[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ancora difficoltà ai Castelli

Reparti dei vecchi ospedali e visite a rischio: sanità da rilanciare

NARCISO MOSTARDA
Direttore generale della Asl Rm6
NARCISO MOSTARDA Direttore generale della Asl Rm6

Ospedali a mezzo servizio, reparti in difficoltà, emorragia di personale e posti letto, utenti in attesa nei pronto soccorso. È una sanità in costruzione, quella del bacino castellano e litoraneo dell'AslRm6, che sta cercando con impegno e e dedizione di consegnare alla cittadinanza servizi e prestazioni quanto più efficaci ed efficienti possibile. Con risultati, almeno ad oggi, alterni, che non sempre soddisfano l'utenza e conducono, in alcuni casi, alla polemica politica tra enti territoriali. Sono tante le questioni aperte e i presidi in cerca di rilancio: dal San Giuseppe di Marino, che in tanti vogliono ritorni h24, al presidio di Velletri, in attesa del necessario potenziamento; dal Riuniti di Anzio-Nettuno, che ha visto il reparto di pediatria a rischio chiusura (allarme per ora rientrato, ndr) al San Sebastiano di Frascati, che ha vissuto recentemente alcune criticità. E poi c'è il Policlinico dei Castelli Romani, inaugurato lo scorso dicembre ma ancora alla ricerca della massima ottimizzazione. Insomma, la sanità castellana è incastrata nella contraddizione: tra rilancio sperato e problematiche del presente. Alla squadra del direttore generale dell'AslRm6, Narciso Mostarda, risolvere criticità e garantire il diritto alla salute del cittadino. Una mission davvero non facile.    


VELLETRI
COLOMBO: SERVE UNA STRATEGIA DI RILANCIO

Tra gli ospedali castellani maggiormente bisognosi di rilancio, figura senza dubbio quello di Velletri, che serve un bacino ampio e variegato. Nel presidio si attende da tempo l'ampliamento del pronto soccorso, la camera calda e la tac: insomma, servizi e macchinari fondamentali per il potenziamento dell'ospedale veliterno. A settembre la politica regionale ha ruggito, sottolineando le criticità e chiedendo un intervento fattivo delle istituzioni competenti: “Al di là delle promesse dei vertici aziendali e del totale disinteresse di Zingaretti, in ben altre cose affaccendato, l’Ospedale di Velletri continua a perdere pezzi”, ha tuonato il consigliere meloniano, Giancarlo Righini, secondo il quale non si arresta “l’emorragia di posti letto e di servizi, unita alle enormi difficoltà che si vivono all’interno del Pronto Soccorso”. Sul tema Narciso Mostarda, Direttore generale della Asl Roma 6, ha incontrato il Sindaco di Velletri, Orlando Pocci, con l'obiettivo di elaborare una strategia sinergica per il nosocomio veliterno ed elaborare un piano operativo per potenziare alcuni servizi fondamentali della struttura sanitaria. Questo il punto del dg: “Siamo impegnati, già da qualche mese, nel completamento dell'iter amministrativo per la gara d'acquisto della nuova tac, di cui prevediamo la conclusione entro tre mesi”. Mentre sula camera calda “è in corso una revisione progettuale” per la sua realizzazione e “l'ampliamento del pronto soccorso, già finanziati”. Il potenziamento dell'ospedale passa ovviamente anche per le assunzioni di nuovo personale, che nel 2019 sono state, finora, 25, fra medici, infermieri e tecnici.


MARINO
IL SAN GIUSEPPE DA VALORIZZARE: “DOVREBBE TORNARE H24”

Come detto, sui territori è forte la voglia di avere una sanità all'altezza delle aspettative collettive. Pure a Marino, dove da qualche mese è nato un comitato, guidato dall'ex sindaco Giulio Santarelli, che chiede la definitiva valorizzazione del San Giuseppe, ospedale dal passato glorioso e oggi ridimensionato nelle prestazioni. Il comitato ha organizzato incontri sul territorio e parlato con la dirigenza dell'AslRm6 ribadendo la centralità del nosocomio marinese, nell'auspicio di farlo ritornare un h24 e non semplicemente un h12, come avviene attualmente. Una tesi sposata in tempi non sospetti dal sindaco di Marino, Carlo Colizza, secondo il quale “il San Giuseppe, dunque, deve tornare ad avere una piena centralità operativa, all'interno di un contesto che vede un deficit strutturale di posti letto non colmato dalla apertura dell'Ospedale dei Castelli ma anzi è aggravato dalla contestuale chiusura dei nosocomi di Genzano di Roma e Albano Laziale”. Questo il pensiero del primo cittadino. Vedremo cosa ne penserà il direttore dell'Asl Mostarda.


FRASCATI E ANZIO
OSPEDALI IN DIFFICOLTÀ

Chi non se la passa certamente meglio sono due ospedali cardine dell'AslRm6: il San Sebastiano di Frascati, punto di riferimento dell'area tuscolana, e il Riuniti di Anzio-Nettuno, presidio importante del territorio litoraneo a sud dei Castelli Romani. Entrambi hanno recentemente vissuto l'alzata di scudi di cittadini e istituzioni in merito ad alcuni servizi a singhiozzo o a rischio operatività. Il San Sebastiano è finito alla ribalta delle cronache per la presunta momentanea interruzione del laboratori di analisi: “A quanto risulterebbe oggi – ha denunciato il 18 settembre il consigliere regionale, Antonello Aurigemma -, i prelievi non sarebbero stati trasferiti al Sant’Eugenio (hub di riferimento) e sarebbero rimasti in sede. Qualora fosse vero, ne conseguirebbe il rischio, vista l’attesa, dell’affidabilità dell’esito delle analisi stesse”. Sul tema l'esponente della Pisana aveva annunciato anche una interrogazione urgente. Ma pronta è giunta la risposta dell'AslRm6: “Non c’è stata alcuna interruzione di servizio”, e “i cittadini non sono stati privati del servizio dei prelievi che ha avuto una parziale interruzione della durata di 30 minuti causata da un blocco informatico che ha coinvolto la ASL Roma 2 e la Asl Roma 6 per le prestazioni di medicina di laboratorio”. Blocco poi risolto e al termine del quale le accettazioni presso il Cup di Frascati sono regolarmente riprese. Ore di preoccupazione anche tra Anzio e Nettuno, dove i due sindaci sono saltati dalla sedia e poi hanno promesso le barricate contro il rischio chiusura del reparto di pediatria. Una alzata di scudi, accompagnata da un coro unanime di sostegno da cittadini, opposizioni locali e rappresentanti della Regione Lazio, che pare abbia smosso le volontà dell'Azienda sanitaria: “La grave carenza di medici specialisti in Pediatria già da diverso tempo ha messo in crisi soprattutto l’Ospedale Riuniti. Negli ultimi mesi abbiamo potuto garantire la piena operatività solo grazie a una convenzione con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Abbiamo ricevuto conferma che detta convenzione, che ci garantisce pediatri di elevata professionalità, proseguirà. Possiamo rassicurare le future mamme e tutte le famiglie che il punto nascita della struttura ospedaliera continuerà a svolgere la normale attività”. Per ora, il reparto è salvo.


OSPEDALE CASTELLI
I NUMERI (E I MACCHINARI) NON BASTANO

Lo scorso dicembre l'ospedale dei Castelli ha finalmente aperto le porte. Un policlinico dai grandi numeri: la superficie totale misura 15 ettari, 60 mila i metri quadrati di superficie coperta e un totale a regime di 342 posti letto. E' dotato di macchine a elevata performance tecnologica - due risonanze magnetiche, due Tac, due Angiografi, tre mammografi digitali con tomosintesi e stereotassi e varie altre apparecchiature per la diagnostica per immagini. I nuovi ambulatori sono 22 con 17 posti a disposizione per la dialisi e 14 reparti per le acuzie. Undici i macchinari per la diagnostica per immagini, 9 le sale operatorie e 22 ascensori. Insomma, sulla carta, un ospedale preparato per tutte le evenienze. Eppure non sono mai mancate le segnalazioni dei cittadini che si lamentano della precarietà di alcuni servizi o le denunce mediatiche in merito alla mancata ottimizzazione della struttura. Serve tempo, è vero, ma la comunità chiede servizi efficienti ed efficaci, soprattutto visto e considerato che l'apertura dell'ospedale dei Castelli è arrivata con la contestuale chiusura dei nosocomi di Albano, Genzano ed Ariccia.


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:15 1590941700 Non si ferma la movida a Frascati, maxi rissa a piazza Paolo III
16:32 1590935520 Ancora buone notizie della Asl di Latina: 0 positivi e 0 decessi
16:32 1590935520 Dieci positivi e sette decessi tra Roma e provincia: i dati delle Asl
16:26 1590935160 Genzano, incidente in moto. Ferita grave una ragazza trasportata con elisoccorso
16:23 1590934980 Matteo Salvini a Sabaudia, giornata di relax per il leader della Lega
13:10 1590923400 Ciampino, la polizia locale scopre con i droni terreno adibito a discarica
13:00 1590922800 Sabaudia, 38enne con cocaina e 430 euro in casa: trasferito ai domiciliari
12:53 1590922380 Banconote false e droga a casa: arrestato un 56enne di Latina
11:40 1590918000 Aereo precipita tra Nettuno e Latina: due morti carbonizzati
11:07 1590916020 Grottaferrata, test sierologici per dipendenti comunali e agenti in corso
10:42 1590914520 Dalla sua auto effettuava le consegne della droga: scoperto dalla Polizia
10:14 1590912840 Nelle mutande nasconde 11 involucri di cocaina e 250 euro: arrestato
10:13 1590912780 Residenti segnalano spaccio: la Polizia arriva e arresta due pusher
10:08 1590912480 Latina, torna il mercatino della memoria da domenica 7 giugno
09:57 1590911820 Coronavirus, positivo un dipendente del comune di Anzio, corsa ai controlli
09:54 1590911640 La polizia riporta in chiesa la collana rubata a Nostra signora delle Grazie
09:46 1590911160 Il Sindaco consegna le prime mascherine nella zona pub di Latina
09:30 1590910200 Tutte le regioni riapriranno dal 3 giugno: lo ha deciso il Governo
30/05 1590870240 Nettuno protagonista dell’estate, si prepara la stagione in tutta sicurezza
30/05 1590869940 Tensioni nella Lega ad Anzio, consiglieri sulla porta e tanti malumori
30/05 1590846060 Due soli nuovi contagi tra Castelli e litorale ma c'è anche una vittima
30/05 1590845940 Secondo giorno consecutivo senza contagi in provincia di Latina. C'è un decesso
30/05 1590844860 Latina, chiusa con ordinanza Strada della Rosa: troppo pericolosa
30/05 1590844440 Durante una lite colpisce la vittima, priva di sensi a terra. Arrestato 40enne
30/05 1590835860 Stalker continuava a importunare la ex nonostante il divieto di avvicinamento

Sport
< <


Intervista a Claudio Di Berardino

Cassa integrazione ok. Ma quali i tempi?

Intervista a Claudio Di Berardino

Claudio di Berardino è assessore regionale con due deleghe fondamentali, soprattutto in questo momento di emergenza: lavoro e...

Inchieste
[+] Mostra altri articoli