[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ricorso della Direr e di 200 dipendenti

Sede unica della Regione Lazio: la palla passa al giudici del Tar

L'Ex sede ericsson di Via Anagnina - Il trasloco dovrebbe iniziare a luglio, a meno che il Tar non blocchi il trasferimento
L'Ex sede ericsson di Via Anagnina - Il trasloco dovrebbe iniziare a luglio, a meno che il Tar non blocchi il trasferimento

È finita sulla scrivania dei magistrati del Tribunale Amministrativo del Lazio la delibera della Giunta Zingaretti di novembre scorso che dispone l'accorpamento delle quattro sedi regionali attive nella Capitale in una nuova sede unica situata all'interno di alcune palazzine all’interno del più grande Campus Ericsson di via Anagnina, a 4 km di distanza dal capolinea della metro A. Il ricorso giudiziario è stato promosso dalla Direr, l'organizzazione sindacale dei dirigenti e dei quadri direttivi della Regione Lazio, e da 200 dipendenti, ovvero circa un quarto degli 800 lavoratori coinvolti dal trasferimento. I ricorrenti hanno chiesto in particolare l'annullamento della deliberazione che dispone il trasloco ed anche la sospensiva urgente del provvedimento della Giunta Zingaretti: vale a dire che prima di trattare a fondo il merito del ricorso, entro un paio di mesi al massimo, i giudici saranno chiamati a decidere anche se sospendere o meno la validità dell'atto amministrativo in attesa della sentenza di primo grado.

LA POSIZIONE DELLA GIUNTA ZINGARETTI
Ma ripartiamo dall'inizio. A fine novembre la Giunta Zingaretti ha annunciato quella che ritiene essere una vera e propria rivoluzione nell'organizzazione delle sedi regionali romane in cui lavorano 760 dipendenti e 55 dirigenti, per un totale di 815 lavoratori. La scelta, almeno secondo i proponenti, provocherà un risparmio consistente per le casse dell'Ente visto che la spesa per i canoni d'affitto passerà dagli attuali 12 milioni e 211mila euro all'anno a soli 3 milioni e 630mila, con un risparmio annuo di 8 milioni e 581mila euro. La “metà dei soldi risparmiati, ovvero più di 4 milioni di euro all'anno, verranno investiti dalla Regione Lazio sui fondi destinati agli stipendi dei lavoratori». Così ci ha raccontato un rappresentante regionale dei sindacati confederali che preferisce restare anonimo. «La cifra netta che il singolo lavoratore si troverà in più in busta paga è pari – ha spiegato - a circa 150, forse 200 euro al mese». Si tratterebbe, in ogni caso, di un trasferimento temporaneo visto che l'intenzione della Regione Lazio resta quella di costruire nel prossimo futuro un “polo unico regionale di proprietà dell'Ente”, così si legge nei  documenti che il Caffè ha potuto consultare, da costruire con i soldi risparmiati sui canoni d'affitto.

LA GUERRA DEI NUMERI
Un quarto dei dipendenti sono contro il trasferimento ed hanno firmato il ricorso della Direr, il sindacato dei dirigenti. «Ma – ci racconta una fonte sindacale che preferisce non comparire – puntiamo a raccogliere entro qualche giorno altre firme e raggiungere le 300 persone. Non c'è funzionalità nella scelta di una nuova sede privata non definitiva: ha senso – sottolinea - spostarci in una nuova sede privata ancora provvisoria? Secondo noi, no. La legge – argomenta - obbliga gli Enti pubblici a spostarsi in una sede pubblica. Dopo i 100 milioni di euro spesi in passato per il trasferimento nel grattacielo di via Cristoforo Colombo della ex Provincia, ora si spendono altri soldi per spostarsi in una nuova ed ennesima sede privata. L'ex palazzo Ericsson nasce tra l'altro come immobile D8, ovvero come struttura in cui svolgere attività commerciali. Solo in seguito sarebbe stata 'trasformata' in struttura atta ad accogliere 'Pubblici Uffici'. Così facendo, il Comune di Roma non riceverebbe più l'Imu, l'Imposta Municipale Unica. Vi dovrà essere quindi un incontro tra Ragione e Campidoglio».

ISTRUTTORIA CARENTE
«Il cronoprogramma – assicura la fonte de il Caffè - prevede l'inizio del trasloco entro luglio, la sua conclusione entro dicembre. Abbiamo chiesto l'accesso agli atti del cronoprogramma, ma non ci hanno ancora risposto.  Nelle delibere infine – conclude la fonte de il Caffè - non si parla di un accordo sui mezzi pubblici, ovvero la navetta da e per la nuova sede unica che dovrà collegare la stazione della metro A - Anagnina con il palazzo dell'Ericsson». Entro qualche settimana, la palla passerà ai giudici del Tar che ci diranno se il trasloco è legittimo o meno. 

USB CONTRO LA DECISIONE DI ZINGARETTI
“Le procedure di trasferimento presentano gravi profili di illegittimità – rincara la dose con un comunicato USB, l'Unione Sindacale di Base -  tanto che già quasi 200 dipendenti regionali hanno sottoscritto un ricorso al TAR per ottenere l’annullamento e/o la revoca della decisione regionale. Qualora la Regione non desista dal mettere in atto le illegittime procedure di trasferimento, metteremo in atto gli ulteriori interventi previsti dalle norme sindacali, amministrative e giudiziarie per ottenere il riconoscimento della dignità dei lavoratori regionali”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
08:29 1553412540 Serie B, Girone E. La Fortitudo Futsal sbanca Colleferro e centra i PlayOff
08:16 1553411760 Pallanuoto, Serie A2. Latina Pallanuoto Anzio Ko a Monterotondo
07:37 1553409420 Serie C Gold. Anzio Basket al Cardiopalma contro la Smit
23/03 1553374920 Esplosione in una villetta, due persone decedute. Si scava per cercare i bambini
23/03 1553372040 Violentissimo scontro a via Canducci a Nettuno, un uomo e una donna in ospedale
23/03 1553358240 Lanuvio, grande festa per l'inaugurazione dello stadio comunale rimesso a nuovo
23/03 1553352660 Coinvolto in un incidente, rifiuta i test su alcol e droga: denunciato 32enne
23/03 1553352180 Grottaferrata, inaugurata la 419esima Fiera Nazionale. Oltre mille visitatori
23/03 1553352120 Albano, al comunale Pio XII la partita amichevole Italia Germania Under 16
23/03 1553351280 Grave incidente al curvone di Tor San Lorenzo, feriti due 18enni di Anzio
23/03 1553338140 Terracina, nuova offerta terapeutica della UOC di Dermatologia Universitaria
23/03 1553336160 Centrodestra unito nel Lazio, tutti alla Camera c’è anche Coppola di Nettuno
23/03 1553336040 Amar Tamira di Nettuno, in gara alla trasmissione di Canale 5 Ciao Darwin
23/03 1553334300 La moglie va via di casa, lui se la prende col cognato che la ospita
23/03 1553332920 Col camion a zigzag sull'Appia passa davanti alla Polstrada: era ubriaco
23/03 1553332440 Genzano, tra i quadri infiorati di quest'anno anche quello di Donna Livia
23/03 1553331600 21enne evade dai domiciliari per amore. Trovato a casa della fidanzata
23/03 1553330280 Uccidono il coinquilino che faceva troppo rumore: due arresti a Cisterna
22/03 1553277900 Acquisizione dell’area La Piccola dalle Ferrovie, il consiglio di Anzio dice: Sì
22/03 1553277720 Granarolo, audizione in Regione per il sindaco di Anzio per evitare la chiusura
22/03 1553277480 Atto vandalico alle nuove pensiline del bus a Nettuno subito ripulite da ignoti
22/03 1553275200 Piantati 3.000 nuovi alberi per Pomezia con il progetto "Boschi E.ON"
22/03 1553269680 Due consiglieri di Aprilia aderiscono a Fratelli d'Italia. Il partito cresce
22/03 1553266320 Un furgone rubato parcheggiato in strada. Dentro c'era una moto... rubata
22/03 1553263620 I cani "apriliani" vanno a Latina, a rischio le adozioni

il servizio dovrebbe passare ai privati

Ama, la privatizzazione è dietro l'angolo

il servizio dovrebbe passare ai privati

La sindaca Virginia Raggi inciampa ancora su verde e rifiuti. L'assessorato all'Ambiente vacante, dopo le dimissioni di Pinuccia...

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli