[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

A cura di Italia Solidale

Perché nelle famiglie oggi si soffre tanto? FOTO

<
>
GEMELLAGGI INTERNAZIONALI DI VITA
Marilena Bosco e il marito Stefano con Juan, il bimbo adottato, e il papà Alcide
GEMELLAGGI INTERNAZIONALI DI VITA Marilena Bosco e il marito Stefano con Juan, il bimbo adottato, e il papà Alcide

La famiglia, per noi italiani, è sempre stata la “Sicurezza”. Oggi non è più così. Nei centri di ascolto di Roma si osserva che, per un numero crescente di persone, la famiglia è “fonte primaria di sofferenza”. Ma c’è di più: secondo gli esperti, nel nostro paese, si sta verificando un cambiamento antropologico: “Fare famiglia è sempre meno un progetto d’amore creativo e sempre più un modo per soddisfare le esigenze di ‘star bene’ dei singoli”.  Si sta però sempre meno bene. Aumentano il disagio psichico, le violenze, le dipendenze da alcol, il gioco d’azzardo, ecc... Perché? Come risolvere? Nessuno lo sa, ma oggi risolvere è più necessario che mangiare, altrimenti c’è la morte. In Italia, nel 2018, si è verificata la più grave recessione demografica degli ultimi 100 anni: solo 439.000 bambini nati contro 633.000 persone morte (dati Istat). Italia Solidale – Mondo Solidale offre una soluzione sperimentata a tutto questo: 2.500.000 persone in Italia, Africa, India e Sud America stanno ritrovando sé, la propria relazione con Dio, la propria capacità di ben amare  e di ben lavorare fino ad essere sussistenti e solidali. Centinaia di migliaia di famiglie e bambini si salvano! Se volete sperimentare tutto questo leggete i libri e i documenti di Padre Angelo Benolli O.M.V., coinvolgetevi nei “Giardini” del vostro territorio e nei “gemellaggi mondiali”, frutto di tutta questa nuova cultura di Vita. Nei libri si trova una nuova antropologia per “uscire da ogni inganno”. Nei “giardini” ci s’incontra settimanalmente con i libri, in comunità di 5 famiglie, si scambia, si prega, si cresce, si amano le altre famiglie del territorio e si salvano altri bambini nel Sud del mondo. Ogni famiglia italiana ha la gioia di essere in relazione con un bambino e una famiglia del Sud del mondo, grazie al nuovo modo di far missione a distanza sviluppati da P. Angelo. Anche le famiglie del Sud del mondo fanno i “giardini” e sono missionarie, trovando un donatore locale per un bambino di un altro continente in uno scambio d’amore mondiale. Questi “gemellaggi” fondati sul Carisma di Sviluppo di vita e missione, sono la base per “rifondare” la famiglia nell’Amore e dare così la Vita a tutte le famiglie del mondo di oggi.

PRIMA LA PERSONA POI LA FAMIGLIA
Estratto di P. Angelo Benolli - Tratto dalla raccolta “O si vive o si muore” “La meraviglia della famiglia non è tanto l’unione parentale quanto la natura inserita in ogni persona che aspetta sempre dai familiari la più profonda attenzione e comprensione, il più profondo sostegno e scambio d’amore. Quest’esigenza è talmente costitutiva di ogni persona che spessissimo molte persone rinunciano alla propria identità pur di non rimanere sole e senza relazioni. Proprio in questa così profonda necessità di rapporto, matura la tragedia che spesso annulla tutte le più autentiche forze di scambio. Quante famiglie infatti vogliono incontrarsi e non ci riescono, vogliono intese significative, ma i loro momenti insieme si riducono a banchetti, scambi formali, razionali o materiali. Così vivono molte famiglie e per questo, anche, molte di esse si sfasciano. Non è l’accordo o il disaccordo che conta, ma la capacità di vedere o risolvere autenticamente ciò che porta ai falsi accordi o agli sconvolgenti disaccordi.  Questa capacità, spesso, all’interno delle coppie e delle famiglie non esiste o non viene sviluppata, perché, come ho già ripetuto più volte, difficilmente si trova chi sappia autenticamente aiutare con giusto amore e competenza. Molti rinunciano a credere alla possibilità di un autentico rapporto familiare, si compensano con altri sciocchi incontri, si chiudono si disperano, fuggono. Si fanno molte chiacchiere, circolano molti odiosi giudizi, si fanno anche delle riunioni, spesso utili, ma che non arrivano a vedere e risolvere definitivamente i contrasti tra le persone. È vitale pertanto, oggi più che mai, ricevere, ritrovare e diffondere, a livello personale e relazionale, una cultura di vita che veramente offra delle autentiche risoluzioni a tanti contrasti che si soffrono inconsciamente in tante famiglie. Questo è uno degli scopi fondamentali dei miei libri, dei ‘giardini’ e dell’aiuto che diamo ai bambini e alle famiglie di tutto il mondo”. 


Il libro e l’adozione ci hanno reso vera famiglia 

Mi chiamo Marilena e quando abbiamo incontrato la cultura di Vita proposta da Padre Angelo io e mio marito  Stefano eravamo due persone apparentemente realizzate: tre figli, una bella casa, il lavoro andava bene e si andava d’accordo. Attraverso  una  volontaria di Italia Solidale, facemmo un’adozione a distanza in Colombia e con lei e con altre persone cominciammo ad incontrarci nel “giardino” per leggere il libro di Padre Angelo “Uscire da ogni inganno”. Quando ripenso a quel periodo sento quanto in quel momento Dio ci ha amati attraverso quei volontari e Padre Angelo Benolli. Vivo il dono di quei libri come il dono del Padre che vuole dare una speranza alla vita dei figli, inconsapevoli della loro malattia. La nostra vita “perfetta”, infatti, era un castello di sabbia che di lì a poco sarebbe crollato. Il rapporto tra me e mio marito era una relazione profondamente debole: dal primo giorno in cui ci siamo conosciuti lui mi ha messa su un piedistallo e in me questo compensava il bisogno di essere vista e amata. Dall’altra parte lui cercava una madre su  cui appoggiarsi, a cui affidarsi, e io mi sentivo in dovere di assecondarlo. In casa quindi tutto era deciso da me: dall’educazione dei figli a quello che si doveva fare nel tempo libero. Stefano era completamente assente ed io avevo incastrato la vita di tutti noi in una serie di regole da cui nessuno si poteva sottrarre, nemmeno il cane. La sua forza Stefano la esprimeva fuori casa, soprattutto nel lavoro, lavorava tanto, e più realizzava, più lavorava. Quando rientrava in casa “spegneva la testa”, giocava un po’ con le figlie e si addormentava sul divano. Questo tipo di relazione, senza che ce ne rendessimo conto, ci stava portando ad allontanarci sempre di più. Io ero sempre più insoddisfatta, perché mi sentivo schiacciata e non sentivo la sua presenza. Lui non sapeva più come rapportarsi con me, perché in tutto quello che faceva io trovavo qualcosa che non andava bene. In questa realtà, proprio perché la “vita non si inganna”, la nostra prima figlia si è ammalata di anoressia. Solo attraverso i libri di Padre Angelo abbiamo potuto capire quello che ci stava succedendo, analizzare la nostra vita, il nostro rapporto e il rapporto con i nostri figli. Grazie ai libri di Padre Angelo, ho potuto rispettare mia figlia, credere che in lei c’erano tutte le forze per guarire, io non dovevo intervenire se non lavorando su me stessa e sui miei condizionamenti. Grazie ai libri di Padre Angelo, Stefano ha potuto cogliere quanto fosse necessaria per nostra figlia la relazione con il padre, quanto fosse necessario che lui fosse un padre forte e non solo fisicamente presente. Facemmo l’adozione a distanza proprio mentre Giulia stava male. Nella relazione con Alcide e Fernanda, i genitori di Juan Sebastian, il bambino da noi adottato a distanza,  abbiamo scoperto che mentre noi ci impegnavamo con il nostro movimento a salvare la nostra famiglia e la vita di nostra figlia anoressica, anche loro in Colombia si stavano impegnando con i libri di P. Angelo e il loro movimento,  per salvare la loro famiglia e la vita di Juan Sebastian, anche lui anoressico a causa dell’assenza di suo padre, completamente schiavo del lavoro attraverso cui pensava di offrire il “meglio” alla sua famiglia.  In questa corrispondenza di eventi, a 10.000 km gli uni dagli altri, abbiamo colto come, attraverso la carità di un’adozione a distanza basata su questa cultura,  il Signore è potuto intervenire e i nostri figli sono guariti. Ringrazio Dio per averci donato attraverso Padre Angelo un’antropologia nuova e completa, che non fa “magie”, ma semplicemente ti permette di trovare l’ordine naturale della vita e così di ritornare al Padre e in Lui tutto si risolve.


Incontriamoci per un caffè
Incontri informali aperti a chi vuole approfondire i temi di questa pagina e conoscere i “Giardini di Roma” grazie alla testimonianza dei volontari del quartiere:  
• 27 giugno, ore 18:30 - Via Pisa 42 - Bar “Senti che bel rumore caffé”  - zona P.zza Bologna.
• 28 giugno ore 18:30 - Via Aldo Moro 98H - Bio Ristobar - Aprilia
• 3 Luglio ore 19:00 presso il chiosco dei fiori angolo via dei Colli della Farnesina, via dello Sci.
• 4 luglio ore 18:00 presso il “Bar civico 100” in viale Regina Margerita, 96-100.
• 5 luglio ore 18:30 presso il “bar della pace” piazza della Pace – Ciampino.


Italia Solidale - Mondo Solidale
Italia Solidale – Mondo Solidale del Volontariato per lo sviluppo di vita e missione è un movimento laico grazie al quale moltissime persone, a Roma, in Italia e nel mondo, stanno uscendo da inganni secolari, ritrovano le loro energie personali, la loro sana spiritualità per ben amare e ben lavorare, fino ad essere sussistenti e solidali. Oggi questa esperienza è la prima necessità di ognuno. Alla base del movimento, c’è “Il Carisma di sviluppo di Vita e Missione”: una nuova e completa cultura di vita sviluppata da P. Angelo Benolli O.M.V., fondatore e presidente di “Italia Solidale – Mondo Solidale”. Nei suoi 60 anni di esperienza come sacerdote scienziato, antropologo e missionario, ha incontrato ogni giorno per molte ore, persone di molte culture e religioni, per sviluppare questa nuova cultura di vita e il nuovo modo di far missione e adozione a distanza. Sintetizzando il tutto nei  suoi 10 libri e documenti tradotti in 35 lingue. Con questa base stiamo salvando la vita di 2.500.000 di persone in tutta Italia ed in 117 missioni di Africa, India e Sud America. Siamo in tutti i municipi di Roma. Se vuoi saperne di più chiama lo 06.68.77.999 o invia una mail a [email protected], ti metteremo in contatto con il volontario del tuo territorio.


 


ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:22 1627316520 Grande partecipazione all'iniziativa cultural-vinicola "Suoni divini" a Lanuvio
18:01 1627315260 Ariccia, 12 giovani atlete pluri-medagliate ai campionati italiani di danza
18:00 1627315200 Grottaferrata, il giovane Andrea Santelli di Marino vince "Je so pazzo"
17:37 1627313820 Discarica, il Coordinamento contro l'Inceneritore dei Castelli scende in strada
17:15 1627312500 560 giorni di lotta contro il Covid: premiati gli operatori della Asl Roma 6
17:08 1627312080 75 casi positivi nella Asl Roma 6. Continuano le tappe del camper vaccinale
16:59 1627311540 Ad Aprilia sospeso lo sharing dei monopattini elettrici: troppi atti vandalici
16:06 1627308360 Ariccia, successo per la Festa di Santa Apollonia patrona della Città
13:40 1627299600 Tenta di adescare e molestare due bambine in spiaggia: denunciato
13:34 1627299240 Discarica Albano, Moresco: Sindaco chieda a Asl e Arpa analisi recenti e urgenti
13:01 1627297260 Pomezia, acqua e fogne per Monachelle: entro agosto l'affidamento dell'appalto
11:18 1627291080 Ardea, altre 3 date per vaccinarsi con Johnson senza prenotazione: il calendario
11:03 1627290180 Ardea: lavori in corso sul lungomare per riasfaltare circa 5 km di strada
10:45 1627289100 Lavori al centro idrico Ponte Gregoriano, stop all'acqua per 6 ore a Marino
10:05 1627286700 Discarica Albano, anche senza camion Ama via al presidio spontaneo dei residenti
09:45 1627285500 Tiro a volo, Diana Bacosi di Pomezia vince l'argento alle Olimpiadi di Tokyo
08:43 1627281780 Marchio turistico della Provincia di Latina e un concorso per scegliere il nome
08:33 1627281180 Zuliani candidata Sindaco: cosa l'ha fatta scappare da Pd-Lbc
08:32 1627281120 Discarica Albano, in piazza il no di cittadini, senatori e consiglieri regionali
25/07 1627228980 Aggredita vigilessa ad Anzio, denunciato l’autista di un camion di mozzarelle
25/07 1627224600 84 casi Covid nella Asl pontina. Impennata di positivi a Latina e Sezze
25/07 1627224180 Covid, 86 casi nella Asl Rm6. Va avanti la campagna vaccinale itinerante
25/07 1627221300 Giuseppe Conte a pranzo ad Aprilia: l'ex premier in vacanza sul litorale laziale
25/07 1627220760 Voli Covid-tested, cosa sono e cosa si deve fare per salire a bordo
25/07 1627213920 Suoni Divini: una domenica di degustazioni, concerti e visite museali a Lanuvio

Sport
< <

convenzione con il Comune è scaduta

Il Mitreo rischia di chiudere: salviamolo

convenzione con il Comune è scaduta

Nel quartiere periferico di Corviale esiste una realtà speciale dedicata all’arte, alla creatività e all’espressività dei singoli e...


Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli