[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Sfilata di autorità in assemblea

I comitati di quartiere contro 11mila nuovi residenti alle pendici dei Castelli FOTO

<
>
Un momento dell'incontro pubblico presso il centro anziani di Pavona di Albano.
Un momento dell'incontro pubblico presso il centro anziani di Pavona di Albano.
Da sinistra, il vicesindaco di Albano, Maurizio Sementilli, il consigliere regionale Daniele Ognibene di Velletri, il consigliere regionale e presidente della Commissione Urbanistica e rifiuti del Lazio, Marco Cacciatore, e la senatrice Elena Fattori di G
Da sinistra, il vicesindaco di Albano, Maurizio Sementilli, il consigliere regionale Daniele Ognibene di Velletri, il consigliere regionale e presidente della Commissione Urbanistica e rifiuti del Lazio, Marco Cacciatore, e la senatrice Elena Fattori di G
Il Piano Urbanistico di Paglian Casale
Il Piano Urbanistico di Paglian Casale

I cittadini dei Castelli Romani, ma anche di Ardea e Pomezia stanno protestando contro la nascita di alcuni nuovi quartieri residenziali che potrebbero presto sorgere  sul territorio del Comune di Roma, ma che andrebbero ad impattare in particolare su Albano e Pomezia. Si tratta di circa 11mila nuovi abitanti. Proprio per questo motivo è stato organizzato il convegno “Consumo di suolo: a quale costo?” organizzato dai Comitati di quartiere di Albano, Pavona, S. Palomba e Pomezia insieme al Circolo di Legambiente “Il Riccio” Appia Sud e Italia Nostra Castelli Romani. "Il focus dell’incontro - si legge in un lungo comunicato stampa - è la cementificazione di Santa Palomba e Paglian Casale: Il Programma Integrato (PRINT) S. Palomba prevede la realizzazione di abitazioni destinate all’housing sociale, finanziato da Cassa depositi e Prestiti (Cdp) e in accordo il Comune di Roma. Quasi mille appartamenti destinati a diventare un ghetto senza servizi per circa 4.000 abitanti a ridosso di un’area industriale, nell’estrema periferia di Roma su terreni a vocazione agricola. A poca distanza - continua la nota stampa - è previsto il Programma di Intervento urbanistico di Paglian Casale, che comporterà la distruzione di circa 80 ettari di terreno agricolo vincolato che lasceranno il posto ad 1.000.000 di mc di nuovo cemento: un’ottantina di palazzi di 6/7 piani per circa altre 7.000 persone, in un area a rischio per la salute degli abitanti a causa della presenza di gas Radon nel sottosuolo. “Case che non servono a nessuno, con il rischio di creare un nuovo ghetto senza servizi”, hanno denunciato le associazioni promotrici, “che contribuirà invece a creare un eccesso di offerta sul mercato immobiliare e un conseguente crollo del valore delle case esistenti, nelle quali hanno investito i propri risparmi l’80% degli italiani”. Degrado ambientale, declino della qualità della vita, dissesto idrogeologico sono alcuni dei rischi connessi al consumo di suolo messi in luce dal ricercatore dell’ISPRA Michele Munafò, il quale ha illustrato attraverso i dati la drammaticità del problema nel territorio dei Castelli Romani, con superfici edificate superiori alla media nazionale. L’ex ministro delle Politiche Agricole Mario Catania ha testimoniato quanto la lobby del cemento in Italia sia riuscita finora ad impedire l’approvazione di una legge sul consumo di suolo, in maniera miope rispetto alle opportunità di rigenerazione urbana e riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente, in grado di dare lavoro soprattutto al tessuto delle piccole e medie imprese del settore, con effetti positivi sull’occupazione.  La senatrice Elena Fattori ha presentato il proprio impegno per far diventare il suolo un bene comune di tutti, da difendere come l’acqua, dichiarando il proprio impegno per impedire altre colate di cemento a partire dall’area di Roma sud. Stessa disponibilità è stata convintamente espressa dai consiglieri regionali Daniele Ognibene di Velletri e Marco Cacciatore di Marino. Enrico Del Vescovo, presidente di Italia Nostra Castelli Romani, ha sollevato il dubbio che il PRINT di S. Palomba possa essere compatibile con la tutela dei bacini idrografici dei Colli Albani, vista l’endemica carenza idrica del territorio. Il Sindaco di Albano Nicola Marini, supportato dalla sindaca di Castel Gandolfo Milvia Monachesi, insieme ad esponenti della giunta e del consiglio comunale, ha denunciato il mancato coinvolgimento nella Conferenza dei servizi dei Comuni limitrofi, sui quali impatta direttamente l’insediamento di 11.000 nuovi abitanti, annunciando una serie di iniziative amministrative a per tutelare questo territorio. Il primo atto sarà la segnalazione al Comune di Roma della sovrapposizione tra l’area di rispetto del depuratore a servizio del futuro quartiere con quella del nuovo cimitero a Cancelliera deliberato precedentemente dal Comune di Albano. I Comitati di quartiere e le Associazioni di Albano, Pavona, S. Palomba e Pomezia insieme al Circolo di Legambiente “Il Riccio” Appia Sud e Italia Nostra Sezione Castelli Romani, hanno stigmatizzato l’assenza e il disinteresse mostrato dal IX municipio di Roma e dal Comune di Pomezia, che hanno scelto di ignorare l’invito dei cittadini. Tra le proposte emerse segnaliamo l’opportunità di rettificare i confini amministrativi, in modo che i cittadini possano usufruire dei servizi dei Comuni più prossimi a costi più bassi e con una qualità migliore.  “Ci aspettiamo che intempi brevi la città metropolitana di Roma Capitale possa affrontare il problema del consumo di suolo e adottare ogni provvedimento utile a bloccare ulteriori e inutili costruzioni, soprattutto su aree ricche di testimonianze archeologiche e di pregio paesaggistico”, hanno concluso le associazioni".


 


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:11 1563635460 Scontro tra tre auto sull'Appia, quattro feriti: uno è grave
16:58 1563634680 Turista tedesca salvata da un dirupo torna a ringraziare pompieri e carabinieri
15:14 1563628440 “Brigantesse”, il disco-libro di Andrea Del Monte sbarca ad Anzio
15:05 1563627900 Tragedia a Torre Astura, sub 19enne muore mentre è a pesca
12:12 1563617520 “Latina sotto le stelle” all'Arena Corso, il 23 luglio "Fuga per la libertà"
11:55 1563616500 Sequestrato il depuratore di Cave di Peperino di Marino
11:52 1563616320 Al via la bonifica del parco archeologico del parco dell'Appia antica a Marino
11:47 1563616020 "A Roma e Marino vigili del fuoco senza autopompe, soccorsi a rischio"
11:44 1563615840 Sermoneta partecipa al più grande concorso fotografico del mondo
11:37 1563615420 Ariccia, la nota della consigliera La Leggia sull'ultimo consiglio comunale
11:30 1563615000 Trenta incidenti sulle strade di Ciampino a luglio. In 3 casi conducenti drogati
11:27 1563614820 Camion prende improvvisamente fuoco mentre è in viaggio. Strada chiusa
11:11 1563613860 Ardea, vasto incendio zona Montagnano sud-Ardeatina. Fumo visibile dai castelli
11:07 1563613620 A Rocca di Papa camminata Naturalista in ricordo del sindaco Emanuele Crestini
10:07 1563610020 Il Nas chiude ristorante etnico di Terracina: gravi carenze igienico sanitarie
09:53 1563609180 Nove condanne per 'Alba pontina'. Il giudice: quella dei Di Silvio fu mafia
09:47 1563608820 Botte al negoziante e pistola puntata per la rapina: arrestati 14 mesi dopo
19/07 1563548280 Gigi Finizio ospite alla festa patronale Ponza-Le Forna il 15 agosto
19/07 1563547560 Riaperto l'ufficio postale del centro storico di Ardea: era chiuso per un guasto
19/07 1563547500 Auto a Gpl prende fuoco sulla Nettunense: l'uomo a bordo scappa, strada chiusa
19/07 1563544920 Lite tra panettieri, parte una coltellata: 47enne ferito al braccio dal collega
19/07 1563544800 Superlega. La Top Volley Latina presenta Milan Peslac
19/07 1563544800 «La Lega in Europa lavora per tutelare il Paese, altri pensano alle poltrone»
19/07 1563544260 Serie A2. Latina Basket, rinnovo biennale per Giuseppe Di Manno
19/07 1563543600 Serie A. Il Latina Calcio a 5 piazza il colpo Johnny Gomes

Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli