[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Le dichiarazione del delegato ai rifiuti

Discarica Albano, Andreassi: «Pronti a ogni azione per bloccare la ripartenza»

Proprio non ci sta Luca Andreassi, consigliere comunale, delegato ai rifiuti da 9 anni di professione professore di ingegneria all'università di Roma-Tor Vergata, ad accettare la riapertura della discarica di Albano e si dichiara pronto ad ogni azione per bloccare la ripartenza del sito. La riattivazione del cimitero dei rifiuti indifferenziati classe 1979 e situato al confine con Ardea e Pomezia è sta imposta da Flaminia Tosini, dirigente dell'Area rifiuti della Regione Lazio, lo scorso 29 ottobre. La dirigente Tosini si è rimangiata la parola scritta e sottoscritta a fine agosto e ha imposto, con un provvedimento che ha a dir poco dell'incredibile, la riattivazione di un immondezzaio che giace da anni nello stato di abbandono più assoluto e totale. Evidentemente, la dottoressa Tosini non ricorda che il sito, così sostiene l'Eras Lazio, il programma epidemiologico regionale, costituisce un rischio per la salute umana: tutto intorno alla discarica ci si ammala e si muore di più che nel resto della Regione. Inoltre, l'Agenzia Regionale di Protezione Ambientale, l'Arpa Lazio, sostiene anche che la discarica abbia massacrato le falde acquifere della zona. Per di più, la discarica dopo il misterioso incendio del 2016 dai contorni mai chiariti non è mai stata messa in sicurezza e bonificata, al contrario di quanto imposto dalla legge. Il VII invaso, infine, non è stato mai chiuso con il cosiddetto capping, ovvero con una apposita chiusura superficiale di sicurezza e giace stracolmo d'acqua, con topi e uccelli che lo infestano: scene degne della peggiore Halloween. Luca Andreassi non ci sta ad ingoiare questo rospo e ad immolarsi per 'salvare Roma', a maggior ragione visti e considerati i livelli di raccolta differenziata raggiunti dopo anni di sforzi nel comune albanense. Solo il porta a porta, così si desume dalle sue parole, costituisce una vera "salvezza". Il consigliere - a maggior ragione alla luce delle parole del primo cittadino, Nicola Marini, che ha chiesto ieri l'intervento del Prefetto e della Procura di Velletri - non si capacita della scelta tecnica e burocratica della Regione Lazio. Stamattina, 1° novembre, il Caffè ha sentito al telefono la dottoressa Flaminia Tosini, che si è dichiarata disponibile a rilasciare una intervista al nostro giornale. Intanto, per il momento, qui di seguito le dichiarazione del delegato ai rifiuti del comune di Albano. 

"La Regione Lazio - dichiara a il Caffè Luca Andreassi - ha da poco approvato un Piano Regionale dei Rifiuti nel quale esplicitamente si esprime la volontà di superare la chiusura del ciclo dei rifiuti attraverso gli impianti di trattamento meccanico e biologico, mettendo al centro della chiusura del ciclo dei rifiuti stesso il recupero di materia e, solo in ultima analisi, il recupero di energia. Ho avuto più volte modo di apprezzare tale approccio sia per la valenza ambientale (i TMB sono impianti inquinanti in cui entra rifiuto ed esce rifiuto che viene o smaltito in discarica o incenerito) sia  per ragioni di sicurezza (il numero di TMB andati a fuoco negli ultimi anni è elevatissimo). Rimane pertanto difficile, in tale contesto, capire quale senso abbia l'autorizzazione di un impianto TMB a Roncigliano per lo più al centro di un'area  caratterizzata da un elevato livello di raccolta differenziata e che, dunque, certamente non necessita di un impianto del genere. Verrebbe da pensare che possa essere un impianto a servizio di realtà diverse da quelle locali e che,magari, hanno difficoltà a raggiungere elevati livelli di raccolta differenziata. Ma entreremmo nel campo delle congetture e preferisco ragionare sui fatti. Certamente metteremo in atto tutte le azioni necessarie ad impedire che questo accada."

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15/04 1618503300 Reti di Giustizia: “Sentenza Appia, ecco le motivazioni della condanna”
15/04 1618503180 All’ex comando dei Vigili sorgerà il nuovissimo Museo dello Sbarco di Anzio
15/04 1618502940 1000 firme per chiedere al Comune di Anzio di occuparsi delle strade vicinali
15/04 1618499280 Da carrozzeria a fabbrica di ogive per proiettili: la scoperta ai Castelli
15/04 1618497360 Covid, Latina e provincia: altri 161 casi, due decessi. I dati di tutte le città
15/04 1618496940 Coronavirus, nella Asl Roma 6 altri 184 contagi. Quattro persone decedute
15/04 1618493520 «La città non può subire un'altra stagione di incampacità amministrativa»
15/04 1618490700 Vaccino Astrazeneca sospeso nel Lazio? È una fake news
15/04 1618489680 La Virtus Pomezia Basket vuol tornare a stupire
15/04 1618489500 Elezioni a Latina, il giallo delle due liste con lo stesso nome
15/04 1618487160 Più dosi Astrazeneca negli hub vaccinali della provincia di Latina
15/04 1618475700 Anzio, il consigliere Gatti: “Onorato di rappresentare i Consiglieri di FdI”
15/04 1618475580 Alicandri, Pd Nettuno: “Basta discriminazioni, subito si alla legge Zan”
15/04 1618474500 La Polizia Locale revoca 35 autorizzazioni per posto disabili irregolari
15/04 1618474140 1.300 mascherine anti-Covid irregolari sequestrate dai banchi del mercato
15/04 1618473780 3kg di droga spediti per posta: pacco intercettato all’aeroporto di Ciampino
15/04 1618473420 Fermata auto sportiva con documenti irregolari: a bordo c'era anche uno scooter
15/04 1618471020 Genzano, auto prende fuoco in strada. Donna di Aprilia salvata dai Carabinieri
15/04 1618470180 Allieva pilota "discriminata e umiliata": il caso all'attenzione del parlamento
15/04 1618470180 Castel Gandolfo: “Giunta rinunci a ricorso contro le tutele paesaggistiche”
15/04 1618468980 Arrestato il ladro intenditore di cibo: rubava salmone e formaggi costosi
15/04 1618468680 Latina, sfratto dalla casa del combattente: anche Medici si mobilita
15/04 1618468680 I cittadini di Aprilia potranno chiedere i certificati anagrafici in tabaccheria
15/04 1618468140 Il 'nudino' torna a Latina: il dipinto fu rubato dopo l'armistizio del 1943
15/04 1618467180 Non fu un incidente ma un tentato omicidio: chiesta la condanna a 10 anni

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli