[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Castelli Romani, Ardea e Pomezia

Tevere da bere: Acea non dirà la qualità dell'acqua, bisognerà richiederla FOTO

<
>
Il potabilizzatore acea 
In verde, i filtri per 'potabilizzare' l'acqua di uno dei fiumi più inquinati d'Italia che arriverà nel bacino Ato 2, ovvero tutta Roma e provincia
Il potabilizzatore acea In verde, i filtri per 'potabilizzare' l'acqua di uno dei fiumi più inquinati d'Italia che arriverà nel bacino Ato 2, ovvero tutta Roma e provincia
Paolo Saccani - Presidente di Acea - Ato 2
Paolo Saccani - Presidente di Acea - Ato 2

L'Acea non pubblicherà le analisi dell'acqua del Tevere che verrà distribuita nei rubinetti di oltre 4 su 5,8 milioni di cittadini residenti nel Lazio: bisognerà richiederle con un accesso agli atti, ovvero con un atto formale. Lo conferma a il Caffè Valerio Novelli, presidente della Commissione Agricoltura e Ambiente della Regione Lazio, in quota 5Stelle (Leggi box con domande e risposte). Ma riavvolgiamo il nastro dell'intera vicenda.

IL POTABILIZZATORE TARGATO ACEA
Parliamo del potabilizzatore dell'acqua del Tevere. Un impianto industriale fortemente voluto dalla municipalizzata dell'acqua di Roma. Il potabilizzatore Acea avrà lo scopo di provare a depurare l'acqua di uno dei fiumi più inquinati d'Italia. 500 litri di acqua al secondo verranno succhiati e sottoposti al trattamento di depurazione. Acqua che l'Acea utilizzerà nel bacino Ato 2 che abbraccia 112 Comuni, tra i quali Roma, tutti i Castelli Romani, Ardea e Pomezia. L’impianto è situato su un'ansa del Tevere, in località Roma nord – Grottarossa. È stato ideato, progettato e approvato nel tempo record di 127 giorni, tra dicembre 2017 e aprile 2018. Costruito tra maggio e novembre 2018. Infine, inaugurato in gran segreto il 12 e 13 dicembre scorso,  ma 'a porte chiuse', ovvero alla presenza solo di tecnici del Comune e dell'Acea, di qualche politico e burocrate. E' costato 12,7 milioni di euro. L'impianto non è ancora entrato in funzione.

CAMBIA LA LEGGE
Fino allo scorso 20 dicembre, la legge regionale impediva di depurare le acque dei fiumi in cui finiscono reflui industriali: “Sono vietati gli scarichi di acque (….) industriali in acque superficiali (ovvero nei fiumi, ndr) – così stabiliva la ormai vecchia legge regionale n. 42 del 2007 - utilizzate o destinate ad essere utilizzate per la produzione di acqua potabile […] gli scarichi in essere dovranno essere condottati a valle dell’opera di presa (cosa impossibile nel caso del Tevere, vista la sua lunghezza, ndr)”. Poco prima di Natale, la Commissione regionale Agricoltura e Ambiente, presieduta dal pentastellato Valerio Novelli, ha varato una piccola ma importantissima modifica di questa legge che permetterà di mettere in funzione il potabilizzatore di ACea.

L'ARTICOLO 12 DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE
La Commissione presieduta da Novelli ha modificato difatti l'articolo 12 del Piano di Tutela delle Acque. L'articolo, nella versione del 2016, non permetteva di utilizzare a fini potabili le acque dei fiumi in cui finiscono reflui industriali. “Sono vietati gli scarichi di acque reflue industriali – stabiliva il 'vecchio' articolo 12 - in acque superficiali (ovvero nei fiumi, ndr) utilizzate o destinate ad essere utilizzate per la produzione di acqua potabile”. La 'nuova' versione dell'articolo 12 prevede ora una nuova postilla, ovvero che “tale divieto si applica solo nelle zone di influenza individuate con deliberazione della Giunta regionale, per ogni punto di prelievo per il quale si rilascia concessione per l’utilizzo di acque superficiali potabilizzate da destinare al consumo umano”. Legge pubblicata sul Burl, Bollettino Ufficiale della Regione Lazio, n.103 (Supplemento n.3) del 20 dicembre scorso.

ACEA RIFIUTA IL CONFRONTO
Il Garante Idrico del Lazio, l'avvocata Paola Parisi, ha convocato per ben due volte l'Arpa Lazio (Agenzia Regionale di Protezione Ambientale), la Asl, il Comune di Roma, l'Acea e la Segreteria Tecnico Operativa di Acea per un confronto. Ma l'Acea e la sua Segreteria Tecnico Operativa non si sono presentate in entrambe le occasioni. Come farà l'Acea a togliere metalli pesanti, idrocarburi e microplastiche dall'acqua del Tevere? Chi controllerà l'acqua del Tevere 'potabilizzata'? Con quale frequenza? Le analisi verranno pubblicate? Perchè alla presentazione dell'impianto non è stata invitata la stampa, lo scorso 12 e 13 dicembre? Speriamo che presto l'Acea risponda alle nostre domande.


Le risposte del presidente Valerio Novelli

Nei giorni scorsi, abbiamo inviato alcune domande sul Potabilizzatore delle acque del Tevere al Presidente della Commissione regionale Agricoltura e Ambiente, Valerio Novelli. Ecco le sue risposte. 

Come riuscirà il potabilizzatore Acea ad eliminare dall’acqua del Tevere microplastiche, metalli pesanti e idrocarburi?
“Non entro tecnicamente nel merito di come Acea interverrà perché esula dalle mie competenze. Comunque sia, Acea dovrà attenersi alle disposizioni del Testo Unico Ambiente, ciò significa che, stando all’articolo 80 comma 2 lettera C, si dovrà procedere ad un trattamento fisico e chimico spinto, affinamento e disinfezione delle acque, garantendo tutte le tutele di salvaguardia per la salute umana”.

 

Chi controllerà le acque del Tevere “potabilizzate”?

Il controllo spetta alle Asl di competenza con il supporto di Arpa Lazio in fase di uscita. Internamente, invece, verranno controllate direttamente dal gestore Acea che è obbligato a tenere dei registri, mettendoli a disposizione degli enti preposti.

Con quale tipo di controlli e con quale frequenza?
La tipologia di controlli da effettuare e la loro frequenza sono regolati a norma di legge, tuttavia i responsabili del controllo possono ripetere ed aumentare la frequenza in qualsiasi momento, nei casi ritenuti opportuni sia internamente che esternamente.

Saranno pubblicati i risultati?
Verranno pubblicate delle relazioni da parte della Asl in collaborazione con Arpa Lazio, mentre i dati specifici, saranno consultabili tramite un semplice accesso agli atti, compresi i registri tenuti dal gestore.

L’ansa del fiume Tevere in zona Grottarossa in cui si trova il potabilizzatore Acea diventerà un’aerea di influenza?
Come scritto nell’articolo 12 comma 3 delle norme tecniche di attuazione, sarà la Giunta Regionale a decidere, in caso di emergenza idrica, se l’ansa del fiume Tevere o qualsiasi altra area, diventerà di influenza. E’ stata proprio la Giunta, infatti, a richiedere questo passaggio all’interno del comma dell’articolo. Ovviamente non è il sottoscritto che prepara gli atti di Giunta e, quindi, questa domanda sarebbe più corretta sottoporla all’organo governativo della Regione Lazio.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/02 1550340600 Non si ferma all'alt: inseguito dai carabinieri, si schianta contro un albero
16/02 1550338380 Pubblicate le graduatorie degli ammessi al liceo Meucci: 84 restano fuori. Ma...
16/02 1550325120 Violenza sessuali continuate sulla figlia minore: arrestato un uomo ad Anzio
16/02 1550324640 Bonificati i canali di Ardea, ma nessuno recupera i rifiuti raccolti
16/02 1550324160 Arrestato mentre commetteva un furto in appartamento: a casa altra refurtiva
16/02 1550323860 Consegnate a un gruppo di assegnatari le chiavi delle case popolari a Porta Nord
16/02 1550323680 Un cinema senza barriere, il progetto patrocinato dal Comune di Latina
16/02 1550316120 Carne ammuffita nella cella frigorifera: chiuso dal Nas un caseificio a Pontinia
16/02 1550315460 Marino, sostituzione caldaia alla scuola D’Azeglio: «Lavori in forte ritardo»
16/02 1550315400 Maltrattamenti alla moglie, 61enne di Aprilia agli arresti domiciliari
16/02 1550315220 Campagna contro i commercialisti abusivi in provincia di Latina
16/02 1550314800 Arrestato un pusher italiano: riforniva di droga i tossicodipendenti della zona
16/02 1550304780 Il giovane cantante Eden di Pomezia conquista Sanremo Young (Rai Uno)
16/02 1550304420 Corsi di Educazione stradale: a scuola con la Polizia locale di Nettuno
16/02 1550304180 Anzio, la bandiera della Roma Francesco Totti a cena in un ristorante al Porto
16/02 1550303940 A processo per aver importato 84 kg di droga dal Cile ad Aprilia e Latina
16/02 1550303220 I volontari di Gialuma incontrano gli studenti della scuola di Albano
16/02 1550302740 La campagna "Planet or plastic?" porta Marco Mengoni sulle dune di Sabaudia
15/02 1550243520 Bimba picchiata, l'ospedale: «È cosciente». La casa presa d'assalto dalle tv
15/02 1550242980 Albano, il Comune pronto alla certificazione del Sistema Anticorruzione
15/02 1550238540 Ciampino, Italia Nostra: appello al Ministero per la Tenuta ducale dei Colonna
15/02 1550236620 Genzano, bimba picchiata, criminologa:“Raptus non esiste,ci sono sempre segnali”
15/02 1550236560 Tornano i quotidiani cartacei nella biblioteca comunale di Pomezia
15/02 1550234280 "Meucci's got talent" al liceo di Aprilia: ecco i vincitori
15/02 1550233800 Controlli al palazzo di vetro di Latina, degrado e denunce

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli