[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Per una carta d'identità negata

Latina, ancora tensione all’Anagrafe: nuova rissa, protagonista un bengalese

(foto di archivio)
(foto di archivio)

Due episodi di violenza in due mesi, due casi diversi che però hanno avuto lo stesso esito: dalla parole si è passati alle mani. Succede a Latina, non in chissà quale zona degradata o periferica o in qualche bettola notturna, ma all’interno di uffici comunali, per la precisione all’Anagrafe di via Ezio. Un posto che sembra seguire tutti i vecchi stereotipi degli uffici pubblici italiani: pratiche a rilento, mancanza di personale, code infinite in ore critiche e, dulcis in fondo, tensioni tra utenti e dipendenti che alimentano un clima di tensione e di insofferenza.

Nuova sede, vecchi problemi: con il trasferimento dell’Anagrafe da corso della Repubblica presso i locali di via Ezio la situazione non sembra essere ancora migliorata. Disservizi e disagi li abbiamo documentati sia per la vecchia sede che per la nuova, che non ha avuto proprio un battesimo felice. Nella giornata inaugurale delle attività in via Ezio, lo scorso 17 giugno, è infatti andata una scena una rissa tra due utenti, esasperati - sempre che sia un’attenuante - da un servizio non propriamente ‘svizzero’. Già, perché l’inizio delle attività nei nuovi uffici è stato scandito da carenze di organico e quindi postazioni inattive, poca chiarezza nella ripartizione delle mansioni tra i vari dipendenti con specifica categoria di assunzione, a cui si aggiunge la confusione per la presenza di più servizi: oltre vari uffici del servizio anagrafico (carte d’identità, servizio autentiche e atti notori, immigrazione e stato civile - sono infatti presenti anche quello del servizio elettorale. Il fatto e le criticità emerse hanno così riacceso le polemiche, sia tra la cittadinanza che all’interno del dibattito politico locale, per la scelta dell’amministrazione Coletta di accorpare i vari servizi e trasferire il resto degli uffici anagrafici nella struttura di fronte la Procura.

E la principale sede anagrafica del capoluogo continua a non aver pace, anche perché quando le attività burocratiche sembrano procedere senza particolari intoppi, ci si mette qualche utente particolarmente incivile. Come ad esempio nella mattinata di ieri, quando un uomo originario del Bangladesh ha dato in escandescenza. “Ce la siamo vista brutta”, ci raccontano dagli uffici.

Sono le 10.30 circa e il cittadino bengalese si presenta allo sportello per ritirare la carta d’identità. Ma, quando gli fanno notare che non poteva richiedere il documento d’identità presso un Comune in cui non è residente (il soggetto risiede a Cisterna) e che, comunque, non bastava mostrare la semplice ricevuta di rilascio del permesso del soggiorno (occorre bensì consegnare il documento originale), l’uomo va su tutte le furie. Prima ha iniziato a inveire contro i dipendenti, apostrofandoli come ‘razzisti’, e poi, una volta uscito nel piazzale antistante l’ingresso, si è scagliato contro un altro utente, con cui è nata una breve colluttazione. L’intervento della Polizia ha spento definitivamente gli animi piuttosto accesi, anche se sembra che l’uomo che ha dovuto fare i conti con l’extracomunitario decisamente ‘su di giri’, a parte un paio di occhiali rotti, non abbia riportato particolari traumi. Ad ogni modo, la tensione all’interno dell’Anagrafe di Latina oramai si taglia con il coltello: una situazione tragicomica per un ufficio pubblico e a tratti svilente sia per gli utenti che per i dipendenti.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
08:25 1576481100 Colpo al supermercato di Borgo Montello: ladri fuggono con il bottino
15/12 1576432080 Natale delle Meraviglie ad Anzio con il Presepe vivente e l'animazione in centro
15/12 1576431960 Alberi caduti a Nettuno, l’assessore Marco Roda ringrazia la Polizia locale
15/12 1576431840 Restituite dai cittadini le statuine rubate al presepe di Anzio Colonia
15/12 1576430760 Contributi integrativi per i canoni di locazione: i moduli sul sito del Comune
15/12 1576430580 Io Sono l'Altro: il presepe di Lanuvio ispirato ad accoglienza e multirazzialità
15/12 1576429500 500 alberi donati dalla comunità Sikh a Latina: piantati i primi
15/12 1576423560 Tragedia durante la Mezzamaratona di Latina: runner si accascia a terra e muore
15/12 1576422300 Chiuso un tratto di Appia: rimozione di alberi in corso
15/12 1576416840 Agenti di Polizia Locale aggrediti mentre lavorano: il caso a Frascati
15/12 1576416540 Beccato a spacciare di notte a Sermoneta: 23enne arrestato dai Carabinieri
15/12 1576416240 Denunciati due ladri di lavatrice: la trasportavano furtivamente in macchina
15/12 1576412340 Antiche rovine nel giardino di Ninfa: via al progetto di restauro
15/12 1576412100 Due auto parcheggiate in strada distrutte dalle fiamme: indagini in corso
15/12 1576407600 Roma-Latina, l'assessore regionale: i soldi ci sono, ma niente cantieri per ora
15/12 1576401420 Fotofinish: lo spettacolo di Rezza e Mastrella al teatro Vascello di Roma
15/12 1576401000 Un Natale che sa di Rodari: 200 bambini dell Matteotti di Aprilia in concerto
15/12 1576400400 Feste Sicure: aumentano i controlli dei carabinieri nei luoghi più frequentati
15/12 1576400220 Velletri, stretta sullo spaccio: arrestato un artigiano spacciatore
15/12 1576396860 Arrestato insospettabile commesso di Pomezia: a casa aveva 100 grammi di droga
15/12 1576396440 Camion della differenziata si sfrena e si schianta contro un'auto parcheggiata
15/12 1576395720 Incidente tra due auto sulla Pontina: una è fuggita. Un ferito in ospedale
15/12 1576390980 Quando il mare uccide delfini e tartarughe: i casi a Anzio, Latina e Torvaianica
14/12 1576345020 Le sardine riempiono piazza San Giovanni. Presenze record anche per la Questura
14/12 1576340220 Il discendente dei Kennedy a Latina: "La politica dovrebbe unire, non dividere"

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli