[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La dirigente sconfessa se stessa

Riapre la discarica di Albano, la Regione si rimangia la parola. Niente bonifica

<
>
Il 7° invaso rimasto abbandonato: le piogge hanno provocato altri pericolosi percolati sulle falde?
Il 7° invaso rimasto abbandonato: le piogge hanno provocato altri pericolosi percolati sulle falde?
Quello che resta del Tmb distrutto dall?incendio del 30 giugno 2016. L'inchiesta giudiziaria che fine ha fatto?
Quello che resta del Tmb distrutto dall?incendio del 30 giugno 2016. L'inchiesta giudiziaria che fine ha fatto?
I pezzi dell'inceneritore più grande d'Europa che Cerroni voleva fare a Roncigliano. Sono stoccati qui dal 2011, dopo che è sfumato il mezzo miliardo di sussidi pubblici
I pezzi dell'inceneritore più grande d'Europa che Cerroni voleva fare a Roncigliano. Sono stoccati qui dal 2011, dopo che è sfumato il mezzo miliardo di sussidi pubblici
Il 7° invaso rimasto abbandonato: le piogge hanno provocato altri pericolosi percolati sulle falde?
Il 7° invaso rimasto abbandonato: le piogge hanno provocato altri pericolosi percolati sulle falde?

La discarica di Albano riaprirà tranquillamente, con il suo 7° invaso abbandonato sotto le piogge e il TMB, la fabbrica che confeziona balle per inceneritori e che prepara i rifiuti indifferenziati per essere interrati. Il sito è a due passi da Aprilia (Casalazzara), attaccato ad Ardea est. Lo ha deciso la stessa dirigente regionale che aveva bocciato a fine agosto l'ipotesi, perché l'autorizzazione a ricevere e trattare lì i rifiuti indifferenziati era scaduta nel 2017. Il colpo magico a sorpresa arriva con una nuova determinazione, firmata dall'ing. Flaminia Tosini che guida l'area rifiuti della Regione Lazio. Il giornale Il Caffè ha consultato il provvedimento.

CLAMOROSO DIETROFRONT IN REGIONE

La dirigente, che è anche vicesindaco e assessore all'ambiente con il PD a Vetralla, si rimangia la parola e scrive: “Contrariamente a quanto ritenuto, ed affermato, l'efficacia dell'AIA n. B3695/2009 è stata estesa, previo deposito, da parte della Pontina Ambiente, di apposita polizza fideiussoria, con scadenza fissata in data 11/10/2014”. Si tratta della storica società di Manlio Cerroni che dal 1979 gestisce la discarica di Albano. Discarica che anche secondo l'Agenzia regionale per la protezione ambientale, ha inquinato le falde acquifere e che non è mai stata messa in sicurezza né bonificata. A parte la selva di virgole, il significato del provvedimento regionale è inequivocabile: l'ecomostro di Roncigliano può riaprire. “Ciò posto – precisa la dirigente regionale - sarà cura di questi medesimi uffici disporre […] voltura dell'AIA alla Colle Verde Srl”. Cioè, la gestione del TMB passerà automaticamente alla “nuova” società che ha chiesto di essere autorizzata a gestire l'impianto per ecoballe e immondizia da sversare in discarica. Lo aveva chiesto a luglio scorso, dopo aver preso in affitto un ramo d'azienda della Pontina Ambiente.

AUTORIZZAZIONE SCADUTA? CI PENSA LA DIRIGENTE REGIONALE...

In pratica, come se nulla fosse, viene resuscitata l'AIA autorizzazione integrata ambientale scaduta per l'intero complesso di smaltimento rifiuti. Dagli abissi della monnezza, riaffiora. L'ok regionale. Come sempre, i signori dell'immondizia hanno fatto “ragionare” i tecno-burocrati e i politici regionali. Il 29 agosto l'ing. Flaminia Tosini – direttore dell'Area rifiuti della Regione - scrisse che l'Autorizzazione integrata ambientale “risulta scaduta lo scorso 13 agosto 2019”. E “pertanto il precedente procedimento di riesame avviato nel 2015 e sospeso nel 2016 sarà formalmente archiviato”. Metteva cioè nel cestino la possibilità di riaprire la discarica e il Tmb. E lo aveva deciso rispondendo alla richiesta di revisione di quell'autorizzazione avviata nel 2015. La richiesta dei cerronisti si arenò a seguito del misterioso incendio che il 30 giugno 2016 distrusse l'impianto Tmb. L'iter è stato poi archiviato appunto il 29 agosto scorso. Provvedimenti scritti sulla sabbia: quanto determinato con atti ufficiale, non conta più.

FALDE INQUINATE, MA LI FANNO CONTINUARE

Tutto passerà liscio: sulle già massacrate falde idriche tra Albano, Ardea e Aprilia, si continuerà a smaltire rifiuti. E saranno, manco a dirlo, rifiuti di Roma. Ulteriore beffa, non ci sarà nessuna conferenza dei servizi. Non si terrà cioè il tavolo tecnico, aperto anche ai cittadini oltre che agli Enti pubblici interessati. Nessuno insomma discuterà il progetto né potrà opporre valutazioni ed osservazioni, né Sindaci, né comitati, né associazioni. Ha deciso lei, Flaminia Tosini del PD di Vetralla. E chi governa la Regione Lazio non dice nulla. Come mai?

PERCHÉ IL COMUNE NON CHIEDE LA BONIFICA PER FERMARLI?

Il tutto accade mentre la società Ecoparco Srl, legata ai soliti noti del giro, chiede di aprire una nuova gigantesca discarica sotto Velletri. In particolare, in località Lazzaria (zona 5 Archi), attaccata ad Aprilia e Cisterna. Queste falde danno acqua potabili a innumerevoli coltivazioni e aziende agricole e agli acquedotti di Aprilia, Latina nord, Cisterna, Anzio e Nettuno. Perché il Comune di Albano non esige che sia fatta prima la bonifica del sito? Così ha fatto il Comune di Latina, ma pure l'Arpa, in risposta alla richiesta di riaprire la discarica di Borgo Montello (anche lì falde contaminate) giusto lunedì scorso. In tal modo, hanno ottenuto il blocco della riapertura della discarica.

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15/04 1618503300 Reti di Giustizia: “Sentenza Appia, ecco le motivazioni della condanna”
15/04 1618503180 All’ex comando dei Vigili sorgerà il nuovissimo Museo dello Sbarco di Anzio
15/04 1618502940 1000 firme per chiedere al Comune di Anzio di occuparsi delle strade vicinali
15/04 1618499280 Da carrozzeria a fabbrica di ogive per proiettili: la scoperta ai Castelli
15/04 1618497360 Covid, Latina e provincia: altri 161 casi, due decessi. I dati di tutte le città
15/04 1618496940 Coronavirus, nella Asl Roma 6 altri 184 contagi. Quattro persone decedute
15/04 1618493520 «La città non può subire un'altra stagione di incampacità amministrativa»
15/04 1618490700 Vaccino Astrazeneca sospeso nel Lazio? È una fake news
15/04 1618489680 La Virtus Pomezia Basket vuol tornare a stupire
15/04 1618489500 Elezioni a Latina, il giallo delle due liste con lo stesso nome
15/04 1618487160 Più dosi Astrazeneca negli hub vaccinali della provincia di Latina
15/04 1618475700 Anzio, il consigliere Gatti: “Onorato di rappresentare i Consiglieri di FdI”
15/04 1618475580 Alicandri, Pd Nettuno: “Basta discriminazioni, subito si alla legge Zan”
15/04 1618474500 La Polizia Locale revoca 35 autorizzazioni per posto disabili irregolari
15/04 1618474140 1.300 mascherine anti-Covid irregolari sequestrate dai banchi del mercato
15/04 1618473780 3kg di droga spediti per posta: pacco intercettato all’aeroporto di Ciampino
15/04 1618473420 Fermata auto sportiva con documenti irregolari: a bordo c'era anche uno scooter
15/04 1618471020 Genzano, auto prende fuoco in strada. Donna di Aprilia salvata dai Carabinieri
15/04 1618470180 Allieva pilota "discriminata e umiliata": il caso all'attenzione del parlamento
15/04 1618470180 Castel Gandolfo: “Giunta rinunci a ricorso contro le tutele paesaggistiche”
15/04 1618468980 Arrestato il ladro intenditore di cibo: rubava salmone e formaggi costosi
15/04 1618468680 Latina, sfratto dalla casa del combattente: anche Medici si mobilita
15/04 1618468680 I cittadini di Aprilia potranno chiedere i certificati anagrafici in tabaccheria
15/04 1618468140 Il 'nudino' torna a Latina: il dipinto fu rubato dopo l'armistizio del 1943
15/04 1618467180 Non fu un incidente ma un tentato omicidio: chiesta la condanna a 10 anni

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli