[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Il nuovo Censimento idrico dell'Istat

Acqua, un disastro. Perdite record e 1/3 degli scarichi non depurati nel Lazio FOTO

Il 29 dicembre 2007 l'allora governatore del Lazio Piero Marrazzo emanò il “Piano degli interventi urgenti per fronteggiare la crisi idrica” nella nostra regione. Dieci anni dopo, l'inefficienza del sistema è certificata, ancora una volta, dall'Istituto nazionale di statistica il nuovo. Nei giorni scorsi è stato pubblicato il nuovo Censimento delle acque ad uso civile, su dati relativi al 2015. Tariffe gonfiate, valzer degli appalti e tante promesse non sono servite a invertire la rotta. Anzi, il disastro è peggiorato. Il giornale il Caffè ha elaborato i dati dell'Istat in maniera mirata per il Lazio e le sue province mettendoli a confronto con i due precedenti censimenti idrici. Ne viene fuori un quadro vergognoso sintetizzato nei numeri che qui pubblichiamo. 

DISPERSIONI, RECORD NAZIONALE
Le perdite idriche restano vergognose. Se la media nazionale del 41,4%, nel Lazio è ancora più sconcertante il dato quasi il 53% sono le perdite totali, cioè oltre la metà di tutta l'acqua potabile immessa nelle reti non si sa che fine faccia. ale a dire il 7,8% in più rispetto al 2012, anno del penultimo dossier Istat, ma anche di quello precedente relativo al 2008, quando le dispersioni registrate nelle reti laziali erano il 35,4%. Inoltre due gestioni laziali – con leve all'estero, trattandosi di Acea ed Acqualatina, società 'occupate' da due multinazionali francesi - conquistano il primo e secondo posto nella classifica delle dispersioni: l'Ambito idrico di Frosinone e provincia (Ato5) batte tutti con il 78,9%, seguito dall'Ato4, quello di Acqualatina, che registra il 71,8% di perdite totali. 

CI DAREMMO DA BERE A UN'ALTRA REGIONE COME IL LAZIO
Certo, avvertono gli analisti Istat, va considerato che l'aumento delle perdite rilevate dipende dal fatto che le reti hanno continuato ad invecchiare e che sono migliorati magari i sistemi di misurazione i quali fanno emergere maggiori dispersioni che prima restavano occulte. E vi sono anche perdite dovute agli allacci abusivi e ad errori dei contatori. Ma la sostanza non cambia, non c'è scusa che tenga: sono volumi pazzeschi. 
Al livello nazionale “va disperso un volume l’acqua che soddisferebbe 40 milioni di abitanti in un anno”, considerando il consumo medio di 80 metri cubi pro capite annuo, avverte l'Istat. E nella nostra regione? Disperdiamo oltre 514 miliardi di litri di acqua potabile in un anno, capaci di dare da bere a quasi 6 milioni e mezzo di persone, cioè oltre un decimo dell'attuale popolazione italiana. 
  
ANCORA MALADEPURAZIONE
In generale, un terzo dei carichi inquinanti potenziali di origine civile prodotti nel Lazio non risulta avviato ad impianti di depurazione dei reflui urbani. Oltre 5,6 milioni di abitanti equivalenti civili non trattati da impianti comunali sui complessivi 8 milioni 394mila. E quelli trattati, spesso lo sono con sistemi che non disinquinano per davvero. Perciò l'Istat distingue i tipi di impianti: Imhoff e primario (non depurano quasi per niente), secondari (decenti-buoni) e terziari o avanzati (il top).  Nel Lazio la quota di reflui trattati con impianti di tipo secondario o terziario (il migliore) è al 67% (nel 2012 era 59,3%), superando così di poco la quota media italiana (59,6%). Significa che un terzo dei reflui trattati in qualche modo nel Lazio non viene effettivamente disinquinato. Al livello nazionale, resta senza una vera depurazione quasi il 40% degli scarichi civili, inviata a depuratori non degni di questo nome: “solo il 59,6% è effettivamente trattato in impianti di tipo secondario o avanzato”, bacchetta l’Istat. E adesso non vengano a dirci che è colpa delle scarse piogge… 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
21/01 1548106800 Incendio alle Case Popolari della zona ex Pretura di Anzio, danni al piano terra
21/01 1548086940 Cisterna verso una giunta incompleta: «Ancora fibrillazioni in maggioranza»
21/01 1548084600 Cappellari e l’Università civica mettono in imbarazzo il Comune di Nettuno
21/01 1548083160 Porto per i pescatori a Torvaianica: tre borse di studio per i migliori progetti
21/01 1548080100 Rievocazione dello Sbarco, anziana donna prende a borsettate i soldati tedeschi
21/01 1548079560 Al via le attività culturali dell'Accademia di Belle Arti di Roma e Velletri
21/01 1548079500 Il liceo Foscolo di Albano a Cracovia per la Giornata della Memoria
21/01 1548078960 Segreteria Nazionale Pd: anche a Marino stravince Nicola Zingaretti
21/01 1548078180 Desirée, uno degli arrestati accusato anche di prostituzione minorile
21/01 1548075600 Scippa un'anziana e fugge su un'auto rubata: ammanettato sulla Pontina
21/01 1548075540 Ubriaco va a sbattere, toglie le targhe dell'auto e scappa lasciando due feriti
21/01 1548074700 Ardea, il 29 e 30 gennaio nuovo sciopero dei lavoratori dell'igiene urbana
21/01 1548067740 Controlli sulla sicurezza stradale vicino scuola, pioggia di sanzioni a Ciampino
21/01 1548067620 Brutale aggressione a un giovane, la Polizia arresta i due responsabili
21/01 1548067200 Cisterna festeggia il patrono della polizia locale: «La città ha bisogno di voi»
21/01 1548066900 Al via gli interventi di manutenzione nel parco di Villa Innocenti a Frascati
21/01 1548066900 Terreno ancora contaminato 4 anni dopo il tentato furto dall'oleodotto
21/01 1548065640 Rubata la cassaforte al poliambulatorio di Aprilia, dentro c'erano 3.000 euro
21/01 1548064320 Girone B. Il Pomezia Calcio ritrova il sorriso
21/01 1548063720 Girone A, Lo Sporting Genzano rallenta la corsa dell'Unipomezia
21/01 1548063480 Addio a Marcello Costa, per 33 anni è stato il sindaco di Castel Gandolfo
21/01 1548063120 Diffida e rettifica ex art. 8 legge n.47 del 1948 e art. 2 legge n.69 del 1963
21/01 1548062460 Serie C Gold. Virtus Aprilia, severa lezione a Viterbo
21/01 1548061680 Serie B1, Girone D. La Giovolley espugna Palmi e chiude l’andata al 1° posto
21/01 1548061140 Nuoto, Master. Forum Sprint, il Campus Primavera alza la Coppa

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli