[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

L'Assessore Lessio spiega il progetto

Biometano a Latina Scalo, ci sarà un Comitato di controllo. Il Comune vigilerà

Progetto tipo - Biometano della Recall
Progetto tipo - Biometano della Recall

L’impianto di biometano da rifiuti organici a Latina Scalo non può bloccarlo adesso il Comune di Latina. Né tantomeno può farlo secondo la procedura invocata dal Consigliere di opposizione Nicola Calandrini, ex Presidente del Consiglio comunale quando spuntò un parere favorevole “di massima” dall'allora capo dell'urbanistica comunale il 1° giugno 2016, arch. gen. Giovanni Della Penna da Cisterna. Quel che invece è sicura di poter e voler fare l'Amministrazione Coletta è “vigilare affinché siano rispettate tutte le prescrizioni”. Ossia controllare che, se e quando sorgerà, l'impianto della Recall Latina Srl operi nel rispetto di tutti i criteri imposti dalle autorizzazioni.

CONTROLLO PUBBLICO APERTO E SANA GESTIONE DEI RIFIUTI
È questo uno dei cardini della delibera proposta dal capogruppo di LBC Dario Bellini, che dà mandato a Sindaco, Giunta e uffici comunali di istituire un Comitato di controllo con la partecipazione dei residenti, di realizzare altri impianti di biometano a gestione pubblica con altri Comuni per una gestione dei rifiuti improntata all'economia circolare, anche attraverso i fondi regionali per le compostiere di comunità e il ripristino delle cosiddette Isole Ecologiche e di evitare con ogni mezzo legale la riapertura della discarica di Borgo Montello. Tutto ciò è stato apporvato dal Consiglio comunale mercoledì 6 giugno. Favorevole LBC con 18 “sì”, contrari Nicola Calandrini, Andrea Marchiella e Matilde Celentano. L’atto proposto da Bellini non dà comunque per scontato che l’impianto arrivi, parlando di “sua eventuale realizzazione”.

«IL COMUNE NON HA POTERE DI BLOCCARE IL PROGETTO»
Calandrini ha chiesto di annullare il “sì” della Provincia di Latina invocando la discussione e il voto dell'Aula sul progetto che, secondo lui, doveva passare al vaglio del Consiglio comunale. «Ciò non è possibile semplicemente perché la normativa che disciplina (meglio dire che liberalizza) la realizzazione di questi impianti – replica l'Assessore all'ambiente Roberto Lessio -, considera questi impianti come strategici per la politica energetica nazionale, dichiarandoli di pubblica utilità e indifferibili, anche se proposti da privati. La legge di riferimento è il decreto legislativo 387/2003, emanato dal governo Berlusconi ma sostanzialmente avallato anche dal centro sinistra e dalle principali associazioni ambientaliste italane. In base a tale decreto - spiega Lessio -, nel rispetto delle altre normative specifiche sui vincoli e gli insediamenti abitativi, questi impianti possono essere realizzati pressoché ovunque: anche in zone agricole, oltre che in zone industriali e artigianali. Di fatto – ragiona l’Assessore - gli Enti locali sono stati così espropriati delle capacità-necessità di programmazione degli interventi sul proprio territorio».

NESSUNO SI OPPOSE QUANDO FU PRESENTATO L’INIZIALE PROGETTO
Al di là del ripasso sulle regole vigenti, l'autorizzazione definitiva arriverà solo con la valutazione di ottemperanza, cioè dopo che la Recall Latina avrà dimostrato di essersi adeguata alle prescrizioni imposte dalla Provincia. «L’iter autorizzativo del progetto, nella iniziale versione centrale a 'bio'gas (gas dai rifiuti bruciato tutto in loco per generare elettricità, ndr), è iniziato il 1° ottobre del 2013 – rammenta Lessio -. La prima Conferenza dei Servizi c’è stata a marzo 2015, con Giovanni Di Giorgi sindaco e Nicola Calandrini presidente del Consiglio comunale. Nessun Ente interessato in quella fase dall’AUA (Autorizzazione Unica Ambientale), men che meno la parte politica dell’Ente Comune di Latina, ha depositato agli atti documenti che dimostravano l’improcedibilità e situazioni ostative alla realizzazione del progetto in versione centrale». Anzi, in modo un po’ ballerino, arrivò una specie di “sì” comunale. «Il Servizio Urbanistica del Comune di Latina – aggiunge Lessio - si era espresso, in data 01/06/2015, con un parere “sostanzialmente favorevole”».

IL FAR WEST DEI ‘BIO’GAS FURBETTI
Nel frattempo però la Regione fu inondata di richieste autorizzative per centrali a 'bio'gas che in realtà mascherano impianti di smaltimento di varie tipologie di rifiuti, mentre quello proposto a Latina Scalo aveva richiesto ed ha ottenuto autorizzazione solo per due codici CER: sostanza organica proveniente da raccolta differenziata e prodotti organici di scarto provenienti dalle agro-industrie locali. Dal canto suo la Regione ha retto il gioco con una presunta pianificazione del settore rifiuti che oggi vede il Lazio senza un serio Piano e si rischia addirittura - come intimato dal Tar a fine aprile  che a decidere nuove discariche e altri impianti sia il prefetto di Roma. «Il nuovo progetto Recall – precisa l'Assessore Lessio - oltre all’energia recupera materia, sotto forma di compost e/o ammendante organico da restituire ai terreni agricoli, così come prevedono la normativa italiana sugli impianti di produzione da fonti rinnovabili e il nuovo pacchetto sull’Economia Circolare dell’UE. La nuova versione dell'impianto Recall a Latina Scalo determina diversi vantaggi economici ed ecologici, che superano di gran lunga la criticità della localizzazione». 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18/03 1552925040 Grande partecipazione al progetto educativo-ambientale Teniamo pulito il mondo
18/03 1552924920 Fuori pericolo la bimba investita sabato a Frascati: denunciata l'automobilista
18/03 1552923780 "Non ci sentiamo traditori, il sindaco ha tradito le aspettative dei cittadini"
18/03 1552923600 Premiati dal Lions Club Velletri gli artisti del concorso Un post per la pace
18/03 1552923540 Villa comunale di Albano invasa da processionarie: protesta dei residenti
18/03 1552921980 Appello dei cittadini di via Fiuggi a Nettuno: Asfaltate. Ma strada è privata
18/03 1552921920 Carlo Conte: “Senza il simbolo del Pd non posso sostenere Marchiafava”
18/03 1552921740 #SoldOut turistico di Anzio nella giornata di ieri, apprezzato il bus navetta
18/03 1552920540 Centro di cottura alla D’Azeglio fuori uso, rimane solo quello a S. M.delle Mole
18/03 1552919760 Latina, buttava tutto nell'indifferenziato: scatta la prima multa di 300 euro
18/03 1552917840 Semaforo per il ponte sul Sisto: Terracina offre fondi comunali per realizzarlo
18/03 1552917540 Girone A. Unipomezia, un pareggio che lascia l'amaro in bocca
18/03 1552916460 Serie B, Girone E. Fortitudo Futsal Pomezia, tutto facile contro il Club Roma
18/03 1552915740 Regolamento scuole, per Fabio Fucci «Da rivedere, si rischia separazione alunni»
18/03 1552914240 Serie A2. Latina Basket, vittoria di carattere contro Bergamo
18/03 1552913520 Pallanuoto, Serie B femminile. La Splash Antares Latina espugna Roma
18/03 1552912980 Pallanuoto, Serie C Girone 6. L’Antares Nuoto Latina ritrova il sorriso
18/03 1552908780 Gara strisce blu, c'è il nuovo gestore. Rassicurazioni sul personale
18/03 1552908480 Premio Musica Nova, ancora solo un mese per presentare le proprie opere
18/03 1552907880 Pusher 22enne di Aprilia trasferito in carcere: deve scontare due anni
18/03 1552905540 Voragine, apre il cantiere sulla Pontina. Parte la sfida dei lavori in 40 giorni
18/03 1552905420 Compostaggio domestico a Pomezia: farlo bene dà diritto a uno sconto sulla Tari
18/03 1552904220 Centro diurno Alzheimer nella villa confiscata: la coop Alteya vince il bando
18/03 1552903980 Industrie pericolose: un terzo sono pontine, un altro terzo a Pomezia-Ardea
18/03 1552900380 Serie D, Girone G. Anzio Calcio a reti bianche contro l’Ostiamare

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli