[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La risposta all'idea della RIDA Ambiente

Inceneritore ad Aprilia? Il Sindaco Terra: «Solo una battuta. Non si farà mai»

Un inceneritore, anzi due, ad Aprilia? Ma nemmeno per sogno! Non ha esitazioni il Sindaco Antonio Terra rispetto alla "proposta" della società RIDA Ambiente che già gestisce ad Aprilia un impianto di trattamento meccanico cosiddetto biologico. È la nuova puntata in salsa pontina della brutta fiction monnezzara che attanaglia il Lazio. Il titolare della ditta, Fabio Altissimi, si dice "disponibile a presentare uno studio di fattibilità in due mesi, ai fini dell'indizione di una conferenza dei servizi" per portare nel proprio sito i due due megaforni per bruciare (anziché riciclare) i rifiuti presenti a Colleferro. Così ha scritto in una lettera al Comune di Aprilia, ma pure al Ministero dell'ambiente, alla contorta Regione Lazio e al Comune di Colleferro. Non fa una piega il Sindaco di Aprilia: «È una provocazione. Non si farà mai. Come dico sempre, abbiamo già dato sul nostro territorio. Non abbiamo nessuna esigenza di altri impianti, specialmente di quel tipo. Siamo contrari agli inceneritori, noi siamo per l'economia circolare e rifiuti zero. Al signor Altissimi rispondiamo che siamo assolutamente contrari. È una semplice lettera, sembra più una battuta. Dice che è "disponibile", niente di più. Non è nemmeno da prendere in considerazione una situazione di questo tipo. Sta invece andando avanti il progetto in associazione con altri 4 Comuni, per il piccolo compostaggio e per il potenziamenteo degli ecocentri. Parlo del progetto condiviso che abbiamo sottoscritto coi Comuni di Latina, Sabaudia, Pontinia e Sermoneta  quella è una cosa seria». Un'iniziativa che punta a trattare in modo sostenibile (anche economicamente) 10mila tonnellate di rifiuti organici ogni anno per un risparmio stimato in oltre 2,6 milioni di euro l'anno. Il contrario di discariche e inceneritori: non si butta né si distrugge, ma si reimmette in circolo la risorsa. Non si sprecano quattrini ma si consentono economie a vantaggio di tutti. Lobby monnezzare a parte. Le compostiere di comunità si ripagheranno da sole dopo un anno e mezzo dall'installazione. Una proposta per creare dal basso una gestione pubblica (anche sana) dei rifiuti improntata a riduzione, riuso e riciclo dei materiali. Dopo la stroncatura della megadiscarica che voleva realizzare in zona La Cogna, Altissimi rilancia così la sua ricetta per "risolvere anche il problema dell'elevata concentrazione di impianti nel Comune di Colleferro". La fabbrica brucia-rifiuti, cioè i due inceneritori di Colleferro, sono tra l'altro stai seuqestrati nel 2009 dai Carabinieri: ci bruciavano di tutto. Mentre la Guardia di Finanza contestò una mega truffa ai danni dello Stato, da cui qualcuno mungeva milioni di euro di sussidi pubblici con la scusa della produzione di un po' di energia elettrica prodotta bruciando i rifiuti. L'impianto è ora fermo, in attesa del revamping: parola inglese con cui ora chiamano la manutenzione di quella inquinante, antiquata e antieconomica tecnologia. L'operazione, tutta con soldi pubblici, prevede una spesa di 9,3 milioni di euro: 7 milioni della Regione Lazio e 2,3 del Comune di Roma attraverso la sua municipalizzata AMA. Più altri 5 milioni per la discarica di servizio dove far sparire gli scarti degli impianti TMB che preparano le balle di materiali da bruciare negli inceneritori.

 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15:28 1553351280 Grave incidente al curvone di Tor San Lorenzo, feriti due 18enni di Anzio
11:49 1553338140 Terracina, nuova offerta terapeutica della UOC di Dermatologia Universitaria
11:16 1553336160 Centrodestra unito nel Lazio, tutti alla Camera c’è anche Coppola di Nettuno
11:14 1553336040 Amar Tamira di Nettuno, in gara alla trasmissione di Canale 5 Ciao Darwin
10:45 1553334300 La moglie va via di casa, lui se la prende col cognato che la ospita
10:22 1553332920 Col camion a zigzag sull'Appia passa davanti alla Polstrada: era ubriaco
10:14 1553332440 Genzano, tra i quadri infiorati di quest'anno anche quello di Donna Livia
10:00 1553331600 21enne evade dai domiciliari per amore. Trovato a casa della fidanzata
09:38 1553330280 Uccidono il coinquilino che faceva troppo rumore: due arresti a Cisterna
22/03 1553277900 Acquisizione dell’area La Piccola dalle Ferrovie, il consiglio di Anzio dice: Sì
22/03 1553277720 Granarolo, audizione in Regione per il sindaco di Anzio per evitare la chiusura
22/03 1553277480 Atto vandalico alle nuove pensiline del bus a Nettuno subito ripulite da ignoti
22/03 1553275200 Piantati 3.000 nuovi alberi per Pomezia con il progetto "Boschi E.ON"
22/03 1553269680 Due consiglieri di Aprilia aderiscono a Fratelli d'Italia. Il partito cresce
22/03 1553266320 Un furgone rubato parcheggiato in strada. Dentro c'era una moto... rubata
22/03 1553263620 I cani "apriliani" vanno a Latina, a rischio le adozioni
22/03 1553261820 Tentato omicidio a Latina Scalo: donna accoltellata dal compagno
22/03 1553258520 Ad agosto una cima della Semprevisa sarà intitolata a Daniele Nardi
22/03 1553258040 Sabaudia: tornano i parcheggi a pagamento, ma occhio agli equivoci
22/03 1553255880 Rifiuti, nuova multa di 300 euro da parte delle guardie ambientali di Abc
22/03 1553255400 Latina, l'appello: «Venite con noi a ripulire la spiaggia»
22/03 1553252160 Gli arbitri di Serie A Maresca e Pasqua a cena in pieno centro a Marino
22/03 1553252040 419esima della Fiera di Grottaferrata: artigianato e gastronomia di qualità
22/03 1553251260 Protesta dei funzionari di polizia per l'adeguamento dei ruoli speciali a Roma
22/03 1553251080 Settimana dell'Inclusione, tante le iniziative curate dai Vicariati territoriali

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli