[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Operazione di Carabinieri e Polizia

66 truffe agli anziani in tutta Italia: in manette la banda dei finti incidenti

La Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri hanno dato esecuzione a Napoli ad un provvedimento di custodia cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Frosinone nei confronti di 12 individui dediti alla commissione di truffe ai danni di persone anziane sul territorio nazionale.
In particolare, le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Frosinone e dai Carabinieri di Frosinone, sono iniziate nel novembre 2015, quando i due uffici investigativi hanno raccolto nel giro di pochi giorni oltre 10 denunce di truffe consumate o tentate anche ad Aprilia e Latina ai danni di anziani, in cui si evidenziava un medesimo modus operandi.

 

LA TRUFFA DEL FINTO INCIDENTE

Tutte le vittime, infatti, avevano denunciato di aver ricevuto una telefonata da un sedicente Maresciallo dei Carabinieri o da un avvocato, il quale riferiva loro di essere un familiare (figlio o nipote, a seconda dei casi) incorso in un incidente stradale e di essere stato trattenuto presso un ufficio di polizia. Ovviamente si trattava solo di un racconto immaginario creato ad arte dai malviventi, infatti la chiamata proseguiva con la richiesta di denaro necessario a risarcire il danno causato dal finto incidente stradale paventando, in caso contrario, gravi conseguenze giudiziarie a carico del familiare.
Quando la truffa andava a segno, con la vittima che cedeva alla paura ingenerata dalla messinscena e con il conforto suscitato dall’autorevolezza del mestiere dichiarato dagli interlocutori, il fantomatico tutore dell’ordine (o avvocato) concludeva il colloquio indicando alla vittima una persona che si sarebbe recata presso la sua abitazione per ritirare il risarcimento del danno, che spesso si concretizzava anche nella consegna di gioielli e preziosi in genere.

 

ABILI A CARPIRE I DATI PERSONALI

L’abilità nei raggiri era tale che i truffatori si dimostravano in grado anche di carpire, durante il colloquio telefonico, le informazioni, nome del familiare e altri dettagli, che poi utilizzavano per rafforzare la loro credibilità verso la malcapitata vittima.
Da queste denunce si sono poi sviluppate le indagini dei poliziotti e dei carabinieri che hanno consentito di dare un nome ed un volto a tutti i truffatori e sottoporli a specifiche ed intense attività di monitoraggio.
Gli investigatori hanno così scoperto l’esistenza di un vero e proprio sodalizio criminale nel quale un sodale, in particolare, era specializzato nel chiamare telefonicamente le vittime, fingendosi avvocato o Maresciallo dei Carabinieri, a seconda dei casi; quando la vittima cadeva nell’inganno, entravano in scena i complici addetti al ritiro del denaro o dei preziosi destinati al fantomatico risarcimento dei danni.

 

TRASFERTE IN TUTTA ITALIA

I malviventi avevano anche previsto una strutturata metodologia amministrativa che gli consentiva di evitare il pericolo di perdere o limitare i proventi illeciti, monetizzando immediatamente presso i compro oro delle varie zone i preziosi carpiti alle vittime ed eseguendo, subito dopo, bonifici verso carte postali intestate ad altri complici così da massimizzare gli introiti e coprire le spese delle autovetture noleggiate ai loro scopi, del carburante, dei pedaggi autostradali, delle ricariche telefoniche e dei pernottamenti in strutture alberghiere.
Per cercare di non lasciare tracce, gli arrestati cambiavano continuamente le sim card e i telefonini utilizzati per tenersi in contatto tra loro e coordinare le varie fasi delle truffe.
Nessuna zona d’Italia era immune alle loro scorribande, alle loro vere e proprie trasferte del crimine; difatti, i delinquenti erano soliti soggiornare in una struttura ricettiva di una zona “tranquilla”, per non più di 4/5 giorni e poi colpire nei paesi o città che si trovavano al massimo nel raggio di 100 km.
Per gli spostamenti, utilizzavano solo macchine noleggiate e, dopo ogni trasferta, facevano rientro a Napoli, dove tutti gli indagati sono nati e dimorano, per cambiare auto e cellulari, prima di ripartire per un nuovo tour di truffe.

 

66 TRUFFE IN 6 MESI

Durante i soli sei mesi di indagini tecniche sono state ricostruite ben 66 truffe tra consumate e tentate, che costituiscono altrettanti capi di imputazione a carico dei 13 indagati, di cui 12 colpiti da provvedimento restrittivo ed uno deferito a piede libero.
Nel corso dell’attività investigativa sono stati recuperati e riconsegnati alle vittime l’oro ed i preziosi oggetto di cinque truffe, per un valore di circa 100.000 euro.
Le decine di truffe messe a segno in quasi tutte le regioni italiane, ad eccezione della Campania e delle isole, fruttavano all’associazione centinaia di migliaia di euro, in quanto era possibile carpire ad ogni vittima denaro e gioielli per un valore che raggiungeva anche i 20.000 euro.



Articoli Correlati:

2016 Latina, ricercata una complice Offriva sesso ad anziani, ma sul 'dunque' rapinava i clienti. 21enne in manette La Polizia di Stato di Latina ha arrestato una giovane pregiudicata di 21 anni, Europa...
2015 Latina, 25 persone coinvolte Inventavano incidenti per truffare assicurazioni: denunciati medici e avvocati Un'organizzazione composta da avvocati, medici e carrozzieri che avevano studiato e messo in pratica una...
18/04 Tribunale di Latina, 48enne di Aprilia Imputato in un processo, inveisce in aula contro Giudice e Carabinieri Ha iniziato ad insultare il Giudice durante un'udienza in cui era imputato. È successo al...
18/04 Il furto era avvenuto a Latina In casa pistola e munizioni rubate 7 anni fa, arrestato 44enne ad Aprilia I carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Aprilia hanno tratto in arresto in via Inghilterra...
13/03 Aprilia e Latina Case popolari: 83 famiglie bloccate in casa per gli ascensori non funzionanti Bloccati in casa perché l'ascensore non funziona. Nei giorni scorsi si sono verificati due casi,...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/05 1526832960 Serie B. Mirafin da sballo: 6-1 al Pratola nel penultimo atto dei Play Off
20/05 1526828820 Petrocchi cardinale: il messaggio di auguri del Vescovo di Latina
20/05 1526827140 Recuperata al Poligono di Nettuno tartaruga marina ferita la salvano i pescatori
20/05 1526814000 Quattro colpi di pistola contro l'auto del comandante dei Carabinieri
20/05 1526813400 Grande partecipazione dei sub volontari al centro nautico di Nettuno
20/05 1526812200 Minorenne ruba una spada giapponese da un'abitazione: denunciato
20/05 1526804880 Ladri di ruote di Smart fuggono contromano sulla Colombo, arrestati
20/05 1526803740 Ardea, iniziata l'operazione di pulizia delle aree archeologiche
20/05 1526802660 La diciottesima passeggiata dell'amicizia del centro anziani: l'evento il 22
20/05 1526801940 Rock per Un Bambino 10: raccolti 17.250 per il Bambin Gesù
20/05 1526801820 In scena la prima rassegna dei laboratori di teatro antico all'Anfiteatro Romano
20/05 1526792400 Pugliese il pentito svela i retroscena di Arpalo
19/05 1526741760 Auto sul guard rail chiusa a chiave e abbandonata: la Polizia locale indaga
19/05 1526741580 La lista del sindaco di Bassiano riammessa alle elezioni comunali del 10 giugno
19/05 1526740200 Pitbull incustodito semina il panico ad Anzio, il padrone multato dai vigili
19/05 1526740140 Monumento al Pescatore, il Sindaco: “Anzio nasce e vive intorno al suo mare”
19/05 1526740020 Estate Nettunense, la Pro Loco Forte Sangallo incontra le Associazioni
19/05 1526732880 La politica di Nettuno si riorganizza per il dopo Casto, fermento nei partiti
19/05 1526724300 Minaccia l'inquilino con una pistola per farsi pagare l'affitto di casa
19/05 1526722380 Rubavano auto di lusso a Roma e le scomponevano in un capannone a Frascati
19/05 1526720700 Frascati, Chef Rubio sarà presente alla prima edizione della Festa delle Scuole
19/05 1526720520 Al via le attività della fondazione Città di Terracina
19/05 1526719740 Anche ad Ardea stasera la Notte dei Musei: concerto della Old Dixie Swing Band
19/05 1526718660 Ai domiciliari per droga: violenze e minacce a familiari e condomini. In carcere
19/05 1526717520 Velletri, parte al carcere il progetto "Cani Qui....Dentro?": la presentazione