[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Acqua del Tevere per il bacino Ato 2

Acqua del Tevere da bere: l'Acea inaugura l'impianto in gran segreto FOTO

Acea ha presentato il suo “potabilizzatore” che darà acqua da bere a Roma e a quasi l'intera provincia. L'impianto, ideato e fatto passare in gran segreto, riguarda circa 4 milioni di persone in 112 tra città e paesi. Praticamente sei abitanti del Lazio su 10, ai quali verrà data da bere l'acqua di uno dei fiumi più inquinati d'Italia. Ma solo un ristretto manipolo di tecnici, burocrati e lobbisti ha potuto vederlo e avere qualche informazione. Altrove, dove esistono impianti simili, fanno diversamente. Ad esempio la SMAT, il corrispondente di Acea a Torino, ci porta in visita i bambini delle scuole. Oppure a Ravenna, il potabilizzatore NIP2 delle acque del Canale Emiliano Romagnolo, è stato inaugurato alla luce del sole il 25 settembre 2015 davanti alla stampa. Si trovano notizie, dati tecnici e foto dell'impianto. Sul “potabilizzatore” voluto dalla sindaca Raggi e dalla Regione Lazio, in nome dell'emergenza idrica, invece è buio: tutto quel che si sa è frutto della nostra inchiesta. 

PRESENTAZIONE E GITA AL SITO PER POCHI INTIMI
Di solito ci vogliono un paio d'anni per approvare i progetti. Il “potabilizzatore” del Tevere se lo sono ideato, progettato e autorizzato in soli 127 giorni e inaugurato da soli. È costato almeno 12,7 milioni di euro. La silenziosa presentazione si è tenuta il 12 dicembre, nel quartier generale Acea in piazzale Ostiense, a Roma. Il giorno dopo gita per pochi intimi all'impianto, in località Grottarossa. Il gestore ha portato i fortunati invitati in via Vitorchiano, su un'ansa del Tevere a Roma nord. All'evento non c'era la Regione Lazio, che pure ha curato buona parte dell'iter con l'ingegner Mauro Lasagna. C'erano invece alcuni esponenti delle Autorità di vari àmbiti idrici di Lazio e Toscana, l’Asl Roma 2, l’Agenzia regionale protezione ambientale del Lazio, la Asl di Milano. Finora nessuna autorità di salute pubblica ha fornito dati precisi, chiari ed esaustivi su come monitoreranno la qualità delle acque del Tevere da far bere alla popolazione. Per gennaio 2019 è attesa l'entrata in funzione.

SOLITA EMERGENZA 
L'impianto è spuntato di botto con la scusa dell'emergenza idrica. Invece di abbattere le dispersioni che ancora si attestano intorno al 45%, hanno regalato a Roma e provincia questo progetto che gode di copertura a tutti i livelli. Figura tra quelli che Acea ha invocato come urgenti e da approvare e finanziare in deroga a una sfilza di norme e leggi, compresi il codice dei contratti pubblici e il codice dell'ambiente: cioè senza gara d'appalto pubblica e senza scocciature procedimentali. È il solito copione dell'emergenza portata allo stremo, film già visto sui rifiuti, così da decidere poi a tavolino nelle segrete stanze. L'impianto imposto alla chetichella, tratterà 500 litri di acqua al secondo con 32 filtri a carboni attivi. L'emergenza idrica, sancita con delibera del Consiglio dei Ministri il 7 agosto 2017, doveva durare 180 giorni. È stata poi prorogata il 22 febbraio scorso per altri sei mesi. Tutto è quindi blindato da deroghe con l’imprimatur governativo. 

PERCHÉ SI TACE?
Da quando abbiamo scoperto il progetto e lanciato la notizia a luglio scorso, si sono tutti cuciti la bocca.  Presso il cantiere non abbiamo trovato l’obbligatorio cartello sui lavori. Nel frattempo è stato arrestato il presidente di Acea, il plenipotenziario pentastellato avvocato Luca  Lanzalone mandato dai vertici 5Stelle ad assistere la sindaca Raggi sul pasticcio del nuovo stadio della Roma. Premiato con la poltrona di presidente di Acea e di Vicepresidente di Utilitalia (la lobby dei gestori idrici, energetici e dei rifiuti), nulla ha detto in tale veste alla Commissione Ambiente della Camera dei deputati. Il 1° agosto scorso lo hanno sentito nel corso della “indagine conoscitiva sull'emergenza idrica e sulle misure necessarie per affrontarla”. Eppure, già era in programma il “potabilizzatore” del Tevere. Lo dice anche un documento dello stesso 1° agosto 2017. Firmato dall’allora capo della Segreteria tecnico operativa dell’Ambito idrico romano, il documento descrive il “potabilizzatore” come “pilastro fondamentali dell’azione necessaria per fronteggiare l’emergenza in atto e altresì per scongiurare future nuove emergenze”. Qualche domanda viene da porsela sui potabilizzatori. 
Come rileva un dossier dell'Ispra, il massimo organismo governativo di studio e tutela ambientale, l'ARPA Sicilia nel 2011 monitorò 12 dei 15 potabilizzatori di acque superficiali che servono Palermo e tutti risultarono con contaminanti sopra i valori guida. Ma è nella Capitale che regna lo stile palermitano: nessuno sente, nessuno vede, nessuno parla. 


Rischi igienico-sanitari
“Sono vietati gli scarichi di acque reflue industriali in acque superficiali utilizzate o destinate ad essere utilizzate per la produzione di acqua potabile […] gli scarichi in essere dovranno essere condottati a valle dell’opera di presa (cosa impossibile nel caso del Tevere, vista la sua lunghezza, ndr)”. Lo dice la Legge regionale n. 42 del 2007. Concetto ribadito anche nel più recente Piano di Tutela delle Acque, approvato con delibera di Giunta regionale n. 819 del 28/12/2016. Inoltre, il decreto legislativo 152 del 1999 impone alle Regioni di classificare i corsi d'acqua in base al loro livello di inquinamento, come requisito per dare quelle acque da bere alla popolazione. Ma le acque del Tevere ancora non sono state classificate dalla Regione Lazio. Perché?


E le analisi? Mutismo sui controlli
Chi controllerà le acque del Tevere “potabilizzate”? Con quale tipo di controlli e con quale frequenza? Saranno pubblicati i risultati? Da mesi poniamo queste domande. Nessuno risponde. «La struttura industriale - dice l’Asl Rm2 - verrà sottoposta a quattro campionature (analisi, ndr) annuali, una per stagione, per garantire che i livelli di inquinanti presenti nell'acqua immessa in conduttura rispettino i limiti massimi ammessi dalla legge». Fabbriche, fogne a moltissimi abusivi scaricano quotidianamente. Chi controlla? Chi garantisce e come garantisce che idrocarburi, microplastiche e metalli pesanti verranno eliminati dall’acqua del fiume che finirà nei rubinetti?


Francesco Buda e Daniele Castri

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:31 1547659860 Critiche all’Amministrazione, procedimento contro una dipendente di Anzio
18:26 1547659560 “Manutenzione inesistente al Cimitero di Nettuno”, la denuncia dei cittadini
17:54 1547657640 Il tar respinge il ricorso dell'ex consigliere-direttore dei lavori
17:39 1547656740 Scontro tra due auto, una prende fuoco. paura per tre persone
16:19 1547651940 Velletri ricorda il tragico bombardamento del 22 gennaio 1944
15:51 1547650260 Anzio Calcio, Weekend da incorniciare per le giovanili
15:46 1547649960 Donna precipita dal proprio appartamento al settimo piano: morta sul colpo
15:42 1547649720 Unipomezia, “punteremo al massimo”
14:22 1547644920 Voragine sulla Pontina, ritrovato il cellulare dell'uomo disperso
14:17 1547644620 Affitti a canone concordato, incontro tra le parti in Comune a Genzano
13:29 1547641740 Ariccia, giornate con le scuole del territorio organizzate dai Servizi Sociali
13:05 1547640300 Nonnismo su un'allieva 20enne pilota della scuola di volo di Latina: la denuncia
12:24 1547637840 A processo dirigenti Astral e Provincia per la morte di un 18enne sulla Pontina
12:09 1547636940 Circuito Europeo Under17 di fioretto, Valentina Vezzali venerdì ad Anzio
12:07 1547636820 Scarica camion di calcinacci a via Grugnole, identificato dalla Polizia locale
11:39 1547635140 Controlli antidroga nella notte alle autolinee di Latina, tre arresti
10:56 1547632560 Al via i lavori sul manto stradale di via Stati Uniti d'America a Genzano
09:05 1547625900 In Regione il progetto per ampliare il centro commerciale Aprilia2
08:08 1547622480 Emergenza al cimitero di Pomezia: loculi esauriti e ampliamento bloccato
08:02 1547622120 Nuovo Politeama, taglio del nastro il 19 gennaio con la Splatters Company
07:57 1547621820 Desirée, la mamma ritira la denuncia per stalking contro il padre della ragazza
07:51 1547621460 Studenti al freddo: il Sindaco chiude la scuola per otto giorni
07:48 1547621280 Variante in Q3: la Lega vuole la revoca della delibera. Lbc vota no
07:42 1547620920 Ai domiciliari per tentato omicidio, ma non rispetta la misura: ora è in carcere
07:40 1547620800 Incendio Eco X, altro rinvio per l'udienza preliminare: in aula il 5 marzo

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli