[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

I sindaci lanciano la sfida alle slot machine

I sindaci lanciano la sfida alle slot machine, chiedono più poteri per fermare questo cancro sociale

Dipendenza dal gioco d'azzardo
Dipendenza dal gioco d'azzardo
La misura è colma, il cosiddetto “gioco” d'azzardo è un'epidemia. Siamo la seconda regione in Italia, dopo la Campania, per spesa pro capite in scommesse e altri azzardi: oltre 1.850 euro a testa bruciati nel 2011. Fa male alle persone, alle famiglie, e impoverisce l'economia assorbendo enormi flussi di denaro senza dare nulla indietro ed esponendo all’usura. 
Tecnicamente, è quello che si chiama un moltiplicatore negativo.  Dicevano che l’azzardo legale andava favorito per portare soldi al Fisco e ridurre l’illegalità. Falso: solo 19 anni fa lo Stato ci guadagnava circa il 30%. Negli ultimi anni, invece, ha iniziato a prenderci sempre meno, fino al misero 9% del 2012. Anno in cui l’azzardo ha ridotto il reddito delle famiglie italiane di almeno 17 miliardi, come documenta un recente dossier del Prof Maurizio Fiasco della Consulta nazionale antiusura. Dal 1994 ad oggi è cresciuta di 7 volte la spesa in consumo di azzardo, ma si sono dimezzate le vincite vere, quelle cioè sopra i 500 euro. 
Una crescita al contrario che ricorda le cellule cancerogene: crescono rapidamente, con metastasi che arrivano prima o poi dappertutto. Infatti, ormai ad occuparsi di questa epidemia sono i SerT, i servizi tossicodipendenze. Ma nelle istituzioni qualche anticorpo resiste: sta riscuotendo continue adesioni il “Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo” e la parallela iniziativa per una legge che dia ai Sindaci ed ai Comuni concreti poteri in materia. È infatti soprattutto sui Comuni che ricade il peso sociale, sanitario ed economico dei disastri provocati dalle macchinette mangiasoldi. E i Sindaci, massima autorità in materia sanitaria nel proprio Comune, si stanno accorgendo che l'azzardo patologico minaccia le loro città. Dopo 9 mesi dal lancio dell'iniziativa, lo scorso 14 gennaio, nel Lazio sono solo 4 finora le amministrazioni comunali che hanno sottoscritto il Manifesto: tre in provincia di Latina - Formia, Lenola e Sermoneta – e Ladispoli in provincia di Roma. Insieme ad altri 290 Comuni italiani «si impegnano ad utilizzare tutti gli strumenti disponibili per esercitare tutte le attività possibili di contrasto al gioco d'azzardo». Una pacifica rivolta, rappresentativa ad occhio e croce di almeno 7-8 milioni di italiani. Vogliono decidere anch'essi come amministratori locali sull'apertura delle sale slot, su orari e distanze minime dai luoghi sensibili (ad es. scuole, chiese ed altri centri di aggregazione, specialmente giovanile). 
Vogliono inoltre un coordinamento con le forze dell'ordine, Asl e altre istituzioni sanitarie per prevenire e curare le patologie dell'azzardo. 
Chiedono poi serie verifiche fiscali sulle macchinette e un monitoraggio contro infiltrazioni malavitose e che sia data ai Comuni una parte dei soldi raccolti dall'azzardo per la cura dei dipendenti dall’azzardo e la prevenzione dell’azzardo patologico. I Comuni con moltissime associazioni propongono anche una moratoria, cioè di congelare l’immissione di nuovi “giochi” e di impedire la pubblicità dell’azzardo. Divieto, quest'utlimo, ora in vigore nel Lazio da agosto. Il Manifesto è sostenuto anche dall'Anci, l'importante associazione dei Comuni d'Italia, insieme all'altra campagna nazionale “Mettiamoci in gioco”, per porre un freno allo spaccio di azzardo di Stato che, con la scusa di regolamentare, ha trasformato il Bel Paese in un enorme casinò fuori controllo. 
Il 9 ottobre verrà presentato il disegno di legge di iniziativa popolare con queste richieste. Molti Sindaci in prima persona promuoveranno la raccolta delle 50mila firme necessarie per portare la proposta in Parlamento. 
Sulla stessa lunghezza d'onda anche la Regione Lazio, terza in Italia ad aver emanato una propria legge su questa scottante materia, dopo Emilia Romagna e Liguria. Purtroppo, alcuni degli importanti buoni propositi non possono attuarsi, in attesa della concreta applicazione della normativa introdotta col famoso decreto Balduzzi convertito nella legge 189 del primo novembre 2012. In partciolare, la distanza minima delle sale slot dai luoghi “sensibili” non è ancora stata individuata. Dovevano farlo entro 120 giorni dal primo gennaio scorso. 
Dare regole certe ed efficaci per la legalità e la riduzione del danno in fatto di azzardo, resta un terno al lotto. 
Cosa aspettano, però, tutti gli altri Sindaci del Lazio ad aderire al Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo? 
 
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
13:46 1573735560 Cori, manutenzione della scuola Radicchi: partita la gara per affidare i lavori
13:40 1573735200 Casa della Salute a Cisterna: convocato consiglio comunale straordinario
13:37 1573735020 Frana, la Regione: domani partono i lavori in via Norbana
13:28 1573734480 Latina, i Carabinieri trovano due giovani con dosi di eroina
11:00 1573725600 Continuano i danni del maltempo: Terracina è allagata
10:47 1573724820 Ariccia, costituita l'Associazione Europea dei Viaggi di Goethe
10:41 1573724460 Ariccia, sabato la mostra d'arte collettiva dedicata alla Terra all'Art Saloon
10:35 1573724100 Suicidio a Latina: 89enne si toglie la vita con un colpo di fucile
10:06 1573722360 Albano, lo studio del Commercialista Ferretti è il migliore d’Italia
09:24 1573719840 Torna l'incubo dei sassi sulla Pontina contro gli automobilisti
09:16 1573719360 Sette bambini compagni di classe con strane macchie sul volto: in ospedale
09:13 1573719180 Valori "sballati" al depuratore di Aprilia: la Regione multa Acqualatina
08:30 1573716600 Incidente sulla Pontina: traffico verso Roma e nelle strade di accesso a Aprilia
08:01 1573714860 Chiusure dei punti di primo intervento, la decisione al Tar il 2 dicembre
13/11 1573665960 Il Comune di Pomezia ferma i lavori all'interno del borgo di Pratica di Mare
13/11 1573664940 Madre e figlio in affari... con la droga: arrestati entrambi a Santa Palomba
13/11 1573664580 È ufficiale: l'ex sindaco M5S di Pomezia passa alla Lega
13/11 1573659480 Ponti malridotti, partono i bandi Anas: manutenzioni strutturali in tempi brevi
13/11 1573657920 Sciolta la commissione Speciale, Franchi: “Negato il dibattito democratico”
13/11 1573657860 Maltempo, oltre 120 interventi di soccorso sul Litorale: strade devastate
13/11 1573657740 Festa del cioccolato in piazza ad Anzio dal prossimo 29 novembre al 1 dicembre
13/11 1573657620 Maltempo, una cittadina ringrazia con una lettera la polizia locale di Nettuno
13/11 1573652460 Tigri portate da Latina alla Polonia, depositata una denuncia in Procura
13/11 1573650900 Autorizzati a costruire su un sito archeologico: via il processo d'appello
13/11 1573639140 Castel Gandolfo: cittadinanza onoraria ad Elettra Marconi al Palazzo Pontificio

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli