[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina, studiare in carcere

Lezioni di diritto da dietro le sbarre: i racconti della docente volontaria FOTO

<
>
Daniela Miceli - Volontaria che svolge lezioni di diritto in carcere a?Latina
Daniela Miceli - Volontaria che svolge lezioni di diritto in carcere a?Latina

Studiare diritto in carcere. Può sembrare un ossimoro, ma approfondire i concetti di giustizia, la logica della sanzione come conseguenza; riflettere sui perché e sulle responsabilità è proprio ciò che fa una classe di detenute del carcere pontino. E sono molto di più di un corso, lezioni frontali, gli incontri che la professoressa Daniela Miceli svolge a titolo volontario tutti i lunedì nella casa circondariale di Latina. Qui hanno lavorato con lei le detenute Silvana e Paola, Franca e Concetta le cosiddette “veterane”, Benedetta e Vera le “supporter”, Angela ed Anna Maria, quest’ultime oggi non più a Latina perché trasferite in un altro carcere: sono loro le protagoniste e destinatarie del progetto nella casa circondariale di Via Aspromonte. Hanno lavorato e lavorano con impegno. “Si è instaurato un rapporto cordiale, di rispetto; non si parla mai delle loro storie, a parte qualche confidenza – ci spiega la professoressa – Il loro impegno è costante: se do compiti da fare, li fanno e, a fine corso, sono contente di poter di fare una tesina: è la realizzazione del loro lavoro; la mandano a casa, ne sono orgogliose”. Daniela Miceli, laureata in giurisprudenza, avvocato, ha lavorato 38 anni nella scuola. Ora è in pensione. Ha lavorato a Sezze, a Terracina, a Latina al Vittorio Veneto, ma anche in alcune sedi distaccate. “Ho iniziato circa cinque anni fa, dopo dopo essere andata in pensione – ci racconta Miceli – In carcere c’era già una mia amica che svolgeva attività di volontariato. C’era una ragazza marocchina di 25 anni che doveva prendere la maturità: era davvero molto portata per lo studio; prese il diploma e poi anche la laurea in lingue, a Rebibbia. Ha scontato la sua pena, è uscita e poi si è anche sposata. La sua è stata una bella storia a lieto fine, certo però si tratta di un caso eccezionale: c’è un livello di scolarizzazione molto basso, e molti ritengono di non avere alcuna prospettiva”. Da allora la professoressa Miceli, comunque, non ha più smesso di insegnare in carcere, e lo fa sempre come volontaria: il suo corso oggi va ad intersecarsi con quello del Cpia (centro provinciale di istruzione per adulti) ed arricchisce il curriculum formativo delle detenute. “È una bellissima esperienza e di questo voglio ringraziare tutti: la direttrice del carcere Nadia Fontana, il responsabile dell’area pedagogica Rodolfo Craia, l’educatore Arturo Gallo, la dirigente del Cpia Claudia Rossi e la responsabile di sede Teresa Iazzetta con cui lavoro molto bene”. Il corso è seguito da una decina di persone, quasi tutte donne. Devono avere dei reati abbastanza importanti alle spalle, perché la sezione femminile del carcere di Latina è di alta sicurezza. Gli uomini invece vanno e vengono, perché spesso escono dopo pochi mesi oppure vengono trasferiti. I corsi di diritto puntano sull’idea di essere cittadino, sull’educazione alla legalità: quando si parla di norme e di rispetto le detenute sono recettive. Spesso aleggia il concetto che la “legge non è uguale per tutti”: più un alibi per se stessi, forse, che una reale convinzione. Si riflette sulla Costituzione, sui principi fondamentali; sono stati studiati l’ordinamento e la struttura dello Stato italiano e sono stati approfonditi i concetti di regola e di sanzione, di merito e di legittimità. Poi si parla di regime carcerario: prima bisogna spiegare ai detenuti perché ci sono dentro, molti di loro non si sono mai resi conto delle motivazioni. Si punta ad una consapevolezza delle proprie azioni, sapere a cosa si va incontro.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:15 1571498100 L'appuntamento delle mamme di Pomezia per il Baby Loss Awareness Day
16:27 1571495220 Imbrattato il monumento agli alpini ad Aprilia: denuncia contro ignoti
16:22 1571494920 Ciclo di incontri dal tema "Avvicinarsi all'arte contemporanea" dal 9 novembre
16:06 1571493960 Nuovi giochi nella scuola via dell’Olmo, festa e inaugurazione a Nettuno
16:05 1571493900 I consiglieri Mancini e Sanetti: “Poseidon, la congiura in consiglio comunale”
16:00 1571493600 Università Agraria di Nettuno, Valter Conte annuncia ricorso alla sentenza
15:32 1571491920 In casa nascondeva cocaina e una pistola, arrestato ventenne a Latina
15:27 1571491620 Zig-zag sulla Pontina: fermato dai carabinieri, nascondeva 2 kg di droga in auto
11:27 1571477220 In sosta nei parcheggi del megastore chiuso con 250 g di droga in auto
11:07 1571476020 Il “viaggio” dello sketcher pontino Giancarlo De Petris a Mestre e in Francia
11:01 1571475660 Sbanda, invade la corsia opposta e danneggia altre auto e recinzioni
10:58 1571475480 Si cappotta con l'auto e danneggia un muro di cinta
10:48 1571474880 Tragico incidente in un'officina, muore un ragazzo di 26 anni
10:28 1571473680 In fuga col furgone rubato dopo il colpo a Ciampino: preso dopo un inseguimento
10:20 1571473200 Inaugurata l'area di sgambatura cani alla villa comunale Ginnetti a Velletri
10:15 1571472900 Troppe barriere architettoniche: il Comune di Latina chiude un bar e un bistrot
10:12 1571472720 Iniziativa formativa della CISL FP per la Polizia Locale
10:07 1571472420 Botte ai carabinieri intervenuti per sedare una lite: arrestata una coppia
18/10 1571424600 Maxi boa approda sulla spiaggia alla Dea Fortuna ad Anzio, le foto dei passanti
18/10 1571424480 Tentata rapina con la pistola ad un imprenditore di Nettuno, ricercati in due
18/10 1571424360 L’assessore Coppola in consiglio: “Difformità nelle fatture Poseidon”
18/10 1571419800 Fugge col furgone alla vista della Polizia: era ubriaco e senza assicurazione
18/10 1571411760 Coppa Italia, l’Indomita Pomezia stende il Pian 2 Torri nell'andata dei 32esimi
18/10 1571410440 Pomezia Calcio, arriva il difensore Antonio Di Emma
18/10 1571409900 Virtus Nettuno, si dimette mister Aldo Panicci

Sport

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli