[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Operazione tra Roma e Labico

Rubavano e riciclavano veicoli: 4 arresti della Polizia stradale FOTO

Non facevano sconti a nessuno per garantirsi ingenti profitti dalla vendita di auto rubate, per ogni veicolo tre soggetti subivano danni: chi pativa il furto, chi perdeva la titolarità del veicolo e chi, infine, inconsapevolmente acquistava l’auto rubata.

L’operazione della Polizia Stradale denominata “DNA“, per le sofisticate tecniche di clonazione di veicoli utilizzate dalla banda ha portato all'arresto di 4 persone ed è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma – pool reati gravi contro il patrimonio. I reati contestati sono di riciclaggio di veicoli, furto, ricettazione e falso. Gli arresti sono stati eseguiti nella zona est di Roma e a Labico.

L’iter era, ormai, consolidato e particolarmente qualificato, funzionava così: si approvvigionavano di veicoli rubati idonei ad essere “clonati”; individuavano, su strada o nei parcheggi, un veicolo identico per iniziare la procedura di “clonazione”. Mediante una regolare visura, acquisivano i dati identificativi del veicolo e le generalità dell’ignaro intestatario; dopodiché riproducevano falsa documentazione (carta di circolazione e targhe) identica alla documentazione del veicolo regolare.

Da quel momento il veicolo rubato, che nel frattempo aveva subito anche la contraffazione del numero di telaio ed era stato dotato della falsa documentazione, era pronto per il trasferimento di proprietà che veniva effettuato dagli stessi malfattori, con false procure speciali, corredate di vidimazioni notarili fasulle.

L’ulteriore danno della condotta criminosa comportava che il vero intestatario del veicolo perdesse, inconsapevolmente, la legittima titolarità dell’autovettura.

Gli investigatori hanno ricostruito la struttura dell’organizzazione, individuando gli specifici ruoli e competenze di ciascuno.

Il soggetto C. C. di anni 43, talvolta, anche usando generalità e documenti falsi, avvalendosi della stretta collaborazione di un fidato complice G. J. C. di anni 35 (delegato alla vendita), si rivolgeva a vari studi di consulenza automobilistica (sportello telematico dell’ automobilista) ove, con la documentazione alterata, riusciva nel suo intento fraudolento, ad ottenere il trasferimento di proprietà in favore dell’ignaro acquirente che pagava a “prezzo di mercato” un veicolo rubato.

L’indagine ha avuto origine dalla “brutta sorpresa” in cui è incappato il proprietario di un'auto che aveva deciso di vendere il suo veicolo. Quando si è recato a fare il passaggio di proprietà ha scoperto che la sua auto non era più sua ma di altri.

L’indagine ha evidenziato che il disagio ed il danno economico subito delle vittime è stato elevato, al punto di condurre una di esse a rivolgersi alla trasmissione televisiva “Mi manda Rai 3”, per sollevare l’attenzione sul fenomeno e sollecitare l’annullamento del “falso” passaggio di proprietà presso il PRA della propria auto.

Nel corso degli interventi la Polizia Stradale, sia a Roma che in altre città, ha sequestrato oltre una decina di auto di media e grossa cilindrata, dando conferma che la strategia criminale perseguita fosse ben coordinata e seguisse sequenze precise, nei tempi e nelle modalità, come una vera e propria attività imprenditoriale. Inoltre, durante gli accertamenti effettuati nella fase investigativa uno dei componenti della banda è stato arrestato perchè trovato in possesso di una pistola rubata.

Pertanto C. C., già agli arresti domiciliari, con braccialetto elettronico, per la detenzione illegale di armi e V. G., di anni 60, sono stati accompagnati presso il carcere di Roma “Regina Coeli” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre per gli altri due G. J. C. e L. M. di anni 67 sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Continuano le indagini finalizzate alle ricerche di altri complici e all’individuazione di altri veicoli che possano aver subito le stesse sorti.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:31 1571247060 Critiche ‘politiche’ ai lavori, l’assessore Ranucci di Anzio si è dimesso
19:29 1571246940 Furgone del supermercato rubato ad Anzio e ritrovato grazie ai sociale
19:27 1571246820 L’assessore regionale promette nuovi fondi per l’Ospedale di Anzio e Nettuno
19:25 1571246700 Il Tribunale boccia il ricorso di Conte niente indennità dall’Agraria di Nettuno
18:36 1571243760 Arrivate a Ciampino le salme dei poliziotti uccisi in Questura a Trieste
18:14 1571242440 Recuperate ad Aprilia e Roma dalla Polstrada due Range Rover rubate
17:15 1571238900 La Fiera del turismo di Rimini lancia "La via dei Caetani" Cisterna-Sermoneta
17:13 1571238780 Il parco di via Ugo Bassi a Marino intitolato a Maura Carrozza
16:59 1571237940 Gli artisti del festival del circo di Latina in udienza da Papa Francesco
16:55 1571237700 Castel Gandolfo illuminata di rosa con l'energia prodotta dall'attività sportiva
16:30 1571236200 ‘I precursori dell’ambientalismo’: scrittore di Ariccia vince premio letterario
14:22 1571228520 Marino, il parco di via Bassi verrà intitolato a Maura Carrozza
13:51 1571226660 Di Silvio guida con patente revocata e dà false generalità: arrestato
11:56 1571219760 Pomezia, intesa Comune - Caf: più servizi e assistenza fiscale per i cittadini
11:44 1571219040 Nostra Madre Terra, lo spettacolo musicale dell'istituto comprensivo Matteotti
11:14 1571217240 Albano, sgominata banda di ladri di auto. 6 arresti e numerose perquisizioni
09:32 1571211120 Open Day ai Castelli il 20 ottobre: visite guidate a musei e beni artistici
09:07 1571209620 20enne litiga con uno straniero: è in coma per le bastonate ricevute
09:02 1571209320 Pomezia, riasfaltatura di via del Mare: da stasera al via il cantiere notturno
08:57 1571209020 Sfruttamento dei lavoratori: il Comune non si costituisce parte civile
08:44 1571208240 Rocca di Papa, esposto in procura sulle perimetrazioni dei nuclei abusivi
08:38 1571207880 Residenti chiedono messa in sicurezza della ciclabile di via Gallerie di Sotto
08:35 1571207700 Botte a un 62enne mentre due donne stanno a guardare: un arresto e due denunce
08:28 1571207280 Sequestrati 300 kg di alimenti avariati al mercato. Minacciati gli agenti
08:23 1571206980 Prostituirsi non è reato: la lucciola vince al Tar e può tornare nella sua città

Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli