[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Dopo richiesta danni da Ecoambiente

Altri rifiuti a Montello? «Devono bonificare. Sennò facciamo noi a spese loro»

«Devono bonificare seriamente e mettere in sicurezza il sito, altro che nuovi ampliamenti e risarcimento danni. E se non provvedono loro, lo faremo noi coi soldi anticipati dalla Regione e poi gli chiederemo di pagare le spese. Il sindaco ha già detto in Consiglio che bloccheremo la Pontina se autorizzeranno altri rifiuti a Borgo Montello. Lo ribadisco». L'Assessore all'ambiente di Latina, Roberto Lessio, non sa se ridere o piangere di fronte alla nuova ipotesi avanzata dal gruppo Cerroni di riprendere gli sversamenti di rifiuti nella discarica di Latina, al confine con Nettuno. La richiesta giunge attraverso la Systema Ambiente Spa, che l'anno scorso è divenuta proprietaria al 100% della Ecoambiente Srl, una delle due ditte titolari della mega-discarica. Il sito sul fiume Astura è chiuso, ma la società cerronista torna alla carica: “si augura” che la Regione Lazio l'autorizzi a fare l'impianto TMB, trattamento meccanico “biologico”, dal quale uscirebbe poi materiale sminuzzato da interrare. Oltre a una fabbrica per trasformare l'immondizia organica (avanzi di cucina e verde) in compost. Questo “augurio” è contenuto in una lettera inviata alla stessa Regione e al Comune di Latina. La minacciata richiesta di risarcimento riguarda il fatto che – secondo l'azienda cerronista – la Ecoambiente non può in pratica fare più business a Borgo Montello proprio a causa delle autorizzazioni che la Regione si ostina non rilasciargli.

30 ANNI PER STABILIZZARE LA SITUAZIONE

Una brutta sorpresa in cui il gruppo Cerroni, leader assoluto del settore da mezzo secolo, sarebbe ingenuamente e inconsapevolmente incappato. Nessuno li avrebbe messi al corrente della reale situazione di stallo in cui era inchiodata la Ecoambiente, di cui ha assorbito il restante 51% che era in mano alla fallita Latina Ambiente. Arrivando così a possederla tutta, visto che Cerroni aveva già il 49% di Ecoambiente, tramite Ecolatina Impianti Srl. La sostanza, comunque, per l'Amministrazione comunale non cambia: «L'ho detto ormai mille volte - afferma sorridendo l'Assessore Lessio -: prima di qualsiasi altro ragionamento, istanza o proposta devono chiudere le procedure della bonifica. Significa che lì non deve risultare più nessun inquinamento della falda acquifera». Lessio spiega anche perché tecnicamente è impensabile portare a Montello altri rifiuti: «Dal momento zero in cui ci può documentare che non c'è più inquinamento, noi abbiamo bisogno della stabilizzazione dei dati. Cioè almeno 5, 6 o 7 anni di dati costanti che attestino che non c'è più contaminazione. Se poi si creano altre aggressioni e variabili ora non ponderabili, quel dato di stabilizzazione non lo avremo mai. Questo perché ogni altro sversamento interferisce sul monitoraggio della messa in sicurezza e comprometterebbe l'equilibrio della stabilità che oggi non c'è e probabilmente non ci sarà per i prossimi 30 anni, soprattutto negli invasi S1 e S2 che sono senza impermeabilizzazione».

«IMPOSSIBILE RIAPRIRLA»

«Quindi – insiste l'Assessore all'ambiente di Latina -, riguardo l'innalzamento degli invasi S1, S2 e S3, che Ecoambiente prese in carico per fare la bonifica, per noi resta l'impossibilità di nuovi ampliamenti. E poi c'è un aspetto ridicolo: nella stessa Ecoambiente il dominus – cioè chi di fatto ha gestito la discarica – erano i Cerroni e la la famiglia Colucci: ora dicono che non sapevano dei ricorsi al TAR, che addirittura la perizia fatta fare dai curatori fallimentari era fuorviante o qualcosa del genere». In pratica, comandavano i privati. Tutto ciò gli è sfuggito? «Chiedono 2,5 milioni di euro alla Curatela dopo che hanno partecipato all'asta fallimentare? - domanda Lessio -. È una pressione sulla Regione in previsione dell'ennesima emergenza per far autorizzare ciò che allo stato attuale non è autorizzabile. Se si va nello specifico, un bel patrimonio Ecoambiente già ce lo ha e sono gli 11 milioni accantonati per il post mortem e ciò rende la cosa ancora più ridicola. Sentenze del Tar ignote? Francamente è allucinante: il Tar ha eliminato l'ipotesi del TMB e se non c'è tale impianto non si può fare nessun altro sversamento», affonda ancora l'Assessore, rammentando il fatto che per legge la cuccagna monnezzara non può più funzionare come prima, quando si scaricava tutto senza un minimo di trattamento. Adesso è obbligatorio almeno sminuzzarla con i TMB.

«SE NON BONIFICANO, LO FAREMO NOI. E GLI CHIEDEREMO LE SPESE»

«Ma la Regione Lazio con l'adeguamento del fabbisogno impiantistico preliminare al nuovo Piano rifiuti regionale ha già detto che il TMB non serve a Latina e provincia – aggiunge Lessio -. Qualcuno ha detto che avevano invece già iniziato i lavori per tale TMB, ma a me risulta che non hanno piantato movimentato neanche una palata di terra. A breve riconvocheremo tutte le parti, pubbliche e private, per chiudere la conferenza dei servizi sull'inquinamento delle falde idriche là sotto. La procedura di bonifica non è completata, c'è una inadempienza da parte di Ecoambiente e quindi partirà una procedura di sostituzione in danno: la bonifica la fa il Comune coi soldi anticipati dalla Regione, e poi il privato rifonderà le spese. Altro che due e milioni e mezzo di danni… ».

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
28/01 1580236140 Paradiso sul mare a rischio, il Sindaco convoca Provincia e Sovrintendenza
28/01 1580235960 Mnemosine, gli studenti di Nettuno non dimenticano la Shoah
28/01 1580226840 Invasione di pecore sulla Pontina Vecchia, auto ferme ad aspettare il passaggio
28/01 1580226060 In un mese hanno truffato anziani incassando circa 100mila euro: due arrestati
28/01 1580214720 Arrivano gli scooter elettrici per i portalettere di Latina
28/01 1580211600 Al liceo Volterra di Ciampino si vota: studenti scelgono la settimana normale
28/01 1580209140 La sciabolatrice Alessia Piccoli sul podio ai campionati del Mediterraneo
28/01 1580207760 Controlli vicino alle aree cani di Pomezia: 27 multe per mancanza di microchip
28/01 1580204820 Furto all’asilo nido di Nettuno, rubati i viveri della mensa dei bimbi
28/01 1580203020 Ariccia, pedone investito via delle Cerquette durante il temporale: è grave
28/01 1580202960 "Guardie Zoofile a Scuola", all'incontro a Cecchina c'era anche il cocker Rino
28/01 1580201400 Tassa di soggiorno: più controlli e pagamenti web, Pomezia incassa 160mila euro
28/01 1580199540 Si sente male nel traffico della Pontina: 57enne soccorso in eliambulanza
28/01 1580197560 Carcere confermato per Sisco, il pusher che avrebbe venduto metadone a Desirée
28/01 1580197440 Sezze, il consigliere Bernasconi passa dal Pd a Italia Viva
28/01 1580196300 Carla Amici assessore di Latina: verifica su potenziali incompatibilità
28/01 1580195940 Da Cisterna alle Marche per derubare nelle case: finita la fuga di tre croati
28/01 1580195340 Minaccia la ex sotto casa con una pistola giocattolo: arrestato
27/01 1580144220 Ricercato per l'omicidio della moglie in Pakistan, 31enne rintracciato a Latina
27/01 1580142960 Bloccarono un uomo in preda a raptus, premiati 8 agenti di polizia locale
27/01 1580142180 Alle Scuderie Aldobrandini la mostra "Segno di artisti poeti di scena"
27/01 1580141940 Al via il progetto Pegaso (modificato) contro la pesca a strascico a Torvaianica
27/01 1580140260 Femminile. Nuovo Latina Lady, steso l’Esercito Aprilia
27/01 1580139660 Alternativa per Anzio: “Il fascismo è un crimine, diciamo grazie a Borrometi”
27/01 1580139540 Passaggi al mare chiusi a Nettuno, i cittadini scrivono a Sindaco e Procura

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli