[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Condanne totali scese da 17 a 10 anni

Ci fu estorsione, ma non fu mafia: pena ridotta ai fratelli Di Silvio

Quella dei Di Silvio non è mafia. Dopo che il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Roma, Annalisa Marzano, ha confermato l’ipotesi della Dda capitolina sulla costituzione di un’associazione per delinquere di stampo mafioso da parte della famiglia di origine nomade stabilitasi da tempo a Latina, formulata nell’inchiesta “Alba Pontina”, e condannato anche con tale accusa a 16 anni e 8 mesi di reclusione Samuele Di Silvio e a 16 anni e mezzo il fratello Ferdinando “Pupetto” Di Silvio, la Corte d’Appello di Roma ha ora ritenuto che nell’estorsione compiuta dagli stessi due imputati a carico di un ristoratore, una vicenda richiamata nella stessa “Alba Pontina”, non vi fossero tracce di mafia. Caduta l’aggravante, Samuele e Ferdinando “Pupetto” Di Silvio, che per l’estorsione appunto erano stati condannati in primo grado rispettivamente a 9 e 8 anni di reclusione, si sono visti ridurre la pena a 5 anni a testa. I due fratelli, difesi dall’avvocato Oreste Palmieri, secondo i giudici d’appello avrebbero insomma costretto la vittima a consegnare loro denaro, ma senza farlo con modalità mafiose. Un episodio inquadrato nell’ambito di alcuni problemi relativi all’affitto di un locale a Monticchio, nel Comune di Sermoneta, avuti dallo stesso ristoratore. I proprietari del locale, Valentina Riccio, 35enne di Sermoneta, e Victor Marcovecchio, 34enne di Ardea, secondo gli inquirenti si sarebbero rivolti ai nomadi. Il 48enne che aveva preso in locazione il locale si sarebbe così visto chiedere, il 19 settembre 2016, 15mila euro da Agostino Riccardo, 34 anni, pregiudicato del capoluogo pontino, poi diventato collaboratore di giustizia, per evitare di essere aggredito dai fratelli Ferdinando “Pupetto” e Samuele Di Silvio. Una richiesta scesa successivamente a cinquemila euro e che alla fine avrebbe visto il gruppo, di cui avrebbe fatto parte anche Renato Pugliese, a sua volta diventato collaboratore di giustizia, accontentarsi di duemila euro, non avendo il ristoratore altro denaro in quel momento. I pm Luigia Spinelli e Claudio De Lazzaro avevano ottenuto il giudizio per i fratelli Di Silvio e, con la sola accusa di tentata violenza privata, anche per i presunti mandanti, Riccio e Marcovecchio, ipotizzando che avrebbero anche tentato di far ritirare al ristoratore la denuncia per diffamazione presentata per Riccio, alla luce di alcuni post su Facebook scritti dalla donna. Con “Pupetto” che avrebbe detto alla presunta vittima: “Ma lo sai chi sono io? Io sono quello che ha sparato a Zof. E me la sto rischiando a parlare con te perché non potrei nemmeno uscire di casa”. Riccio e Marcovecchio, come chiesto alla fine dagli stessi pm, erano stati però poi assolti dal Tribunale di Latina, mentre Pupetto e Samuele Di Silvio erano stati condannati a un totale di 17 anni di reclusione, ora ridotti in appello a 10 cancellando l’accusa di mafia. Una sentenza che potrebbe incidere non poco sul processo “Alba Pontina”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
14:46 1606311960 Si aggira nel parco col monopattino con dosi di droga in tasca: arrestato
14:39 1606311540 "Con l'aiuto dei centri antiviolenza le donne possono cambiare la loro vita"
14:08 1606309680 Covid-19, il Sindaco di Latina Damiano Coletta è positivo al tampone molecolare
14:00 1606309200 25 novembre, una panchina in memoria delle vittime del massacro del Circeo
13:34 1606307640 Si toglie il cappotto e si lancia dal ponte di Ariccia: 49enne morto sul colpo
12:13 1606302780 Aprilia: una targa in memoria di Vittorio Casoni al parco Falcone e Borsellino
12:12 1606302720 Genzano: iniziativa in sicurezza per le festività natalizie della Pro Loco
11:57 1606301820 Le Guardie Zoofile Ambientali Accademia Kronos premiano i virtuosi dell'ambiente
11:41 1606300860 Giornata contro la violenza sulle donne: i Comuni si illuminano di rosso
11:40 1606300800 Proiettile alla Giannino ad Anzio, in Parlamento botta e risposta tra Pd e FdI
11:38 1606300680 Lavoratori Conad allo Zodiaco di Anzio, venerdì 27 l’Assemblea sindacale
11:36 1606300560 Violenza sulle donne, Piccolo manifesto per il 25 Novembre ad Anzio e Nettuno
11:22 1606299720 Pomezia, no alla violenza sulle donne: una rosa per Maria Corazza e le altre
10:54 1606298040 Pronto soccorso animali: gara deserta. Servizio affidato in via temporanea
10:47 1606297620 Pavona: lavori di sistemazione al passaggio a livello conclusi entro oggi
10:47 1606297620 Polstrada: occhio al telelaser. Ecco le postazioni di questa settimana nel Lazio
10:37 1606297020 Flash mob e iniziative anche a Genzano contro la violenza sulle donne
10:23 1606296180 Crimini contro le donne e revenge porn: il Lazio tra le prime regioni in Italia
10:19 1606295940 Mercato settimanale di Marino: consentito l'accesso a massimo 250 persone
09:36 1606293360 Incendio tossico di rifiuti alla Loas di Aprilia, c'è un primo indagato
08:31 1606289460 Violenza di genere, a Latina 89 arresti e 322 denunce nel 2020
08:23 1606288980 Conferenza dei Sindaci per individuare una discarica: decisione rinviata
24/11 1606244160 Addio Macar, una delle prime firme di Aprilia e faro per i redattori de Il Caffè
24/11 1606237380 Castel Gandolfo: giornata di sport per dire 'no' alla violenza contro le donne
24/11 1606234800 Covid 19, deceduti altri due cittadini di Pomezia. Il cordoglio del sindaco

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli