[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Le intenzioni di Lbc

Urbanistica, dopo il lungo stop c’è una delibera di indirizzo FOTO

<
>
Franco Castaldo e Damiano Coletta - L?assessore all?Urbanistica e il Sindaco di Latina
Franco Castaldo e Damiano Coletta - L?assessore all?Urbanistica e il Sindaco di Latina

Sono trascorsi oramai due anni e mezzo dal terremoto che ha scosso l’urbanistica del capoluogo, quando il commissario prefettizio Giacomo Barbato, sulla scorta delle relazioni dell’allora dirigente all’Urbanistica, Giovanni Della Penna, annullò in blocco sei piani particolareggiati (Ppe) su 10, approvati dall’amministrazione Di Giorgi tra il 2012 e il 2014. Una riga rossa su oltre 700 mila metri cubi di cemento “spacciati” per “variante non sostanziale”, quindi licenziati solamente in giunta, bypassando un eventuale via libera degli uffici tecnici regionali e il voto del consiglio comunale. Questi contenevano alterazioni degli standard urbanistici dei quartieri, incrementi elusivi delle volumetrie, cambi di destinazione d’uso e previsioni allegre sull’incremento di popolazione. Da allora nella telenovela dell’urbanistica, che di fatto mise la parola fine sull’ex-giunta targata Di Giorgi, si sono susseguite interminabili polemiche con un comparto edilizio locale praticamente fermo, scontri politici e fantasmi di commissariamento (e quindi di danno erariale). Dopo un impasse durato, appunto, due anni e mezzo, lo snodo è rappresentato dall’approdo in commissione Urbanistica della bozza di delibera che mette nero su bianco gli indirizzi della giunta Coletta per la riproposizione dei piani annullati. La partita si gioca essenzialmente su due campi. Quello edilizio, che presenta alcune situazioni spinose, ovvero aree cedute e permessi a costruire rilasciati a privati prima dell’annullamento dei piani. E quello urbanistico, improntato invece sulla necessità di dare un freno allo sfrenato consumo di suolo che ha accompagnato Latina negli ultimi decenni, a causa anche di un piano regolatore (il piano Piccinato) datato 1972 e con una sovrastima fino a 200mila abitanti dell’incremento insediativo. Una vera e propria patata bollente, insomma, capitata tra le mani di Lbc e dell’assessore Francesco Castaldo, che nella bozza di delibera ha provato a far convivere entrambe le situazioni. Tradotto: stop al consumo di suolo ma rispettando gli impegni presi con i privati che hanno investito in terreni e permessi. Perché il provvedimento di annullamento dei piani è sì legittimo, come confermato dal Tar il mese scorso quando ha giudicato irricevibili i ricorsi presentati da alcuni imprenditori che avevano impugnato tale atto, ma legittime sono anche le istanze dei costruttori, come testimoniato da un’altra sentenza del tribunale amministrativo, quella dello scorso gennaio che ha condannato il Comune a risarcire per oltre 3 milioni e mezzo la società Costruzioni Generali di Massimo Riccardo per i cantieri fermi della palazzina di via Quarto (risarcimento poi congelato temporaneamente dal Consiglio di Stato lo scorso luglio). La linea di azione dell’amministrazione, che a ben vedere sembra una scelta obbligata, si dovrebbe dunque muovere verso una precisa direttrice: provare a “sanare” a livello urbanistico gli insediamenti per il quale è stato già avviato un iter (cessione di aree o rilascio di permessi a costruire). Le virgolette sono d’obbligo, perché di fatto di non si tratterebbe di una sanatoria. “Si tratta di andare a riequilibrare gli standard urbanistici, quindi il rapporto degli spazi pubblici rispetto agli insediamenti”, ha spiegato al Caffè il delegato all’Urbanistica, Franco Castaldo. “L’obiettivo è ottenere da un lato una diminuzione dei volumi riferibili a nuove costruzioni e dall’altro il rispetto sul piano urbanistico di quelle situazioni già in itinere”. Situazioni, quest’ultime, che si cercherà di legittimare tramite delibere di giunta secondo l’art 1 bis delle norme regionali in materia urbanistica, semplificazione introdotta dal Piano Casa targato Polverini e utilizzata dalla giunta Di Giorgi per approvare i 10 piani attuativi. L’alternativa resta operare “in variante” al piano regolatore, quindi con un passaggio in Regione e nell’assise comunale. Un “taglia&cuci” urbanistico che sarà possibile anche grazie ad una nuova perimetrazione e un accorpamento dei comprensori R0, R1 Frezzotti, R2 Piccarello, R3 Prampolini, R4 Goretti, R6 Isonzo, creando un’unica macro-area. Altro punto della linea di Castaldo è appunto lo stop al consumo di suolo. “Che non vuol dire di certo cubatura zero, che invece vorrebbe dire far morire il settore edilizio del capoluogo”, ci tiene a puntualizzare l’assessore. “Dobbiamo attenerci a norme comunitarie, recepite dallo Stato italiano, che prevedono di raggiungere un consumo di suolo pari a zero entro il 2050. Utilizzeremo nuove volumetrie per la riqualificazione del patrimonio urbanistico”. Uno strumento possibile è la legge di rigenerazione urbana, varata dalla Regione Lazio lo scorso anno e che prevede premi di cubatura fino al 40% per i privati che decidono di ristrutturare la propria abitazione. O ancora i Print, programmi di intervento per la riqualificazione del tessuto urbano. Per mettere in atto il disegno dell’amministrazione Coletta sull’urbanistica del capoluogo occorre dunque redigere il prima possibile i piani annullati, ma l’Ufficio di Piano, la struttura comunale deputata a tale compito, non è ancora operativo. “L’Ufficio è stato già istituito, ma bisogna ancora reperire le risorse professionali interne ed esterne al Comune”, confessa l’assessore. “Ad ottobre verranno ultimate alcune selezioni di dirigenti da parte dell’ente, e sicuramente si muoverà qualcosa”.                  

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19/02 1550593020 Il Comune libera il Piccolo Porto e parte dell'ex Biagio: tornano al Demanio
19/02 1550591100 Sottraggono il terreno a un 50enne per farci una discarica abusiva: 4 denunciati
19/02 1550590500 Colpaccio a Terracina: questa estate arriva il mondiale di beach tennis
19/02 1550588520 Il metodo degli Ex Assessori conquista Pizzarotti, venerdì sarà ospite a Nettuno
19/02 1550588460 Scritte intimidatorie contro il candidato a Sindaco di Nettuno Marchiafava
19/02 1550587020 Discarica e altri rifiuti a Latina? Lessio: neanche 1 kg. Chi lo fa lo denuncio
19/02 1550584740 Under 16. Virtus Invicta Pomezia, il bicchiere è mezzo pieno
19/02 1550581500 Pomezia: vietati i cartelloni pubblicitari contenenti sessismo e discriminazione
19/02 1550580540 Auto contromano sulla Pontina: il video fa il giro del web
19/02 1550577480 Freddo a scuola: protesta degli studenti del San Benedetto di Latina
19/02 1550575020 Torna a Nemi l'appuntamento con la quarta edizione del Trail del Bosco
19/02 1550574660 Incendio all'aeroporto di Ciampino, centinaia di passeggeri ancora in attesa
19/02 1550574420 Screening gratuiti di prevenzione oncologica: appuntamento anche a Nemi
19/02 1550574300 Lo sport: l'emozione in uno scatto. Premiazione del concorso Gabbarini
19/02 1550574240 Tredici, lo spettacolo di Latitudine teatro in scena al Fellini di Pontinia
19/02 1550574180 Bertrando Fochi. L'uomo e il chirurgo: una vita ricca di insegnamenti a Cori
19/02 1550573820 Mountain Bike.Team Race Mountain Folcarelli Cycling, presentata la nuova squadra
19/02 1550573820 Raddoppio tratta ferroviaria tra Campoleone e Aprilia: al via iter di esproprio
19/02 1550573640 Controlli in zona pontina: arresto per droga e denuncia per detenzione di armi
19/02 1550573460 Aggredisce controllore su un mezzo pubblico e le toglie il telefono, denunciato
19/02 1550573100 Nuoto, la New Line Pomezia incanta alla Zero9
19/02 1550569620 Rugby, Serie C1. Il Rugby Anzio Club crolla a Terni
19/02 1550568900 Ardea, protesta contro il limite a 30 km/h sulle strade: compare uno striscione
19/02 1550568240 Incendio al camper in zona Cretarossa a Nettuno, è di un turista toscano
19/02 1550568120 Sold out al Teatro studio 8 di Nettuno con lo spettacolo “Varietà Romano”

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli