[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

È un disastro

112, numero unico emergenze presto in tutto il Lazio: di male in peggio

<
>
Pina Onotri
Pina Onotri
Angelo Eesta - Segretario nazionale Sindacato aut. medici italiani
Angelo Eesta - Segretario nazionale Sindacato aut. medici italiani
Giovanni Terella
Giovanni Terella

Entro fine anno la Regione Lazio selezionerà altre 115 persone per la sala operativa del 112, il controverso numero unico emergenze, che per ora copre Roma e altri 71 Comuni con il prefisso telefonico 06. È il preludio all'estensione sull'intero territorio laziale. “Il servizio, attraverso i due livelli di risposta, rende il soccorso più rapido ed efficiente”, dice il sito internet della Regione. Ma la realtà, spinge a domandarsi se sia una buona idea. Professionisti del soccorso e cittadini lo bocciano. Diversi lettori ci hanno scritto amareggiati, chiedendoci di tornare sull'argomento dopo il nostro approfondimento a giugno scorso. “Il giorno in cui mia figlia è stata  improvvisamente colta da malore, sono stato sottoposto ad un interrogatorio di primo grado per oltre 15 minuti prima di sentirmi dire ‘manderemo il pronto soccorso’. Nel frattempo avrei impiegato solo 5 minuti a portarla in ospedale con la macchina personale se non vi fosse stata la paura che un comportamento simile, come spesso capita, potrebbe essere stato fatale per la vita di un paziente”. Così ci scrive Vincenzo C., nostro lettore di Roma, a proposito del 112.  

TRA COMPUTER E PROTOCOLLI
Senza disconoscere la funzione di filtro che può avere, il problema è che si sono allungati i tempi di risposta e d'intervento. La nuova procedura, avviata nel Lazio a novembre 2015, prevede un doppio passaggio: chi chiama viene in prima battuta intervistato dalla sala operativa unica, una sorta di call center, dove si compila una scheda in base all’elenco con 32 tipologie di intervento preparato dal Ministero dell’interno per poi reindirizzare la chiamata ai soccorritori veri e propri: pompieri, forze dell'ordine, ambulanze.  Se va bene, subito o quasi risponde qualcuno. Altrimenti scatta la voce registrata che in italiano, inglese e spagnolo dice “rimanga in attesa”. Un protocollo duramente criticato da vari sindacati nei diversi settori del soccorso e dell'emergenza. Dai medici ai pompieri, dalla polizia di Stato, con il Sap, Siap e Siulp, agli infermieri del Nursind. 

I MEDICI: «MINUTI VITALI» 
«Anche un paio di minuti possono essere vitali e il doppio passaggio allunga i tempi di intervento», spiega Pina Onotri, segretaria generale dello Smi, il Sindacato Medici Italiani. «Il problema è nazionale. Dov'è partito il numero unico, pur con buone intenzioni, ha creato ritardi, soprattutto quando si tratta di emergenze vere e proprie. L'operatore del 112 deve capire se serve il medico, l'ambulanza, i Vigili del fuoco, polizia o carabinieri e per fare questo ci vuole tempo - conferma al Caffè il dottor Angelo Testa, segretario nazionale dello Snami, il Sindacato autonomo medici italiani -. Da tempo abbiamo lanciato un appello affinché si riveda il servizio. Nessuno sembra ascoltarci, speriamo che nelle Regioni chi di dovere ci stia pensando… ». 

L’IRA DEI POMPIERI: «UN FLOP»
«A volte a noi nemmeno ci avvisano o ci coinvolgono solo dopo vari minuti… a me è successo persino su incidenti stradali con persone incastrate tra le lamiere», denuncia Rossano Riglioni, segretario regionale del sindacato autonomo dei Vigili del fuoco Conapo. «È un flop vero e proprio e si lamentano gli stessi operatori della sala operativa 112 – affonda il collega Giovanni Terella, segretario regionale dell'USB vigili del fuoco precari -, perché quando ricevono la chiamata non sanno gestirla. Sono formati sulla carta, li mettono davanti al computer e via, senza alcuna esperienza da soccorritore». Servirebbe, invece, un certo fiuto. «Questo è il fatto più assurdo : stanno facendo la sala operativa unica a “laici” - insiste il segretario del Conapo - ossia a personale che non ha mai fatto attività di soccorso, mentre noi e gli altri professionisti riusciamo a percepire che tipo di intervento è necessario e possiamo dare subito indicazioni pratiche a chi chiama senza perdere tempo per far partire la squadra». 

SOCCORSI INVIATI INUTILMENTE
«Spesso chi risponde al 112 non capisce subito se passare la chiamata a polizia o carabinieri o a noi. Altre volte inviano un soccorso, ad esempio l'ambulanza, che non serve! - tuona il pompiere dell’USB -. Al nostro centralino 115, invece, lavorano tutte persone che fanno attività su strada, in grado di dare subito indicazioni mentre intanto i nostri sono già partiti per fare l'intervento». «Continuano ad esserci ritardi sugli incidenti stradali, sui soccorsi a persona e sui tentativi di suicidio – aggiunge Riglioni del Conapo -. Noi Vigili del fuoco dovremmo essere i primi ad arrivare in certe situazioni e invece siamo gli ultimi grazie a questo 112 lumaca. È scandaloso! Perciò continuiamo a chiedere la sala operativa unica interforze gestita da noi con gli altri professionisti del soccorso».

Dello stesso avviso anche i medici e gli operatori delle ambulanze «Certo, la sala operativa unica con infermieri, medici, carabinieri, poliziotti e vigili del fuoco potrebbe essere la soluzione», afferma il segretario del Sindacato autonomo medici italiani, Angelo Testa. Non la pensa evidentemente così la Regione Lazio, che sta per assumere altre 115 telefonisti del 112 tartaruga. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20:56 1555613760 Sospesi i lavori di realizzazione di un distributore di fronte a Tor Caldara
18:25 1555604700 Ardea, sfondano la vetrina con l'auto-ariete e rubano... l'uovo di Pasqua
18:21 1555604460 Ardea, sfondano la vetrina con l'auto-ariete e rubano... l'uovo di Pasqua
17:45 1555602300 Il Papa al carcere di Velletri per la lavanda dei piedi a dodici detenuti
16:28 1555597680 Casinò ad Anzio, Il Ministero dell’Interno accende le speranze del Comune
16:25 1555597500 Pescatori ripuliscono il mare del Lazio: in un mese 100 kg di plastica e rifiuti
15:01 1555592460 Tari a Pomezia, Comune scopre evasione record: cartelle per quasi 600mila euro
13:56 1555588560 Litiga con la compagna e rapisce il figlio di 3 anni: rintracciato in Est Europa
13:43 1555587780 Gara di torte all’Andos di Anzio e Nettuno, vince la “Pastiera a modo mio”
13:42 1555587720 Incendio alla Stazione di Anzio, proprio vicino ai binari, arrivano i Pompieri
13:39 1555587540 Nuovi distacchi alla Divina Provvidenza, si lavora per consegnare alcune stanze
12:20 1555582800 Gli alunni della scuola Lupacchino di Frascati vincono il concorso Biciscuola
12:08 1555582080 Aggredisce il personale sanitario e i Carabinieri, arrestato un 56enne di Cori
11:33 1555579980 Blitz di Pasqua: 13 quintali di prodotti scaduti in uno stabilimento dolciario
10:59 1555577940 Perde il controllo dell'auto e si ribalta in via Mura dei Francesi a Ciampino
10:54 1555577640 25 aprile e 1° maggio con concerti e mercatini al Punkrazio di Pomezia
10:49 1555577340 Lavatoio comunale di Marino preso d'assalto dai topi: appello per la bonifica
10:40 1555576800 Continuano le visite guidate con le scuole a Palazzo Chigi di Ariccia
10:31 1555576260 Lanuvio, Nemi e Velletri vincono il concorso per Città senza barriere
10:29 1555576140 Il cantautore Max Gazzè in concerto questa estate a Villa Adele ad Anzio
10:18 1555575480 Dimore Storiche del Lazio aperte gratis dal 25 al 28 aprile: tutte le info
10:03 1555574580 100mila euro per mettere in sicurezza la strada che collega Lanuvio ad Aprilia
09:48 1555573680 Tanti eventi a Rocca di Papa per il centenario della nascita di Chiara Lubich
09:47 1555573620 La senatrice M5S Elena Fattori presenta il libro "Il Medioevo in Parlamento"
09:44 1555573440 La Conferenza dei 22 sindaci della Asl Roma 6 'promuove' il direttore Mostarda

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli