[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Persi per strada il 61% di posti letto

Nuovo ospedale dei Castelli: 208 posti letto in meno dei 3 'vecchi' ospedali

<
>
Da sx, Zingaretti, MOSTARDA e DE FELICE Il Governatore del Lazio, il capo della Asl e il sindaco di Ariccia
Da sx, Zingaretti, MOSTARDA e DE FELICE Il Governatore del Lazio, il capo della Asl e il sindaco di Ariccia

I posti letto attivi nei tre 'vecchi' ospedali di Albano, Genzano ed Ariccia erano 344, per la precisione 130 al San Giuseppe di Albano, 109 al De Santis di Genzano e 105 allo Spolverini di Ariccia. Numeri che i dirigenti della Asl hanno nascosto  negli ultimi mesi dietro un gigantesco muro di  riserbo e che sono stati rivelati a il Caffè da fonti istituzionali che preferiscono non comparire. Tutti questi 344 posti letto avrebbero dovuto essere riattivati nel nuovo ospedale unico dei Castelli Romani. Almeno questo è quanto prevede l'accordo di programma sottoscritto nel 2007 da Regione Lazio, Asl Roma 6 e Comune di Ariccia,  patto istituzionale con il quale è stata pianificata la chiusura delle tre storiche strutture sanitarie castellane. Al contrario, nel nuovo ospedalone sono attivi al momento solo 135 posti letto.  I posti letto dei tre 'vecchi' ospedali di Albano, Ariccia e Genzano erano stati ridotti a 230 unità solo a partire da luglio 2017, dopo la pubblicazione del decreto n. U52/2017 del Commissario della sanità nonché Governatore dal Lazio, Nicola Zingaretti. 
L'ospedale è situato ad Ariccia, in località Fontana di Papa, sulla via Nettunense. E' costato finora 120 milioni di euro sborsati per intero dalla Regione Lazio. Servirà tutto il Lazio sud, in particolare tutti i Comuni dei Castelli Romani, oltre ad Aprilia, Cisterna, Ardea, Pomezia, Anzio e Nettuno, per un totale di oltre 600mila persone.

344, NON 107
Di sicuro, i posti letto presenti nelle tre 'vecchie' strutture sanitarie castellane non erano 107, al  contrario di quanto dichiarato alla stampa da Narciso Mostarda, attuale Direttore Generale della Asl, Roma 6, nei giorni immediatamente precedenti alla messa in funzione del nuovo ospedale. Secondo Mostarda, con l'avvio della nuova struttura sanitaria i Castelli avrebbero goduto di una dotazione di posti letto di circa il 30% superiore al passato. I posti operativi nei tre 'vecchi' ospedali erano divenuti 107 solo alla fine di ottobre 2018, pochi giorni prima che le tre strutture venissero chiuse definitivamente al pubblico.

MOSTARDA SBAGLIA I CONTI: 208 POSTI LETTO IN MENO
Il nuovo ospedale dei Castelli è destinato a restare, almeno per il momento, un ospedale di serie B. Privo dei Dipartimenti e Reparti necessari a renderlo un Policlinico d'eccellenza, al pari della grandi strutture sanitarie romane. Come se non bastasse, i posti letto attivi nel nuovo ospedalone sono quindi 208 in meno rispetto a quelli presenti nella tre 'vecchie' strutture sanitarie di Albano, Ariccia e Genzano, quindi sono in totale il  61% in meno rispetto al passato e soprattutto rispetto a quanto previsto nel patto tra gli Enti del 2007. I pazienti 'in eccesso' verranno quindi dirottati dai dirigenti della Asl Roma 6 nelle  innumerevoli strutture sanitarie private della zona, che ringraziano la sanità pubblica per la sua totale inadeguatezza. 

“342 POSTI LETTO ENTRO DICEMBRE 2020”
“Entro 24 mesi” dall'inaugurazione del nuovo Ospedale dei Castelli Romani, ovvero entro dicembre 2020, Mostarda ha promesso che i posti letto diventeranno “342”. Per il momento i cittadini verranno spediti nelle strutture sanitarie pubbliche della zona. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/02 1550340600 Non si ferma all'alt: inseguito dai carabinieri, si schianta contro un albero
16/02 1550338380 Pubblicate le graduatorie degli ammessi al liceo Meucci: 84 restano fuori. Ma...
16/02 1550325120 Violenza sessuali continuate sulla figlia minore: arrestato un uomo ad Anzio
16/02 1550324640 Bonificati i canali di Ardea, ma nessuno recupera i rifiuti raccolti
16/02 1550324160 Arrestato mentre commetteva un furto in appartamento: a casa altra refurtiva
16/02 1550323860 Consegnate a un gruppo di assegnatari le chiavi delle case popolari a Porta Nord
16/02 1550323680 Un cinema senza barriere, il progetto patrocinato dal Comune di Latina
16/02 1550316120 Carne ammuffita nella cella frigorifera: chiuso dal Nas un caseificio a Pontinia
16/02 1550315460 Marino, sostituzione caldaia alla scuola D’Azeglio: «Lavori in forte ritardo»
16/02 1550315400 Maltrattamenti alla moglie, 61enne di Aprilia agli arresti domiciliari
16/02 1550315220 Campagna contro i commercialisti abusivi in provincia di Latina
16/02 1550314800 Arrestato un pusher italiano: riforniva di droga i tossicodipendenti della zona
16/02 1550304780 Il giovane cantante Eden di Pomezia conquista Sanremo Young (Rai Uno)
16/02 1550304420 Corsi di Educazione stradale: a scuola con la Polizia locale di Nettuno
16/02 1550304180 Anzio, la bandiera della Roma Francesco Totti a cena in un ristorante al Porto
16/02 1550303940 A processo per aver importato 84 kg di droga dal Cile ad Aprilia e Latina
16/02 1550303220 I volontari di Gialuma incontrano gli studenti della scuola di Albano
16/02 1550302740 La campagna "Planet or plastic?" porta Marco Mengoni sulle dune di Sabaudia
15/02 1550243520 Bimba picchiata, l'ospedale: «È cosciente». La casa presa d'assalto dalle tv
15/02 1550242980 Albano, il Comune pronto alla certificazione del Sistema Anticorruzione
15/02 1550238540 Ciampino, Italia Nostra: appello al Ministero per la Tenuta ducale dei Colonna
15/02 1550236620 Genzano, bimba picchiata, criminologa:“Raptus non esiste,ci sono sempre segnali”
15/02 1550236560 Tornano i quotidiani cartacei nella biblioteca comunale di Pomezia
15/02 1550234280 "Meucci's got talent" al liceo di Aprilia: ecco i vincitori
15/02 1550233800 Controlli al palazzo di vetro di Latina, degrado e denunce

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli