[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Tanti i dipendenti ammalati

Uccisa dall’amianto all’ospedale militare di Anzio, risarcimento da 800mila euro

L'ospedale militare di Anzio
L'ospedale militare di Anzio

Celebrato il processo per la morte di Marilena Morano, dipendente del Ministero della Difesa, in servizio presso l’Ospedale Militare di Anzio, presso il quale è stato utilizzato l’amianto, che ha provocato il mesotelioma che ha ucciso la giovane dipendente il 10 novembre del 2009, all’età di appena 50 anni, dopo un’agonia di più di 5 anni, trascorsi tra ospedali e chemioterapia. Liquidato definitivamente il risarcimento record di circa 800.000,00 euro per i danni direttamente sofferti dalla vittima. Il mesotelioma ha sconvolto la vita dell’intera famiglia, prima di tutto dell’anziana madre, che ha visto ammalarsi la figlia, poco più che quarantenne, e della sorella. Quando Marilena morì, lasciò il testimone all’Osservatorio Nazionale Amianto che ha continuato a combattere la sua battaglia. Il Ministero della Difesa ha resistito, ha resistito, ha resistito. L’Avvocatura dello Stato ha sempre combattuto contro Marilena Morano, in vita e dopo la sua morte, per negare le sue responsabilità per l’uso dell’amianto nell’Ospedale Militare di Anzio. Sconfitti a Velletri, sconfitti presso la Corte di Appello hanno perfino ricorso alla Corte di Cassazione: ora c’è la parola fine.

I dettagli della sentenza

Significativo il contenuto della sentenza della Corte di Cassazione (VI^ sezione civile – L – 29924/2017). Si legge nel dispositivo che la Corte di Cassazione “rigetta il ricorso e condanna il ricorrente Ministero alle spese del presente giudizio liquidate in €200,00 per esborsi, €8.000,00 per compensi professionali, oltre a rimborso spese forfettarie nella misura del 15% con attribuzione”. La Corte di Cassazione specifica che il Ministero della Difesa, titolare dell’Ospedale Militare di Anzio, deve essere condannato al risarcimento dei danni, perchè la consulenza “tecnica d’ufficio tecnico ambientale espletata dal Dott. Falasconi …[ha fatto emergere la] esposizione ad amianto di Marilena Morano nel corso della sua attività lavorativa”. La CTU ha “ripercorso in maniera analitica le varie fasi della vita lavorativa della Morano in relazione ai luoghi frequentati per 28 anni in ragione di lavoro e descritti dal Dottor Falasconi come massicciamente contaminati da amianto”. La Corte aggiunge, per di più, che “non è possibile fissare un livello di esposizione sotto il quale l’amianto non sia in grado di indurre l’insorgenza del mesotelioma, essendo ampiamente dimostrato che la circostanza di un possibile effetto patogena anche in conseguenza di esposizioni brevi non pregiudica l’esistenza di un dose-risposta…”. Questa è la conferma della tesi dell’Avvocato Ezio Bonanni che occorre evitare ogni forma di esposizione alla fibra killer.

Tante le persone ancora a rischio

La strage non finisce qui. Tutti i dipendenti del Ministero della Difesa, in servizio presso l’Ospedale Militare di Anzio, sono stati professionalmente esposti ad amianto, fibra killer mortale. Tre di loro, assistiti dall’Avv. Ezio Bonanni, hanno già contratto l’asbestosi, che è stata riconosciuta come malattia professionale, almeno altri 50 sono a rischio. Più di 50 lavoratori, sempre assistiti dall’Avvocato Ezio Bonanni, hanno chiesto il prepensionamento e, in seguito al rigetto della domanda, hanno agito di fronte alla Corte dei Conti per ottenere la condanna dell’INPS al prepensionamento.

La dichiarazione dell'avvocato

«In questo momento vorrei ricordare Marilena. Una donna di poco più di 40 anni, devastata dal cancro da amianto (mesotelioma) che però ha trovato il coraggio di combattere contro un colosso: il Ministero della Difesa. Una battaglia iniziata circa 15 anni fa, e proseguita anche dopo la morte di Marilena. Un’altra vittima innocente. Sono sconosciuti i carnefici. Bene la Cassazione che in questo caso ha avuto il coraggio di confermare la sentenza di condanna. Molte, troppe volte, assistiamo a dei colpi di spugna, quando ad essere assassinati sono inermi lavoratori, a cui sono state fatte respirare fibre di amianto. Uccisi dal profitto. La vita umana sacrificata al profitto. Così non può continuare. Chiamiamo tutti a ribellarsi pacificamente a questa condizione di rischio che permane negli ospedali, nelle scuole, nei luoghi di vita e di lavoro, un’epidemia, quella dell’amianto, che purtroppo proseguirà per i prossimi 120 anni, se non si arriverà all’immediata bonifica”, questa la dichiarazione dell’avvocato Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto. 

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:26 1550917560 Lanuvio. 27 cani tenuti in condizioni igieniche sanitarie precarie
11:01 1550916060 Vanno avanti i lavori per riaprire il teatro D'Annunzio di Latina entro marzo
10:25 1550913900 Consiglio di Stato: demolire gli abusi della villa del premio Oscar a Sabaudia
10:21 1550913660 Rischio "mazzata" milionaria per Pomezia: scontro per l'affitto della scuola
10:05 1550912700 Vento forte in provincia di Latina, alberi caduti e pali pericolanti
10:00 1550912400 Professionista di Latina arrestato, poi ritenuto innocente e ora anche risarcito
09:56 1550912160 Italia in Comune, il partito di Coletta&Pizzarotti verso le europee
09:48 1550911680 All'Agenzia Spaziale Europea a Frascati al via il corso sull’evoluzione stellare
09:42 1550911320 Si sveglia nella notte, trova due ladri in casa e li mette in fuga
09:32 1550910720 Ariccia, stage di comunicazione innovativa efficace al Liceo James Joyce
08:51 1550908260 Nella caserma di Sabaudia si sperimenta il programma di difesa anti-drone
08:44 1550907840 Fondi persi per il teatro: danno da 1,7 milioni. 2 funzionari comunali nei guai
08:27 1550906820 L'insegnante elementare a Sabaudia diventa corteggiatore a "Uomini e donne"
08:24 1550906640 Ferisce bambino rom con un taglierino, torna libero dopo una notte in cella
22/02 1550858460 Ai domiciliari continuava a minacciare i genitori: 34enne portato in carcere
22/02 1550855640 Arrestato per le vessazioni all'ex compagna: in casa i carabinieri trovano spade
22/02 1550855460 Albano Laziale, avviato il progetto “Finestre Aperte sull’Europa”
22/02 1550852340 Lariano, presidente del consiglio Caliciotti ricevuto alla Camera coi colleghi
22/02 1550851980 Allerma meteo sul Lazio: vento forte da stasera e per 36 ore
22/02 1550851020 Incidente sulla Migliara a San Felice: si scontrano auto e scooter, un ferito
22/02 1550848740 A Genzano arriva il Carnevale 2019, al lavoro i volontari per realizzare i carri
22/02 1550846100 Appello del Capitano di Anzio Lorenzo Colantuono: “Raccogliete plastica in mare”
22/02 1550845980 “DiportAnzio”, ad aprile la manifestazione per lo sviluppo turistico sul molo
22/02 1550845920 Ex Divina Provvidenza, l'Associazione Ibis scrive: "Per noi triste epilogo"
22/02 1550845800 Ardea, è stato rimosso dal piedistallo l'airone della discordia

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli