[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina- Chiesto il risarcimento alla Asl

Al pronto soccorso non si accorgono dell'occlusione intestinale: rischia la vita

Nonostante due ricoveri all’ospedale “Santa Maria Goretti” di Latina, non le sarebbe stata diagnosticata la grave forma di occlusione intestinale di cui era vittima, non sarebbe stata per questo sottoposta ad alcun intervento e non le sarebbe stata assegnata una terapia valida. Una 59enne avrebbe così rischiato di morire e, operata alla fine d’urgenza presso l’ospedale di Formia, con una parte dell’intestino ormai in necrosi, ha riportato seri danni, che la renderebbero attualmente invalida al 30%, oltre a causarle tutta una serie di difficoltà. La donna ha quindi ora fatto causa all’Asl di Latina, chiedendo un risarcimento di oltre 190mila euro.

Un dramma che ha avuto inizio il 24 novembre 2014 quando la 59enne, in preda a forti dolori addominali, si è recata al pronto soccorso dell’ospedale “Goretti”. Dopo essere stata sottoposta a una serie di accertamenti, la paziente è stata ricoverata nel reparto di chirurgia per una sindrome subocclusiva intestinale e un versamento endo-addominale. Dopo cinque giorni è stata dimessa, con una diagnosi di subocclusione intestinale, e le sarebbe stato prescritto soltanto di mantenere una dieta leggera e di aiutarsi con tachipirina e antidolorifici. I dolori però sono proseguiti e il 15 febbraio successivo la donna si è recata al pronto soccorso dell’ospedale “Fiorini” di Terracina. Il giorno dopo è stata nuovamente ricoverata al “Goretti” e tenuta in osservazione in chirurgia. I dolori erano ormai talmente acuti che neppure la morfina avrebbe dato particolare sollievo alla donna, vittima anche di convulsioni. E che il quadro fosse peggiorato è emerso anche da una Tac a cui la donna è stata sottoposta il 18 febbraio. I medici si sarebbero però limitati a farla digiunare e a somministrarle della soluzione fisiologica. La paziente, temendo ormai per la sua vita, il 20 febbraio ha quindi lasciato l’ospedale e a sue spese si è fatta trasportare al nosocomio di Formia. Ricoverata in chirurgia, con un addome acuto e necrosi intestinale, ritenuta realmente in pericolo di vita, è stata operata d’urgenza per rimuovere l’occlusione intestinale. Il 27 febbraio è stata quindi dimessa e il successivo 11 agosto sottoposta a un nuovo intervento riparatorio, impiantando anche una protesi addominale.

Rivoltasi agli avvocati Benedetto e Roberto Guglielmo, dopo aver fatto esaminare il suo caso a dei consulenti medico-legali, la 59enne di Latina ha chiesto i danni all’Asl. Qualsiasi tentativo di risolvere in modo bonario la vicenda è però fallito e la donna ha quindi fatto causa all’Azienda sanitaria, chiedendo 191.134 euro come indennizzo. Citando l’Asl a giudizio, la 59enne ha specificato che attualmente, per quanto subito, ha tutta una serie di problemi, con dolori addominali frequenti, e che ha riportato anche un danno estetico, viste le due cicatrici che ha sull’addome. La donna ha inoltre precisato che è ormai costretta a seguire una dieta ferrea, non può fare sforzi fisici, non può fare sport, non può stare a lungo seduta e non può quindi fare viaggi lunghi, ha problemi a dormire ed è ormai compromessa anche la sua vita sessuale. Per gli avvocati Benedetto e Roberto Guglielmo, che hanno consegnato al Tribunale un’ampia documentazione clinica e una consulenza medico-legale, tutto è stato causato dall’omessa tempestiva diagnosi di occlusione intestinale e da una sottostima delle patologie in atto, che hanno infine portato alla resezione di parte dell’intestino, ormai necrotico, quando invece sarebbe stata sufficiente la laparoscopia e si sarebbe evitata la necrosi dei tessuti ileali. Avviato il processo, la prossima udienza si terrà a ottobre.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
07/04 1586289300 Appello di Amici di Birillo al Comune: "Aiutateci ad aiutare gli animali"
07/04 1586280600 Commercianti indiani e i Ragazzi portodanzesi donano la spesa per le famiglie
07/04 1586279880 Tre nuovi casi di coronavirus ad Anzio, Nettuno resta ferma da due giorni
07/04 1586279700 Intervista all’Assessore Noce: “E’ venuto fuori il cuore grande dei nettunesi”
07/04 1586275140 Due mini appartamenti per il personale del Goretti che viene da fuori Latina
07/04 1586271540 Pantelleria e coronavirus: come mettere a repentaglio chi ha zero casi
07/04 1586267580 Oggi 33 nuovi casi di coronavirus. Al NOC due pazienti in terapia intensiva
07/04 1586266680 Coronavirus, visita della Ministra Bellanova al banco alimentare ad Aprilia
07/04 1586266260 Coronavirus, si registrano cinque nuovi positivi in provincia di Latina
07/04 1586263380 Il Comune approva il progetto definitivo per l'ampliamento di via Valle Caia
07/04 1586261100 Gel igienizzante e mascherine chirurgiche donate alla Polizia Locale di Albano
07/04 1586260200 454 controlli della Polizia Locale su persone e attività commerciali
07/04 1586259900 Infermieri di Latina: «Disposti a pagare i tamponi, ma assumeteci»
07/04 1586259600 Cisterna: chiuse tutte le attività commerciali a Pasqua e Pasquetta
07/04 1586259300 Entrano dentro casa e pretendono soldi per un rapporto sessuale: denunciati
07/04 1586258580 La Regione proroga il bando da 10 milioni di euro per i Comuni del litorale
07/04 1586252040 Spacciatore di Nettuno condannato a 2,8 anni e a pagare 14mila euro di multa
07/04 1586251260 150 controlli di auto e moto a Genzano: 5 automobilisti sanzionati
07/04 1586249640 Pomezia, abiti usati: Humana sospende il servizio. «Non riempite i contenitori»
07/04 1586249280 Epidemia: e se il virus viaggia sulle autostrade? L'ipotesi dei ricercatori
07/04 1586244480 L'Inps avvisa gli utenti: attenzione alla truffa dei falsi sms Inps
07/04 1586244300 Nessuna traccia di Salvatore, scomparso da Cisterna da un mese
07/04 1586243880 L'Asp di Ciampino attiva lo sportello virtuale all'utenza via Skype
07/04 1586243820 Aeroporto Ciampino, 175mila mascherine requisite: le avrà la Protezione civile
07/04 1586241060 In macchina con 1015 euro in contanti, a casa 6 grammi di cocaina: arrestato

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli