[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina, «Abc garantirà il servizio»

Gara rifiuti annullata, il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del Tar

Il Consiglio di Stato ha ribaltato la sentenza del Tribunale amministrativo regionale e dato ragione alla società dei rifiuti De Vizia Transfer Spa e non al Comune, che aveva annullato la gara d'appalto per la gestione della raccolta dei rifiuti dando poi vita all'azienda speciale ABC.  Nella giornata di ieri il Consiglio di Stato ha depositato la decisione sul ricorso della De Vizia contro la decisione del Tar. Alla base della nuova decisione dei Giudici amministrativi di secondo grado, si apprende dal Comune, vi sarebbe una sorta di cavillo (un "vizio procedurale"). Oggetto della causa sono gli atti con cui il Comune ha ritirato la procedura ad evidenza pubblica scelta dal vecchio Consiglio Comunale con l'ordine del giorno approvato il 12 maggio 2015 (a favore Forza Italia, PD e Fabio Cirilli). Il bando fu poi elaborato e lanciato quando il Comune era commissariato, guidato al Prefetto Giacomo Barbato, coadiuvato dai tre subcommissari Luigi Scipioni, vice Prefetto vicario a Latina, Paolo Canaparo, Vice Prefetto in servizio al Ministero dell'Interno e Michele Albertini, dirigente della Prefettura di Brindisi. Altissima la posta in gioco: oltre 18 milioni di euro per un appalto lungo 7 anni. 

L'Amministrazione ha invece mandato a monte l'iter, optando invece per riportare totalmente nelle mani del Comune la gestione del servizio, creando appunto l'ABC. 

Scelta adottata da Coletta e i suoi, dopo che l'Autorità nazionale anticorruzione aveva censurato il bando oggetto del contendere: “criteri irragionevolmente restrittivi”, “sembra dimensionato sulla raccolta tradizionale su strada”, scrive l'Anac nella sua raccomandazione al Comune che gli aveva sottoposto gravi dubbi. Certi criteri facevano somigliare il bando ad un abito su misura per qualcuno. Né si capiva come poter arrivare al 65% di raccolta differenziata imposto dalla legge e ottenibile solo con il 'porta a porta' in tutto il territorio comunale, non certo con i cassonetti stradali. È arcinoto. Lo chiarì ad esempio, nel 2002, la commissione di esperti nazionali, nominati dall'allora sindaco romano Walter Veltroni. Nel bando latinense, scrive l'Anticorruzione, “non è dato evincere nella tipologia dei servizi elencati […] una specifica indicazione del servizio di raccolta differenziata”. Come e cosa si pensava di fare, in concreto?

«La sentenza odierna - fanno sapere dal Municipio del capoluogo oggi - non entra nel merito delle scelte politiche operate da questa Amministrazione né sull’operato dell’Azienda Speciale. L’Amministrazione ha già dato mandato ai Servizi competenti di mettere in atto tutti gli adempimenti necessari all’esecuzione del pronunciamento. Stando a una primissima lettura del pronunciamento, è stato individuato un vizio procedurale nell’atto di annullamento della gara. Si tratta comunque di una vicenda estremamente complessa che necessita senza dubbio di ulteriori approfondimenti e che fa salvi in ogni caso gli ulteriori provvedimenti di competenza dell’Amministrazione. L’Azienda Speciale ABC nel frattempo continuerà a garantire il servizio di igiene urbana e tutti gli atti successivi saranno concordati con il Comune».

La causa in questione è scattata con un ricorso al Tar di Latina della stessa De Vizia Transfer. La società legittimamente invoca libera concorrenza in libero mercato. Giusta aspirazione che appare destinata ad essere frustrata se si guardano certi fatti: da come era congegnato il bando di gara e dai suoi primi esiti, pare propio che la partita se la sarebbe potuta aggiudicare uno solo: la DE Vizia stessa. Ecco perché. Alla gara avviata dal Commissario Barbato hanno partecipato due ditte. La De Vizia Transfer, nota da anni alla politica e alle cronache locali per alcuni incidenti giudiziari e precedenti di polizia riportati dall'ex Prefetto di Latina Bruno Frattasi nella sua relazione sul condizionamento mafioso al Comune di Fondi. Si sono inoltre fatte avanti AVR Spa - Ditta Sangalli riunite in associazione temporanea di imprese: la prima è nota soprattutto per i lavori stradali, più che come realtà industriale di peso nel settore rifiuti. La Sangalli è quella che a Frosinone si è vista togliere l'affidamento dell'appalto da oltre 26 milioni di euro proprio su ricorso della De Vizia. Il Tar e poi il Consiglio di Stato l’hanno fatta fuori perché ritenuta senza i requisiti morali prescritti: vari membri della famiglia Sangalli sono stati condannati in via definitiva con patteggiamento a 4 anni (ridotti a tre con l'indulto) per corruzione in appalti nel settore rifiuti. Anche a Maenza, ancora più vicino a Latina, la Sangalli è stata esclusa per analoga carenza di requisiti di moralità professionale (è poi rientrata all’ultimo minuto finendo seconda). Requisiti imposti dalla legge e richiesti anche nel bando latinense finito ora davanti al Tar.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/03 1553101260 Genzano, 118 chiuso per mancanza di personale. Silvestroni (FdI): sanità a pezzi
20/03 1553093040 Under 15. Mirafin, non basta una grande prova contro Zagarolo
20/03 1553092200 Nuoto, Il Team Master Lavinio protagonista a Frosinone
20/03 1553089560 Devis D'Arpino bronzo ad Abu Dhabi: premiato dal presidente Di Pietro
20/03 1553089080 Under 19. Unipomezia, la salvezza è sempre più vicina
20/03 1553088540 Under 20. Anzio Basket, non basta un'ottima prova contro la capolista Fonte
20/03 1553088480 Problemi con l'impianto idrico, ordinanza di chiusura per la scuola
20/03 1553088240 Dramma all'ospedale di Anzio, dipendente del Cup muore di infarto
20/03 1553087520 Vela. Tognazzi Marine Village, gli atleti ripuliscono la spiaggia
20/03 1553085600 Il Comune di Latina ha individuato l'area per la spiaggia per cani
20/03 1553085600 Genzano, sindaco senza maggioranza: non si dimette e passa la palla al Prefetto
20/03 1553083920 Genzano, vigilessa investita da un Suv davanti alla scuola
20/03 1553077260 Di notte nel bosco per dare fuoco alle potature e agli stralci, arrestati
20/03 1553076660 Spaccio a Torvaianica: sequestrati 6 etti di cocaina e marijuana, tre arresti
20/03 1553074740 United Aprilia,si separano le strade con Serpietri. Tornerà nella "sua" Pomezia?
20/03 1553074320 Daniele Mancini: “Rivoluzione turismo a Nettuno, ecco il primo portale on line”
20/03 1553071800 Infiltrazioni a scuola: rilievi dei vigili del fuoco all'istituto Ardea 2
20/03 1553071140 Il Comune di Aprilia "sotto attacco informatico": sospesi i servizi al pubblico
20/03 1553067120 Colpo alla Conad di Nettuno, i ladri prendono la Cassaforte e fanno spesa
20/03 1553065080 Cinque assessori Lbc lanciano la "Piazza grande" di Zingaretti a Latina
20/03 1553064600 Terracina, maggioranza KO in commissione bilancio dopo i passaggi alla Lega
20/03 1553064480 Sezze, Fernando Acitelli presenta il libro “La tristezza delle ripartenze
20/03 1553064420 Licenziato per le pause sigaretta, dipendente reintegrato dai giudici
20/03 1553064180 “Assassinio in Cornovaglia (verso l’ora zero)” al Teatro Pistilli di Cori
20/03 1553063940 La senatrice Elena Fattori presenta il suo libro "Il medioevo in Parlamento"

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli