[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Calcio Lega Pro

I saluti dell'ex AD Pietro Rosato

Antonio Pezone rileva la Lupa Castelli, Nasce la SS Racing Roma

Nonostante le smentite di rito da parte dei diretti interessati nei giorni antecedenti l’annuncio ufficiale, alla fine sono state confermate tutte le indiscrezioni dei giorni scorsi: il presidente del Racing Club Antonio Pezone ha rilevato le quote della società ed  è il nuovo proprietario della Lupa Castelli Romani, club di Lega Pro retrocesso proprio quest’anno in serie D. La conferma è arrivata con una conferenza stampa che si è tenuta alla Pineta dei Liberti lo scorso mercoledì 18 maggio tramite la quale il massimo dirigente ardeatino ha svelato i dettagli di un’operazione che porterà (come lui stesso aveva promesso la scorsa estate) il calcio professionistico ad Ardea, anche se almeno per questa stagione le partite casalinghe dovrebbero continuare a disputarsi presso l’impianto di Rieti. La nuova società si chiamerà SS Racing Roma e non si sa ancora se prenderà parte al campionato di Lega Pro (per il quale verrà chiesto il ripescaggio) o a quello di Serie D. Contestualmente alla nuova avventura, il presidente Pezone ha annunciato che resterà alla guida anche del Racing Club, impegnato proprio in questi giorni nei play off del campionato di Promozione con ottime possibile di salire in Eccellenza. Finisce dunque l’era della Lupa, capace in pochissimo tempo di passare dal campionato di Eccellenza al professionismo ed è arrivato il momento dei saluti per l’ormai ex amministratore delegato del club castellano Pietro Rosato che andando ben oltre una classica dichiarazione di circostanza, ci ha tenuto a scrivere una vera e propria lettera aperta : “È difficile – ha esordito – per me spiegare, oggi, quello che sento. Non nascondo che sono rammaricato perchè in un modo o nell’altro si chiude un capitolo importante della vita professionale mia e di molte altre persone. In questa stagione abbiamo fatto tutto quello che era possibile per mantenere in vita questa società, combattendo contro tutti gli ostacoli che ci sono capitati davanti ed anche contro quelle persone che hanno tentato in ogni modo di affossarci. Non è stato facile, ma sono consapevole di aver fatto tutto ciò che avrei potuto fare, e anche di più”. “Abbiamo iniziato la nostra avventura in Lega Pro – prosegue Rosato – forse con un po’ di incoscienza, ma con la consapevolezza che avremmo rispettato gli impegni presi con tutte le persone che hanno lavorato per la Lupa, nonostante le difficoltà soprattutto logistiche che abbiamo incontrato. Oggi mi rendo conto che affrontare un campionato di Lega Pro senza un proprio impianto di riferimento è decisamente impossibile, perché ci si trova a sostenere spese enormi senza avere alcun indotto. Anche per questo motivo, ad un certo punto della stagione siamo stati costretti a mettere in secondo piano i risultati sportivi per privilegiare gli aspetti amministrativi, ed oggi l’unica scelta possibile era quella di cedere la società ad un imprenditore solido, che garantisse quanto meno la sopravvivenza della matricola della Lupa. Il rammarico più grande è quello relativo al cambio del nome e dei colori sociali, che decretano ufficialmente la fine di un sogno chiamato Lupa; ma i risultati che ha raggiunto questa squadra in due anni quelli no, non potranno mai essere cancellati e rimarranno nel tempo. Dal record conquistato in Eccellenza, con tutte le emozioni che ci ha fatto vivere, alla vittoria del campionato di serie D contro tutti i pronostici: il nostro era un progetto “familiare”, ed oggi è proprio questo che mi rende malinconico. So di aver deluso una parte delle persone che, come me, hanno vissuto questa società come una famiglia, ma vorrei che anche loro capissero che sono stato costretto a considerare tutti gli aspetti, non solo quelli legati alle questioni di cuore”. “Oggi – ha concluso – lascio una società sana, che ha saputo mantenere fede a tutti gli impegni presi ad inizio stagione, nonostante in molti avrebbero scommesso sul contrario. La nuova proprietà ha progetti ambiziosi, e questo mi rende ottimista sul futuro del club. Avevo già parlato con Antonio Pezone a giugno e ne ero stato favorevolmente colpito. A quel tempo, però, i suoi programmi erano ben definiti e non ha avuto la possibilità di affiancarmi nel percorso che stavo intraprendendo. Qualche mese fa, poi, sono stato contattato nuovamente tramite un’amicizia in comune, e lui stesso ha manifestato l’interesse a rilevare la Lupa. Io credo e spero che sia la persona giusta per dar vita ad un progetto duraturo che possa tenere in vita la matricola di questa società, nel ricordo di tutto quello che è stato fatto. Ovviamente oggi sono molto malinconico, ma allo stesso tempo so che non c’era altra via di uscita per permettere che ciò a cui abbiamo dato vita tre anni fa non morisse definitivamente. Anche per questo ci tengo a dire che mi piacerebbe dar vita ad un nuovo progetto “Lupa”, circondandomi di tutte le persone che come me ci hanno creduto davvero, e chissà che un giorno non sarà possibile. Per il momento mi prendo un po’ di tempo per me, per metabolizzare quanto accaduto, per dedicarmi agli affetti che ho fin troppo trascurato in questi ultimi mesi, totalmente assorbito da questa situazione. Ci tengo però a ringraziare per l’impegno profuso tutto lo staff tecnico e i collaboratori, che hanno dimostrato attaccamento alla Lupa e professionalità anche di fronte a tutti i problemi che abbiamo dovuto affrontare: mi auguro che ognuno di loro possa trovare una nuova collocazione che ne rispetti il valore. Ringrazio i giocatori e tutti coloro che ci sono stati vicini, ma anche quelli che hanno riso di fronte alle nostre sconfitte e che si auguravano magari una fine diversa da questa per la Lupa. Ma ringrazio in primis chi mi è stato vicino nella gestione del club, e mi riferisco in particolar modo a Luigi Paoletti, Riccardo Curci e Mariano Nazio, che si sono rivelati veramente preziosi. Ci tengo a sottolineare, però, che il mio più grande grazie va a Riccardo Solaroli, che ha dimostrato di essere un amico sincero prima ancora che un ottimo collaboratore, e mi è rimasto accanto fin dall’inizio di questa avventura. Oggi nasce un progetto nuovo, e faccio un enorme in bocca al lupo ad Antonio Pezone, al Racing ed a tutti i suoi collaboratori. Per quanto riguarda noi, so che quello che abbiamo vissuto non potrà mai finire, e questo va oltre il verdetto del campo”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/02 1550340600 Non si ferma all'alt: inseguito dai carabinieri, si schianta contro un albero
16/02 1550338380 Pubblicate le graduatorie degli ammessi al liceo Meucci: 84 restano fuori. Ma...
16/02 1550325120 Violenza sessuali continuate sulla figlia minore: arrestato un uomo ad Anzio
16/02 1550324640 Bonificati i canali di Ardea, ma nessuno recupera i rifiuti raccolti
16/02 1550324160 Arrestato mentre commetteva un furto in appartamento: a casa altra refurtiva
16/02 1550323860 Consegnate a un gruppo di assegnatari le chiavi delle case popolari a Porta Nord
16/02 1550323680 Un cinema senza barriere, il progetto patrocinato dal Comune di Latina
16/02 1550316120 Carne ammuffita nella cella frigorifera: chiuso dal Nas un caseificio a Pontinia
16/02 1550315460 Marino, sostituzione caldaia alla scuola D’Azeglio: «Lavori in forte ritardo»
16/02 1550315400 Maltrattamenti alla moglie, 61enne di Aprilia agli arresti domiciliari
16/02 1550315220 Campagna contro i commercialisti abusivi in provincia di Latina
16/02 1550314800 Arrestato un pusher italiano: riforniva di droga i tossicodipendenti della zona
16/02 1550304780 Il giovane cantante Eden di Pomezia conquista Sanremo Young (Rai Uno)
16/02 1550304420 Corsi di Educazione stradale: a scuola con la Polizia locale di Nettuno
16/02 1550304180 Anzio, la bandiera della Roma Francesco Totti a cena in un ristorante al Porto
16/02 1550303940 A processo per aver importato 84 kg di droga dal Cile ad Aprilia e Latina
16/02 1550303220 I volontari di Gialuma incontrano gli studenti della scuola di Albano
16/02 1550302740 La campagna "Planet or plastic?" porta Marco Mengoni sulle dune di Sabaudia
15/02 1550243520 Bimba picchiata, l'ospedale: «È cosciente». La casa presa d'assalto dalle tv
15/02 1550242980 Albano, il Comune pronto alla certificazione del Sistema Anticorruzione
15/02 1550238540 Ciampino, Italia Nostra: appello al Ministero per la Tenuta ducale dei Colonna
15/02 1550236620 Genzano, bimba picchiata, criminologa:“Raptus non esiste,ci sono sempre segnali”
15/02 1550236560 Tornano i quotidiani cartacei nella biblioteca comunale di Pomezia
15/02 1550234280 "Meucci's got talent" al liceo di Aprilia: ecco i vincitori
15/02 1550233800 Controlli al palazzo di vetro di Latina, degrado e denunce

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli