[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Affari anche a Lariano, Anzio, Latina

Clan Mallardo, condanne definitive per Peppe ‘o ciuccio e i fratelli Dell'Aquila

Il clan camorristico Mallardo si è allargato e ha fatto affari anche nelle province di Latina e Roma. A stabilirlo in via definitiva è stata la Corte di Cassazione, confermando le condanne inflitte a Giuseppe, Giovanni e Domenico Dell’Aquila, ritenuti dall’Antimafia parte dell’associazione per delinquere di stampo mafioso. I tre sono stati condannati rispettivamente a 21, 14 e 13 anni di reclusione. Una sentenza emessa nel 2014, al termine del processo denominato “Arcobaleno”, dal Tribunale di Napoli, confermata dalla Corte d’Appello e resa definitiva dalla Suprema Corte.

Per i giudici i Dell’Aquila erano parte di un’associazione di stampo mafioso impegnata nel controllo di attività economiche, anche attraverso la gestione monopolistica di interi settori imprenditoriali e commerciali e in particolare del settore edilizio, nell’ottenere illecitamente concessioni e di autorizzazioni amministrative, nell’acquisizione di appalti e servizi pubblici, nel controllo delle amministrazioni pubbliche, soprattutto a livello locale, nel reinvestimento speculativo, in attività imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali degli ingenti capitali derivanti dalle attività criminali sistematicamente esercitate, ovvero estorsioni in danno di imprese affidatarie di pubblici e privati appalti e di esercenti attività commerciali, traffico di sostanze stupefacenti, usura ed altro. Un’organizzazione criminale in grado anche di assicurare impunità agli affiliati attraverso il controllo, realizzato anche con la corruzione, di organismi istituzionali, di affermare il controllo egemonico sul territorio, anche attraverso la contrapposizione armata con organizzazioni criminose nel tempo rivali e la repressione violenta dei contrasti interni, operando a Giugliano in Campania, Villaricca, Qualiano e allargatasi nel Lazio a Lariano, Anzio, Sabaudia, Terracina e Fondi.

In particolare Giuseppe Dell’Aquila, detto Peppe ‘o ciuccio, è stato inquadrato come esponente dell’organizzazione e gli altri due come affiliati, dediti in particolare all'organizzazione e allo sviluppo delle attività imprenditoriali necessarie per gli investimenti del sodalizio e per il reimpiego di provviste illecite, soprattutto nel settore immobiliare, tra Giugliano in Campania e nelle province di Napoli, Caserta, Roma, Latina, Bologna, Ferrara e Cosenza, dal 1994 all’aprile 2009. Domenico Dell’Aquila, tra l’altro, è stato ritenuto autore di intestazioni fittizie della New Auto 1 srl, società impegnata nel commercio di auto a Formia, per evitare confische. La Suprema Corte ha rigettato i ricorsi ritenendoli basati su motivi in parte inammissibili e in parte infondati.

Respinte le contestazioni sulle dichiarazioni dei pentiti Salvatore Izzo, Vincenzo De Feo, Raffaele Ferrara e Gaetano Vassallo. “Oltre alle dichiarazioni dei molteplici collaboratori di giustizia – sottolineano gli ermellini - i giudici di merito hanno valorizzato gli esiti delle attività di intercettazione e gli accertamenti di ordine patrimoniale, compiuti dal Gico della Guardia di Finanza e dal consulente tecnico dell'accusa, pervenendo, quindi, ad accertare, attraverso un'attenta disamina del copioso compendio probatorio, l'esistenza di una compagine camorristica, incentrata sui fratelli Giuseppe e Francesco Mallardo ed avente come uomo di vertice Dell'Aquila Giuseppe”. Un pronunciamento che rende definitive anche le confische dei beni dei Dell’Aquila.

Clemente Pistilli

Tags: lariano  sabaudia  mallardo 


[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
14:05 1526990700 Pomezia, officina abusiva per il riciclaggio di auto rubate: due arrestati
13:49 1526989740 Seconda Divisione, Coppa di Latina. Rainbow Aprilia Volley corsara con la Cosmos
13:13 1526987580 Terracina, ampliamento di un immobile senza titoli: tre denunciati
13:07 1526987220 Rubano un ciclomotore per portare a termine due rapine: arrestati
13:02 1526986920 Litiga con un dipendente Cotral, i Carabinieri scoprono che era uno spacciatore
12:56 1526986560 Dosi di cocaina nascoste nel mobiletto del bagno: coppia arrestata
12:26 1526984760 Nuovi nomi per l'IC Zona Leda e per le scuole di Selciatella e Campo di Carne
10:40 1526978400 Barriere architettoniche a Pomezia: incontro per "istruire" i candidati sindaci
09:47 1526975220 Bridgestone investe 40 milioni di euro nei siti di Castel Romano e Aprilia
09:33 1526974380 Scontro tra due auto all'incrocio tra via Gallerie di Sotto e via Appia Nuova
08:54 1526972040 Pomeriggio di fuoco ad Ardea: protezione civile impegnata su roghi incontrollati
08:25 1526970300 Furto notturno in un magazzino di giocattoli. Indaga la Polizia
08:20 1526970000 Scoperto con la marijuana in tasca in piena notte davanti a Latina Fiori
08:13 1526969580 Extracomunitari assistono ad un furto di bici e bloccano il ladro: arrestato
08:11 1526969460 Fuori dai domiciliari, dice di essere stato in ospedale: i medici lo smentiscono
08:06 1526969160 Heinz-Plasmon, siglato l'accordo per salvare lo stabilimento
07:53 1526968380 Zanzara tigre, in vigore l'ordinanza. Le norme igieniche da seguire
07:44 1526967840 Rapinarono e malmenarono minorenne, 12 anni di condanne per 2 ragazzi di Latina
07:40 1526967600 22enne morì per evitare di investire un cane, a processo il padrone
00:29 1526941740 Avaria a Lido dei Pini, la Guardia costiera soccorre 8 adulti e 2 bambini
21/05 1526922840 Fermato in auto con la merce contraffatta: maxi sequestro ad Albano
21/05 1526921700 “Possibile Tour” con Stefano D’Orazio e Jessica Casula a Campoverde il 2 giugno
21/05 1526920800 Antica Braceria Anzio Volley, conquistata la salvezza
21/05 1526919360 La Pro loco Nettuno a colloquio con la Camarda, pronto il programma estivo
21/05 1526916660 Oltre mille persone al funerale di Roberto Caprara, vittima di un mortale