[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Tubi troppo vicini alle spiagge

Pomezia, scarichi dei depuratori mare: troppo vicini e a bassa profondità FOTO

<
>
Condotta del depuratore pratica - Tubo a vista e scarico a soli 11 metri di profondità, senza diffusore, il dispositivo che mitiga l'impatto dei reflui sulla salute marina
Condotta del depuratore pratica - Tubo a vista e scarico a soli 11 metri di profondità, senza diffusore, il dispositivo che mitiga l'impatto dei reflui sulla salute marina
L'esempio virtuoso: depurare con le piante - L'oasi Ca' di Mezzo in Veneto: realizzata dal Consorzio di Bonifica Adige Bacchiglione con fondi regionali. Le canne di palude depurano
L'esempio virtuoso: depurare con le piante - L'oasi Ca' di Mezzo in Veneto: realizzata dal Consorzio di Bonifica Adige Bacchiglione con fondi regionali. Le canne di palude depurano

Troppo vicini alle spiagge, a profondità troppo bassa e con tubazioni corrose oppure nei fossi. È la situazione degli scarichi di depurazione nel mare di Torvaianica, che sfugge agli occhi dei più, ma che sarebbe nota ad alcuni sommozzatori locali. A fotografarla e raccontarla è Paolo Fiorentini,  del Comitato di quartiere Campo Ascolano. Sub professionista,  specializzato in condotte sottomarine, dal 2008 al 2010, nei primi 2 anni di gestione Acea, ha curato la manutenzione di quelle che dai sei depuratori di Pomezia arrivano a Torvajanica. Sono sue le foto delle tubazioni qui pubblicate.

COME E DOVE SCARICANO?
«Parliamo degli impianti di sanificazione delle acque fognarie denominati Capoluogo, Zara 1 e Zara 2, Pratica 1 e Pratica 2 e Santa Palomba, gestiti da Acea. Quattro – spiega Fiorentini - scaricano le acque trattate nei fossi locali e da lì nel mare. Due depuratori hanno invece le condotte di sbocco direttamente a mare: Zara 1 a 900 metri dalla riva e a 7 metri di profondità, mentre l'impianto Pratica 1 scarica a 1.600 metri dalla riva e a 11 metri di profondità. Distanze e profondità decisamente insufficienti, che generano un forte impatto sul mare, visto che il fondale in questa zona declina lentamente, cioè si abbassa di un metro ogni circa 140 - 150 metri lineari, ed è molto sabbioso e quindi particolarmente delicato». 

DOVREBBERO STARE ALMENO 30 METRI SOTTO IL MARE
«Gli sbocchi dovrebbero stare a non meno di 30 metri di profondità, al di sotto della fascia detta del ‘termoclino’ – spiega l’ingegner Marco Porcelli, specializzato nello studio delle aree di ripopolamento marino – perché non subisce variazioni di temperature stagionali e facilita la dispersione dei liquami. O almeno sotto la cosiddetta ‘linea neutra’, sotto i 15 metri, non coinvolta dai moti ondosi. Negli anni ’90, le norme prevedevano limiti più severi per gli sbocchi fognari che finiscono in mare: mille metri dalla costa e 30 metri di profondità. Poi la legge 152 del 2006, il cosiddetto Testo unico ambientale, ha rimesso la decisione ad una sorta di valutazione ‘caso per caso’ effettuata nel corso delle Conferenze dei Servizi, i tavoli istituzionali regionali chiamati ad occuparsi dei singoli progetti fognari, a cui partecipano anche i Ministeri dell’Ambiente e della Salute. I depuratori e le relative tubature vecchie di decenni andrebbero in molti casi ricostruiti, o almeno adeguatamente manutenute». «In entrambe le condotte marine – dice Fiorentini - manca addirittura il terminale chiamato ‘diffusore’, mai inserito, che riduce l’impatto ambientale delle grosse quantità di scarichi nel mare. Ma manca pure la protezione catodica, ovvero dell’anti corrosione: i tubi sono molto rovinati».

NESSUNA DISTINZIONE TRA ACQUE BIANCHE E NERE
«Inoltre, le acque nere (liquami civili e industriali, ndr), del territorio comunale – sottolinea Fiorentini - confluisco nei sei depuratori, ma vengono convogliate assieme a quelle cosiddette bianche, cioè le acque piovane, che dovrebbero invece seguire un percorso differente. Non di rado quando è brutto tempo si genera un sovraccarico idraulico degli impianti che viene risolto con il ‘troppo pieno’. Significa che i liquami in eccesso vengono espulsi dagli impianti senza un adeguato pretrattamento. Eppure – aggiunge - l’ordinanza prefettizia n. 14 dell'11 novembre 2005 obbliga tutti gli edifici comunali e gli impianti industriali ad adeguare gli scarichi pluviali. Ma da allora le Amministrazioni comunali che si sono susseguite non hanno predisposto alcun tipo di controllo». La questione ittica e marina rischia di diventare rilevante alle prossime elezioni: Fiorentini è co-fondatore del gruppo ‘Amici di Grillo Pomezia-Torvajanica’, in aperto contrasto con il 5 Stelle locale. Mentre l’avv. Aquino ha annunciato la propria candidatura a Sindaco di Pomezia. 
 

Le domande per Fucci
L’Amministrazione comunale di Pomezia ha mai dato corso al punto 22 “operazione mare pulito” del programma elettorale del Movimento 5 Stelle del 2013? Se sì, in che modo? Quando sono state portate a termine le operazioni di controllo dei 6 depuratori urbani di Pomezia? Con quali risultanze? Qual è la situazione degli scarichi nei fossi e nel mare di Pomezia? È stata mai adottata la fitodepurazione? Se sì, in quale dei sei impianti di depurazione? Sono le domande che il Caffè ha inviato al primo cittadino di Pomezia, Fabio Fucci, restiamo in attesa di una sua cortese risposta. 

 

E LA FITODEPURAZIONE?
«I sei depuratori di Pomezia – dice Paolo Fiorentini - utilizzano una tipologia di trattamento decisamente superata, sia nei metodi di disinfezione che in quelli di smaltimento del refluo, anziché la fitodepurazione (con le piante, ndr). Sono una infinità le ricadute igienico-sanitarie e ambientali che gravano sulla qualità delle acque del mare e quindi sul turismo, sulla pesca, ma anche sulla salute umana. A cominciare dall’uso dell’acido peracetico che disinfetta l’acqua più velocemente del cloro, ma genera problemi endocrinologici sui pesci maschi che subiscono una inversione sessuale, come dimostra una ampissima letteratura scientifica. Gli amministratori sono a conoscenza di questi gravissimi problemi, tanto è vero che il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, inserì tali temi nel suo programma elettorale del 2013, ma nulla è stato fatto di quanto promesso nei 4 anni e mezzo appena trascorsi». Esempi vicini di fitodepurazione ci sono, uno sta a Latina lido. 
 

Daniele Castri 



Articoli Correlati:

2017 Gli interventi previsti Torvaianica, lavori sul depuratore. Fucci: «Garantiranno migliore qualità acque» Una buona notizia per il mare di Torvaianica. Il Comune fa sapere che sono in ...
2017  5 anni di monitoraggi nel Lazio Irregolari 7 depuratori su 10, ecco i dati dei controlli della Finanza con Arpa Terminata la stagione estiva, il colore e talora l'odore delle acque dove ci siamo tuffati ...
2017 Controlli a largo della Capitaneria Il forte caldo colora di rosso il mare: tutta colpa di un'alga  Nella mattinata del 13 giugno sono state segnalate alcune macchie di colore rossastro lungo il ...
2016 Sabato e domenica incontri in piazza A Pomezia "No Triv": per il Sì al referendum contro le trivellazioni in mare Nasce anche a Pomezia il comitato referendario "NoTriv", dedicato alla promozione delle ragioni del Sì ...
2015 «Noi non graditi al sopralluogo» Martin Pescatore, Fare Verde: «la situazione scarichi è ancora incontrollata» «Abbiamo provveduto ad inviare una lettera di sollecito al Sindaco di Pomezia e al Comandante ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:10 1524733800 Detenuto dà in escandescenza: il sindacato chiede personale specializzato
10:07 1524730020 Neonata venduta: rinviato a giudizio il presunto mediatore
09:45 1524728700 25 aprile, grande festa a Pomezia per la Fondazione della città
09:12 1524726720 Prostitute in hotel ad Aprilia, condanne ridotte in Appello a 30 anni totali
08:52 1524725520 Barzelletta Roma-Latina: gara 'congelata' in attesa di altre indagini
08:42 1524724920 Cani, vip e buon cibo sulle sponde del lago di Castel Gandolfo
08:38 1524724680 Rischio siccità, l'appello del consorzio agro pontino: uso consapevole di acqua
08:30 1524724200 Il 6 maggio ottava edizione della manifestazione musicale di cori Poliphonica
08:17 1524723420 Dario Salvatori e Chiara Chialli ospiti ad Aprilia: conferenza e cena spettacolo
08:14 1524723240 Il Cristo del Circeo torna in acqua dopo il restauro
08:13 1524723180 Taglio del nastro alla XXXIII edizione della Mostra Agricola Campoverde
08:03 1524722580 Multe Portonaccio, il Comandante dei Vigili di Nemi segnalò le irregolarità
08:00 1524722400 Giuseppe di Lelio: l’atleta e scultore disabile verso le Olimpiadi di Tokyo
07:58 1524722280 Troppe bestemmie e parolacce: vietato per un mese il gioco delle carte
07:57 1524722220 Il 25 aprile di Latina, Coletta: «Non c'è libertà senza partecipazione»
07:52 1524721920 A fuoco un deposito di documenti cartacei a Pomezia: dubbi sulle cause
25/04 1524676860 Il Sindaco Anzio Bruschini ricorda commosso Battistini tra gli applausi
25/04 1524676740 Crisi a Nettuno, vertice con il consigliere regionale Corrado a casa del Sindaco
25/04 1524675780 Alla guida di un furgone ad Anzio senza patente e assicurazione: denunciati
25/04 1524655020 Anche le scuole locali partecipano alla XXXIII Mostra Agricola Campoverde
25/04 1524654300 L'Istituto Lelia Caetani aderisce ai progetti contro gli abusi sui minori
25/04 1524652740 Anche il gruppo storico Lavinium dell'ass. Tyrrhenum partecipa al Natale di Roma
25/04 1524652320 Violentò una giovane albanese nel 2006, arrestato un connazionale 40enne
25/04 1524651300 Trovati con 4 pc rubati dalla scuola Don Bregazzi, denunciati per ricettazione
25/04 1524651000 Cinque chili di droga, armi e cartucce: due giovani arrestati