[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Persi per strada il 61% di posti letto

Nuovo ospedale dei Castelli: 208 posti letto in meno dei 3 'vecchi' ospedali

<
>
Da sx, Zingaretti, MOSTARDA e DE FELICE Il Governatore del Lazio, il capo della Asl e il sindaco di Ariccia
Da sx, Zingaretti, MOSTARDA e DE FELICE Il Governatore del Lazio, il capo della Asl e il sindaco di Ariccia

I posti letto attivi nei tre 'vecchi' ospedali di Albano, Genzano ed Ariccia erano 344, per la precisione 130 al San Giuseppe di Albano, 109 al De Santis di Genzano e 105 allo Spolverini di Ariccia. Numeri che i dirigenti della Asl hanno nascosto  negli ultimi mesi dietro un gigantesco muro di  riserbo e che sono stati rivelati a il Caffè da fonti istituzionali che preferiscono non comparire. Tutti questi 344 posti letto avrebbero dovuto essere riattivati nel nuovo ospedale unico dei Castelli Romani. Almeno questo è quanto prevede l'accordo di programma sottoscritto nel 2007 da Regione Lazio, Asl Roma 6 e Comune di Ariccia,  patto istituzionale con il quale è stata pianificata la chiusura delle tre storiche strutture sanitarie castellane. Al contrario, nel nuovo ospedalone sono attivi al momento solo 135 posti letto.  I posti letto dei tre 'vecchi' ospedali di Albano, Ariccia e Genzano erano stati ridotti a 230 unità solo a partire da luglio 2017, dopo la pubblicazione del decreto n. U52/2017 del Commissario della sanità nonché Governatore dal Lazio, Nicola Zingaretti. 
L'ospedale è situato ad Ariccia, in località Fontana di Papa, sulla via Nettunense. E' costato finora 120 milioni di euro sborsati per intero dalla Regione Lazio. Servirà tutto il Lazio sud, in particolare tutti i Comuni dei Castelli Romani, oltre ad Aprilia, Cisterna, Ardea, Pomezia, Anzio e Nettuno, per un totale di oltre 600mila persone.

344, NON 107
Di sicuro, i posti letto presenti nelle tre 'vecchie' strutture sanitarie castellane non erano 107, al  contrario di quanto dichiarato alla stampa da Narciso Mostarda, attuale Direttore Generale della Asl, Roma 6, nei giorni immediatamente precedenti alla messa in funzione del nuovo ospedale. Secondo Mostarda, con l'avvio della nuova struttura sanitaria i Castelli avrebbero goduto di una dotazione di posti letto di circa il 30% superiore al passato. I posti operativi nei tre 'vecchi' ospedali erano divenuti 107 solo alla fine di ottobre 2018, pochi giorni prima che le tre strutture venissero chiuse definitivamente al pubblico.

MOSTARDA SBAGLIA I CONTI: 208 POSTI LETTO IN MENO
Il nuovo ospedale dei Castelli è destinato a restare, almeno per il momento, un ospedale di serie B. Privo dei Dipartimenti e Reparti necessari a renderlo un Policlinico d'eccellenza, al pari della grandi strutture sanitarie romane. Come se non bastasse, i posti letto attivi nel nuovo ospedalone sono quindi 208 in meno rispetto a quelli presenti nella tre 'vecchie' strutture sanitarie di Albano, Ariccia e Genzano, quindi sono in totale il  61% in meno rispetto al passato e soprattutto rispetto a quanto previsto nel patto tra gli Enti del 2007. I pazienti 'in eccesso' verranno quindi dirottati dai dirigenti della Asl Roma 6 nelle  innumerevoli strutture sanitarie private della zona, che ringraziano la sanità pubblica per la sua totale inadeguatezza. 

“342 POSTI LETTO ENTRO DICEMBRE 2020”
“Entro 24 mesi” dall'inaugurazione del nuovo Ospedale dei Castelli Romani, ovvero entro dicembre 2020, Mostarda ha promesso che i posti letto diventeranno “342”. Per il momento i cittadini verranno spediti nelle strutture sanitarie pubbliche della zona. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:59 1555772340 Scomparso da casa da 2 giorni, auto ritrovata vicino al lago di Castel Gandolfo
15:37 1555767420 Potature di Primavera, Cincinnato ad Anzio di nuovo sommersa dai rifiuti
15:35 1555767300 Bruciano rifiuti a Nettuno, la Forestale sequestra un terreno: denunciati in 5
14:14 1555762440 Furto in un ristorante e tentato furto in tintoria nella notte ad Ardea
14:08 1555762080 In fuga a folle velocità sulla Pontina con il Suv rubato a Bologna: arrestato
14:01 1555761660 Addio allo storico Annibale Folchi, "ricercatore per vocazione"
13:57 1555761420 Il 70° Stormo in visita al reparto di Pediatria dell’ospedale S. Maria Goretti
13:56 1555761360 Cori chiede finanziamenti per quasi un milione di euro a Regione e Ministero
12:16 1555755360 Tragedia sfiorata ad Anzio, operaio cade a terra da un traliccio di otto metri
10:55 1555750500 Ancora sassi sulle auto in transito sulla Pontina: è emergenza
08:03 1555740180 «Chi ha ucciso mia madre e mio marito?»: l'appello di Angelina Di Silvio
07:58 1555739880 L'Asd Nuova Florida "sfrattata" dai campi sportivi del Comune di Pomezia
07:47 1555739220 21enne condannato a due anni per rapina. Il primo reato a 12 anni
19/04 1555687020 Dolium romano in frantumi a Villa Adele, è stato un cedimento strutturale
19/04 1555686960 Pasqua e pasquetta con isola pedonale e doppio ritiro dei rifiuti ad Anzio
19/04 1555686720 Conferenza Sanità, Danilo Fontana: “Abbiamo chiesto di riaprire Senologia”
19/04 1555686000 Camion sfrecciano sulle buche e le pareti delle case vibrano: disagi ad Ardea
19/04 1555685520 Il liceo Volterra di Ciampino alle finali delle olimpiadi di problem solving
19/04 1555684260 Gli alunni della scuola Virgilio di Ardea realizzano un disegno per Notre Dame
19/04 1555680300 Il 27 e 28 aprile Giulianello celebra il suo Santo Patrono San Giuliano Martire
19/04 1555680000 Lanuvio, il Comune dà il via alla campagna "Plastic Free Challenge"
19/04 1555679940 Latina e Terracina si confermano Bandiera Blu anche nel 2019
19/04 1555677300 40enne impiccato in casa ad Ardea: la ex moglie trova il corpo esanime
19/04 1555676820 Lievito '19: arrivano Kim Rossi Stuart, Lo zoo di Berlino e Big Soul Mama
19/04 1555675800 Cisterna, 30 nuovi lecci nel parco Giovanni Paolo II per la riqualificazione

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli