[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina terz'ultima in Italia

Scuole: tutte insicure. Plessi senza certificati antincendio e centrali termiche

<
>
Scuola Elementare Rodari - Insieme alla scuola di via Polonia sono i due plessi senza nessuna certificazione
Scuola Elementare Rodari - Insieme alla scuola di via Polonia sono i due plessi senza nessuna certificazione

Un nervo scoperto su cui la politica naviga a vista, accompagnato da un dibattito spesso circoscritto solamente agli addetti ai lavori del comparto scuola. Della serie: occhio non vede, cuore non duole. Il nodo della sicurezza e delle certificazioni degli edifici scolastici, tuttavia, avvolge i plessi da nord a sud del Belpaese. Latina compresa, dove è appena arrivata un’altra ordinanza di chiusura temporanea a causa di problemi di staticità, stavolta per una parte della scuola di Borgo Podgora. Questo mentre il consueto rapporto di Legambiente sull’edilizia scolastica relega Latina al terz’ultimo posto tra i comuni capoluogo, in un ecosistema scuola laziale che è tornato a tenere banco in Regione, nella seduta fiume tenutasi alla Pisana meno di un mese fa. Oltre che sulla valutazione ambientale, l’impatto edilizio ed i servizi, la lente d’ingrandimento è puntata soprattutto sulle certificazioni attestanti il rispetto delle norme di sicurezza, che i plessi (almeno in teoria) dovrebbero avere per accogliere gli studenti negli spazi interni ed esterni degli istituti. Andando oltre le statistiche regionali fornite dal dossier Legambiente, e dando quindi un’occhiata più approfondita all’apposita banca dati del Miur (aggiornata a settembre 2018), lo scenario tratteggiato sul capoluogo è, appunto, allarmante. Un dato balza subito all’occhio: dei 58 plessi statali del territorio comunale, borghi compresi, solamente il 34,5% possiede sia il certificato di agibilità/abitabilità che di collaudo statico. Sul piano della documentazione che certifica la conformità alla normativa antincendio, invece, soltanto tre strutture hanno un cosiddetto certificato di prevenzione incendi (Cpi), propedeutico al via libera per la segnalazione certificata di inizio attività (Scia). Ed ecco perché, dopo che i termini dell’ultima della trentennale serie di proroghe sono scaduti lo scorso 31 dicembre, lo slittamento – rispettivamente al 31 dicembre 2021 per le scuole e al 31 dicembre 2019 per gli asili – dell’orizzonte temporale per l’adeguamento alle norme e per l’ottenimento di una certificazione antincendio, previsto dal dl Semplificazioni appena convertito in legge, è stato accolto come una manna dal cielo che ha scacciato, almeno temporaneamente, lo spettro della chiusura dei plessi inadempienti. Provincia – ente proprietario delle scuole superiori – e Comune – a cui spetta invece la gestione di scuole materne, elementari e medie – si stanno nel frattempo affannando (ma neanche troppo) ad approvare progetti, lanciare manifestazioni d’interesse e formalizzare affidamenti per i lavori, con l’ente di Piazza del Popolo che ha attuato una ricognizione sui documenti da presentare per ogni plesso al fine di ottenere la certificazione da parte dei Vigili del Fuoco. Lo stesso è stato fatto – in abbinamento ad un progetto di manutenzione straordinaria da 200 mila euro – per le centrali termiche, il cui certificato di omologazione, a parte la scuola d’infanzia di Borgo San Michele e una porzione dell’istituto agrario, è inesistente per i plessi di Latina. Per una scuola su tre, invece, non è disponibile un certificato di agibilità o di abitabilità (da qualche accorpati in un unico attestato di agibilità) che ne attesti le condizioni igienico-sanitarie, la conformità degli impianti e delle costruzioni, nonché una valutazione statica idonea. Proprio quello dei certificati di collaudo statico, necessario al rilascio dell’agibilità, è un altro versante critico. L’istituto Prampolini di B.go Podgora, al centro dell’ultima ordinanza sindacale, ne era, per l’appunto, sprovvisto. Ed è in buona compagnia: il 38% delle scuole del capoluogo non sono state collaudate al termine della loro edificazione o a seguito di interventi strutturali. Alcune, infatti, sono state costruite prima del 1971, anno in cui è stata introdotta tale forma di certificazione, mentre il 25% di queste è sorto post ’71 ma non presenta ugualmente un collaudo statico. Numeri sconfortanti, che appaiono più grigi se abbinati al fatto che, in media, solamente il 40% (9 punti sotto la media nazionale) degli edifici scolastici del Lazio presenta una certificazione di idoneità statica (Cis), documento che permette una valutazione strutturale a posteriori sulla conformità degli edifici alle norme edilizie in vigore al momento della costruzione. E nel frattempo è lo stesso ministro dell’Istruzione Bussetti a minimizzare l’intera questione: “Dove non c’è un certificato non vuol dire che esiste effettivamente un problema di sicurezza”, ha scandito all’inizio dell’anno scolastico. Vero, così come è vero, però, che esiste un serio problema di conoscenza del reale stato di salute delle scuole. E a Latina questo i dirigenti lo sanno bene, da troppi anni in attesa di un serio programma di manutenzione e messa in sicurezza.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/03 1553101260 Genzano, 118 chiuso per mancanza di personale. Silvestroni (FdI): sanità a pezzi
20/03 1553093040 Under 15. Mirafin, non basta una grande prova contro Zagarolo
20/03 1553092200 Nuoto, Il Team Master Lavinio protagonista a Frosinone
20/03 1553089560 Devis D'Arpino bronzo ad Abu Dhabi: premiato dal presidente Di Pietro
20/03 1553089080 Under 19. Unipomezia, la salvezza è sempre più vicina
20/03 1553088540 Under 20. Anzio Basket, non basta un'ottima prova contro la capolista Fonte
20/03 1553088480 Problemi con l'impianto idrico, ordinanza di chiusura per la scuola
20/03 1553088240 Dramma all'ospedale di Anzio, dipendente del Cup muore di infarto
20/03 1553087520 Vela. Tognazzi Marine Village, gli atleti ripuliscono la spiaggia
20/03 1553085600 Il Comune di Latina ha individuato l'area per la spiaggia per cani
20/03 1553085600 Genzano, sindaco senza maggioranza: non si dimette e passa la palla al Prefetto
20/03 1553083920 Genzano, vigilessa investita da un Suv davanti alla scuola
20/03 1553077260 Di notte nel bosco per dare fuoco alle potature e agli stralci, arrestati
20/03 1553076660 Spaccio a Torvaianica: sequestrati 6 etti di cocaina e marijuana, tre arresti
20/03 1553074740 United Aprilia,si separano le strade con Serpietri. Tornerà nella "sua" Pomezia?
20/03 1553074320 Daniele Mancini: “Rivoluzione turismo a Nettuno, ecco il primo portale on line”
20/03 1553071800 Infiltrazioni a scuola: rilievi dei vigili del fuoco all'istituto Ardea 2
20/03 1553071140 Il Comune di Aprilia "sotto attacco informatico": sospesi i servizi al pubblico
20/03 1553067120 Colpo alla Conad di Nettuno, i ladri prendono la Cassaforte e fanno spesa
20/03 1553065080 Cinque assessori Lbc lanciano la "Piazza grande" di Zingaretti a Latina
20/03 1553064600 Terracina, maggioranza KO in commissione bilancio dopo i passaggi alla Lega
20/03 1553064480 Sezze, Fernando Acitelli presenta il libro “La tristezza delle ripartenze
20/03 1553064420 Licenziato per le pause sigaretta, dipendente reintegrato dai giudici
20/03 1553064180 “Assassinio in Cornovaglia (verso l’ora zero)” al Teatro Pistilli di Cori
20/03 1553063940 La senatrice Elena Fattori presenta il suo libro "Il medioevo in Parlamento"

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli