[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Risarcimenti anche a Comune e Regione

Nove condanne per 'Alba pontina'. Il giudice: quella dei Di Silvio fu mafia

Accuse confermate. Compresa quella di mafia, la più pesante. Il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Roma, Annalisa Marzano, ha condannato i nove imputati che, al termine dell’inchiesta denominata “Alba Pontina”, hanno scelto di essere processati con rito abbreviato. I pm Luigia Spinelli e Claudio De Lazzaro avevano chiesto condanne per circa ottanta anni di carcere e il giudice le ha inflitte per circa 74 anni. Nel corso della loro requisitoria i pubblici ministeri avevano ricostruito le indagini portate avanti dalla squadra mobile di Latina su quella che a loro avviso è un’associazione per delinquere di stampo mafioso, messa in piedi nel capoluogo pontino dai Di Silvio di Campo Boario e dedita alle estorsioni, all’usura, all’intestazione fittizia di beni, al traffico di droga e alla corruzione elettorale. Una tesi che ha appunto convinto il giudice Marzano. Condannati dunque i figli del presunto boss Armando “Lallà” Di Silvio: 17 anni e 4 mesi di reclusione a Gianluca detto “Bruno”, 16 anni e 8 mesi a Samuele e 16 anni e mezzo a Ferdinando “Pupetto”. Condannati poi a 4 anni e 4 mesi Gianfranco Mastracci, a 5 anni Daniele “Canarino” Sicignano, a 4 anni Valentina Travali, a 4 anni e 2 mesi Mohamed Jandoubi e Hacene Hassan Ounissi, e a 10 mesi Daniele Coppi. Un processo in cui hanno pesato le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Renato Pugliese, figlio del capo nomade Costantino Cha Cha Di Silvio, e Agostino Riccardo. Disposti infine risarcimenti per le parti civili. “La condanna a oltre settanta anni di carcere complessivi ad esponenti e affiliati del Clan di Silvio di Latina – ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - è il risultato di complesse ed efficaci indagini della Questura di Latina e della Dda di Roma, sostenute da istituzioni e cittadini. Una sentenza importante che riconosce l’associazione di stampo mafioso e accoglie, dunque, l’impianto accusatorio degli inquirenti. Come Regione ci siamo costituiti parte civile al processo per sostenere le vittime e il lavoro degli investigatori verso i quali esprimiamo un convinto ringraziamento. Alla Regione Lazio è stato riconosciuto dalla sentenza un risarcimento danni per 40.000 euro che reinvestiremo sulla cultura dei giovani attraverso progetti di educazione alla legalità per il territorio pontino”. “La sentenza odierna – ha aggiunto il sindaco di Latina, Damiano Coletta - dispone un risarcimento danni di 50mila euro in favore del Comune di Latina, che si è riconosciuto parte civile insieme con altre associazioni, e di 40mila euro per la Regione Lazio. Sono soldi che torneranno alla collettività. Li useremo per i patti di collaborazione, per l’acquisto di strumenti e per il bene comune. Colgo l’occasione per complimentarmi con l’Avvocatura del Comune”. Il processo principale scaturito dall’inchiesta “Alba Pontina” intanto è ancora in corso davanti al Tribunale di Latina.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:48 1576432080 Natale delle Meraviglie ad Anzio con il Presepe vivente e l'animazione in centro
18:46 1576431960 Alberi caduti a Nettuno, l’assessore Marco Roda ringrazia la Polizia locale
18:44 1576431840 Restituite dai cittadini le statuine rubate al presepe di Anzio Colonia
18:26 1576430760 Contributi integrativi per i canoni di locazione: i moduli sul sito del Comune
18:23 1576430580 Io Sono l'Altro: il presepe di Lanuvio ispirato ad accoglienza e multirazzialità
18:05 1576429500 500 alberi donati dalla comunità Sikh a Latina: piantati i primi
16:26 1576423560 Tragedia durante la Mezzamaratona di Latina: runner si accascia a terra e muore
16:05 1576422300 Chiuso un tratto di Appia: rimozione di alberi in corso
14:34 1576416840 Agenti di Polizia Locale aggrediti mentre lavorano: il caso a Frascati
14:29 1576416540 Beccato a spacciare di notte a Sermoneta: 23enne arrestato dai Carabinieri
14:24 1576416240 Denunciati due ladri di lavatrice: la trasportavano furtivamente in macchina
13:19 1576412340 Antiche rovine nel giardino di Ninfa: via al progetto di restauro
13:15 1576412100 Due auto parcheggiate in strada distrutte dalle fiamme: indagini in corso
12:00 1576407600 Roma-Latina, l'assessore regionale: i soldi ci sono, ma niente cantieri per ora
10:17 1576401420 Fotofinish: lo spettacolo di Rezza e Mastrella al teatro Vascello di Roma
10:10 1576401000 Un Natale che sa di Rodari: 200 bambini dell Matteotti di Aprilia in concerto
10:00 1576400400 Feste Sicure: aumentano i controlli dei carabinieri nei luoghi più frequentati
09:57 1576400220 Velletri, stretta sullo spaccio: arrestato un artigiano spacciatore
09:01 1576396860 Arrestato insospettabile commesso di Pomezia: a casa aveva 100 grammi di droga
08:54 1576396440 Camion della differenziata si sfrena e si schianta contro un'auto parcheggiata
08:42 1576395720 Incidente tra due auto sulla Pontina: una è fuggita. Un ferito in ospedale
07:23 1576390980 Quando il mare uccide delfini e tartarughe: i casi a Anzio, Latina e Torvaianica
14/12 1576345020 Le sardine riempiono piazza San Giovanni. Presenze record anche per la Questura
14/12 1576340220 Il discendente dei Kennedy a Latina: "La politica dovrebbe unire, non dividere"
14/12 1576337160 Genzano, anziano colto da un malore in piazza Frasconi. Ora in buone condizioni

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli