[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina- Chiesto il risarcimento alla Asl

Al pronto soccorso non si accorgono dell'occlusione intestinale: rischia la vita

Nonostante due ricoveri all’ospedale “Santa Maria Goretti” di Latina, non le sarebbe stata diagnosticata la grave forma di occlusione intestinale di cui era vittima, non sarebbe stata per questo sottoposta ad alcun intervento e non le sarebbe stata assegnata una terapia valida. Una 59enne avrebbe così rischiato di morire e, operata alla fine d’urgenza presso l’ospedale di Formia, con una parte dell’intestino ormai in necrosi, ha riportato seri danni, che la renderebbero attualmente invalida al 30%, oltre a causarle tutta una serie di difficoltà. La donna ha quindi ora fatto causa all’Asl di Latina, chiedendo un risarcimento di oltre 190mila euro.

Un dramma che ha avuto inizio il 24 novembre 2014 quando la 59enne, in preda a forti dolori addominali, si è recata al pronto soccorso dell’ospedale “Goretti”. Dopo essere stata sottoposta a una serie di accertamenti, la paziente è stata ricoverata nel reparto di chirurgia per una sindrome subocclusiva intestinale e un versamento endo-addominale. Dopo cinque giorni è stata dimessa, con una diagnosi di subocclusione intestinale, e le sarebbe stato prescritto soltanto di mantenere una dieta leggera e di aiutarsi con tachipirina e antidolorifici. I dolori però sono proseguiti e il 15 febbraio successivo la donna si è recata al pronto soccorso dell’ospedale “Fiorini” di Terracina. Il giorno dopo è stata nuovamente ricoverata al “Goretti” e tenuta in osservazione in chirurgia. I dolori erano ormai talmente acuti che neppure la morfina avrebbe dato particolare sollievo alla donna, vittima anche di convulsioni. E che il quadro fosse peggiorato è emerso anche da una Tac a cui la donna è stata sottoposta il 18 febbraio. I medici si sarebbero però limitati a farla digiunare e a somministrarle della soluzione fisiologica. La paziente, temendo ormai per la sua vita, il 20 febbraio ha quindi lasciato l’ospedale e a sue spese si è fatta trasportare al nosocomio di Formia. Ricoverata in chirurgia, con un addome acuto e necrosi intestinale, ritenuta realmente in pericolo di vita, è stata operata d’urgenza per rimuovere l’occlusione intestinale. Il 27 febbraio è stata quindi dimessa e il successivo 11 agosto sottoposta a un nuovo intervento riparatorio, impiantando anche una protesi addominale.

Rivoltasi agli avvocati Benedetto e Roberto Guglielmo, dopo aver fatto esaminare il suo caso a dei consulenti medico-legali, la 59enne di Latina ha chiesto i danni all’Asl. Qualsiasi tentativo di risolvere in modo bonario la vicenda è però fallito e la donna ha quindi fatto causa all’Azienda sanitaria, chiedendo 191.134 euro come indennizzo. Citando l’Asl a giudizio, la 59enne ha specificato che attualmente, per quanto subito, ha tutta una serie di problemi, con dolori addominali frequenti, e che ha riportato anche un danno estetico, viste le due cicatrici che ha sull’addome. La donna ha inoltre precisato che è ormai costretta a seguire una dieta ferrea, non può fare sforzi fisici, non può fare sport, non può stare a lungo seduta e non può quindi fare viaggi lunghi, ha problemi a dormire ed è ormai compromessa anche la sua vita sessuale. Per gli avvocati Benedetto e Roberto Guglielmo, che hanno consegnato al Tribunale un’ampia documentazione clinica e una consulenza medico-legale, tutto è stato causato dall’omessa tempestiva diagnosi di occlusione intestinale e da una sottostima delle patologie in atto, che hanno infine portato alla resezione di parte dell’intestino, ormai necrotico, quando invece sarebbe stata sufficiente la laparoscopia e si sarebbe evitata la necrosi dei tessuti ileali. Avviato il processo, la prossima udienza si terrà a ottobre.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:11 1571065860 Serie A. Terza sconfitta di fila per il Lynx Latina
16:38 1571063880 22enne doveva consegnare le pizze, ma tre uomini lo aspettavano per rapinarlo
15:41 1571060460 Incendio in casa a Latina Scalo, i vigili del fuoco trovano l'inquilino morto
15:01 1571058060 Aprilia, interruzione idrica domani fino al tardo pomeriggio: ecco in quali zone
14:17 1571055420 Latina pacificamente invasa dagli Alpini: successo per il decennale dell'Adunata
14:13 1571055180 A Sermoneta e Roccasecca la protezione civile si esercita sul post-terremoto
14:12 1571055120 Serie C2, Girone C. L’Eagles Aprilia stende anche il Borgo Flora
12:49 1571050140 Girone G. Aprilia Racing Club sconfitta a Sassari
12:43 1571049780 Girone G. Team Nuova Florida, pari e patta a Tor Sapienza
12:34 1571049240 Girone E. Il Pomezia Calcio cade anche a Scandicci
12:23 1571048580 Girone A. L'Unipomezia vince e resta al comando
12:22 1571048520 La Meloni visita la caserma di Aprilia: solidarietà ai carabinieri minacciati
12:12 1571047920 Serie C2, Girone A. Lele Nettuno, contro Frosinone è un ko che brucia
12:03 1571047380 Onda Volley Nettuno, successo per l'ottava edizione del Torneo del Mare
11:57 1571047020 Scontro sulla Via Acciarella a Nettuno, coinvolte tre auto due i feriti
11:56 1571046960 Tentata rapina a Lido dei Pini, esploso un colpo di fucile in negozio
11:02 1571043720 Scoppia violenta rissa ad Ardea, poi fuggono tutti: tre si fanno medicare a Roma
10:40 1571042400 Castel Gandolfo: gabbiano sfinito chiede aiuto sulle spiagge del lago
10:33 1571041980 Auto-ariete contro un bar di Tor San Lorenzo: rubata la macchina cambiamonete
10:32 1571041920 Incidente incrocio via Rufelli-Nettunense a Cecchina, tre persone ferite
10:05 1571040300 Terreno sequestrato e abbandonato: il Comune chiede di poter tagliare l'erba
09:34 1571038440 La Polizia Locale incontra gli studenti: si parla di Bullismo e Revenge Porn
09:23 1571037780 Due da Velletri in "corsa" in Sicilia per la Targa Florio
08:47 1571035620 La foto del 'ras' del quartiere Toscanini sui ballatoi di via Parigi: il caso
08:26 1571034360 Gli alpini tornano a Latina dieci anni dopo il raduno nazionale: le immagini

Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli