[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Aprilia, alternanza scuola-lavoro

Il progetto del liceo Meucci sull’attività ludica di strada FOTO

Che l’attività ludica sia il mezzo più comune per unire le diverse identità e rafforzare i rapporti interpersonali non è certo una novità. L’era del digitale, in fondo, ce lo ha dimostrato più volte: il gioco permette di collegare tra loro persone tra le più disparate parti del mondo, senza per forza dover condividere lo stesso linguaggio, le stesse tradizioni o le stesse abitudini. Quello che sembra davvero innovativo è, invece, il progetto adottato dal Liceo statale Meucci di Aprilia: un workshop (letteralmente “laboratorio”) completamente incentrato sull’attività ludica “di strada” che andrà a coinvolgere, in più appuntamenti, i ragazzi dell’alternanza scuola-lavoro insieme agli ospiti della cooperativa La Pergola, inseriti nel progetto Arte Migrante. Il progetto Playground (“campo di gioco”), coordinato da Marianna Frattarelli e Emily Dellheim, è finanziato in primis dal MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, che a sua volta si avvale della collaborazione di ECCOM - Idee per la cultura e dell’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia (ICDe). L’avvio dei laboratori è stato affidato all’associazione no profit Liscìa, insieme all’aiuto di Cristina Gasperin, impegnata in metodologie non formali di educazione e laboratori di partecipazione, e Ginevra Sammartino, esperta di mediazione interculturale. La tradizione del gioco da strada è l’elemento portante del progetto: studenti e giovani ragazzi diventeranno dei veri e propri Player-giocatori in spazi che favoriscono interazioni dinamiche e che conducono alla perdita della propria connotazione identitaria: l’obiettivo è infatti creare sinergie e sviluppare empatia tra i partecipanti. Una struttura semplice, ma efficace: il “campo” si trasforma in una plancia di gioco in cui posizionare pedine (micro strutture ludiche), si passa poi alla riproduzione di quelli che tutti conosciamo come strumenti di misurazione - squadre, pantografi e compassi -  creati con pochi e semplici materiali. Non solo gioco da strada, dunque, ma anche design ed elementi geometrici: il cerchio, il quadrato e il triangolo, figure elementari che hanno accompagnato i nostri primi passi verso l’istruzione, diventano qui elementi portanti dell’azione e dell’obiettivo del gioco. La parte più interessante è però la completa assenza di regole: Play with Ground lascia infatti il giocatore libero di creare le proprie direttive e i propri metodi di gioco. Venerdì 8 marzo si è tenuto il primo appuntamento per gli studenti del liceo Meucci, si proseguirà poi il 29 marzo con Francesca Berti, ricercatrice presso l’Istituto di Scienze dell’Educazione dell’Università di Tübingen (Germania), per poi chiudere insieme al collettivo di architetti “Orizzontale” nelle giornate dell’11 e 12 aprile. Una dei momenti più importanti del progetto Playground sarà però la visita alla mostra La Strada: Dove si crea il mondo a cura di Hou Hanru presso il MAXXI di Roma: qui si darà un ulteriore contributo alla visione del concetto di “gioco da strada”, invitando i partecipanti ad intervenire sui temi della mostra e ad arricchirli con processi di co-progettazione. Ultimo step, il test presso il Museo del Mare e delle Migrazioni di Genova, dove il progetto migrerà coinvolgendo nuove realtà e creando nuove unioni. Sono sempre più numerose le strutture e le istituzioni che adottano il gioco con una prospettiva diversa dal puro piacere ludico: qui si vuole creare integrazione, sinergia e armonia tra identità diverse. Concetti spesso sottovalutati o, nella peggiore delle ipotesi, demonizzati; ma è proprio il gioco ad insegnarci che, spesso, basta una corda o un pallone per unire e rafforzare i rapporti.

Elisa Mariani 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
12:05 1575630300 Danni per l'infezione post operatoria, il tribunale: risarcire il paziente
11:24 1575627840 Consiglio straordinario dedicato all'emergenza rifiuti di Roma
10:23 1575624180 Ariccia: inaugurata la nuova ludoteca al primo piano dell'ospedale dei Castelli
10:19 1575623940 Al via le luminarie festive in centro a Genzano, grande festa con la Banda
10:18 1575623880 Chiara Ingrao con “Migrante per sempre” al museo Cambellotti di Latina
10:12 1575623520 Rifiuti: 153 multe da 300 €. La maggior parte degli zozzoni viene da fuori città
08:53 1575618780 Branco investito sulla Pontina: muore anche il cane soccorso
08:15 1575616500 Tenta di buttare in bagno la droga che aveva nel comodino: arrestato
08:13 1575616380 La morte di Roberto Fiorentini: Aprilia sconvolta
08:02 1575615720 Dal Tar stop all'appalto per il call center Acqualatina da 1,4 milioni
05/12 1575567300 Martina Screti di Nettuno immensa: esordio d'oro ai campionati di Nuoto Pinnato
05/12 1575567180 Anzio dice addio al Maestro d’ascia Nicola Gallinari, domani i funerali
05/12 1575567060 Bene confiscato alla mafia, Nettuno ottiene i fondi per la ristrutturazione
05/12 1575563160 A Pomezia arriva l'assegno di cura per le persone con disabilità grave
05/12 1575560160 "Germogli dell'arte": mostra collettiva al Laboratorio di via Spoleto a Pomezia
05/12 1575558240 Sermoneta "palestra" per l'addestramento dell'Esercito nelle missioni di pace
05/12 1575557280 Malati oncologici: «Nel Lazio 19 giorni in meno per le pratiche di invalidità»
05/12 1575556320 Gli studenti del liceo Picasso al trentennale della Fondazione Eni Enrico Mattei
05/12 1575556080 Detenute attrici: in carcere va in scena lo spettacolo teatrale 'Il figlio mio'
05/12 1575555120 Bandito solitario armato di fucile rapina il supermercato del centro commerciale
05/12 1575552420 Presepi e musica nel borgo: la magia del Natale a Sermoneta dall'8 dicembre
05/12 1575550980 Lettera d'encomio all'agente Ramaglia: contribuì a salvare una vita
05/12 1575549900 Un chilo di fiori di marijuana nascosti nel ripostiglio: arrestato 22enne
05/12 1575543480 Giornata da incubo per i pendolari: topo nel treno e stazione dimenticata
05/12 1575539940 Il caso della sala di aspetto della stazione di Sezze con orari "di ufficio"

Sport
< <

Eventi

a cura di ITALIA SOLIDALE

Oggi è possibile amare veramente?

a cura di ITALIA SOLIDALE

Si è appena concluso il Sinodo sull’Amazzonia: un evento fondamentale non solo per la Chiesa. In questo sterminato...


Inchieste
[+] Mostra altri articoli