[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Monitoraggio su tempi di esami e visite

Sanità, Regione furbetta sulle liste d’attesa: non dice quanti giorni occorrono

I capi della sanità laziale hanno tirato un bel respiro di sollievo: è stata elogiata la trasparenza della nostra Regione sui tempi di attesa per visite ed esami. Il Lazio è tra le sole quattro Regioni ad avere un “un sistema avanzato di rendicontazione secondo classi di priorità”, insieme a Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Valle d’Aosta cui si aggiunge la  Provincia autonoma di Bolzano. A rilevarlo è stata la Fondazione GIMBE,  Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze, lanciando i risultati preliminari di un apposito studio. In pratica, su internet comunicano ogni settimana  e per ogni prestazione vengono rispettati i tempi previsti dalla normativa regionale, aggiornata ad aprile dell'anno scorso con decreto del Presidente Zingaretti. I dati riportati si riferiscono alle prime visite e agli esami strumentali. Vi è una classifica, in base a tre classi di priorità e i relativi tempi standard che le Asl non dovrebbero oltrepassare nel fornire le prestazioni. Urgente: da eseguire entro 3 giorni. Breve: da eseguire entro 10 giorni. Differibile: da eseguire entro 30 giorni per le visite e 60 giorni per la diagnostica. Il sito regionale pubblica i dati a cadenza settimanale, a partire dalla settimana iniziata il 28 maggio scorso.

IL SEMAFORO DELLE ATTESE
Il portale evidenzia per ogni prestazione il livello di rispetto dei tempi standard con una percentuale calcolata ogni settimana. I risultati sono quindi evidenziati in tre scaglioni con tre distinti colori. Il verde indica il rispetto dei tempi per almeno il 90% del totale delle prenotazioni; il colore giallo indica che le prenotazioni entro lo standard sono comprese tra 50-89%; mentre sono segnate in rosso le prenotazioni che sono entro lo standard nemmeno nel 50% dei casi sul totale delle prenotazioni per il periodo selezionato. Ebbene, nel corso dell'ultima settimana rilevata (2 - 8 luglio) solo 3 prestazioni al livello regionale sono in verde, cioè vengono erogate entro i tempi massimi: le visite ginecologiche, otorinolaringoliatriche, fisiatriche e oncologiche e la Tac senza e con contrasto del rachide e speco vertebrale. Complessivamente, quasi 8 volte su 10 - dato medio - i pazienti hanno ottenuto le prestazioni nei tempi previsti come dato medio. Quasi 85% le visite, 71,9% gli esami diagnostici.   

MISTERO SUI GIORNI
Il 14 giugno la neo Ministra della Salute, Giulia Grillo, con una circolare ha chiesto a tutte le Regioni  di raccogliere capillari informazioni su come vengono gestite le liste d'attesa nella erogazione di visite ed esami. Del resto è dall'ottobre 2010 che Stato e Regioni hanno approvato il PNGLA, Piano nazionale di governo delle liste d'attesa che individua 58 prestazioni tra visite specialistiche, esami diagnostici e interventi chirurgici per i quali le Asl e aziende ospedaliere devono garantire tempi standard. Non è un favore ai sudditi pazienti, ma un obbligo di legge. Va bene la trasparenza espressa con le percentuali. Ma perché nel nuovo sistema di monitoraggio della Regione Lazio non indicano i giorni di attesa effettivi? Chi è arrivato alla fine di questo articolo, probabilmente se lo sarà domandato: quanto posso sperare di dover attendere per una risonanza, per la Tac, per una visita specialistica? In quanti giorni si traducono quelle percentuali medie color rosso fuoco, ad esempio, su risonanze magnetiche o ecocolordoppler cardiaca? Speriamo che almeno alla Ministra lo dicano. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:09 1544695740 Alla ricerca di sponsor per un automezzo per disabili, ma è una truffa
10:35 1544693700 Serie C1. Colpaccio Città di Anzio, dalla Fortitudo Pomezia arriva Jacopo Raubo
10:26 1544693160 52nd Jazz Festival Latina con il concerto di Andrea Pozza Trio feat Jesse Davis
10:18 1544692680 Raccolta giocattoli a Frascati a favore del reparto di Oncologia pediatrica
10:15 1544692500 Enrica Tara, finalista di X Factor, in concerto al Parco Ghezzi di Terracina
09:42 1544690520 Regione Lazio: «Oggi o al massimo domani» riaprirà la Tangenziale dei Castelli
09:04 1544688240 Folle corsa in direzione della voragine sulla Pontina, salvati dai new jersey
08:53 1544687580 Un arsenale a disposizione per commettere furti, maxi sequestro dei carabinieri
08:38 1544686680 Degrado alla stazione di Santa Palomba, la Lega: il caso presto in Regione
08:37 1544686620 Adotta il disabile di cui si prende cura: ora è suo padre anche per la legge
08:27 1544686020 «Corden Pharma lavori a un riposizionamento competitivo nel polo farmaceutico»
08:25 1544685900 La Provincia: «Bocciata la proposta "troppo bella" dell'accorpamento, un danno»
08:11 1544685060 10 codici rossi insieme all'ospedale di Latina, Goretti chiede scusa ai pazienti
07:53 1544683980 Manutenzione dei canali di bonifica: riunione in Prefettura
07:49 1544683740 Al via il nuovo Policlinico dei Castelli, in funzione il Pronto soccorso
07:46 1544683560 Assegnati i premi Panathlon ai migliori atleti pontini dell'anno
07:45 1544683500 Lo spettacolo dei cigni al parco nazionale del Circeo
07:40 1544683200 Frascati, controlli coi cani antidroga e antisabotaggio. 5 arresti in due giorni
07:38 1544683080 Velletri, visita della delegazione turca al centro di accoglienza straordinario
07:34 1544682840 Ubriaco e drogato provocò l'incidente che uccise la moglie: chiesti 10 anni
12/12 1544649300 La squadra degli ex Assessori di Nettuno si presenta domenica all’Hotel Astura
12/12 1544636040 Scuole, ecco i nuovi indirizzi attivi dall'a.s. 2018/2019 in ogni città
12/12 1544628180 Vertice della Lega ad Anzio, in discussione solo il Bilancio comunale
12/12 1544627880 Il Comune di Anzio mette a disposizione i fondi per gli Istituti Comprensivi
12/12 1544625900 Enrica Tara, finalista a “ X Factor 9” in concerto al Parco Ghezzi di Terracina

Sport
< <

Eventi
< <

Inchieste
[+] Mostra altri articoli