[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La dirigente sconfessa se stessa

Riapre la discarica di Albano, la Regione si rimangia la parola. Niente bonifica

<
>
Il 7° invaso rimasto abbandonato: le piogge hanno provocato altri pericolosi percolati sulle falde?
Il 7° invaso rimasto abbandonato: le piogge hanno provocato altri pericolosi percolati sulle falde?
Quello che resta del Tmb distrutto dall?incendio del 30 giugno 2016. L'inchiesta giudiziaria che fine ha fatto?
Quello che resta del Tmb distrutto dall?incendio del 30 giugno 2016. L'inchiesta giudiziaria che fine ha fatto?
I pezzi dell'inceneritore più grande d'Europa che Cerroni voleva fare a Roncigliano. Sono stoccati qui dal 2011, dopo che è sfumato il mezzo miliardo di sussidi pubblici
I pezzi dell'inceneritore più grande d'Europa che Cerroni voleva fare a Roncigliano. Sono stoccati qui dal 2011, dopo che è sfumato il mezzo miliardo di sussidi pubblici
Il 7° invaso rimasto abbandonato: le piogge hanno provocato altri pericolosi percolati sulle falde?
Il 7° invaso rimasto abbandonato: le piogge hanno provocato altri pericolosi percolati sulle falde?

La discarica di Albano riaprirà tranquillamente, con il suo 7° invaso abbandonato sotto le piogge e il TMB, la fabbrica che confeziona balle per inceneritori e che prepara i rifiuti indifferenziati per essere interrati. Il sito è a due passi da Aprilia (Casalazzara), attaccato ad Ardea est. Lo ha deciso la stessa dirigente regionale che aveva bocciato a fine agosto l'ipotesi, perché l'autorizzazione a ricevere e trattare lì i rifiuti indifferenziati era scaduta nel 2017. Il colpo magico a sorpresa arriva con una nuova determinazione, firmata dall'ing. Flaminia Tosini che guida l'area rifiuti della Regione Lazio. Il giornale Il Caffè ha consultato il provvedimento.

CLAMOROSO DIETROFRONT IN REGIONE

La dirigente, che è anche vicesindaco e assessore all'ambiente con il PD a Vetralla, si rimangia la parola e scrive: “Contrariamente a quanto ritenuto, ed affermato, l'efficacia dell'AIA n. B3695/2009 è stata estesa, previo deposito, da parte della Pontina Ambiente, di apposita polizza fideiussoria, con scadenza fissata in data 11/10/2014”. Si tratta della storica società di Manlio Cerroni che dal 1979 gestisce la discarica di Albano. Discarica che anche secondo l'Agenzia regionale per la protezione ambientale, ha inquinato le falde acquifere e che non è mai stata messa in sicurezza né bonificata. A parte la selva di virgole, il significato del provvedimento regionale è inequivocabile: l'ecomostro di Roncigliano può riaprire. “Ciò posto – precisa la dirigente regionale - sarà cura di questi medesimi uffici disporre […] voltura dell'AIA alla Colle Verde Srl”. Cioè, la gestione del TMB passerà automaticamente alla “nuova” società che ha chiesto di essere autorizzata a gestire l'impianto per ecoballe e immondizia da sversare in discarica. Lo aveva chiesto a luglio scorso, dopo aver preso in affitto un ramo d'azienda della Pontina Ambiente.

AUTORIZZAZIONE SCADUTA? CI PENSA LA DIRIGENTE REGIONALE...

In pratica, come se nulla fosse, viene resuscitata l'AIA autorizzazione integrata ambientale scaduta per l'intero complesso di smaltimento rifiuti. Dagli abissi della monnezza, riaffiora. L'ok regionale. Come sempre, i signori dell'immondizia hanno fatto “ragionare” i tecno-burocrati e i politici regionali. Il 29 agosto l'ing. Flaminia Tosini – direttore dell'Area rifiuti della Regione - scrisse che l'Autorizzazione integrata ambientale “risulta scaduta lo scorso 13 agosto 2019”. E “pertanto il precedente procedimento di riesame avviato nel 2015 e sospeso nel 2016 sarà formalmente archiviato”. Metteva cioè nel cestino la possibilità di riaprire la discarica e il Tmb. E lo aveva deciso rispondendo alla richiesta di revisione di quell'autorizzazione avviata nel 2015. La richiesta dei cerronisti si arenò a seguito del misterioso incendio che il 30 giugno 2016 distrusse l'impianto Tmb. L'iter è stato poi archiviato appunto il 29 agosto scorso. Provvedimenti scritti sulla sabbia: quanto determinato con atti ufficiale, non conta più.

FALDE INQUINATE, MA LI FANNO CONTINUARE

Tutto passerà liscio: sulle già massacrate falde idriche tra Albano, Ardea e Aprilia, si continuerà a smaltire rifiuti. E saranno, manco a dirlo, rifiuti di Roma. Ulteriore beffa, non ci sarà nessuna conferenza dei servizi. Non si terrà cioè il tavolo tecnico, aperto anche ai cittadini oltre che agli Enti pubblici interessati. Nessuno insomma discuterà il progetto né potrà opporre valutazioni ed osservazioni, né Sindaci, né comitati, né associazioni. Ha deciso lei, Flaminia Tosini del PD di Vetralla. E chi governa la Regione Lazio non dice nulla. Come mai?

PERCHÉ IL COMUNE NON CHIEDE LA BONIFICA PER FERMARLI?

Il tutto accade mentre la società Ecoparco Srl, legata ai soliti noti del giro, chiede di aprire una nuova gigantesca discarica sotto Velletri. In particolare, in località Lazzaria (zona 5 Archi), attaccata ad Aprilia e Cisterna. Queste falde danno acqua potabili a innumerevoli coltivazioni e aziende agricole e agli acquedotti di Aprilia, Latina nord, Cisterna, Anzio e Nettuno. Perché il Comune di Albano non esige che sia fatta prima la bonifica del sito? Così ha fatto il Comune di Latina, ma pure l'Arpa, in risposta alla richiesta di riaprire la discarica di Borgo Montello (anche lì falde contaminate) giusto lunedì scorso. In tal modo, hanno ottenuto il blocco della riapertura della discarica.

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:17 1580203020 Ariccia, pedone investito via delle Cerquette durante il temporale: è grave
10:16 1580202960 "Guardie Zoofile a Scuola", all'incontro a Cecchina c'era anche il cocker Rino
09:50 1580201400 Tassa di soggiorno: più controlli e pagamenti web, Pomezia incassa 160mila euro
09:19 1580199540 Si sente male nel traffico della Pontina: 57enne soccorso in eliambulanza
08:46 1580197560 Carcere confermato per Sisco, il pusher che avrebbe venduto metadone a Desirée
08:44 1580197440 Sezze, il consigliere Bernasconi passa dal Pd a Italia Viva
08:25 1580196300 Carla Amici assessore di Latina: verifica su potenziali incompatibilità
08:19 1580195940 Da Cisterna alle Marche per derubare nelle case: finita la fuga di tre croati
08:09 1580195340 Minaccia la ex sotto casa con una pistola giocattolo: arrestato
27/01 1580144220 Ricercato per l'omicidio della moglie in Pakistan, 31enne rintracciato a Latina
27/01 1580142960 Bloccarono un uomo in preda a raptus, premiati 8 agenti di polizia locale
27/01 1580142180 Alle Scuderie Aldobrandini la mostra "Segno di artisti poeti di scena"
27/01 1580141940 Al via il progetto Pegaso (modificato) contro la pesca a strascico a Torvaianica
27/01 1580140260 Femminile. Nuovo Latina Lady, steso l’Esercito Aprilia
27/01 1580139660 Alternativa per Anzio: “Il fascismo è un crimine, diciamo grazie a Borrometi”
27/01 1580139540 Passaggi al mare chiusi a Nettuno, i cittadini scrivono a Sindaco e Procura
27/01 1580139480 Pallanuoto, Serie B femminile. Colpaccio Latina Nuoto, presa Viktoria Sajben
27/01 1580139420 Marcello Fotia di Anzio, nel team che preparerà le pizze a Casa Sanremo
27/01 1580137920 Reddito solidale per donne abusate, ad Ardea la proposta di legge non piace
27/01 1580136600 Ladro di auto identificato dopo due anni grazie al DNA sul passamontagna
27/01 1580135520 Scuole, Anpi e associazioni di Genzano insieme per il Giorno della Memoria
27/01 1580135400 Girone A. L'Anzio ritrova il sorriso con la Corneto Tarquinia
27/01 1580134860 Girone A. Unipomezia, 2 punti persi contro la Vigor Perconti
27/01 1580134380 Serie C, Girone B. La Pizzamore Onda sbanca Aprilia
27/01 1580133900 Serie C2, Girone C. Lele Nettuno, un punto d’oro nel big match

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli