[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Monitoraggio su tempi di esami e visite

Sanità, Regione furbetta sulle liste d’attesa: non dice quanti giorni occorrono

I capi della sanità laziale hanno tirato un bel respiro di sollievo: è stata elogiata la trasparenza della nostra Regione sui tempi di attesa per visite ed esami. Il Lazio è tra le sole quattro Regioni ad avere un “un sistema avanzato di rendicontazione secondo classi di priorità”, insieme a Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Valle d’Aosta cui si aggiunge la  Provincia autonoma di Bolzano. A rilevarlo è stata la Fondazione GIMBE,  Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze, lanciando i risultati preliminari di un apposito studio. In pratica, su internet comunicano ogni settimana  e per ogni prestazione vengono rispettati i tempi previsti dalla normativa regionale, aggiornata ad aprile dell'anno scorso con decreto del Presidente Zingaretti. I dati riportati si riferiscono alle prime visite e agli esami strumentali. Vi è una classifica, in base a tre classi di priorità e i relativi tempi standard che le Asl non dovrebbero oltrepassare nel fornire le prestazioni. Urgente: da eseguire entro 3 giorni. Breve: da eseguire entro 10 giorni. Differibile: da eseguire entro 30 giorni per le visite e 60 giorni per la diagnostica. Il sito regionale pubblica i dati a cadenza settimanale, a partire dalla settimana iniziata il 28 maggio scorso.

IL SEMAFORO DELLE ATTESE
Il portale evidenzia per ogni prestazione il livello di rispetto dei tempi standard con una percentuale calcolata ogni settimana. I risultati sono quindi evidenziati in tre scaglioni con tre distinti colori. Il verde indica il rispetto dei tempi per almeno il 90% del totale delle prenotazioni; il colore giallo indica che le prenotazioni entro lo standard sono comprese tra 50-89%; mentre sono segnate in rosso le prenotazioni che sono entro lo standard nemmeno nel 50% dei casi sul totale delle prenotazioni per il periodo selezionato. Ebbene, nel corso dell'ultima settimana rilevata (2 - 8 luglio) solo 3 prestazioni al livello regionale sono in verde, cioè vengono erogate entro i tempi massimi: le visite ginecologiche, otorinolaringoliatriche, fisiatriche e oncologiche e la Tac senza e con contrasto del rachide e speco vertebrale. Complessivamente, quasi 8 volte su 10 - dato medio - i pazienti hanno ottenuto le prestazioni nei tempi previsti come dato medio. Quasi 85% le visite, 71,9% gli esami diagnostici.   

MISTERO SUI GIORNI
Il 14 giugno la neo Ministra della Salute, Giulia Grillo, con una circolare ha chiesto a tutte le Regioni  di raccogliere capillari informazioni su come vengono gestite le liste d'attesa nella erogazione di visite ed esami. Del resto è dall'ottobre 2010 che Stato e Regioni hanno approvato il PNGLA, Piano nazionale di governo delle liste d'attesa che individua 58 prestazioni tra visite specialistiche, esami diagnostici e interventi chirurgici per i quali le Asl e aziende ospedaliere devono garantire tempi standard. Non è un favore ai sudditi pazienti, ma un obbligo di legge. Va bene la trasparenza espressa con le percentuali. Ma perché nel nuovo sistema di monitoraggio della Regione Lazio non indicano i giorni di attesa effettivi? Chi è arrivato alla fine di questo articolo, probabilmente se lo sarà domandato: quanto posso sperare di dover attendere per una risonanza, per la Tac, per una visita specialistica? In quanti giorni si traducono quelle percentuali medie color rosso fuoco, ad esempio, su risonanze magnetiche o ecocolordoppler cardiaca? Speriamo che almeno alla Ministra lo dicano. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/02 1550678460 Nuovo Porto di Anzio, cena e incontro tra il Sindaco e il viceministro Rixi
20/02 1550678340 Via Gorizia riapre dopo quattro anni di disagi e paure, la gioia dei residenti
20/02 1550678100 Pista ciclabile da Aprilia a Nettuno passando per Anzio, accordo tra i comuni
20/02 1550676120 Dal 25 febbraio, l'ospedale di Frascati ospiterà un centro di oncologia clinica
20/02 1550675880 Protocollo tra Cisterna Ambiente e Polizia locale contro l’abbandono dei rifiuti
20/02 1550671680 Rocca di Papa si candida ad ospitare i mondiali di equitazione del 2022
20/02 1550669820 Cisterna: telecamere contro l'abbandono dei rifiuti e sanzioni ai trasgressori
20/02 1550669400 Trasporto pubblico locale: sciopero di 24 ore il giorno della festa della donna
20/02 1550667240 Consuma al bar e si allontana senza pagare: "furbetto" denunciato
20/02 1550667180 Tentano di rubare 50mila euro di attrezzi da un'azienda sulla Pontina
20/02 1550666820 Arrestato per aver picchiata l'ex moglie. La sua colpa: parlava con un collega
20/02 1550666760 Il decennale del Po.Mo.S., Polo per la Mobilità Sostenibile di Cisterna
20/02 1550666640 Mensa scolastica a Pomezia, dipendenti Innova a rischio stipendi
20/02 1550666220 Donna sparisce di casa: si temeva il gesto estremo, ma era da un uomo in Puglia
20/02 1550666040 Pallanuoto, Serie B Nazionale Femminile. Splash Latina, passo falso all'esordio
20/02 1550665680 Certificati medici falsi per avere la licenza di caccia: scacco alla banda
20/02 1550660340 Donate 10 poltrone letto al reparto pediatrico dell'ospedale Colombo di Velletri
20/02 1550659020 Under 14. Unipomezia, mister Intelligenza ci crede: "vogliamo il 2°posto"
20/02 1550658420 Accusato di violenza sulla figlia, militare di Anzio rigetta ogni accusa
20/02 1550658180 Una speranza per gli 84 studenti esclusi dal liceo: la Provincia promette 4 aule
20/02 1550656380 Latina: servono quasi 3 anni per un processo
20/02 1550655540 Spacciava hashish dai domiciliari: di nuovo in arresto un 41enne di Aprilia
20/02 1550655240 Aggressione con bastone: autore preso grazie alle telecamere
20/02 1550655120 Visita a sorpresa del Ministro della Salute in un'azienda agricola di Aprilia
20/02 1550655120 Cocaina, hashish e marijuana: carabinieri arrestano pusher a San Felice Circeo

Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli