[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

IL REPORTAGE: Residenti in ostaggio

Salzare, il quartiere-ghetto senza regole: se la convivenza diventa impossibile FOTO

<
>
La piscina inutilizzabile. I residenti: «Fino a due anni fa funzionava»
La piscina inutilizzabile. I residenti: «Fino a due anni fa funzionava»
La palazzina D, del tutto occupata abusivamente. Il Comune dice da anni di volerla abbattere perché anche l'edificio è abusivo
La palazzina D, del tutto occupata abusivamente. Il Comune dice da anni di volerla abbattere perché anche l'edificio è abusivo
Il ristorante abbandonato. Secondo i residenti era attivo fino a pochi anni fa
Il ristorante abbandonato. Secondo i residenti era attivo fino a pochi anni fa

Da una parte i regolari, dall'altra gli abusivi, in una sorta di apartheid autoprodotto. Ogni notte le forze dell'ordine vengono a portarsi via qualcuno, senza però riuscire a stroncare un fiorente smercio di cocaina e droghe leggere. Ma si parla anche di giri più inquietanti. È impressionante la quantità di immondizia abbandonata ovunque, eppure quando arriviamo alle Salzare ci sono almeno tre mezzi della ditta di igiene urbana, incaricata dal Comune di Ardea, che caricano chili e chili di rifiuti. «Ah, già. Tra un po' ci sono le elezioni». In che senso? «Nel senso che queste cose le fanno una volta ogni cinque anni».  
Parliamo prima con una ragazza di nemmeno trent'anni, che vive da sola in un appartamento della lunga schiera del “serpentone”. È alta e molto esile, indossa una giacca pesante di pelle nera. «Guarda che qui fino a due anni fa non era mica così», dice, e mostra una lettera dal titolo esplicito (“Situazione a rischio e pericolo ed estremo disagio abitativo”) che ha fatto firmare a sette persone, suoi vicini di casa, e che ha indirizzato al Prefetto, al Comune e a tutte le istituzioni da cui vorrebbe essere ascoltata. «Vuoi andare a fare un giro di là? Io non te lo consiglio. Quelli sono ancora ubriachi da ieri sera. Poi ti rompono, alzano le mani. A me ormai no perché mi sono fatta capire, però se ti mostri debole hai finito di vivere».
 
Un giro “di là”, a vedere la palazzina D, lo abbiamo fatto comunque. Ed ecco quell'edificio da cui straripano immondizia, vecchi mobili e carcasse d'auto. Il Comune dice da anni di volerlo abbattere, perché sarebbe abusivo. Ma è complicato capire chi e cosa sia davvero “regolare” da queste parti. Tutti quelli con cui abbiamo parlato raccontano una storia diversa. 
Un signore italiano ci accoglie nel piccolo cortile di casa sua. Sta lavorando sulle siepi insieme a Dimitri e Adrian (nomi di fantasia, nda), due rumeni che vivono in affitto due case più in là. I tre spiegano di conoscersi da anni e di essere amici. Gli stranieri in questa specie di ghetto sono tantissimi. «Il problema però è con quelli di là», ribadiscono con un cenno della testa, poggiati alle vanghe. Quindi «zingari, marocchini, brutta gente, violenta. Tutti abusivi». Che tanto “di là” non sono più, visto che a quanto pare le occupazioni stanno piano piano arrivando anche negli altri palazzi del serpentone. Una quotidianeità che risente anche di vere e proprie provocazioni. «Scavalcano ed entrano nei cortili per rubare l'acqua del rubinetto con le bacinelle. Perché loro l'allaccio non ce l'hanno – sottolineano – E poi rubano anche la frutta dagli alberi». «Lei si è mai trovato qualcuno nel giardino?», chiediamo al padrone di casa, che ride prendendo in mano una roncola. «Mai, e spero che non succeda, perché il giorno dopo finirei sui giornali».

Anche secondo loro fino a due anni fa la situazione era diversa. Poi sono arrivati «quelli di là» che hanno occupato le case vuote «e hanno iniziato a fare come gli pare e piace. Prima funzionava anche la piscina, c'era il ristorante all'entrata. Ora è tutto desolato e non importa a nessuno». 
Salutiamo e continuiamo il nostro giro. Troviamo portoncini barricati da inferriate spesse svariati centimetri. Su un foglio scritto al computer un energico invito a tenerli chiusi 24 ore su 24. C'è un continuo via vai di automobili, berline lucenti e utilitarie datate, e occhi che passando ci osservano. Scende le scale una donna con una gonna lunga e capelli neri legati in una coda. Un bambino le trotterella accanto. Ci saluta e cammina fino ai secchioni in fondo al piazzale, dove lascia una busta nera, si sistema la gonna e se ne torna a casa.

Martina Zanchi
(foto: A.P.)

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
05/03 1614969960 Il Lazio resta in zona gialla. Ecco le regole da sapere
05/03 1614968220 A fuoco il tetto di una abitazione alla periferia di Aprilia: pesanti danni
05/03 1614963060 Ariccia verso la chiusura del ponte monumentale. In arrivo navette sostitutive
05/03 1614958440 Un etto di marijuana sotto la felpa: un altro arresto in centro a Pomezia
05/03 1614957840 Coronavirus, 147 nuovi contagi in provincia di Latina e 3 morti. Ecco i casi
05/03 1614957840 Coronavirus, altri 134 positivi in 24 ore nella Asl Roma 6. Due decessi
05/03 1614957000 Intitolazioni per i parchi di Aprilia, da Nilde Iotti ai Martiri delle Foibe
05/03 1614956640 Controlli di polizia allo Zodiaco, identificazioni tra puzza e degrado assoluto
05/03 1614956460 La Bcc dona apparecchi medici all’Ospedale di Anzio e Nettuno, oggi la consegna
05/03 1614956280 Corso Italia ad Anzio, la Polizia sfratta gli occupanti abusivi in subaffitto
05/03 1614953760 Fondi per la pista ciclabile di Grottaferrata: in arrivo 25mila euro
05/03 1614953760 Maxi frode fiscale scoperta a Pomezia: 30 denunce. Gestiva tutto un avvocato
05/03 1614949800 Parco senza direttore e ora anche senza presidente: si dimette Ricciardi
05/03 1614947100 Continuano i lavori per l'installazione del semaforo pedonale su via Garibaldi
05/03 1614946800 Iniziata a Rocca di Papa la consegna dei buoni spesa ai cittadini in difficoltà
05/03 1614946200 Via l'anidride carbonica dai pozzi, partiti lavori Acea all'impianto definitivo
05/03 1614945720 L'Ass. Frascati Scienza aderisce all'iniziativa per rilanciare i prodotti tipici
05/03 1614945660 Premio internazionale di poesia Masio Lauretti, ecco il bando della VI edizione
05/03 1614943500 In consiglio comunale botta e risposta sulle linee programmatiche della giunta
05/03 1614941580 Anche ad Ariccia iniziative per la festa della donna: in campo le consigliere
05/03 1614938520 Violenze su bimba di 22 mesi: arriva la condanna a 7 anni anche per la madre
05/03 1614938340 Raggiunte le 34mila vaccinazioni anticovid19 tra Castelli Romani e litorale
05/03 1614936480 A spasso tra i resti del Tempio di Giunone Sospita: sport e cultura si uniscono
05/03 1614930180 Attestato di Lode per i soci Anc di Cisterna: salvarono una giovane dal suicidio
05/03 1614929880 Grottaferrata, isola ecologica bloccata: il sindaco diffida la soprintendenza

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli