'allenatore della Roma Paulo Fonseca
01/06 1590992640 Fuori strada con la moto: arriva l'eliambulanza. Gravi due ragazzi
31/05 1590941700 Non si ferma la movida a Frascati, maxi rissa a piazza Paolo III
31/05 1590935520 Ancora buone notizie della Asl di Latina: 0 positivi e 0 decessi
31/05 1590935520 Dieci positivi e sette decessi tra Roma e provincia: i dati delle Asl
31/05 1590935160 Genzano, incidente in moto. Ferita grave una ragazza trasportata con elisoccorso

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli