[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Mandato al Sindaco Marini

AAA vendesi Formalba: il Comune delibera la cessione dell'ente formativo

UNA VICENDA LUNGA 6 ANNI
Febbraio 2012: manifestazione davanti al Comune di Albano dei lavoratori Albafor, messa in liquidazione dal 2011
UNA VICENDA LUNGA 6 ANNI Febbraio 2012: manifestazione davanti al Comune di Albano dei lavoratori Albafor, messa in liquidazione dal 2011

Venerdì 20 maggio, con la delibera n. 35 il Consiglio Comunale di Albano ha incaricato il sindaco Nicola Marini di “porre in essere […] la dismissione delle partecipazioni societarie” di Formalba srl, nata a settembre 2014, dopo la messa in liquidazione di ‘mamma’ Albafor spa.  Si tratta dell’istituto scolastico di formazione professionale di proprietà del Comune di Albano impegnato da 16 anni nella formazione di aspiranti meccanici, giardinieri, operatori pc, estetiste, baristi, ecc. Per l’amministrazione di centrosinistra, alla guida di Albano da 6 anni, e parte dell’opposizione, la ‘ricetta’ salva-studenti e salva-dipendenti è già pronta: “al fine di pervenire alla dismissione delle suddette partecipazioni e alla chiusura della gestione liquidatoria, salvaguardando il mantenimento del valore economico e professionale della società, è necessario – si legge nella delibera del Consiglio comunale - fornire indirizzo alla società Albafor spa affinché provveda alla cessione della società Formalba srl e conseguente miglior soddisfazione dei creditori […] individuando lo strumento più idoneo e conveniente per la realizzazione di tale finalità”. Si tratta di una ‘impresa’ non certo facile visto che le due società sono legate a ‘doppia mandata’: “la società che residua dal conferimento (old Albafor) – si legge ancora tra le carte del Comune - mantiene in pancia l’intera partecipazione della new company (Formalba), strumentale per chiudere in maniera transattiva le perdite debitorie della società medesima”.
 
I ‘GUAI’ GIUDIZIARI DI ALBAFOR
Albafor spa è coinvolta in due procedimenti giudiziari. Il primo di natura penale. Secondo il Pubblico Ministero, dottor Giuseppe Travaglini, l’ex sindaco Marco Mattei, e l’attuale primo cittadino Nicola Marini, avrebbero ‘adottato in violazione della legge atti illegittimi al fine di favorire la società Albafor […] creando debito per il bilancio comunale di Albano per circa 6,4 milioni di euro”. Il secondo di natura civile. Il fallimento dell’Albafor spa, richiesto a gennaio dalla Procura di Velletri, prenderà il via il prossimo 22 giugno. Secondo i togati veliterni, l’Ente scolastico sarebbe incapace di ‘risollevarsi dallo stato di pesante insolvenza’. Infine, sui debiti di Albafor spa indaga anche Bankitalia, l’Ente di controllo pubblico del sistema bancario privato, che ha avviato nei giorni scorsi una ispezione sulla Banca che ha concesso negli anni passati crediti per circa 6,4 milioni di euro, che ancora non sono stati onorati. La delibera che avvia la cessione di Formalba srl è stata votata da 17 consiglieri. Per la maggioranza: Rovere, Sepio, Borelli, Di Baldo, Garbini, Santoro, Nengarelli, Andreassi, Cammarano, Fazio, Gambucci, Grecco, Guarino, Santilli, Tedone. Per l’opposizione: Silvestroni, Orciuoli e Segrella (astenuto). Chi acquisterà la società e a quali condizioni? Chi e quando pagherà i debiti? Quale sarà il futuro degli studenti, dei corsi scolastici e del personale docente e amministrativo? Presto, probabilmente avremo una risposta. Intanto, i rappresentanti nazionali e regionali di CGIL, CILS, e UIL hanno chiesto nei giorni scorsi un incontro urgente al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dichiarandosi molto preoccupati per la ‘svendita’, così la definiscono, di Formalba srl.

I 2 PROCESSI ALBAFOR: PENALE E CIVILE
Si infiamma la vigilia della seconda udienza del processo penale Albafor’, rinviata al 21 giugno a causa dello sciopero degli avvocati penalisti dello scorso 26 maggio: uno degli avvocati difensori ha manifestato ‘insofferenza’ per la presenza del nostro giornale in Tribunale, l’unica testata che segue la spinosa vicenda. In questo maxi procedimento giudiziario sono co-imputati il sindaco Nicola Marini e il vice sindaco Maurizio Sementilli. Insieme a loro, sono imputati anche Mariella Sabadini, dirigente dell’Ufficio legale del Comune, Mario Rapisardi, ex Assessore alla Pubblica Istruzione della prima giunta Marini, e Roberto De Vitalini, di professione imprenditore. Tutti accusati a vario titolo dalla Procura di Velletri di aver adottato atti illegittimi al fine di favorire la società Albafor e per concorso in abuso di ufficio e altri reati in merito ad assegnazioni di vari incarichi e appalti. ‘Stralciata’, ovvero separata, almeno dal punto di vista giudiziario, la ‘posizione’ di Marco Mattei, ex sindaco di Albano, Claudio Fiorani, ex Assessore all’Ambiente, Giuseppe “Pino” Rossi, ex Assessore al Bilancio, Piergiuseppe Rosatelli, ex dirigente dell’Ufficio Ambiente ora in forza al Comune di Ariccia, e Gianni Micarelli di professione imprenditore. Costoro  hanno preferito avvalersi della facoltà di difendersi nel corso della  udienza preliminare, fissata per il 20 ottobre, per opporsi alla richiesta del loro rinvio a giudizio.

VERSO IL FALLIMENTO DI ALBAFOR
Mercoledì 22 giugno, la presidente della II° sezione civile del Tribunale di Velletri, dottoressa Francesca Aratari, presiederà il fallimento della ex Albafor spa, attuale Formalba srl, come richiesto il 30 gennaio scorso dalla Procura di Velletri. Annunciata la presenza del liquidatore della Albafor spa, il commercialista Massimo Bareato, e del Comune di Albano, proprietario unico della società.

Cassazione ‘libera’ i beni di  Bareato
La Cassazione, terzo e ultimo grado della Giustizia italiana, ha annullato il sequestro di beni mobili ed immobili, per un valore di circa 2 milioni di euro, eseguito a ottobre 2015 dalla Guardia di Finanza, su ordine della Procura di Velletri, nei confronti del commercialista Massimo Bareato, amministratore delegato di Formalba srl e attuale liquidatore di Albafor spa. A novembre 2015, il sequestro era stato confermato dal Tribunale del riesame, secondo grado della Giustizia. Ora i togati della Cassazione hanno annullato definitivamente il provvedimento.
 

 

L’albafor in pillole
L’istituto scolastico Albafor spa, che da settembre 2014 prende il nome di Formalba srl, è impegnato da 16 anni nella formazione di aspiranti meccanici, giardinieri, operatori pc, estetiste, baristi, ecc.. Vanta al momento oltre 1000 studenti iscritti, 142 dipendenti, 12 direttori e 7 sedi: Albano, Cecchina, Velletri, Marino, Colleferro, Pomezia e Valmontone.
 
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
22/02 1550858460 Ai domiciliari continuava a minacciare i genitori: 34enne portato in carcere
22/02 1550855640 Arrestato per le vessazioni all'ex compagna: in casa i carabinieri trovano spade
22/02 1550855460 Albano Laziale, avviato il progetto “Finestre Aperte sull’Europa”
22/02 1550852340 Lariano, presidente del consiglio Caliciotti ricevuto alla Camera coi colleghi
22/02 1550851980 Allerma meteo sul Lazio: vento forte da stasera e per 36 ore
22/02 1550851020 Incidente sulla Migliara a San Felice: si scontrano auto e scooter, un ferito
22/02 1550848740 A Genzano arriva il Carnevale 2019, al lavoro i volontari per realizzare i carri
22/02 1550846100 Appello del Capitano di Anzio Lorenzo Colantuono: “Raccogliete plastica in mare”
22/02 1550845980 “DiportAnzio”, ad aprile la manifestazione per lo sviluppo turistico sul molo
22/02 1550845920 Ex Divina Provvidenza, l'Associazione Ibis scrive: "Per noi triste epilogo"
22/02 1550845800 Ardea, è stato rimosso dal piedistallo l'airone della discordia
22/02 1550841120 Due incidenti in pochi minuti sulla Pontina, traffico in tilt da e verso Roma
22/02 1550838660 Operaio 61enne muore sul lavoro a Pomezia: schiacciato da palanche di legno
22/02 1550837160 Tornano i carri di Carnevale a Latina: ecco il programma del martedì grasso
22/02 1550834520 La Nazionale di canoa dedica uno striscione a Manuel Bortuzzo al lago Albano
22/02 1550834040 Fabio Fucci presto alla Lega? I leghisti di Pomezia: «Adesso parliamo noi»
22/02 1550827680 Incontro tra giornalisti e studenti di Genzano su informazione e legalità
22/02 1550827500 Il convegno 'Stomia, un sacco da raccontare' al teatro comunale di Lanuvio
22/02 1550827260 Crisi del commercio a Marino, la protesta dei commercianti del centro storico
22/02 1550826840 Pomezia, il vincolo di Torre Maggiore è valido: il Consiglio di Stato gela Cogea
22/02 1550826420 Archivi comunali nella sede di via Ezio: 24mila euro per i lavori
22/02 1550823060 Buche, l'assessore: «Abbiate pazienza fino a giugno»
22/02 1550822220 Due auto distrutte da un incendio notturno ad Aprilia
22/02 1550822040 Nirvana live al palaghiaccio di Marino 25 anni fa: oggi la proiezione del video
22/02 1550820300 Marika Battisti da Latina nel corpo di ballo di “Happy Dance” su Rai Gulp

Sport
< <

Eventi
< <

La risposta della dott.ssa Carla Delfino

Terrore dei topi? La scoperta che risolve è di una donna italiana

La risposta della dott.ssa Carla Delfino

Solo una donna poteva vincere contro ciò che proprio alle donne fa tanto orrore. Carla Delfino è la salvatrice di tutte le donne che inorridiscono al solo pensiero di poter improvvisamente trovare topi in casa. E per questa scoperta è stata l'unica italiana a vincere il premio Cartier per le migliori iniziative imprenditoriali femminili del Mondo.  Dottoressa è vero che i ratti sono aumentati così tanto? «Purtroppo sì, il loro numero è aumentato a dismisura nel tempo fino...

Inchieste
[+] Mostra altri articoli