[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Albano, Velletri, Genzano e Frascati

Chiudono 3 ospedali per 2 'sbagli' della Asl: stop a 2 bandi da 7,6 milioni di €

<
>
L'OSPEDALE DI ALBANO, visto da via del Mare. Dal 3 novembre stop ai nuovi ricoveri e al Pronto Soccorso. Foto drone Il Caffè
L'OSPEDALE DI ALBANO, visto da via del Mare. Dal 3 novembre stop ai nuovi ricoveri e al Pronto Soccorso. Foto drone Il Caffè
L'OSPEDALE DI ALBANO - Dal 3 novembre stop ai nuovi recoveri e al Pronto Soccorso, foto drone Il Caffè
L'OSPEDALE DI ALBANO - Dal 3 novembre stop ai nuovi recoveri e al Pronto Soccorso, foto drone Il Caffè

La chiusura dell'ospedale di Albano (in corso dallo scorso 3 novembre) e quella prossima dell'ospedale di Genzano (a partire dal  14 novembre) - rivelata in esclusiva da Il Caffè martedì 30 ottobre - sta generando non pochi problemi ai cittadini, ma soprattutto alle strutture sanitarie castellane di Frascati e Velletri, a cui la Asl Roma 6 ha 'scaricato' il compito di ricevere tutti i pazienti in arrivo dall'area dei Castelli, ma anche di tutti quelli provenienti da: Aprilia, Pomezia, Ardea e Cisterna, per un totale di circa 600mila persone. Il quesito sorge spontaneo: ma perchè i dirigenti sanitari hanno deciso di chiudere gli ospedali di Albano, Genzano ed Ariccia prima di avviare il nuovo Policlinico dei Castelli, la cui apertura è in programma per il prossimo 18 dicembre? 

PERCHE' IL TRASLOCO? 

Nel 2007 Regione Lazio, Asl Roma 6 e Comune di Ariccia avevano previsto una strategia di avvio del Policlinico completamente diversa. Arredi, sale operatorie e strumentazioni tecnologiche della nova struttura sanitaria avrebbero dovuto essere completamente nuove.  Da comprare con due appositi bandi. Le due gare erano addirittura già state pubblicate.  La prima, n.582 del 9 luglio 2018, per arredi e attrezzature sanitarie, comprendeva anche la manutenzione ‘full risk’ per 24 mesi, da 2 milioni e 293 mila euro. La seconda, n.621 del 25 luglio 2018, per sale operatorie, arredi e attrezzature per: Area Critica, Pronto Soccorso, Terapia Intensiva, Area neonatale e Recovery Room, da 5 milioni e 369mila euro. Spesa totale? 7 milioni e 662mila euro più spiccioli. Il 9 agosto scorso, la Asl ha “annullato in autotutela” entrambi i bandi. Perchè? Nessuno lo sa. Di sicuro, anzichè indire due nuove gare di acquisto, la Asl ha deciso di procedere con il trasloco alla spicciolata dei vecchi arredi e attrezzature dai tre ‘vecchi’ ospedali al nuovo Policlinico. Per di più, senza avvertire tempestivamente cittadini, medici di base, Polizia, Carabinieri e Protezione Civile che i tre ‘vecchi’ nosocomi sarebbero stati chiusi per quasi due mesi e i pazienti dirottati altrove.

VOGLIA DI  RISPARMIARE?
Voglia di risparmiare? Non si direbbe. Smontare, traslocare e rimontare gli arredi e le attrezzature dai 3 'vecchi' ospedali al nuovo policlinico costerà uno sproposito. Inoltre, per quasi due mesi i pazienti saranno costretti a recarsi anche in strutture private convenzionate, con ulteriore aggravio economico. La Asl Roma 6 avrebbero potuto completare l'acquisto di tutto il nuovo materiale, ma soprattutto rivendere quello vecchio con apposito bando, recuperando molto denaro. Per di più senza interrompere il servizio sanitario. 

L'INTERREGNO SANITARIO
Il trasloco, del tutto inatteso, sta provocando tensione e paura tra i 4000 medici, chirurghi e infermieri della Asl Roma 6. Molti sanitari puntano il dito sulle modalità con cui la dirigenza sta gestendo il trasferimento. «Il trasloco di interi Dipartimenti e Reparti è logisticamente molto complesso, ma soprattutto – raccontano a Il Caffè numerosi sanitari – del tutto inatteso. Visto che l'accordo di programma tra gli Enti del 2007 non prevedeva nulla di tutto ciò. Evidentemente, i dirigenti non hanno saputo calcolare bene i tempi di pubblicazione dei due bandi 'incriminati' ed ora revocati». 

«DISORGANIZZAZIONE»
Ma al danno ora si aggiungono tre problemi, così sostengono medici e infermieri della Asl Roma 6. «Primo: il personale – sbottano i sanitari - non è stato adeguatamente informato e coordinato, manca una adeguata programmazione. Secondo: gli utenti dei tre 'vecchi' ospedali, ovvero i cittadini dei Castelli ma anche quelli di Ardea, Pomezia, Aprilia e Cisterna, non sono stati informati con una apposita ed estesa campagna stampa. La Asl Roma 6 ma anche i Comuni di Albano, Genzano ed Ariccia sono rimasti muti come pesci. Terzo, nei prossimi due mesi gli ospedali di Velletri, Frascati ed Anzio-Nettuno, già oberati di lavoro, verranno investiti anche da tutte le emergenze che i tre vecchi ospedali non saranno più in grado di gestire per via del trasloco in corso. Tale situazione – concludono – sta portando disagio ai cittadini-pazienti e molta confusione tra i medici».


LE DATE DELLO STOP

ALBANO
Dal 3 novembre, l'Ospedale di Albano non accetta più nuovi ricoveri, entro il 9 novembre dimetterà tutti i pazienti già in degenza. Sempre dal 3 novembre, il Pronto Soccorso di Albano è stato chiuso e trasformato in un semplice Punto di Pronto Intervento, ovvero in un centro medico con competenze sanitarie minori. Dal 3 novembre è stata interrotta anche l'attività del blocco operatorio e chiusi i reparti di Chirurgia, Cardiologia, Endoscopia Digestiva, Senologia, Ortopedia. La chiusura dei poliambulatori presenti in struttura è in programma dal 9 novembre. Il Centro dialisi chiuderà il 25 novembre, mentre la radiologia e il laboratorio analisi saranno operativi fino al 13 dicembre.

GENZANO
L'Ospedale di Genzano non accetterà più ricoveri a partire invece dal 14 novembre, l'ultimo paziente già ricoverato verrà dimesso il 20 novembre. Il blocco operatorio verrà chiuso a partire sempre dal 14 novembre. La chiusura dei poliambulatori presenti in struttura, principalmente legati ai reparti di Ginecologia, Ostetricia, Pediatria e Materno-Infantile, verranno chiusi dal 29 novembre. Il centro vaccinale è stato già traferito allo Spolverini di Ariccia dal 23 ottobre scorso. Il Poliambulatorio verrà chiuso dal 19 novembre.


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
15/11 1542309960 Minori denutriti ad Anzio sottratti alla madre, il caso su Canale5 e Sky
15/11 1542299460 Il Tribunale ordina a Regione e Astral di sistemarlo a loro spese
15/11 1542298440 Sabaudia ottiene i fondi per la videosorveglianza: assegnati 150mila euro
15/11 1542298080 Il Comitato territoriale dei gemellaggi sarà attivo anche nel 2019
15/11 1542297180 Condannato a 6 anni per rapina fermato a Nettuno da poliziotti in borghese
15/11 1542297000 Terracina, continui raid per terrorizzare moglie e figlia piccola: arrestato
15/11 1542296460 Virtus Nettuno, Marco D’Ambra è il nuovo Direttore Generale
15/11 1542295800 Acqua a Monachelle, approvato in Consiglio ordine del giorno per convocare Acea
15/11 1542295020 Sabaudia, il sindaco Giada Gervasi saluta il comandante dei Carabinieri
15/11 1542288780 Città dello Sport per disabili del Lazio pronta da un anno... ma ferma
15/11 1542288360 Al via i lavori del percorso pedonale nei giardini del Forte Sangallo a Nettuno
15/11 1542288120 Colpo alla Bcc di Falasche, forse in azione la stessa banda di Lido dei Pini
15/11 1542287220 Felpe Octopus, il ritorno del polipo su Sweetstore.it
15/11 1542286920 Colosseo, nuove "vendette" ai residenti regolari. Ammaccata un'altra auto
15/11 1542281100 Sgominata dalla Mobile di Latina banda di spacciatori e di ladri di Slot Machine
15/11 1542280560 In arrivo l'improvvisazione musicale del trio Meyer, Popolla e Ryan
15/11 1542280320 Malgrado il porta a porta, incivili ancora gettano i rifiuti su via Appia Nuova
15/11 1542279900 'Il segreto di Cacasenno', l'arte della tastiera in scena il 19 novembre
15/11 1542279840 Nuovi appuntamenti al centro di cultura Domus Danae con Nuova Consonanza
15/11 1542278880 Corri, dall'inferno a Central Park: la presentazione del libro di Di Sante
15/11 1542278760 Dolcissimo amore dagli occhi grandi, il libro di Zerunian a Roccagorga
15/11 1542278220 Avis apre un conto corrente di solidarietà per gli sfollati di piazza Buttaroni
15/11 1542276840 Lavori inutili e costosi (2,3 milioni di euro) sull’ospedale che chiude
15/11 1542276780 Articoli natalizi nel mirino dei ladri: un arresto e una denuncia
15/11 1542275700 Furto da 10mila € nella cassaforte del poliambulatorio, indagano i Carabinieri

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli