[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Rigenerazione urbana e il recupero

Regione Lazio, metri cubi gratis per ‘asfaltare’ le periferie

<
>
Nicola Zingaretti - Governatore del Lazio e Massimiliano Valeriani - Assessore all'Urbanistica
Nicola Zingaretti - Governatore del Lazio e Massimiliano Valeriani - Assessore all'Urbanistica
Palazzo Pamphilj - La facciata del palazzo storico in piazza S. Paolo ad Albano
Palazzo Pamphilj - La facciata del palazzo storico in piazza S. Paolo ad Albano
Zona Cancelliera - Un'area degradata al confine tra Roma, Albano e Ariccia
Zona Cancelliera - Un'area degradata al confine tra Roma, Albano e Ariccia

La Regione Lazio sta cercando di mettere il turbo al recupero dei capannoni abbandonati situati nelle aree artigianali, industriali e commerciali e delle palazzine cadenti ad uso residenziale situate in periferia, ma dimentica la riqualificazione dei centri storici. La legge regionale sulla “rigenerazione urbana e il recupero edilizio” varata dalla Giunta Zingaretti a luglio 2017 offre grossi incentivi volumetrici per chi avvia la ristrutturazione di strutture immobiliari abbandonate e degradate, ma solo se si trovano fuori dai centri storici. In certi casi, la legge voluta dal nuovo segretario nazionale del PD darà la stura anche ad ampliamenti o nuove costruzioni immobiliari decisamente poco 'green' anche su aree verdi e agricole (leggi il box di approfondimento). Ma “le disposizioni (della nuova legge regionale, ndr) – si legge tra le carte - non possono riferirsi ad aree ed edifici situati nelle zone individuate come insediamenti urbani storici”. Una legge poco chiara, così sostengono gli addetti ai lavori, tanto da spingere la Giunta regionale a pubblicare a febbraio scorso una circolare esplicativa che ha lo scopo di chiarire “l’effettiva portata – ammette lo stesso assessore regionale all'Urbanistica, Massimiliano Valeriani - dei diversi strumenti urbanistici innovativi e caratterizzati da una certa complessità attuativa”. 

E I CENTRI STORICI?
Purtroppo non sarà possibile godere dei vantaggi offerti dalla nuova legge per recuperare vecchi palazzi nobiliari, palazzine sorte durante il boom economico degli anni '50, '60 e '70, case cantoniere, stazioni, binari ferroviari, qualora situati in centro storico. Una caratteristica, quest'ultima, che sembra contraddire lo spirito a cui dovrebbe invece ispirari l’attività politica regionalei: riutilizzare il suolo e il patrimonio edilizio esistente che giace in stato di totale abbandono, per limitare l’erosione inutile di suolo, uno dei mali della nostra società. Una contraddizione non da poco visto che 1/3 degli edifici da recuperare nel Lazio, per la precisione 49mila e 353 immobili “cadenti o in rovina”, sono situati proprio nei centri storici (fonte Istat). Discorso diverso per gli immobili dedicati alle attività produttive e commerciali e le palazzine residenziali situate in periferia. Questa legge costituirà un volano per i circa 100 immobili (fonte Istat) che rispecchiano tale prescirzione e che potranno essere quindi ristrutturati ed eventualmente ampliati senza oneri per i proprietari.

LA LEGGE IN PILLOLE
La legge prevede cinque diverse tipologie di recupero immobiliare. Il primo: “Programma di rigenerazione urbana” (art. 2), ovvero la possibilità di costruire nuovi “interventi urbanistici e edilizi ” su aree urbane degradate o in alternativa di recuperare “complessi edilizi e edifici esistenti, ma dismessi o inutilizzati”. Il secondo: la “riqualificazione ed il recupero edilizio (art.3) di immobili esistenti” che consentirà di ottenere “il riconoscimento di una volumetria aggiuntiva rispetto a quelle preesistenti nella misura del 30% (che contempla, ndr) anche il possibile mutamento delle destinazioni d'uso degli edifici”. Il terzo è il “cambio di destinazione d'uso”; il quarto il “miglioramento sismico e l'efficientamento energetico”; il quinto gli “interventi diretti”, ovvero l' “incremento fino ad un massimo del 20% della volumetria esistente ad eccezione degli edifici produttivi per i quali l'incremento massimo consentito non può superare il 10%”. Solo le disposizioni per il cambio di destinazione d'uso degli edifici potranno  essere applicate anche per gli immobili situati nei centri storici, ma “previa autorizzazione – così si legge nell'articolo 4, comma 5 – della giunta comunale”.

UNA CHIAVE PER 'SCARDINARE' I PRG
Con la legge 'speciale' sulla 'Rigenerazione Urbana e recupero edilizio' la Giunta Zingaretti sembra voler dare una mano ai cittadini e agli investitori privati a 'scardinare' i Piani Regolatori Generali, o P.R.G. comunali, per aiutarli ad avviare nuove attività economiche (o ampliare attività già esistenti) su area agricola, commerciale e industriale. La nuova legge consente difatti il cambio di destinazione d'uso anche in deroga alle procedure ordinarie. Il quesito però sorge spontaneo: non sarebbe stato meglio chiamarla con un altro nome?

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
21/01 1579630260 Mancini e Sanetti: “Il centrodestra ancora il lite per spartirsi il potere”
21/01 1579630080 Sbarco di Anzio, oggi la commemorazione ai Cimiteri: tutto il programma
21/01 1579629960 Lega Nettuno, troppe liti e tensioni, tre consiglieri si autosospendono
21/01 1579629840 In auto con 30 kg di marijuana e hashish: arrestato un 36enne
21/01 1579626000 Velletri ha onorato Sant’Antonio Abate con la benedizione degli animali
21/01 1579624560 Gli studenti della scuola media Garibaldi di Genzano a lezione di giornalismo
21/01 1579614840 Discarica Latina: «Onore ai cittadini. Voci su riapertura? Spero siano smentite»
21/01 1579606440 Da Matera a Cisterna per vendere cocaina e hashish: arrestato pusher
21/01 1579606380 Ruba vestiti da un negozio del centro commerciale di Aprilia, arrestato
21/01 1579606200 Eroina in tasca: denunciato a Terracina un pusher 40enne
21/01 1579599780 Discarica Montello: Sindaco incontra oggi i residenti su incubo riapertura
21/01 1579599660 Festa del patrono della polizia locale: ad Ardea encomi agli agenti
21/01 1579598040 Nuovo asfalto sulla Pontina, restringimenti di carreggiata fino al 31 gennaio
21/01 1579597800 Rubò 50mila euro di preziosi in una gioielleria: 36enne rintracciata ad Aprilia
21/01 1579597740 Viabilità a Pomezia, è polemica. Mengozzi: «Rischiamo che la 167 vada in tilt»
21/01 1579596600 Fucci attacca la giunta M5S: «Cancellato il collegamento con la 148. Dilettanti»
21/01 1579594680 A fuoco per tutta la notte le colline tra Cori e Norma: bruciati 4 ettari
21/01 1579592040 Marijuana nascosta dentro la matrioska: denunciato un 30enne
21/01 1579591980 Rocca di Papa, premiati agenti di Polizia Locale e ricordato il sindaco Crestini
21/01 1579591440 Le indagini del Tribunale Amministrativo sull'isola ecologica di Grottaferrata
21/01 1579591080 Pavona, inaugurata la mostra dell'artista iraniana Bahar Hamzehpour
21/01 1579591020 Velletri,è ai domiciliari con braccialetto elettronico, lo danneggia ed esce
21/01 1579590960 Parte il progetto "Free Plastic" nelle scuole del territorio a Lariano
21/01 1579590660 La guerra tra avvocati pontini combattuta a suon di ricorsi
21/01 1579590540 Giornata di pulizia sul lungomare di Torvaianica, poi tocca a Lido delle Sirene

Sport


Inchieste
[+] Mostra altri articoli