[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Presso la chiesa di San Francesco

Quello strano delitto di don Cesare, il libro inchiesta di Cipriani a Latina

<
>
Don Cesare Boschin
Don Cesare Boschin
Felice Cipriani
Felice Cipriani

30 marzo 1995,  don Cesare viene ritrovato nella sua canonica morto incaprettato. Dopo 4 mesi di indagini, il Comando dei carabinieri archivia il caso come un tentativo di rapina da parte di balordi mai individuati. Già, ma che strana questa rapina. I ladri hanno lasciato il denaro e si sono impossessati soltanto della preziosa agendina, dove il parroco annotava di tutto, e dell’album delle fotografie scattate. E sì, perché don Cesare, a capo del comitato ambientalista di Borgo Montello, si batteva per dirimere la cortina di nebbia che avvolgeva i segreti della seconda discarica del Lazio. Cos’aveva scoperto don Cesare Boschin per pagare con la vita? Un vero cold case che chiede giustizia.

Su questa linea il giornalista e scrittore della memoria Felice Cipriani ha confezionato un libro dal titolo ‘Lo strano delitto di don Cesare’ dove si ripercorre la vita del parroco veneto di Trebaseleghe, appartenente alla confraternita di don Orione, quella dell’essere uno strumento e ‘straccio di Dio’, che venne a borgo Montello nel 1951. Lì, nelle campagne della periferia di Latina, aveva abbracciato quella comunità come fosse la sua,

È un giornalista che si dichiara scrittore della memoria come Felice Cipriani (di Maenza, classe 1939) a intestardirsi nel riaprire il delitto in verità mai dimenticato. S’imbatte quasi per caso in questa storia torbida, s’appassiona alla vicenda e si impone di dare il suo contributo affinchè venga fatta luce e data giustizia alla figura di un prete prima maniera, morto in circostanze drammatiche e misteriose. Tanto che produce un libro inchiesta, dall’emblematico titolo ‘Lo strano delitto di don Cesare’ (ed. omicron, pp 180, euro 12), che verrà presentato venerdì 29 aprile alle 18 presso la sala teatrale della chiesa di San Francesco in via dei Cappuccini a Latina. Con lui ci saranno il responsabile provinciale di Libera Fabrizio Marras e Claudio Gatto, fraterno amico di don Cesare e oggi attivista dell’associazione di don Luigi Ciotti, e Angela Di Pietro, giornalista de Il Tempo, che quando era cronista nella redazione pontina s’era tuffata nel caso di nera. Modera il giornalista Gian Luca Campagna.

“Comincia da lontano, Felice Cipriani, per raccontarci di don Cesare Boschin. Parte da quell’Agro Pontino che è stato per quarant’anni il luogo della sua vocazione e del suo impegno, e anche lo scenario di una morte violenta che ancora attende verità e giustizia” così nella prefazione del libro scrive don Luigi Ciotti.

E sì, perché don Boschin arriva a Borgo Montello nel 1956, in un giorno di neve, giunge da Trebaseleghe, un paese veneto, e subito si fa benvolere dai figli della bonifica idraulica e reduci della guerra, forte dei dettami della congregazione a cui appartiene, a quella di don Orione, tant’è che è fiero di essere ‘uno straccio di Dio’, vivendo nella modestia e a completo servizio delle comunità cui è ordinato. Cipriani ripercorre la vita di questo parroco di campagna che ha una parola per tutti, denaro in prestito per tutti, un lavoro per tutti. E il giornalista si avvale delle testimonianze di famigliari (in particolare del nipote Luciano), degli amici e degli abitanti di Borgo Montello, ritraendo un sacerdote all’antica. La vita del parroco è scandita dalle preghiere per il buon raccolto nelle campagne e dalle buone parole che ha per le famiglie in disarmonia, ma a un certo punto la serenità gli viene meno dal 1970, da quando la discarica diventa presto un motivo di discordia per la comunità, divisa fra chi lo vede come un’opportunità di lavoro e chi invece come un potenziale danno per l’agricoltura. Un sospetto che diviene certezza quando, alla fine degli Anni Ottanta, la discarica viene rilevata da una società che inizia a gestirla con spregiudicatezza, senza trovare ostacoli a livello politico e amministrativo: in questo momento don Cesare nota strani movimenti, camion che arrivano nottetempo da vie laterali pieni di fusti industriali per poi andarsene sgravati del loro carico, viaggi misteriosi ma ben pagati, l’ombra sempre più forte della camorra a gestire parte delle operazioni, ipotesi confermate dalle rivelazioni choc del pentito Carmine Schiavone, del clan dei casalesi.

È qui che don Cesare inizia la sua battaglia, fonda un comitato, sensibilizza le persone perché «i rifiuti inquinano non solo la terra ma le coscienze. Ma la sua vita si ferma quel 30 marzo 1995.

L’AUTORE

Felice Cipriani (Maenza, 1939), è giornalista e scrittore della memoria. Ha confezionato questo libro intervistando testimoni vivi e non reticenti, spulciando archivi e leggendo articoli, dipanando una matassa che ancora offre inquietanti interrogativi. Attivo in temi sociali e ambientali, nonchè in diversi progetti umanitari in campo internazionale, ha pubblicato diversi libri, tra cui Il Fattaccio di Maenza, una vicenda reale dai contorni gialli del 1881. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:42 1574073720 Dipendenti Sts rischiano il licenziamento, protesta sotto il comune di Frascati
11:38 1574073480 Appia Bis riaperta in entrambe le direzioni, era allagata per le continue piogge
11:33 1574073180 Quattro consiglieri della Lega in consiglio a Pomezia: siglato il passaggio
10:47 1574070420 Pericolo sul cavalcavia della Stazione di Nettuno, divieto assoluto di passaggio
10:46 1574070360 Cade un albero alla materia di via Ambrosini ad Anzio, i bimbi cambiano ingresso
10:45 1574070300 Discarica vista mare ad Anzio, ma c’è nome e indirizzo del responsabile
10:27 1574069220 Pazienti derubati mentre sono a fare visite in ospedale ad Albano
09:40 1574066400 I Vigili del Fuoco di Latina protesteranno a Roma: stipendi troppo bassi
09:36 1574066160 Incetta di medaglie per la Pkt kickboxing di Genzano al Palatorrino di Roma
09:35 1574066100 Albano: gran lavoro per i vigili del fuoco per la rimozione di un grosso pino
09:03 1574064180 Operazione Astice: i Carabinieri arrestano altre sei persone
08:46 1574063160 Svastiche e croci celtiche sui muri del Comune di Genzano: indaga la Polizia
08:16 1574061360 Qualità della vita: Latina precipita di 17 posizioni in classifica
17/11 1574003460 Perde il controllo dell'auto e finisce sottosopra, grave in ospedale a Latina
17/11 1573994640 Indiani in festa per le vie di Aprilia: celebrazioni religiose anche pomeriggio
17/11 1573993860 Messe in sicurezza le cabine Enel danneggiate dal maltempo della notte
17/11 1573993680 Rami caduti nella notte nel fosso di via delle Barozze: rimozione in corso
17/11 1573993500 L'ospedale dei Castelli si illumina per la Giornata della Prematurità
17/11 1573982940 Celiachia: anche l’ospedale Goretti di Latina tra i centri di eccellenza laziali
17/11 1573982400 Ladro d'appartamento colto sul fatto: arrestato a Marino un moldavo 42enne
17/11 1573982340 Ariccia, ianugurata la mostra ispirata all'ambiente The Heart all'Art Saloon
17/11 1573982220 Inaugurata la mostra artistica Nude Radici a Castel Gandolfo
17/11 1573981380 Maltempo ai Castelli: albero crolla su un'auto, 23enne incastrato tra le lamiere
17/11 1573981320 Albano: nessuna criticità agli edifici scolastici dopo l'ondata di maltempo
17/11 1573981080 Si cerca disperatamente Osvaldo Voto, allontanatosi da casa a Latina

a cura di ITALIA SOLIDALE

La dipendenza anche senza droghe

a cura di ITALIA SOLIDALE

Roma è una “Capitale della droga”: nei suoi 15 Municipi ci sono 30 piazze di spaccio per soddisfare...


a cura di ITALIA SOLIDALE

Oggi è possibile amare veramente?

a cura di ITALIA SOLIDALE

Si è appena concluso il Sinodo sull’Amazzonia: un evento fondamentale non solo per la Chiesa. In questo sterminato...

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli