[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La discarica la pagheranno i cittadini

Rifiuti, caro bollette in vista ai Castelli Romani, ad Ardea e Pomezia

La discarica di Albano-Roncigliano - Completamente allagata dall'acqua piovana, a novembre scorso
La discarica di Albano-Roncigliano - Completamente allagata dall'acqua piovana, a novembre scorso

Manlio Cerroni, il patron dei rifiuti di Roma e dintorni, ha ottenuto un'altra vittoria giudiziaria. La Regione Lazio dovrà restituire alla Pontina Ambiente, una delle principali società del suo Gruppo imprenditoriale, i soldi spesi per la costruzione del VII invaso della discarica intercomunale di Albano-Roncigliano. Invaso che è stato costruito, tra mille polemiche, a cavallo del 2010 e il 2011. Entrato in funzione tra il 2011 e il 2012. Infine chiuso dopo lo strano incendio dai contorni mai chiariti del 30 giugno 2016. Al suo interno, conferivano i propri rifiuti indifferenziati 10 comuni: Albano, Ariccia, Genzano, Rocca di Papa, Castel Gandolfo, Marino, Nemi, Lanuvio, Ardea e Pomezia. Il VII invaso è finito al centro di una grossa inchiesta della Procura di Roma a gennaio 2014 che però si è conclusa, almeno in primo grado, con un nulla di fatto.  Ma non è tutto: la dittà cerroniana dovrà essere anche risarcita anche per il danno economico subito tra il 2010 e il 2015 – così scrivono i giudici del Tar del Lazio nella sentenza n.6249 del 21 maggio 2019 – per aver smaltito rifiuti nel VII invaso ad una tariffa che i magistrati giudicano troppo bassa e quindi inadeguata a risarcire i costi di gestione del sito monnezzaro. Ma cerchiamo di capire meglio i contorni di tale vicenda. Dopo l'assoluzione del Tribunale penale di Roma di novembre scorso (leggi box), ora l’avvocato Cerroni incassa anche un successo al Tribunale Amministrativo del Lazio. 

LE RICHIESTE DELLA PONTINA AMBIENTE
Nel 2015, la società Pontina Ambiente aveva presentato un ricorso amministrativo contro la Regione sostenendo che la tariffa del costo di smaltimento dei rifiuti, fissata a 98,45 euro a tonnellata, era troppo bassa e non idonea a coprire i costi sostenuti per la costruzione del VII invaso e per la gestione dell'intero processo di trattamento e smaltimento della spazzatura in arrivo nel sito. La Pontina Ambiente chiedeva 126,89 euro, quindi 28,44 euro in più a tonnellate. Una differenza che, pur sembrando irrisoria, corrisponde a circa 2 milioni e mezzo di euro in più all'anno, centesimo in più, centesimo in meno. Nel processo amministrativo si sono costituiti in giudizio, insieme alla Regione, solo i comuni di Marino e Pomezia, ma non gli altri otto municipi ex utenti e clienti, a comunicare da quello di Albano, sul cui territorio è situato l’immondezzaio. 

LA REGIONE SBAGLIA I CONTI
Secondo i giudici Salvatore Mezzacapo e Donatella Scala, della prima sezione quater del Tribunale Amministrativo del Lazio, “la finalità della tariffa (del costo di smaltimento dei rifiuti, ndr) è di assicurare al gestore l'introito e il ristoro di tutti i costi sostenuti, nessuno escluso”. L'ampliamento della discarica ha avuto luogo - scrivono i magistrati - “sulla base di una Autorizzazione rilasciata (dalla stessa Regione, ndr) nel 2009”. Tra l'altro, aggiungono i magistrati, la Regione ha anche autorizzato l'esercizio dell'invaso con due collaudi, del primo sub lotto e del secondo sub lotto della discarica, avvenuti tra il 2011 e il 2012. “La Regione – tagliano corto i giudici – avrebbe dovuto considerare per il ricalcolo della tariffa sia i costi preventivi di investimento che quelli di gestione operativa”, cosa che evidentemente – secondo i giudici Mezzacapo e Scala - non è stata fatta a dovere. La Regione dovrà restituire alla società cerroniana anche i soldi per presunte opere civili eseguite nel sito e relative al VI invaso della discarica.

GIUSTIZIA UN PO' FUMOSA?
La cosa che lascia perplessi è che nella sentenza i magistrati non hanno indicato alla Regione l’importo corretto della tariffa di smaltimento dei rifiuti da applicare, nemmeno indicativo, visto che quello fissato dai tecnici regionali è stato giudicato troppo basso, lasciando intendere che forse il più ‘giusto’ è proprio quello stabilito dalla stessa società, ovvero 126,89€ per tonnellata. I giudici non hanno nemmeno indicato  l'importo del risarcimento danno che dovrà essere restituito al Gruppo Cerroni. Nè tantomeno se a pagare tale risarcimento dovrà essere la Regione, i 10 comuni ex utenti e clienti o entrambi. “Il Collegio ritiene che una volta rideterminata la tariffa definitiva spettante alla parte ricorrente (…) la Regione dovrà procedere al pagamento di una somma a titolo di risarcimento del danno ragguagliata agli interessi di mora maturati”. A quanto ammonta di preciso il gruzzolo che dovrà essere restituito al Gruppo Cerroni? Nessuno lo sa, verrà stabilito dentro le stanze del potere. La sentenza di primo grado del Tar non è stata ancora impugnata dalla Regione presso il Consiglio di Stato, secondo grado della Giustizia amministrativa. 


Il misterioso incendio di Roncigliano
L'impianto di Trattamento Meccanico Biologico (o TMB) della discarica di Albano-Roncigliano è andato completamente distrutto in un incendio, dai contorni mai chiariti, nella notte tra il 30 giugno e il 1° luglio 2015. Purtroppo, non è mai stato reso noto chi sia stato indagato e/o rinviato a giudizio per quell'incendio. E soprattutto se l'incendio è stato appiccato da malintenzionati o divampato per la 'sola' negligenza. Di sicuro, il grosso capannone verde avrebbe dovuto essere dotato – almeno così prevede la legge – di 3 sistemi antincendio. Almeno così dichiarò la Pontina Ambiente il 28 maggio 2015 nella dichiarazione Ambientale triennale 2016-2018 inviata a vari Enti pubblici. Un sistema fisso ad acqua pressurizzata, uno fisso a biossido di carbonio ed uno mobile con estintori. Ma allora perché questi sistemi non hanno funzionat? DI sicuro, il sito è stato prima sequestrato e poi dissequestrato. Un fabbricato industriale alto 12 metri e ampio quasi 10mila metri quadrati, quasi quanto due campi da calcio di serie A.  Da agosto 2011 e fino al momento dlel'incendio questo impianto riceveva i rifiuti indifferenziati di otto comuni dei Castelli (Albano, Ariccia, Genzano, Castel Gandolfo, Marino, Lanuvio, Nemi e Rocca di Papa) più Ardea e Pomezia. Lì dentro, tutta la spazzatura in arrivo veniva suddivisa in modo aprossimativo in frazioni merceologiche minori destinate ad essere interrate nel VII invaso (la frazione cosiddetta secca) o bruciata nell'inceneritore del Gruppo Acea di San Vittore.


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:22 1571494920 Ciclo di incontri dal tema "Avvicinarsi all'arte contemporanea" dal 9 novembre
16:06 1571493960 Nuovi giochi nella scuola via dell’Olmo, festa e inaugurazione a Nettuno
16:05 1571493900 I consiglieri Mancini e Sanetti: “Poseidon, la congiura in consiglio comunale”
16:00 1571493600 Università Agraria di Nettuno, Valter Conte annuncia ricorso alla sentenza
15:32 1571491920 In casa nascondeva cocaina e una pistola, arrestato ventenne a Latina
15:27 1571491620 Zig-zag sulla Pontina: fermato dai carabinieri, nascondeva 2 kg di droga in auto
11:27 1571477220 In sosta nei parcheggi del megastore chiuso con 250 g di droga in auto
11:07 1571476020 Il “viaggio” dello sketcher pontino Giancarlo De Petris a Mestre e in Francia
11:01 1571475660 Sbanda, invade la corsia opposta e danneggia altre auto e recinzioni
10:58 1571475480 Si cappotta con l'auto e danneggia un muro di cinta
10:48 1571474880 Tragico incidente in un'officina, muore un ragazzo di 26 anni
10:28 1571473680 In fuga col furgone rubato dopo il colpo a Ciampino: preso dopo un inseguimento
10:20 1571473200 Inaugurata l'area di sgambatura cani alla villa comunale Ginnetti a Velletri
10:15 1571472900 Troppe barriere architettoniche: il Comune di Latina chiude un bar e un bistrot
10:12 1571472720 Iniziativa formativa della CISL FP per la Polizia Locale
10:07 1571472420 Botte ai carabinieri intervenuti per sedare una lite: arrestata una coppia
18/10 1571424600 Maxi boa approda sulla spiaggia alla Dea Fortuna ad Anzio, le foto dei passanti
18/10 1571424480 Tentata rapina con la pistola ad un imprenditore di Nettuno, ricercati in due
18/10 1571424360 L’assessore Coppola in consiglio: “Difformità nelle fatture Poseidon”
18/10 1571419800 Fugge col furgone alla vista della Polizia: era ubriaco e senza assicurazione
18/10 1571411760 Coppa Italia, l’Indomita Pomezia stende il Pian 2 Torri nell'andata dei 32esimi
18/10 1571410440 Pomezia Calcio, arriva il difensore Antonio Di Emma
18/10 1571409900 Virtus Nettuno, si dimette mister Aldo Panicci
18/10 1571409300 Under 16. Unipomezia, arriva la prima gioia
18/10 1571402520 San Felice: fondi per la provinciale Borgo Montenero – La Cona

Sport

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli