[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ardea, ora effetto domino?

Salzare, abusivo a processo: "invasione suolo pubblico". Ma ce ne sono migliaia

Terreni pubblici pieni di case e attività commerciali. Che faranno ora le istituzioni "distratte"?
Terreni pubblici pieni di case e attività commerciali. Che faranno ora le istituzioni "distratte"?

Ad Ardea migliaia di persone rischiano multe pesantissime e la galera per invasione di suolo pubblico? Sono coloro che hanno edificato nella complicata zona Le Salzare. Ma non per il "peccatuccio" dell'abuso edilizio. Bensì per "invasione dei terreni comunali". La Procura della Repubblica di Velletri ha infatti citato a giudizio un residente di quel comprensorio per tale reato. È la prima volta.

Questo reato è punito con la multa da 103 a 1.032 euro e con la reclusione fino a due anni. Ma in questo caso, trattandosi di area con valore paesaggistico tutelato, la detenzione massima prevista sale a quattro anni. Lo prevede il Codice dei beni culturali e del paesaggio. In particolare all'articolo 181, espressamente citato nella chiamata a processo contro il presunto abusivo delle Salzare. Firmato dal sostituto procuratore della Repubblica di Velletri, Giuseppina Corinaldesi, il provvedimento contesta l'invasione di terreni pubblici. Con l'aggravante dell'articolo 639bis del codice penale: si procede d'ufficio. In pratica, non c'è bisogno di una denuncia. Visto che si tratta di terreni comunali e dunque pubblici, una volta che la Polizia locale ha rilevato la situazione, la macchina giudiziaria si attiva in automatico. Non solo: il reato è permanente, spiega la Cassazione, finché non si abbandona il suolo invaso.

I REATI CONTESTATI
L'uomo denunciato e ora imputato innanzi al Tribunale penale verrà processato per quattro reati. Si tratta di reati previsti e puniti dal Codice penale, dal Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia e dal Codice dei beni culturali e del paesaggio. L'imputato delle Salzare è finito alla sbarra “per aver eseguito, in qualità di occupante del terreno sito in Ardea”, diverse opere edilizie in area vincolata e in zona sismica in maniera assai disinvolta. Non solo. La Giustizia gli contesta di aver realizzato le strutture “in assenza di permesso a costruire”. Inoltre, avrebbe edificato i due locali nel mirino, con annessi ripostiglio e legnaia più locale autoclave, senza presentare il progetto al Comune e senza preventiva autorizzazione del competente ufficio tecnico regionale. Ma il punto più scottante non sono gli abusi edilizi, ma quello della invasione del terreno pubblico. Ossia il quarto capo d'imputazione contro il 58enne difeso dall'avvocato Francesco Falco: “Aver invaso arbitrariamente un terreno sito in Ardea 'Località Le Salzare' […] di proprietà comunale al fine di occuparlo, anche mediante le edificazioni di immobili abusivi”.

IL PUNTO DI NON RITORNO
È il reato previsto e punito dagli articoli 633 e 639bis del Codice penale. Orbene, in mezzo a tanta illiceità, è lecito domandarsi: questa denuncia e il conseguente processo penale hanno una potenziale portata deflagrante? Se i Vigili urbani di Ardea hanno pizzicato questo abusivo invasore del suolo municipale, andranno a scovare anche gli altri, innescando processi d’ufficio? Non è un auspicio, per carità. Ma la possibile - logica conseguenza di questa vicenda.
Il comprensorio delle Salzare, infatti, presenta molte costruzioni venute su chissà come. Peccato che siano terreni del Comune, come ribadisce la Procura chiamando a giudizio l'imputato che qui citiamo. Dopo decenni di “distrazione”, ora che si fa? Si denunciano in automatico, processano e cacciano tutti quelli che lì hanno costruito e magari ci vivono o hanno un'attività economica? Sarebbe interessante sapere chi, come e con quali soldi provvederebbe alle demolizioni. L'udienza del caso pilota qui citato è fissata per il 15 aprile 2019. Per secoli la gente del posto ha avuto il diritto di portare alle Salzare e dintorni pecore e mucche al pascolo, di fare legna (legnatico), di seminare, raccogliere le ghiande (ghindatico). I famosi usi civici. Ora si profila un nuovo uso civico, quello del “mattonatico”, del “cementatico elettoralizio” o roba simile: le istituzioni hanno consentito al popolo di costruire su suolo pubblico. Ironia della sorte, il 1° ottobre scorso è partito il censimento permanente della popolazione e delle abitazioni…

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/01 1547659860 Critiche all’Amministrazione, procedimento contro una dipendente di Anzio
16/01 1547659560 “Manutenzione inesistente al Cimitero di Nettuno”, la denuncia dei cittadini
16/01 1547657640 Il tar respinge il ricorso dell'ex consigliere-direttore dei lavori
16/01 1547656740 Scontro tra due auto, una prende fuoco. paura per tre persone
16/01 1547651940 Velletri ricorda il tragico bombardamento del 22 gennaio 1944
16/01 1547650260 Anzio Calcio, Weekend da incorniciare per le giovanili
16/01 1547649960 Donna precipita dal proprio appartamento al settimo piano: morta sul colpo
16/01 1547649720 Unipomezia, “punteremo al massimo”
16/01 1547644920 Voragine sulla Pontina, ritrovato il cellulare dell'uomo disperso
16/01 1547644620 Affitti a canone concordato, incontro tra le parti in Comune a Genzano
16/01 1547641740 Ariccia, giornate con le scuole del territorio organizzate dai Servizi Sociali
16/01 1547640300 Nonnismo su un'allieva 20enne pilota della scuola di volo di Latina: la denuncia
16/01 1547637840 A processo dirigenti Astral e Provincia per la morte di un 18enne sulla Pontina
16/01 1547636940 Circuito Europeo Under17 di fioretto, Valentina Vezzali venerdì ad Anzio
16/01 1547636820 Scarica camion di calcinacci a via Grugnole, identificato dalla Polizia locale
16/01 1547635140 Controlli antidroga nella notte alle autolinee di Latina, tre arresti
16/01 1547632560 Al via i lavori sul manto stradale di via Stati Uniti d'America a Genzano
16/01 1547625900 In Regione il progetto per ampliare il centro commerciale Aprilia2
16/01 1547622480 Emergenza al cimitero di Pomezia: loculi esauriti e ampliamento bloccato
16/01 1547622120 Nuovo Politeama, taglio del nastro il 19 gennaio con la Splatters Company
16/01 1547621820 Desirée, la mamma ritira la denuncia per stalking contro il padre della ragazza
16/01 1547621460 Studenti al freddo: il Sindaco chiude la scuola per otto giorni
16/01 1547621280 Variante in Q3: la Lega vuole la revoca della delibera. Lbc vota no
16/01 1547620920 Ai domiciliari per tentato omicidio, ma non rispetta la misura: ora è in carcere
16/01 1547620800 Incendio Eco X, altro rinvio per l'udienza preliminare: in aula il 5 marzo

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli