[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La Regione tace

Ambulanze agli inesperti da giugno: allarme o bufala?

<
>
Maria Paola Corradi
Direttore generale dell'Ares 118
Maria Paola Corradi Direttore generale dell'Ares 118

Da giugno ambulanze del 118 senza personale professionale, ma solo operatori del volontariato: è il messaggio lanciato su qualche giornale da alcuni addetti ai lavori preoccupati di essere scalzati dagli operatori no profit. L'Ares 118, l'Azienda regionale emergenza sanitaria che dal 2004 gestisce il servizio per la Regione Lazio, si accinge infatti a reclutare personale di soccorso per 17 postazioni, 12 per il servizio 24 ore su 24 e 5 per mezza giornata. A far scattare l'allarme, sparato a sirene spiegate, è stata la delibera n. 241 firmata lo scorso 30 marzo dal direttore generale di Ares, Paola Maria Corradi, con i direttori amministrativo e sanitario, Guglielmo Di Balsamo e Domenico Antonio Ientile. 

LA DELIBERA NEL MIRINO
L'atto prevede di affidare a soggetti esterni – Enti, associazioni e istituzioni di volontariato a carattere associativo – il servizio per un anno, eventualmente rinnovabile per un altro anno. 7 “lotti”, cioè le postazioni con ambulanza e operatori, riguardano Roma e provincia (due a Lanuvio e Marino, per 12 ore), Rieti e Viterbo. Ma qualcuno teme che la cosa possa estendersi all'intero Lazio. Dal 1° giugno cosa succederà? Ci saranno volontari non adeguatamente preparati anziché professionisti a bordo delle ambulanze scoperte e poi magari anche su altre in tutto il Lazio? Chi garantirà il servizio e con quale qualità? Perché mandare a casa gli attuali operatori? Con queste preoccupazioni e qualche accusa pesante, diversi addetti ai lavori hanno sollevato il caso parlando di 250 lavoratori a rischio. 

SINDACATI IN ALLERTA
Hanno acceso la sirena anche i sindacati. «Regione Lazio e Ares ci devono rispondere per farci capire a cosa mira davvero la delibera 241 – avverte Roberto Chierchia, segretario regionale della Cisl Funzione Pubblica -. Niente allarmismo, senz'altro, però riteniamo che vadano mantenuti gli attuali livelli occupazionali e salariali e l'azienda ci deve fornire informazioni corrette e trasparenti. I volontari non devono creare disoccupazione né mettere a repentaglio i livelli salariali dei dipendenti. Cosa diversa se i volontari vanno a colmare e carenze di personale. Le attività devono essere coerenti con le esigenze dei cittadini… i livelli di Ares su tutto il territorio regionale sono già insufficienti e vogliamo essere messi a conoscenza dell'arrivo di volontari. Staremo attenti – conclude Chierchia – a che ci siano i giusti fabbisogni di organico, in quantità e qualità». 

REGIONE MUTA, PARLA ARES
Una delle accuse è che si punta sul volontariato per rimpiazzare a “prezzo” ridotto  i posti scoperti, visto che le realtà no profit costano meno, prendendo solo i rimborsi per le sole spese effettivamente sostenute, non stipendi. Cisl e Cgil hanno chiesto un incontro urgente alla controparte. L'Assessore regionale alla sanità, Alessio D'amato, non parla. Si fa sentire invece l'Ares 118, che attraverso l'ufficio stampa chiarisce che «non è affatto vero che dal primo giugno ci saranno solo volontari sulle nostre ambulanze». «Abbiamo l'obbligo normativo di sondare la disponibilità del mondo del volontariato, prima di provvedere ad un eventuale appalto con soggetti privati e non è vero che questa scelta sia dettata esclusivamente da motivazioni legate al risparmio di spesa», dice il direttore generale di Ares, Maria Paola Corradi, citando il decreto legislativo 117 del 2017. La manager liquida l'allarme come «un polverone mediatico». 

MEGLIO I PROFESSIONISTI?
«Stiamo sondando la disponibilità del Terzo Settore per affidargli neanche il 10% delle postazioni – sottolinea la Corradi, precisando che i 250 lavoratori “a rischio” che adesso coprono le 17 postazioni in ballo «sono dipendenti di una società privata, che ha consapevolmente accettato di svolgere il servizio per il periodo strettamente necessario a formulare una procedura comparativa aperta al mondo del volontariato». Sulla qualità del servizio reso dai volontari, spiega la Corradi che «tutti i soggetti che collaborano con ARES 118, società private o associazioni di volontariato, per stipulare contratti e convenzioni con l’Azienda devono avere tutti i requisiti professionali e tecnici previsti dalla legge». 
Abbiamo sentito un professionista fuori dalla mischia, Christian Manzi, esperto in materia e formatore di chi poi sulle ambulanze va ad operare: «La questione è molto semplice: il 118 ha bisogno di serietà, responsabilità, maturità e di personale formato ad essere serio, responsabile e maturo. Perciò se io sono un lavoratore con un contratto, con regole, diritti e doveri ben stabiliti, ho più motivazione e obblighi ben precisi a comportarmi così. Il resto è burocrazia e politica». 
La malattia cronica rimane: il servizio pubblico delle ambulanze nel Lazio ha carenze di uomini e mezzi. Abbiamo chiesto lumi all'Assessore regionale alla sanità: anestesia totale. 

Il tesoro delle barelle
Al di là di complicati atti amministrativi, piattaforme salariali, protocolli sanitari e massimi sistemi, corsi, concorsi e ricorsi, i problemi arrivano da cose terra terra: «Spesso le ambulanze sono bloccate negli ospedali perché non riescono a riavere indietro nemmeno la barella con la quale hanno portato il paziente, perché l'ospedale non ha il posto letto su cui sistemarlo! - racconta Roberto Chierchia, segretario regionale Cisl Fp - ad esempio l'altro giorno al policlinico Umberto I di Roma una decina di ambulanze erano ferme per questo problema e ciò avviene in maniera sistematica».
 
Tags: ambulanze  118 


Articoli Correlati:

2017 Albano: ambulanze in attesa per ore Barelle del 118 bloccate al pronto soccorso dell'ospedale San Giuseppe Albano, ancora blocco totale del pronto soccorso dell'ospedale San Giuseppe in nottata e alle prime...
2016 Troppi pazienti, reparto intasato Ambulanze bloccate al Pronto Soccorso dell'ospedale di Albano: sos barelle In questa foto, inviata da un lettore poco fa, si vedono 5 delle 7 ambulanze...
2014 Ecco dove sono i presidi 118 al mare Parte il “Piano vacanze sicure” della Regione, in spiaggia arrivano le ambulanze Ciclope è pronto a travolgere tutta l'Italia ed il Lazio non sarà escluso dall'ondata di...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
26/05 1527355740 Rapina a mano armata al supermercato Eurospin, in due in fuga su un motorino
26/05 1527354240 L’ex Sindaco Casto chiede di incontrare Di Maio ad Anzio: vertice negato
26/05 1527353160 Pomezia, Zuccalà shock su Eco X: «Non siamo sicuri» che non stia inquinando
26/05 1527344940 Scontro frontale tra due auto sulla Nettunense ad Aprilia, morta una donna
26/05 1527342720 Centrale biogas ad Ardea, la Soprintendenza dice No e il Tar vuole approfondire
26/05 1527341700 Malore in auto, si schianta contro un palo su via Rinascimento ad Anzio
26/05 1527341520 Sit in contro la paventata riapertura della discarica di Albano
26/05 1527341340 Pestano a sangue 16enne per un debito di 100 €: arrestata baby coppia diabolica
26/05 1527340920 Droga e munizioni a casa di una coppia di Aprilia: in manette entrambi
26/05 1527326220 Motociclista grave dopo lo scontro con un'auto in pieno centro a Latina
26/05 1527325380 Inchiesta Evergreen, condannato l'ex consigliere comunale di Anzio Campa
26/05 1527325260 Minaccia di buttarsi dal secondo piano: donna salvata dalla Polizia
26/05 1527324660 Nemi, 85esima Sagra delle Fragole: il programma fino al 3 giugno
26/05 1527324360 Riduce il padre in fin di vita a calci e pugni: arrestato 40enne
26/05 1527323640 Ferma un'auto sulla Pontina: botte all'automobilista, poi gli ruba la vettura
26/05 1527321720 Bus e parcheggi, estate di "svolta" a Latina. Dal 1 giugno nuove tariffe al mare
26/05 1527321540 Olimpiadi della sicurezza, in finale anche le scuole di Aprilia, Ardea e Latina
26/05 1527320760 Il liceo linguistico Joyce di Ariccia adottato da 4 Ambasciate straniere di Roma
26/05 1527320280 Confartigianato Imprese Latina: eletti i nuovi vertici. Iannotta presidente
26/05 1527319920 Il Tar esclude un altro candidato consigliere dalle elezioni comunali di Aprilia
26/05 1527319680 Evasione da 600 mila euro per un rinomato ristorante (abusivo) dei Castelli
25/05 1527265620 L'ultimo saluto di Aprilia alla sua campionessa: fissata la data dei funerali
25/05 1527263220 Tamponamento a catena sulla Pontina, lunghe code da Pomezia verso sud
25/05 1527262800 Dopo di noi, più tempo per presentare la domanda per le famiglie di disabili
25/05 1527258900 Marino entra nell'Anpr, il sindaco: «Eccellente risultato di efficienza»