[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Latina, nonostante il regolamento

Slot machine a meno di 300 m dalle scuole. Distanza rispettata solo in due casi

Cosa c'è di meglio di una "defaticante" partita alle slot machine dopo qualche stressante ora di lezione? Ironie a parte, è quello che può accadere a Latina, dove questi apparecchi di cosiddetto "gioco legale" stanno tappezzando da tempo ogni angolo della città. Anche a poca distanza da istituti scolastici e sedi universitarie.

DISTANZE (QUASI) MAI RISPETTATE
Un aspetto, quest’ultimo, a cui non facciamo caso, o a cui semplicemente siamo abituati. Se non fosse che però la distanza è considerata un fattore discriminante dalle linee guida per il contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il Comune di Latina si è dotato di un apposito regolamento che prescrive paletti in termini di distanze da luoghi nevralgici di aggregazione: spazi di culto, oratori, scuole di ogni ordine e grado. Trecento metri è la distanza minima oltre la quale installare slot machine. I luoghi più a rischio sono sicuramente gli istituti superiori e le sedi universitarie. Il Caffè ha fatto un giro con contachilometri e gps per verificare le condizioni davanti alle scuole superiori di Latina e alle sedi universitarie. Preoccupante il bilancio: solamente per gli istituti Einaudi e Marconi la distanza minima viene rispettata. E non è neanche difficile trovare sale slot e scommesse a fianco a compro oro, banche o sportelli, la cui distanza, secondo le disposizioni comunali, si riduce a 100 metri.

COME FUNGHI
Ma la questione di fondo non è nemmeno il dibattito – magari puntiglioso, sotto certi aspetti - del conteggio dei metri, pur essendo la distanza un indiscutibile elemento di contrasto alla tentazione del gioco. Il punto è la proliferazione quasi esponenziale delle macchinette mangiasoldi che ha subito il territorio comunale. Cifre diffuse dalla Agenzia dei Monopoli scattano una fotografia in chiaroscuro sul capoluogo pontino. Con sfumature preoccupanti. Dati 2016 (gli ultimi disponibili) attestavano la presenza di 1149 apparecchi in città. Ben 9,1 ogni 1000 abitanti. Si tratta per quasi l’80% di apparecchi AWP, le classiche slot presenti anche nei bar e nelle tabacchiere; per la restante parte si parla invece di videolottery (VLT), dispositivi che accettano anche banconote e consentono metodi di gioco più “avanzati” con vincite più alte.  Esercito di slot che ha fatto uscire dalle tasche dei latinensi – inteso come saldo tra vincite e perdite –  oltre 29 milioni di euro nel 2016 e 15 nel primo semestre del 2017 (ultimo report semestrale pubblicato). Importo che si è tradotto in un introito per le casse dell’Erario pari a 24 milioni di euro nei 18 mesi considerati. Un volume di giocate nel 2016 di 167 milioni, quindi una spesa pro capite pari a 1289 euro. Il tutto a corredo di un trend in ascesa sia per il numero di apparecchiature presenti sul territorio che per quanto riguarda il dato delle giocate complessive. 

NORME OPACHE E IN RITARDO
Difronte a tali numeri, oltre al mezzo della sensibilizzazione, l'aspetto della distanza rispetto a luoghi di aggregazione assume contorni tutt’altro che di secondo piano. Paletti che però la normativa italiana non indica chiaramente, lasciando a Regioni e Comuni la possibilità di mettere nero su bianco le zone “free slot” e quindi di imporre un preciso limite di rispetto sul fronte della distanza. Prescrizioni attuate da molte regioni, ma non dalla Regione Lazio che, nella legge regionale 5/2013, si limita a rimpallare l’aspetto alla normativa statale, che però in merito presenta appunto un buco. Sebbene una proposta di modifica con annessa integrazione di un limite di 500 metri sia ferma alla Pisana da ormai un anno. Dopo anni di solleciti, dunque, l'amministrazione d Latina ha fatto da sé ed è riuscita a produrre un atto che regolamentasse la questione. Ma solamente a maggio 2017, ben sei anni dopo la pronuncia della Corte Costituzionale che affidava agli enti locali tale compito. Un regolamento che però può arginare solamente nuove concessioni sotto il limite di 300 e 100 metri, e non quelle già ottenute che, pur non essendo contemplate dal regolamento, sono state ottenute legittimamente secondo gli standard normativi comunali in vigore fino ad un anno fa. Anche in questo caso, insomma, una maggiore solerzia amministrativa avrebbe ridotto non di poco i "danni". E visto che si tratta di pubblica salute – essendo la ludopatia una condizione patologica riconosciuta dalla comunità scientifica da quasi quarant’anni – non è un dettaglio.

Zuliani: le soluzioni ci sono, ma serve un po’ di coraggio
Il regolamento comunale "per la prevenzione e il contrasto delle patologie e delle problematiche legate al gioco d'azzardo lecito" è arrivato a Latina solamente nel 2017. A sbloccare lo stallo sul tema - e ad impegnare la giunta Coletta a portare in aula un atto che imponesse finalmente dei paletti - è stata una mozione presentata da Nicoletta Zuliani, consigliera in quota Pd, all'apposizione da due consiliariature. Da anni l'esponente dem, membro del Comitato Pd "No Slot", si batte a suon di mozioni e interrogazioni sul gioco d'azzardo patologico. "Il regolamento comunale - spiega a Il Caffè - non ha valore retroattivo, e pertanto non può agire su concessioni già rilasciate". Come muoversi, dunque, sul fronte delle autorizzazioni già firmate e che non rispettano i vincoli imposti dal regolamento? "Far valere le nuove prescrizioni in forma retroattiva certante esporrebbe il Comune a diversi contenziosi. Si può dunque agire sull'incentivazione, proponendo sgravi fiscali a chi decide di non installare o di rimuovere apparecchi nel proprio locale, disposizione prevista tra l'altro nella relativa legge regionale. Oppure si può imporre un limite temporale alle concessioni. Entrambe le opzioni non sono previste dal regolamento. Mettere nero su bianco dei paletti in termini di distanza da luoghi sensibili è stato certamente un primo passo nell'operazione di contrasto al gioco d'azzardo nel nostro comune, ma servirebbe un po' di coraggio in più da parte dell'amministrazione comunale".

Alessandro Martufi



Articoli Correlati:

12/07 Latina, iniziativa della Cgil Pulizie nelle scuole: niente stipendio da 8 mesi. Parte la raccolta solidale Le quasi mille lavoratrici delle pulizie delle scuole pubbliche della provincia di Frosinone e Latina...
15/06 Latina, ladri a Borgo Piave Banda forza la saracinesca del bar sulla Pontina e ruba una slot machine Furto nella notte ai danni del Cafè & §Shop nell'area di servizio Agip a Borgo...
2017 Mancato pagamento degli stipendi Consip: stop a contratti di pulizia scuole a Latina e Frosinone Consip spa comunica di aver "risolto la 'Convenzione per l'affidamento dei servizi di pulizia ed...
2017 Latina, scuole a confronto/scontro Sfida elementari-medie sullo stile di vita corretto tra la Cena e la Dante  Nell’ambito del progetto “Sano chi sa” proposto dall’Ufficio scolastico della Regione Lazio, l’Istituto Comprensivo Giovani...
2017 Indagini in corso Ladri in azione nel pieno centro di Latina: di mira le slot machine Nella notte tra venerdì e sabato è stato preso di mira dai soliti ignoti il...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:39 1532101140 Truffa ed evasione in Romania, lo cercavano in tutta Europa: era a Pomezia
17:31 1532100660 Pusher di marijuana e cocaina sorpresi dai carabinieri a Pomezia e Torvaianica
17:21 1532100060 Il Senatore M5S: «La mia casa popolare a Frascati? Il Pd non conosce la storia»
17:06 1532099160 Rifiuti a fuoco nel parcheggio di via Bergamo ad Ardea: probabile atto doloso
16:58 1532098680 Class action contro Acqualatina: ecco dove trovare i moduli per farsi rimborsare
16:55 1532098500 Terracina, 10 kg di droga nascosti nel garage di una donna ricoverata
16:16 1532096160 Terracina omaggia l'Aeronautica dopo il recupero dell'Eurofighter della tragedia
15:46 1532094360 Ok al progetto definitivo per la rete idrica a Caronti: presto il cantiere
15:23 1532092980 Controlli su differenziata e sicurezza stradale a San Felice: fioccano le multe
15:07 1532092020 Guardia costiera e Finanza sequestrano 77 lettini e 14 ombrelloni abusivi
14:58 1532091480 A Pontinia domenica 5 agosto la terza edizione di Miss New Look
14:41 1532090460 Addio a Romeo Murri: scalciò contro i fascisti all'inaugurazione di Aprilia
14:39 1532090340 Sabaudia: autocisterna con 7.000 litri di gpl esce di strada e resta in bilico
14:22 1532089320 Seconda edizione del “Nettunia’s Got Talent”: aperte le iscrizioni
14:16 1532088960 Crolla un pezzo di falesia alla celebre spiaggia di Chiaia di Luna a Ponza
14:07 1532088420 Salzare, marcia indietro del Comune di Ardea sulla sanatoria al "Serpentone"
13:55 1532087700 Pomezia Calcio, le prime parole di Moriero: Bizzaglia mi vide lo scorso anno...
13:40 1532086800 Camion si ribalta sulla Pontina dopo lo scontro con altre automobili
13:38 1532086680 Lo scrittore pontino Simone Pozzati firma il nuovo singolo dei Remida
13:06 1532084760 Il senatore M5S con la casa popolare a 700 euro al mese: interrogazione Pd
12:59 1532084340 Ruba un telefono a Roccagorga: rintracciato e denunciato quattro mesi dopo
12:53 1532083980 Giovane donna seviziata in casa, arrestati i suoi vicini, due donne e un uomo
12:47 1532083620 Due incidenti in meno di 5 chilometri bloccano la Pontina in direzione Latina
12:28 1532082480 L’ammore vero: il nuovo singolo del progetto musicale Marcondiro
12:21 1532082060 Stadio Francioni, dissequestrata la tribuna riservata alla tifoseria ospite