[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

È un disastro

112, numero unico emergenze presto in tutto il Lazio: di male in peggio

<
>
Pina Onotri
Pina Onotri
Angelo Eesta - Segretario nazionale Sindacato aut. medici italiani
Angelo Eesta - Segretario nazionale Sindacato aut. medici italiani
Giovanni Terella
Giovanni Terella

Entro fine anno la Regione Lazio selezionerà altre 115 persone per la sala operativa del 112, il controverso numero unico emergenze, che per ora copre Roma e altri 71 Comuni con il prefisso telefonico 06. È il preludio all'estensione sull'intero territorio laziale. “Il servizio, attraverso i due livelli di risposta, rende il soccorso più rapido ed efficiente”, dice il sito internet della Regione. Ma la realtà, spinge a domandarsi se sia una buona idea. Professionisti del soccorso e cittadini lo bocciano. Diversi lettori ci hanno scritto amareggiati, chiedendoci di tornare sull'argomento dopo il nostro approfondimento a giugno scorso. “Il giorno in cui mia figlia è stata  improvvisamente colta da malore, sono stato sottoposto ad un interrogatorio di primo grado per oltre 15 minuti prima di sentirmi dire ‘manderemo il pronto soccorso’. Nel frattempo avrei impiegato solo 5 minuti a portarla in ospedale con la macchina personale se non vi fosse stata la paura che un comportamento simile, come spesso capita, potrebbe essere stato fatale per la vita di un paziente”. Così ci scrive Vincenzo C., nostro lettore di Roma, a proposito del 112.  

TRA COMPUTER E PROTOCOLLI
Senza disconoscere la funzione di filtro che può avere, il problema è che si sono allungati i tempi di risposta e d'intervento. La nuova procedura, avviata nel Lazio a novembre 2015, prevede un doppio passaggio: chi chiama viene in prima battuta intervistato dalla sala operativa unica, una sorta di call center, dove si compila una scheda in base all’elenco con 32 tipologie di intervento preparato dal Ministero dell’interno per poi reindirizzare la chiamata ai soccorritori veri e propri: pompieri, forze dell'ordine, ambulanze.  Se va bene, subito o quasi risponde qualcuno. Altrimenti scatta la voce registrata che in italiano, inglese e spagnolo dice “rimanga in attesa”. Un protocollo duramente criticato da vari sindacati nei diversi settori del soccorso e dell'emergenza. Dai medici ai pompieri, dalla polizia di Stato, con il Sap, Siap e Siulp, agli infermieri del Nursind. 

I MEDICI: «MINUTI VITALI» 
«Anche un paio di minuti possono essere vitali e il doppio passaggio allunga i tempi di intervento», spiega Pina Onotri, segretaria generale dello Smi, il Sindacato Medici Italiani. «Il problema è nazionale. Dov'è partito il numero unico, pur con buone intenzioni, ha creato ritardi, soprattutto quando si tratta di emergenze vere e proprie. L'operatore del 112 deve capire se serve il medico, l'ambulanza, i Vigili del fuoco, polizia o carabinieri e per fare questo ci vuole tempo - conferma al Caffè il dottor Angelo Testa, segretario nazionale dello Snami, il Sindacato autonomo medici italiani -. Da tempo abbiamo lanciato un appello affinché si riveda il servizio. Nessuno sembra ascoltarci, speriamo che nelle Regioni chi di dovere ci stia pensando… ». 

L’IRA DEI POMPIERI: «UN FLOP»
«A volte a noi nemmeno ci avvisano o ci coinvolgono solo dopo vari minuti… a me è successo persino su incidenti stradali con persone incastrate tra le lamiere», denuncia Rossano Riglioni, segretario regionale del sindacato autonomo dei Vigili del fuoco Conapo. «È un flop vero e proprio e si lamentano gli stessi operatori della sala operativa 112 – affonda il collega Giovanni Terella, segretario regionale dell'USB vigili del fuoco precari -, perché quando ricevono la chiamata non sanno gestirla. Sono formati sulla carta, li mettono davanti al computer e via, senza alcuna esperienza da soccorritore». Servirebbe, invece, un certo fiuto. «Questo è il fatto più assurdo : stanno facendo la sala operativa unica a “laici” - insiste il segretario del Conapo - ossia a personale che non ha mai fatto attività di soccorso, mentre noi e gli altri professionisti riusciamo a percepire che tipo di intervento è necessario e possiamo dare subito indicazioni pratiche a chi chiama senza perdere tempo per far partire la squadra». 

SOCCORSI INVIATI INUTILMENTE
«Spesso chi risponde al 112 non capisce subito se passare la chiamata a polizia o carabinieri o a noi. Altre volte inviano un soccorso, ad esempio l'ambulanza, che non serve! - tuona il pompiere dell’USB -. Al nostro centralino 115, invece, lavorano tutte persone che fanno attività su strada, in grado di dare subito indicazioni mentre intanto i nostri sono già partiti per fare l'intervento». «Continuano ad esserci ritardi sugli incidenti stradali, sui soccorsi a persona e sui tentativi di suicidio – aggiunge Riglioni del Conapo -. Noi Vigili del fuoco dovremmo essere i primi ad arrivare in certe situazioni e invece siamo gli ultimi grazie a questo 112 lumaca. È scandaloso! Perciò continuiamo a chiedere la sala operativa unica interforze gestita da noi con gli altri professionisti del soccorso».

Dello stesso avviso anche i medici e gli operatori delle ambulanze «Certo, la sala operativa unica con infermieri, medici, carabinieri, poliziotti e vigili del fuoco potrebbe essere la soluzione», afferma il segretario del Sindacato autonomo medici italiani, Angelo Testa. Non la pensa evidentemente così la Regione Lazio, che sta per assumere altre 115 telefonisti del 112 tartaruga. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/01 1547659860 Critiche all’Amministrazione, procedimento contro una dipendente di Anzio
16/01 1547659560 “Manutenzione inesistente al Cimitero di Nettuno”, la denuncia dei cittadini
16/01 1547657640 Il tar respinge il ricorso dell'ex consigliere-direttore dei lavori
16/01 1547656740 Scontro tra due auto, una prende fuoco. paura per tre persone
16/01 1547651940 Velletri ricorda il tragico bombardamento del 22 gennaio 1944
16/01 1547650260 Anzio Calcio, Weekend da incorniciare per le giovanili
16/01 1547649960 Donna precipita dal proprio appartamento al settimo piano: morta sul colpo
16/01 1547649720 Unipomezia, “punteremo al massimo”
16/01 1547644920 Voragine sulla Pontina, ritrovato il cellulare dell'uomo disperso
16/01 1547644620 Affitti a canone concordato, incontro tra le parti in Comune a Genzano
16/01 1547641740 Ariccia, giornate con le scuole del territorio organizzate dai Servizi Sociali
16/01 1547640300 Nonnismo su un'allieva 20enne pilota della scuola di volo di Latina: la denuncia
16/01 1547637840 A processo dirigenti Astral e Provincia per la morte di un 18enne sulla Pontina
16/01 1547636940 Circuito Europeo Under17 di fioretto, Valentina Vezzali venerdì ad Anzio
16/01 1547636820 Scarica camion di calcinacci a via Grugnole, identificato dalla Polizia locale
16/01 1547635140 Controlli antidroga nella notte alle autolinee di Latina, tre arresti
16/01 1547632560 Al via i lavori sul manto stradale di via Stati Uniti d'America a Genzano
16/01 1547625900 In Regione il progetto per ampliare il centro commerciale Aprilia2
16/01 1547622480 Emergenza al cimitero di Pomezia: loculi esauriti e ampliamento bloccato
16/01 1547622120 Nuovo Politeama, taglio del nastro il 19 gennaio con la Splatters Company
16/01 1547621820 Desirée, la mamma ritira la denuncia per stalking contro il padre della ragazza
16/01 1547621460 Studenti al freddo: il Sindaco chiude la scuola per otto giorni
16/01 1547621280 Variante in Q3: la Lega vuole la revoca della delibera. Lbc vota no
16/01 1547620920 Ai domiciliari per tentato omicidio, ma non rispetta la misura: ora è in carcere
16/01 1547620800 Incendio Eco X, altro rinvio per l'udienza preliminare: in aula il 5 marzo

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli