[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

J'accuse per Casto e 10 consiglieri

4 consiglieri M5S al Sindaco di Nettuno: violate tutte le regole a 5 stelle

Il consigliere De Luca
Il consigliere De Luca

È una lettera durissima quella di quattro consiglieri comunali di maggioranza del Movimento 5 stelle Daniela De Luca, Marco Montani, Giuseppe Nigro (presidente del Consiglio comunale) e Simonetta Petroni che, ripercorrendo le tappe di una crisi mai finita, dopo aver attribuito al Sindaco Angelo Casto responsabilità enormi, lo invitano a ritornare suoi suoi passi sposando appieno le regole del Movimento e a fare pulizia ‘rispetto’ a chi queste regole le ha completamente perse di vista.

Per brevità riportiamo solo la nota di De Luca, anche perchè le altre tre sono più o meno identiche.

“Caro Sindaco, ho riflettuto a lungo prima di scrivere questa mia, ma la situazione ed il metodo sin qui attuato ed adottato è divenuto per me oramai insopportabile, quindi sento il dovere nei confronti della città di prendere una posizione ufficiale personale e politica, su quello che ho visto e sentito, che per me non è più condivisibile ed accettabile. 

Come si può pensare che sia corretto metodo dell’agire amministrativo e che si possa condividere come avvocato, come portavoce del M5S, e soprattutto come cittadina che l’istituzione del consiglio comunale, massima espressione della democrazia, venga dileggiata ed al tempo stesso usata per fini non nobili, aldilà delle infantili spiegazioni, e che consiglieri comunali sminuiscono ciò che io ho ritenuto gravissimo. 

Sai bene che durante la sospensione del consiglio comunale, quando eravamo riuniti nella Tua stanza per discutere della mozione presentata dall’’opposizione per fare chiarezza sulla nomina ad assessore di Stefano Cataldo, mi sono trovata di fronte ad una vera e propria corrente consiliare, che in spregio a principi di etica pubblica, di trasparenza, di opportunità non solo di natura politica, faceva finta di non comprendere la gravità dei fatti e delle parole e difendeva solo la posizione di chi deve per forza difendere l’indifendibile. 

Subito dopo, infatti, è accaduto ciò che con preoccupazione avevo predetto ma che Tu pur avendo affermato, per ben due volte di aver sentito le parole proferite dal neo assessore Cataldo, non hai agito come primo cittadino garante e come uomo di legge, al fine di ristabilire un clima di tranquillità all’interno dell’assise consiliare né di pretendere le scuse verso chi era stato palesemente colpito. 

Il problema appunto consiste nel metodo, quello previsto dallo statuto del gruppo consiliare di maggioranza e sottoscritto ed approvato da tutti all’inizio di questa avventura, che ho condiviso avendo connaturato in me gli stessi principi. 

Questo metodo, questo vincolo comune, è stato più volte derogato e violato sotto i Tuoi occhi e con il Tuo silenzio. 

Purtroppo però non è più una questione di carattere interno al Tuo gruppo di maggioranza, bensì come ho descritto sopra, investe direttamente ormai da qualche settimana l’azione amministrativa, poiché molti consiglieri hanno agito ed agiscono, sia singolarmente sia in gruppetti, non nella propria sfera privatistica e/o personale, ma usando impropriamente il ruolo di pubblici amministratori eletti nel M5S, con gravi ripercussioni sull’immagine del gruppo consigliare, di cui anche io faccio parte, basta leggere i giornali degli ultimi 20 giorni nonché ascoltare i commenti della cittadinanza. 

Questo, è accaduto consentimi per la Tua omissione rispetto al ruolo di garante che dovevi rivestire. 

Mi riferisco ad una lunga serie di eventi e di atti che hanno visto protagonisti alcuni consiglieri M5S e sui quali stanno intervenendo quotidianamente organi di polizia giudiziaria e/o di controllo amministrativo: di quello che leggo non ne ho conoscenza alcuna, ma il solo fatto che la mia persona possa essere accomunata a ciò, mi inorridisce e non posso tollerare oltremodo. 

Mi vedo costretta, quindi, a prendere le pubbliche distanze dai 10 consiglieri autori del documento, con il quale si chiedeva la “testa“ di tre assessori, che ha aperto improvvisamente la crisi politica della maggioranza M5S a Nettuno, mi riferisco proprio a loro, Sindaco, che per primi hanno derogato alle procedure previste dalla nostra base statutaria e così facendo si sono allontanati da una corretta condotta consona all’etica pubblica ed ai valori morali del M5S, nonché lontani dalla mia persona. 

Caro Angelo, non avrei mai creduto né immaginato di dover scrivere questa lettera aperta, ma purtroppo non posso più esimermi dal farlo, non permetterò ad altri di danneggiare il mio nome a Nettuno, con comportamenti irresponsabili, superficiali e risultato di una inadeguatezza al proprio ruolo pubblico. 

Ritengo, che il fatto di avermi informata solo successivamente dell’esistenza del documento segreto, poiché redatto dai 10 consiglieri in spregio al metodo M5S, e soprattutto il farlo Tuo proprio durante il consiglio comunale, sia stato un grave atto lesivo dei principi che finora abbiamo condiviso. 

Questi limiti di comportamenti personali, non hanno danneggiato alcuno fin quando erano ammortizzati appunto da un metodo di condivisione che costituiva una garanzia di correttezza, trasparenza e legalità. 

In mancanza di questi valori, invero, mi sento svincolata dall’agire “anomalo” degli altri consiglieri, (sono fortemente preoccupata del declino verticale dell’immagine del M5S Nettuno e delle conseguenze che avrà sulla città), come da notizie stampa, atti, fatti istituzionali e dichiarazioni pubbliche, tra l’altro mai smentite, che quotidianamente minano la mia persona. 

Resto fedele, comunque, come ho sempre fatto ai miei sani principi ed ancora al progetto, alle idee ed all’attuazione del programma M5S, unico mio obiettivo che ancora mi vincola a rimanere nelle funzioni di consigliere comunale, per cui ho ricevuto il mandato elettorale dai cittadini di Nettuno e che voglio portare a termine. Io credo nella trasparenza e nelle democrazia partecipata ma da qualche tempo mi ritrovo a confrontarmi con riunioni segrete e documenti privi di valore e significato. 

Sai bene che quel documento segreto non mi è stato esibito, perché l’avrei strappato in quanto offendeva un lavoro ben fatto per la città che si poneva contro gli interessi della vecchia politica. 

Caro Angelo , sono costretta mio malgrado a rendere pubblica questa lettera perché il “metodo” di operare ha stravolto la realtà fattuale dove non è più comprensibile chi è nel corretto agire e chi invece farebbe bene a fare ammenda. 

Ti sembra normale che uno dei 10 consiglieri faccia ricorso contro una decisione del proprio sindaco, che era espressione della maggioranza del gruppo ma che ad oggi ancora non ha prodotto il documento di sfiducia che Tu hai pubblicamente reclamato in assise? 

Parteciperò alle riunioni interne di gruppo, e non accettando il nuovo “metodo” introdotto, che Tu appoggi, non condividerò nulla che sia contrario al programma politico-amministrativo ed alla volontà dei cittadini che rappresento: per esempio il bosco urbano, in pieno centro, non mi risulta sia stata la volontà dei cittadini espressa nell’esperimento di democrazia partecipativa attuato con enorme successo mesi fa. 

Inoltre, renderò pubblico ai cittadini quanto sarà oggetto di scelte politiche alle suddette riunioni che non siano conformi al metodo M5S, al programma politico-amministrativo ed alla volontà dei cittadini tutti. 

Ritengo, infatti, che ogni pubblico amministratore deve assumersi le responsabilità delle proprie scelte di fronte alla città in ossequio al principio di trasparenza e a quello del ruolo di portavoce dei cittadini stessi . 

Ebbene , caro Sindaco Tu sei il responsabile e unico detentore del logo M5S e del rispetto dei suoi valori, ma soprattutto responsabile della fiducia che hanno riposto in Te i cittadini di Nettuno, Ti invito sin da subito a fare chiarezza sul corretto agire di tutti i consiglieri appartenenti proprio al M5S Nettuno, perché come ben sai le regole sono regole e a nessuno è dato di derogare alle stesse, men che mai di consentirne la deroga con personalismi che sono inaccettabili nella democrazia e nello spirito di gruppo: “ogni volta che deroghi ad un regola praticamente la cancelli” ( G. Casaleggio). 

Caro Sindaco, sono Daniela De Luca, nettunese per nascita e per origine, voglio il bene della mia città e la difenderò davanti a chiunque voglia aggredirla per indicibili fini. 



Articoli Correlati:

28/04 Il Sindaco si presenta dal consigliere Crisi Cinque Stelle a Nettuno, Casto in pressing su Montani a... domicilio La lettera di quattro consiglieri di maggioranza che hanno chiuso ad ogni dialogo con il sindaco di Nettuno del Movimento...
25/04 Casto sfida i quattro alla sfiducia Crisi a Nettuno, vertice con il consigliere regionale Corrado a casa del Sindaco Il consigliere regionale e responsabile degli Enti locali per il movimento 5 stelle Valentina Corrado ieri sera...
24/04 Il Sindaco invitato a dare risposte Crisi a Nettuno, dissidenti 5 stelle: No alle convocazioni e basta avvertimenti Il Presidente del consiglio comunale di Nettuno Giuseppe Nigro ha inviato alla stampa la risposta inviata alla lettera...
28/06 Contestata la sfiducia dell'assise Ricorso al Tar dell’ex Sindaco di Nettuno Casto, udienza fissata il 18 luglio E’ stata fissata per il prossimo 18 luglio l’udienza in Camera di consiglio, per discutere il giudizio cautelare in...
28/05 In meno di due mesi la sfiducia L’ultima cena di Casto e della giunta 5 stelle a Nettuno, poi le dimissioni Appare davvero difficile a guardare la foto dell’ultima cena tra il Sindaco sfiduciato di Nettuno Angelo...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:39 1532101140 Truffa ed evasione in Romania, lo cercavano in tutta Europa: era a Pomezia
17:31 1532100660 Pusher di marijuana e cocaina sorpresi dai carabinieri a Pomezia e Torvaianica
17:21 1532100060 Il Senatore M5S: «La mia casa popolare a Frascati? Il Pd non conosce la storia»
17:06 1532099160 Rifiuti a fuoco nel parcheggio di via Bergamo ad Ardea: probabile atto doloso
16:58 1532098680 Class action contro Acqualatina: ecco dove trovare i moduli per farsi rimborsare
16:55 1532098500 Terracina, 10 kg di droga nascosti nel garage di una donna ricoverata
16:16 1532096160 Terracina omaggia l'Aeronautica dopo il recupero dell'Eurofighter della tragedia
15:46 1532094360 Ok al progetto definitivo per la rete idrica a Caronti: presto il cantiere
15:23 1532092980 Controlli su differenziata e sicurezza stradale a San Felice: fioccano le multe
15:07 1532092020 Guardia costiera e Finanza sequestrano 77 lettini e 14 ombrelloni abusivi
14:58 1532091480 A Pontinia domenica 5 agosto la terza edizione di Miss New Look
14:41 1532090460 Addio a Romeo Murri: scalciò contro i fascisti all'inaugurazione di Aprilia
14:39 1532090340 Sabaudia: autocisterna con 7.000 litri di gpl esce di strada e resta in bilico
14:22 1532089320 Seconda edizione del “Nettunia’s Got Talent”: aperte le iscrizioni
14:16 1532088960 Crolla un pezzo di falesia alla celebre spiaggia di Chiaia di Luna a Ponza
14:07 1532088420 Salzare, marcia indietro del Comune di Ardea sulla sanatoria al "Serpentone"
13:55 1532087700 Pomezia Calcio, le prime parole di Moriero: Bizzaglia mi vide lo scorso anno...
13:40 1532086800 Camion si ribalta sulla Pontina dopo lo scontro con altre automobili
13:38 1532086680 Lo scrittore pontino Simone Pozzati firma il nuovo singolo dei Remida
13:06 1532084760 Il senatore M5S con la casa popolare a 700 euro al mese: interrogazione Pd
12:59 1532084340 Ruba un telefono a Roccagorga: rintracciato e denunciato quattro mesi dopo
12:53 1532083980 Giovane donna seviziata in casa, arrestati i suoi vicini, due donne e un uomo
12:47 1532083620 Due incidenti in meno di 5 chilometri bloccano la Pontina in direzione Latina
12:28 1532082480 L’ammore vero: il nuovo singolo del progetto musicale Marcondiro
12:21 1532082060 Stadio Francioni, dissequestrata la tribuna riservata alla tifoseria ospite