[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Appello al Comune di Frascati

Pendolari di Tor Vergata sul piede di guerra chiedono un parcheggio nuovo

Sul piede di guerre i pendolari che usufruiscono della Stazione di Tor Vergata per raggiungere Roma Termini e ritornare alla fine della giornata di lavoro.  La loro è un’odissea quotidiana per carenza di parcheggi, aggravata dal fatto che l’unico accessibile sterrato, da oltre un anno e mezzo non è fruibile a causa del cantiere aperto per la realizzazione del raddoppio del cavalcavia di via di Perazzeta, verso il centro di ricerca Esa-Esrin. Un cantiere che, non si sa perché, è  fermo da oltre un anno, così trovare un posto auto nelle adiacenze della stazione (raggiungibile per lo più con un mezzo proprio) è diventata ormai una mission impossibile per i pendolari, i quali in questi giorni si stanno mobilitando, attraverso un comitato spontaneo e, con un volantinaggio, invitano i viaggiatori ad inviare mail di protesta al Comune di Frascati. Chiedono “la riapertura immediata dello spiazzo sterrato, previa pulizia  delle erbacce e dei rovi che hanno invaso lo slargo e l’avvio della realizzazione del parcheggio multipiano”. Intervento, questo il cui protocollo d’intesa fu firmato nel 2007 dalla ex Provincia di Roma, e che l’attuale Città metropolitana non ha ancora non ha ancora ripreso in mano.”La stazione è un importante centro di snodo e mancano i servizi- scrivono nel volantino – A distanza di ben due anni dall’incontro con il vicesindaco, i pendolari della fermata di Tor Vergata si uniscono per segnalare le crescenti difficoltà nel trovare parcheggio. I lavori per l’ampliamento del ponte di collegamento con i laboratori Esa sono fermi da quasi un anno e lo spiazzo sterrato resta praticamente inutilizzato creando un danno a tutti gli utenti della stazione ferroviaria. Inoltre- proseguono- molti di noi si sono ritrovati a pagare diverse multe per divieto di sosta, le auto aumentano ogni giorno di più e già alle 7,30 i parcheggi “autorizzati” sono già occupati. Si sono anche manifestati atti di vandalismo a discapito delle auto. Riteniamo che non si possa più far finta di nulla”. Un malcontento più che legittimo, quello di questi cittadini, che  con  la loro mobilitazione sperano di sensibilizzare chi di dovere a dare risposte alle loro istanze. “La stazione di Tor Vergata , utilizzata ogni giorno da migliaia di pendolari  è ormai abbandonata a se stessa e resta una fermata a servizi zero. Neanche il servizio primario della vendita dei biglietti è fornito dalle Ferrovie, poiché sono state eliminate le casse automatiche – scrive Veronica – Inoltre il parcheggio privato adiacente alla stazione ha un abbonamento di addirittura 55 euro, mentre  la realizzazione di un parcheggio multipiano, pomposamente annunciata nel 2007 non è mai stata presa seriamente in considerazione. Noi pendolari abbiamo il diritto di poter lasciare la nostra auto senza costi aggiuntivi. Anche Anna manifesta “tutto il suo tutto disappunto per la situazione ancora irrisolta. Invece di venire incontro alle esigenze dei lavoratori pendolari – aggiunge – la polizia municipale è oltremodo severa e intransigente e l’amministrazione comunale assolutamente insensibile alle necessità dei pendolari. Le vostre multe sono uno schiaffo ai cittadini e la mancanza di soluzioni un’ingiustizia alla vergogna. Auspico una risposta con delle soluzioni”. Anche Massimo evidenzia nella mail “l’assoluta carenza di parcheggi gratuiti presso la stazione di Tor Vergata, volti a favorire l’utilizzo dello snodo ferroviario che è essenziale per coloro che si recano giornalmente a Roma e per decrementare il traffico su gomma che affligge la nostra cittadina. L’amministrazione cittadina nulla fa per favorire l’utilizzo di questa stazione ma, al contrario non è infrequente l’elevazione di verbali per sosta vietata volti a punire  gli utilizzatori del treno”. Anche il Partito Democratico si inserisce nella discussione sulla problematica e ricorda “Da amministratori di Frascati nell’ottobre del 2015 adottammo provvedimenti straordinari per consentire ai pendolari per potere avere degli stalli per lasciare la propria auto lungo via Enrico Fermi e, limitatamente, all’inizio del senso unico di via di Perazzeta. Provvedimenti che servivano per tamponare il disagio che sarebbe dovuto durare pochi mes i- E’ evidente - sottolineano dal Pd- che quei provvedimenti non bastano più. La domanda è: che cosa sta facendo la Città  metropolitana, titolare del’intervento per la realizzazione del nuovo cavalcavia verso Esa-Esrin? Perché i lavori sono fermi da mesi e non si ha alcuna notizia sui motivi della sospensione del cantiere? Interesseremo di questo problema il gruppo Pd in Città metropolitana, perché riteniamo che le istanze dei pendolari siano più che legittime!”. Insomma, un altro argomento  su cui di battere in campagna elettorale, di cui i candidati a sindaco non potranno non tenere conto.



Articoli Correlati:

2016 Pendolari soddisfatti, ma... Treni nuovi sulla Albano-Roma, ma i disagi restano e i posti a sedere sono meno Migliora, ma non troppo, la vita dei pendolari dei Castelli romani. Nella tratta Albano – ...
2014 Treni in ritardo e impianti manomessi Ancora una giornata di passione per i pendolari della provincia di Latina Ancora una giornata di passione per i pendolri pontini. Sembrano non avere mai fine i disagi sulle ...
2014 Aprilia, posti gratuiti e non Nuovo parcheggio in stazione: 2800 mq per le auto dei pendolari L’Amministrazione Comunale ha raggiunto l’intesa con la società Bolton Alimentari (sito industriale adiacente alla stazione ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
21:05 1513454700 Esplosione in una villa: donna grave. Si ipotizza una fuga di gas
19:13 1513447980 Inaugurato il presepe in grotta al Santuario Madonna Delle Grazie
18:18 1513444680 Fermo dell'ex assessore Placidi, il giudice: Spiccata inclinazione a delinquere
18:11 1513444260 Stazione di Nettuno nel degrado, sul posto Sindaco, Carabinieri e Polizia locale
18:09 1513444140 Danno erariale al Comune di Nettuno, udienza in primavera per Faraone e Diana
18:06 1513443960 Trasferimento aula per un bimbo disabile alla Cavour, una mamma: “Andatevene”
17:01 1513440060 I danni del maltempo a Velletri: allagamenti, alberi e muri crollati
16:28 1513438080 Pomezia vince il Premio Comuni Virtuosi 2017 per la Mobilità Sostenibile
16:16 1513437360 Fucci alle elezioni con una civica, Corrado: rinnega il lavoro fatto dal M5s
14:00 1513429200 Air Show: sinergia per la bonifica dell’area dell'incidente aereo
13:58 1513429080 La Regione Lazio finanzia il Latina Festival: 24mila euro in arrivo
12:52 1513425120 Rapina in un supermercato di Ardea: in due armati fuggono col magro bottino
12:45 1513424700 Il manager Antonio Guido scende in campo e si candida a Sindaco di Aprilia
12:36 1513424160 Il maltempo crea danni e disagi ai Castelli: il bilancio degli interventi
11:03 1513418580 Il Riesame toglie Dell’Accio dai domiciliari e li conferma per Placidi
09:35 1513413300 'Fantasmi a Latina': alla scoperta della storia della città... prima di Latina
09:32 1513413120 Il Presepe Vivente nel Parco Chigi di Ariccia per riscoprire il vero Natale
09:27 1513412820 Sorpreso a cedere droga: 20enne neo diplomato e senza lavoro in manette
09:17 1513412220 Il 21 si voterà il dissesto finanziario di Ardea. Savarese: «È un'opportunità»
09:02 1513411320 La Sindaca tentò di ostacolare il malaffare: la verità nelle intercettazioni
15/12 1513354740 Ariccia, Convegno 'L'Autorità di Pubblica Sicurezza, il prefetto, il questore'
15/12 1513354620 Sabaudia, maltempo: due alberi di mimosa piombano sulla strada
15/12 1513352220 Giovane investita mentre attraversava davanti allo Stadio ad Aprilia
15/12 1513352100 Sbanda sulla 148 e sbatte contro ponte di cemento: donna estratta dalle lamiere
15/12 1513350000 Un concerto coi robot umanoidi: studenti scienziati all'IC Da Vinci Rodari