[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Parla in incognito uno degli '007'

Processo Cerroni, le anticipazioni de il Caffè: nuovi clamorosi sviluppi

Bollette sempre più salate, danni alla salute e all'ambiente, soldi pubblici buttati, marciume nei palazzi del potere, bufale come il 'bio'gas e altri impianti farlocchi per rubare soldi e futuro alla collettività, dai livelli locali a i capi nazionali, scandalosa gestione dei rifiuti nel Lazio. Di questo si è occupata la persona che parla in questo articolo. È uno degli investigatori della monumentale inchiesta su "Cerronopoli", la presunta associazione a delinquere finalizzata al traffico illegale di rifiuti. Molto più di una 'semplice' questione giudiziaria: decenni di storia che dai comuni laziali va su fino ai vertici delle istituzioni, dal cassonetto sotto casa alle emergenze (di solito organizzate a tavolino), sparate a tutto volume in tv e sui giornali, per spartirsi appalti e imporre certe linee gestionali. 
Per anni, coi colleghi e coi magistrati, questo professionista delle indagini penali ha «sviscerato», come dice lui, «tutti gli aspetti e i rapporti tra le imprese di Cerroni e la politica». Ha ascoltato e osservato migliaia di ore di conversazioni, pedinato politici, dirigenti pubblici e manager privati, studiato atti. Attività sfociate nell'arresto del 're dei rifiuti' Manlio Cerroni e di parte della sua presunta cupola a gennaio 2014. Quel terremoto che ha fatto tremare la Regione Lazio, molti personaggi nella Capitale più o meno mafiosa, una schiera di ex Ministri, ex presidenti e assessori della Regione Lazio, ex sindaci, ex leader ambientalisti e boss politici, regionali ma pure nella casta paesanotta tra i Castelli Romani, il litorale, Latina e provincia. Il processo è in corso, alla sbarra c'è anche Bruno Landi, luogotenente di Cerroni nell'Agro pontino, 'capo' della discarica di Borgo Montello, al confine con Nettuno. Si capisce perché questo investigatore che qui parla debba farlo nel più stretto anonimato. 
Anche perché, racconta oggi, «gli arresti prima e poi il processo hanno segnato sì un momento di presa d'atto e di ufficializzazione di qualcosa che tutti sapevano ma che, contemporaneamente, tutti facevano finta di non vedere. Ma anche che di fatto nulla è ancora cambiato». 
Del resto a Latina e Albano le discariche proliferano e certi progetti vanno avanti come schiacciassassi nonostante le contaminazioni e le inchieste penali. Addirittura una nuova gigantesca discarica, ribattezzata dalla gente 'Malagrotta bis', volevano farla in territorio di Velletri confine con Aprilia, sulle falde idriche che dissetano parte dei Castelli Romani, Cisterna e Latina nord, Aprilia, Anzio e Nettuno. Né si ferma la pioggia di progetti nocivi (ad es. i cosiddetti 'bio'gas e gli inceneritori) per spartirsi l'immondizia e accaparrarsi ingenti sussidi pubblici, e il nuovo Piano regionale rifiuti non arriva... «Si tratta di un'eredità significativa che ancora mantiene i suoi effetti. Nel Lazio gli impianti dell'avvocato Cerroni ancora gestiscono una larghissima parte dei rifiuti solidi urbani», spiega l'investigatore. «Il contenuto delle indagini coordinate dalle Procure di Velletri e Roma e portate avanti dal Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente si è palesato inequivocabilmente nel corso delle udienze in corso a Roma - sottolinea il detective -. Laddove hanno testimoniato, gli investigatori hanno ricostruito la fitta rete di penetranti contatti che i collaboratori di Cerroni mantenevano con esponenti della Pubblica Amministrazione a tutti i livelli, Regione, Provincia e Comune. Il tenore delle telefonate intercettate rendeva chiara la portata dell’ingerenza del gruppo imprenditoriale nelle dinamiche amministrative degli enti locali. Questa capacità di orientare le determinazioni di Regione, Provincia e Comune ha origini ben lontane che vanno ricondotte al momento in cui una parte significativa del servizio di gestione dei rifiuti è stata posta nelle mani del soggetto privato che negli anni a seguire, grazie alle importati entrature politiche, è arrivato ad assumere il ruolo di monopolista del settore dello smaltimento e trattamento dei rifiuti solidi urbani. A questo punto viene da sé che in presenza di una leva così importante il soggetto privato può in qualsiasi momento determinare le scelte, anche strategiche, della pubblica amministrazione in tema di gestione dei rifiuti». 
Sembra quanto accaduto a Latina, ad esempio, con la municipalizzata dei rifiuti: Comune reso succube di una lobby esterna, governata da potenti pugliesi e napoletani milanesizzati insieme ai cerroniani. Esempio emblematico di quanto la Commissione parlamentare d'inchiesta sul traffico dei rifiuti già nel marzo 2000 affermava: nella relazione approvata all'unanimità, parla di "oligopolio che tende al monopolio".
Un potere che dice chi, come, quando e che prezzo deve gestire i rifiuti. «Difatti - prosegue il nostro intervistato 'speciale' -, come si verificò ad Albano intorno all’anno 2010, Manlio Cerroni giunse ad intimare alla Regione Lazio la chiusura degli impianti di Roncigliano qualora l’ente locale non avesse autorizzato l’ampliamento delle volumetrie della discarica, peraltro già ampiamente superate». 
Tutto ciò riporta alla mente certe intercettazioni, come quelle delle legittimissime quanto amichevolissime conversazioni su affari d'immondizia tra il braccio destro di Cerroni, Bruno Landi, e l'ex sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, ritenute "di rilevante interesse" dalla Procura di Roma. Oppure quelle tra il solito Landi e i due ex consiglieri comunali latinensi, Enzo De Amicis («ricordate de mi' cognato che sta senza lavoro») e Fabrizio Mattioli. 
«Dalle intercettazioni - riprende la nostra fonte - Manlio Cerroni appare come un personaggio poliedrico e imprenditorialmente attivo. La lunga permanenza nello scacchiere laziale e non solo, fa di lui un personaggio connotato da ampia trasversalità sotto il profilo dei contatti con esponenti politici ed importati burocrati. Credo che molti di questi abbiano avuto momenti di forte trepidazione allorquando Cerroni fu arrestato, nel gennaio 2014, e si palesò l’esistenza di intercettazioni all’interno degli atti giudiziari. Ma già nel 2013, su importanti settimanali vi furono anticipazioni di brani di telefonate registrate nel 2011 tra lui e l'allora assessore della Provincia di Roma Michele Civita, attuale assessore regionale. La questione è assai ampia e non è escluso che possano presentarsi ulteriori e clamorosi sviluppi». Altre trepidazioni in vista, dunque, per la Casta. 

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19/01 1547915040 Il centrodestra di Nettuno unito sceglie Sandro Coppola sindaco di Nettuno
19/01 1547911200 Controlli dei carabinieri alla circolazione nell'aeroporto di Ciampino, 15 multe
19/01 1547910660 Se la prendono con Zingaretti Davide pensando di parlare con Zingaretti Nicola
19/01 1547909280 Fece un furto a scuola: obbligo di dimora (nella casa che occupa illegalmente)
19/01 1547908980 Sbarco Alleato, a Nettuno mostre, concerti e rievocatori animano il centro
19/01 1547908860 La campionessa Vezzali conquista Anzio: “Date sempre il massimo”
19/01 1547908680 Ex Divina provvidenza, Rezza e Mastrella chiedono l’usucapione dei locali
19/01 1547908020 Detenuto nel carcere di Velletri tenta il suicidio in cella: "Sono innocente"
19/01 1547907540 Inaugurata la mostra fotografica Na gita a li Castelli al museo civico di Albano
19/01 1547897280 Chiuso un deposito di alimenti a Terracina: gravi carenze igienico strutturali
19/01 1547895180 Sorvegliato speciale sorpreso in strada a Cisterna con la droga: arrestato
19/01 1547893920 Tolta l'autorizzazione a un alimentari di Latina dopo il sequestro di cibo
19/01 1547893620 Nei guai un supermercato di Cisterna: il laboratorio gastronomico era "illegale"
19/01 1547893500 Panificio chiuso e bar multato: i controlli del Nas a Pontinia
19/01 1547893320 Il Nas chiude un ristorante ad Aprilia: carenze igieniche e senza autorizzazione
19/01 1547892780 6 città candidate a ospitare il gay pride Lazio: spuntano Latina, Albano e Ostia
19/01 1547890860 Stanco della buca su viale Nuova Florida, pensionato la ripara a sue spese
19/01 1547890800 Fanno esplodere il bancomat col gas, poi fuggono a mani vuote
19/01 1547887500 Chiedono mutui presentando contratti di lavoro falsi: in otto sotto inchiesta
19/01 1547886840 14 associazioni chiedono un regolamento sul gioco d'azzardo: ignorate dal Comune
19/01 1547886060 Accusati di aver sparato contro due nigeriani a Latina scalo: caso archiviato
19/01 1547885580 17 rinvii a giudizio per la cosiddetta "mafia dei rom" a Latina
18/01 1547838960 Seconda richiesta di certificazione a Nettuno, gli ex 5 stelle scelgono Lucci
18/01 1547836200 Si cappotta con l'auto: procedeva a zig zag. Disposti gli esami tossicologici
18/01 1547829300 Coltellate davanti a un bar di Ardea: sei anni di carcere all'aggressore

Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli