[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Le ditte la pagano 1 millesimo al litro

Acque minerali pubbliche... incassi ai privati. Il caso del Lazio

Pagano quasi nulla ai titolari della “merce” e ci ricavano fiumi di denaro: 191 euro e 35 centesimi su ogni euro pagato per le concessioni ad estrarre e imbottigliare. Oltre il 19mila per cento. Per la prima volta nella storia dello Stato italiano, un suo organismo ha analizzato la situazione delle concessioni delle acque minerali di cui siamo tra i massimi produttori e i primi consumatori in Europa, e nel mondo secondi solo ai messicani. Il Ministero dell'Economia e delle Finanze conferma quello che sapevamo: alle casse pubbliche non va quasi nulla dell'enorme giro d'affari dell'oro blu. Qui pubblichiamo una sintesi delle principali voci. L'analisi - curata in particolare dal dottor Cristian Campagna del Dipartimento del Tesoro - si riferisce ai dati del 2015. “Un anno d'oro per il mercato delle acque minerali in Italia”, nel quale “è molto cresciuto il consumo pro-capite, che ha superato per la prima volta la soglia dei 200 litri/anno, con un incremento del 7,9 per cento sul 2014”, spiega l'associazione di categoria degli imbottigliatori nell'ultimo rapporto Beverfood. 

ELEMOSINA ALLO STATO FESSO
L'oro in questione, quasi 16 miliardi di acqua, ha generato un fatturato di 2,7 miliardi. Ma solo lo 0,68%, cioè 18,4 milioni di euro, è finito nelle casse delle Amministrazioni concedenti. Merito delle regole vigenti. In via generale, le linee guida approvate dalla Conferenza Stato – Regioni nel 2006 invitavano ad applicare canoni minimi (non obbligatori) per ogni metro cubo (mille litri): da 50 centesimi a 2,5 euro. 
E poi 30 euro per ogni ettaro o frazione di superficie demaniale concessa. Ma in ogni regione vigono norme e importi a sé: c'è chi applica tutti e tre i canoni, comunque irrisori, e chi no. E così 6 concessioni su 10 pagano solo l’elemosina sugli ettari in concessione e nulla sui milioni di metri cubi d'acqua presa. 

LAZIO: DA 0,7 A 2,3 MILLESIMI AL LITRO
Nel Lazio, la legge regionale 15 del 2007 fa pagare tutti e tre i canoni: 68,56 euro fino a 25milioni di litri di acqua per ogni ettaro concesso e 137,11 euro per quantità superiori. A ciò si aggiungono 2,28 euro ogni mille litri imbottigliati. Ma il canone si dimezza se la bottiglia è in vetro, e crolla a 69 centesimi a metro cubo nei casi di vuoto a rendere. Risultato:  tra 0,7 e 2,3 millesimi al litro. Meno della bottiglia vuota. E così, benché siamo terzi in Italia per acque imbottigliate, il ricavo rilevato è di neanche 852mila euro in un anno… Il Lazio vanta 30 concessioni (oltre il 10% del totale nazionale) e 24 marche. Al livello nazionale, un litro di acqua, magari molto pregiata, costa in media a chi la mette in bottiglia 1,1 millesimi al litro. 

ALLERGICI ALLE GARE PUBBLICHE
Il Rapporto ministeriale rileva due gravi criticità. Una: non solo le amministrazioni pubbliche ci ricavano quasi zero, ma nemmeno verificano che i volumi idrici e gli oboli di cui si accontentano siano correttamente misurati (vedi riquadro a lato). Altra assurdità: tutte le concessioni risultano assegnate con affidamento diretto, mediante provvedimento amministrativo rilasciato su istanza delle aziende private. Nel 2015 spunta la prima e unica concessione (su 295) data tramite gara pubblica in Liguria. A decidere chi può sedersi alla tavola di questo enorme business, in un mercato di asserita libera concorrenza, sono dunque burocrati e politici: i presunti tutori del superiore interesse pubblico e dei beni comuni. Sempre più imbarazzante è dunque sentire che è tutta colpa del clima se i cittadini e le coltivazioni di Roma e dintorni, soprattutto ai Castelli Romani, ma pure nell’Agro pontino, restano a secco. 

PRIVATI NELL’ORO, COMUNI A SECCO
Qualche faccia da tubo ripeterà che mancano i soldi per ammodernare le reti, che le tariffe del servizio idrico in Italia “sono le più basse d'Europa” e occorre alzare ancora le bollette. È il tormentone dell'altra lobby idrica, quella degli acquedotti tipo Acea, Acqualatina e le multinazionali che le controllano di fatto. 
Se le sorgenti e gli impianti per alimentare abitazioni e piantagioni sono in difficoltà, è ancora più chiaro dove e come si potrebbero e dovrebbero attingere nuove risorse per sistemare e potenziare le reti pubbliche. 
Sul prossimo numero de Il Caffè seconda puntata con la classifica dei colossi privati delle acque pubbliche imbottigliate: quanto pagano di canone Nestlé, San Benedetto, Gruppo Coca Cola e gli altri “produttori”? 

Lo Stato non sa quanta acqua prendono davvero
Alla irrisorietà delle somme pagate dagli imbottigliatori si aggiunge una grave ombra, rilevata dal Dipartimento del Tesoro nel suo Rapporto: “Le Amministrazioni concedenti non conoscono il quantitativo effettivo di acqua emunta dai concessionari, in quanto la misurazione della portata effettiva non viene praticata per la mancata installazione degli strumenti idonei. […] Il quantitativo effettivo di acqua estratta può essere auto-dichiarato dai concessionari, senza che vi sia un’effettiva attività di controllo da parte dell’amministrazione concedente. In alcuni casi i concessionari, ancorché tenuti all’autodichiarazione, non comunicano periodicamente, come stabilito dai regolamenti regionali, il quantitativo di acqua emunta alle amministrazioni concedenti, le quali mancano di dare seguito agli strumenti di tutela dell’interesse pubblico di cui dispongono (come la revoca della concessione)”. Ma al pensionato che non riesce a pagare l’acqua, si stacca l’acqua...
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:30 1534782600 Il Pd di Nettuno riparte dal… passato, nessun nome nuovo in Segreteria
18:27 1534782420 Contributi per la Festa dello Sport a Nettuno, il bando sul sito del Comune
18:16 1534781760 Il Segretario del Pd di Anzio cambia la serratura della sede, tutti fuori
17:27 1534778820 A Genzano torna il mercatino dei libri usati: appuntamento nel cortile comunale
17:24 1534778640 Maltempo ai Castelli: alberi crollati su via Nettunense e via Cisternense
17:14 1534778040 Cade un grosso albero in via Nettunense, danneggiata una condotta del gas
17:12 1534777920 Paura in centro, crolla il solaio di una abitazione privata ormai in disuso
15:43 1534772580 Serie A2. La Mirafin è pronta al decollo: il 6 Ottobre c'è il derby con Ostia
15:29 1534771740 Gli agenti lo pizzicano a rubare borse in spiaggia, arrestato un 34enne campano
15:25 1534771500 Il Rugby Anzio Club è pronto a ripartire
15:12 1534770720 Grand Prix Volley S3, vince (ancora) Pallavolo Pomezia
15:03 1534770180 L’Indomita Pomezia prepara una stagione da vertice
14:51 1534769460 Aggressione ad un immigrato: indiano ferito da tre colpi di fucile a piombini
14:31 1534768260 Frammenti di un Discorso Odoroso, degustazione di olio extravergine d’oliva
14:27 1534768020 Nasce ad Aprilia il Milan Club Herbert Kilpin: al via le attività sociali
14:09 1534766940 Auto fuori controllo abbatte i contatori del gas e travolge un giovane pedone
13:56 1534766160 Dolphins Anzio, Play Off per gli U12 del Baseball e le U13 del Softball
11:45 1534758300 La vie en rouge, la fisarmonica solista di Marco Lo Russo al Museo Lavinium
11:42 1534758120 Grande serata al Terracina Summer Festival con Butinar, Lembo e Anellino
11:35 1534757700 Verifiche sulla stabilità di un ponte, chiusa per mezz'ora la Pontina al km 62
11:32 1534757520 Bilancio di Ariccia: “Conti virtuosi, fornitori pagati dopo soli 17 giorni”
11:10 1534756200 L’amministrazione aderisce al Piano Digitale Banda Ultra Larga della Regione
10:48 1534754880 Giorgia Giuliani brilla ai mondiali di taekwondo in Argentina
10:43 1534754580 Controlli della Polizia Locale: 50 auto trovate senza tagliando assicurativo
10:35 1534754100 Sabaudia adotta il Sistema Aras per la diffusione di avvisi di emergenza

Sport
< <

Lo shopping online fatto apposta per te

L’e-commerce sbarca ad Aprilia con Sweetstore.it

Lo shopping online fatto apposta per te

Nata da un giovane per i giovani, Sweetstore.it è la piattaforma online sempre al tuo fianco negli acquisti sul web.   Un progetto, come si dice oggi, e- commerce non è semplice da realizzare. Ci sono regole, tasse e molto tempo da spendere: è come aprire un qualsiasi negozio, con...

Eventi
< <

La risposta della dott.ssa Carla Delfino

Terrore dei topi? La scoperta che risolve è di una donna italiana

La risposta della dott.ssa Carla Delfino

Solo una donna poteva vincere contro ciò che proprio alle donne fa tanto orrore. Carla Delfino è la salvatrice di tutte le donne che inorridiscono al solo pensiero di poter improvvisamente trovare topi in casa. E per questa scoperta è stata l'unica italiana a vincere il premio Cartier per le migliori iniziative imprenditoriali femminili del Mondo.  Dottoressa è vero che i ratti sono aumentati così tanto? «Purtroppo sì, il loro numero è aumentato a dismisura nel tempo fino...


Inchieste
[+] Mostra altri articoli